10.8 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B IV Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 31 gennaio 2021

IV Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 31 gennaio 2021

E’ bene non fare il male ma è anche male non fare il bene






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».
    La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea”.




    Il bene vince sempre sul male. “Tu sei il bene, tutto il bene, il sommo bene”. Così ci insegna san Francesco parlando di Dio. Il male e chi lo impersona è perdente e la sua personificazione lo sa in partenza. Non c’è storia, non c’è speranza che il male vinca, eppure, indomito, vuole combattere, non vuole sottomettersi, non vuole riconoscere il predominio del bene. La lotta tra il bene e il male affonda le sue radici fin dalle origini dell’uomo stesso. Basta pensare a Caino ed Abele. Una lotta che non ha mai cessato d’essere protagonista nel cuore e nell’agire dell’uomo. Una lotta interiore che ha interessato tutti, nessuno escluso. San Paolo diceva a tal proposito: “Io so infatti che in me, cioè nella mia carne, non abita il bene; c’è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo; infatti io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio” (Romani 7,18-19). Nel libro dell’Esodo invece è detto: “Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male” (Deuteronomio 30,15); siamo continuamente chiamati a scegliere da che parte schierarci. Sappiamo altrettanto bene che una cosa è scegliere e altra vivere, praticare. Purtroppo le nostre migliori intenzioni si infrangono sugli scogli delle nostre debolezze e fragilità. Ma a Dio non tanto interessa il risultato, la quantità, quanto piuttosto le nostre intenzioni. Perché per quanto generoso possa essere il risultato sarà sempre minimo dinanzi la grandezza di Dio. Le intenzioni invece ci avvicinano a lui nella qualità.

    “E’ bene non fare il male ma è male non fare il bene”, afferma Sant’Alberto Hurtado. Allora necessita comprendere come è di vitale importanza allearci col bene e perseguirlo con tutte le nostre forze, consapevoli che solo in Dio e con Dio possiamo conoscere l’ebrezza e le vertigini del bene.

    Gesù, nella sua itineranza, spesso, come è raccontato nei vangeli si incontra con le forze del male che talvolta possedevano le persone e le tenevano imprigionate. Lui le libera tutte da ogni vincolo scacciando il diavolo, imponendo la sua forza, la forza del bene che vince il male. Lui stesso fu tentato quando, dopo quaranta giorni di digiuno nel deserto, fu avvicinato dal diavolo. La sua resistenza fu forte, audace e vincente. Ad ogni provocazione rispose appellandosi alla Parola di Dio. Ecco il segreto per vincere ogni battaglia contro il male quando ci avvicina, vuole convincerci, persuaderci, ammagliarci con le sue bugie e i suoi falsi e ingannevoli miraggi. Essere radicati costantemente e permanentemente in Dio. Respingere ogni assalto confidando nell’aiuto e nel soccorso di Dio. Non le nostre forze, ma quella di Dio.

    Quando siamo sommersi, circuiti, come direbbe san Pietro nella sua prima lettera:” Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede…”, dobbiamo resistere, respingere rifugiandoci in Dio. Invocare aiuto. Allora, come nel vangelo odierno, Gesù stesso intimerà alla forza del male che vorrebbe dominarci e prevalere: “Taci! Esci da lui!”. Con il diavolo non si combatte, non si dialoga, lo si deve solo respingere, rifiutare con la forza della parola di Dio. Il bene vince sempre sul male. Alleiamoci dunque con chi del bene è la sorgente viva e inesauribile.




    Fratelli,
    la fede ci dice che tutto coopera al bene per quelli che Dio ama.
    Esprimiamo questa nostra certezza
    presentando al Signore le necessità dell’ora presente.

    R. Mostraci, Signore, la tua misericordia.

    Per il popolo santo di Dio,
    perché manifesti la fedeltà al messaggio evangelico
    nell’amore ai nemici e nella solidarietà verso tutti, preghiamo. R.

    Per i ministri del Vangelo,
    perché siano i primi uditori e testimoni della Parola
    che annunziano al popolo di Dio, preghiamo. R.

    Per i fidanzati,
    perché scoprano il valore umano e soprannaturale del loro amore
    per costruire la famiglia, prima cellula della società e della Chiesa, preghiamo. R.

    Per i coniugi separati,
    perché alla luce della parola di Dio, con l’aiuto e la comprensione dei fratelli,
    possano riscoprire il senso cristiano della vita
    e in ogni caso non disperino della misericordia del Padre, preghiamo. R.

    Per noi qui riuniti in assemblea,
    perché la chiamata del Signore risuoni profondamente nel nostro spirito
    e ci guidi a una vera conversione, preghiamo. R.

    La tua bontà, signore, non ha confini;
    concedi a noi e a tutti gli uomini
    la gioia di sperimentare
    quanto la tua misericordia
    è più grande del nostro cuore.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Signore, che ci hai nutriti con il dono della redenzione, fa’ che per la forza di questo sacramento di eterna salvezza cresca sempre più la vera fede. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».
La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea”.



Il bene vince sempre sul male. “Tu sei il bene, tutto il bene, il sommo bene”. Così ci insegna san Francesco parlando di Dio. Il male e chi lo impersona è perdente e la sua personificazione lo sa in partenza. Non c’è storia, non c’è speranza che il male vinca, eppure, indomito, vuole combattere, non vuole sottomettersi, non vuole riconoscere il predominio del bene. La lotta tra il bene e il male affonda le sue radici fin dalle origini dell’uomo stesso. Basta pensare a Caino ed Abele. Una lotta che non ha mai cessato d’essere protagonista nel cuore e nell’agire dell’uomo. Una lotta interiore che ha interessato tutti, nessuno escluso. San Paolo diceva a tal proposito: “Io so infatti che in me, cioè nella mia carne, non abita il bene; c’è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo; infatti io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio” (Romani 7,18-19). Nel libro dell’Esodo invece è detto: “Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male” (Deuteronomio 30,15); siamo continuamente chiamati a scegliere da che parte schierarci. Sappiamo altrettanto bene che una cosa è scegliere e altra vivere, praticare. Purtroppo le nostre migliori intenzioni si infrangono sugli scogli delle nostre debolezze e fragilità. Ma a Dio non tanto interessa il risultato, la quantità, quanto piuttosto le nostre intenzioni. Perché per quanto generoso possa essere il risultato sarà sempre minimo dinanzi la grandezza di Dio. Le intenzioni invece ci avvicinano a lui nella qualità.

“E’ bene non fare il male ma è male non fare il bene”, afferma Sant’Alberto Hurtado. Allora necessita comprendere come è di vitale importanza allearci col bene e perseguirlo con tutte le nostre forze, consapevoli che solo in Dio e con Dio possiamo conoscere l’ebrezza e le vertigini del bene.

Gesù, nella sua itineranza, spesso, come è raccontato nei vangeli si incontra con le forze del male che talvolta possedevano le persone e le tenevano imprigionate. Lui le libera tutte da ogni vincolo scacciando il diavolo, imponendo la sua forza, la forza del bene che vince il male. Lui stesso fu tentato quando, dopo quaranta giorni di digiuno nel deserto, fu avvicinato dal diavolo. La sua resistenza fu forte, audace e vincente. Ad ogni provocazione rispose appellandosi alla Parola di Dio. Ecco il segreto per vincere ogni battaglia contro il male quando ci avvicina, vuole convincerci, persuaderci, ammagliarci con le sue bugie e i suoi falsi e ingannevoli miraggi. Essere radicati costantemente e permanentemente in Dio. Respingere ogni assalto confidando nell’aiuto e nel soccorso di Dio. Non le nostre forze, ma quella di Dio.

Quando siamo sommersi, circuiti, come direbbe san Pietro nella sua prima lettera:” Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede…”, dobbiamo resistere, respingere rifugiandoci in Dio. Invocare aiuto. Allora, come nel vangelo odierno, Gesù stesso intimerà alla forza del male che vorrebbe dominarci e prevalere: “Taci! Esci da lui!”. Con il diavolo non si combatte, non si dialoga, lo si deve solo respingere, rifiutare con la forza della parola di Dio. Il bene vince sempre sul male. Alleiamoci dunque con chi del bene è la sorgente viva e inesauribile.



Fratelli,
la fede ci dice che tutto coopera al bene per quelli che Dio ama.
Esprimiamo questa nostra certezza
presentando al Signore le necessità dell’ora presente.

R. Mostraci, Signore, la tua misericordia.

Per il popolo santo di Dio,
perché manifesti la fedeltà al messaggio evangelico
nell’amore ai nemici e nella solidarietà verso tutti, preghiamo. R.

Per i ministri del Vangelo,
perché siano i primi uditori e testimoni della Parola
che annunziano al popolo di Dio, preghiamo. R.

Per i fidanzati,
perché scoprano il valore umano e soprannaturale del loro amore
per costruire la famiglia, prima cellula della società e della Chiesa, preghiamo. R.

Per i coniugi separati,
perché alla luce della parola di Dio, con l’aiuto e la comprensione dei fratelli,
possano riscoprire il senso cristiano della vita
e in ogni caso non disperino della misericordia del Padre, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti in assemblea,
perché la chiamata del Signore risuoni profondamente nel nostro spirito
e ci guidi a una vera conversione, preghiamo. R.

La tua bontà, signore, non ha confini;
concedi a noi e a tutti gli uomini
la gioia di sperimentare
quanto la tua misericordia
è più grande del nostro cuore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Signore, che ci hai nutriti con il dono della redenzione, fa’ che per la forza di questo sacramento di eterna salvezza cresca sempre più la vera fede. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

IV Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 31 gennaio 2021

E’ bene non fare il male ma è anche male non fare il bene



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».
La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea”.



Il bene vince sempre sul male. “Tu sei il bene, tutto il bene, il sommo bene”. Così ci insegna san Francesco parlando di Dio. Il male e chi lo impersona è perdente e la sua personificazione lo sa in partenza. Non c’è storia, non c’è speranza che il male vinca, eppure, indomito, vuole combattere, non vuole sottomettersi, non vuole riconoscere il predominio del bene. La lotta tra il bene e il male affonda le sue radici fin dalle origini dell’uomo stesso. Basta pensare a Caino ed Abele. Una lotta che non ha mai cessato d’essere protagonista nel cuore e nell’agire dell’uomo. Una lotta interiore che ha interessato tutti, nessuno escluso. San Paolo diceva a tal proposito: “Io so infatti che in me, cioè nella mia carne, non abita il bene; c’è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo; infatti io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio” (Romani 7,18-19). Nel libro dell’Esodo invece è detto: “Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male” (Deuteronomio 30,15); siamo continuamente chiamati a scegliere da che parte schierarci. Sappiamo altrettanto bene che una cosa è scegliere e altra vivere, praticare. Purtroppo le nostre migliori intenzioni si infrangono sugli scogli delle nostre debolezze e fragilità. Ma a Dio non tanto interessa il risultato, la quantità, quanto piuttosto le nostre intenzioni. Perché per quanto generoso possa essere il risultato sarà sempre minimo dinanzi la grandezza di Dio. Le intenzioni invece ci avvicinano a lui nella qualità.

“E’ bene non fare il male ma è male non fare il bene”, afferma Sant’Alberto Hurtado. Allora necessita comprendere come è di vitale importanza allearci col bene e perseguirlo con tutte le nostre forze, consapevoli che solo in Dio e con Dio possiamo conoscere l’ebrezza e le vertigini del bene.

Gesù, nella sua itineranza, spesso, come è raccontato nei vangeli si incontra con le forze del male che talvolta possedevano le persone e le tenevano imprigionate. Lui le libera tutte da ogni vincolo scacciando il diavolo, imponendo la sua forza, la forza del bene che vince il male. Lui stesso fu tentato quando, dopo quaranta giorni di digiuno nel deserto, fu avvicinato dal diavolo. La sua resistenza fu forte, audace e vincente. Ad ogni provocazione rispose appellandosi alla Parola di Dio. Ecco il segreto per vincere ogni battaglia contro il male quando ci avvicina, vuole convincerci, persuaderci, ammagliarci con le sue bugie e i suoi falsi e ingannevoli miraggi. Essere radicati costantemente e permanentemente in Dio. Respingere ogni assalto confidando nell’aiuto e nel soccorso di Dio. Non le nostre forze, ma quella di Dio.

Quando siamo sommersi, circuiti, come direbbe san Pietro nella sua prima lettera:” Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede…”, dobbiamo resistere, respingere rifugiandoci in Dio. Invocare aiuto. Allora, come nel vangelo odierno, Gesù stesso intimerà alla forza del male che vorrebbe dominarci e prevalere: “Taci! Esci da lui!”. Con il diavolo non si combatte, non si dialoga, lo si deve solo respingere, rifiutare con la forza della parola di Dio. Il bene vince sempre sul male. Alleiamoci dunque con chi del bene è la sorgente viva e inesauribile.



Fratelli,
la fede ci dice che tutto coopera al bene per quelli che Dio ama.
Esprimiamo questa nostra certezza
presentando al Signore le necessità dell’ora presente.

R. Mostraci, Signore, la tua misericordia.

Per il popolo santo di Dio,
perché manifesti la fedeltà al messaggio evangelico
nell’amore ai nemici e nella solidarietà verso tutti, preghiamo. R.

Per i ministri del Vangelo,
perché siano i primi uditori e testimoni della Parola
che annunziano al popolo di Dio, preghiamo. R.

Per i fidanzati,
perché scoprano il valore umano e soprannaturale del loro amore
per costruire la famiglia, prima cellula della società e della Chiesa, preghiamo. R.

Per i coniugi separati,
perché alla luce della parola di Dio, con l’aiuto e la comprensione dei fratelli,
possano riscoprire il senso cristiano della vita
e in ogni caso non disperino della misericordia del Padre, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti in assemblea,
perché la chiamata del Signore risuoni profondamente nel nostro spirito
e ci guidi a una vera conversione, preghiamo. R.

La tua bontà, signore, non ha confini;
concedi a noi e a tutti gli uomini
la gioia di sperimentare
quanto la tua misericordia
è più grande del nostro cuore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Signore, che ci hai nutriti con il dono della redenzione, fa’ che per la forza di questo sacramento di eterna salvezza cresca sempre più la vera fede. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Sposati e sii sottomessa, 2011

Lo Spirito nell’agire umano

Dianich: Vi racconto Gesù

Libri consigliati – Aprile 2019

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x