8 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A IV Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 2 febbraio 2020

IV Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 2 febbraio 2020

La rivoluzione copernicana del vangelo






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
    «Beati i poveri in spirito,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati quelli che sono nel pianto,
    perché saranno consolati.
    Beati i miti,
    perché avranno in eredità la terra.
    Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
    perché saranno saziati.
    Beati i misericordiosi,
    perché troveranno misericordia.
    Beati i puri di cuore,
    perché vedranno Dio.
    Beati gli operatori di pace,
    perché saranno chiamati figli di Dio.
    Beati i perseguitati per la giustizia,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli»”. 




    Il corpo umano, come si sa, è composto da miliardi di cellule, da vari parti anatomiche che a loro volta si suddividono e vengono individuati in organi interni ed esterni tutti perfettamente integrati e funzionanti. A tal proposito è sempre valida la leggenda di Menenio Agrippa che riuscì a convincere i suoi oppositori con un celebre discorso in cui ricordava come il corpo umano funziona  alla perfezione quando tutte le sue parti sono correttamente integrate. “Il corpo umano è il magazzino delle invenzioni, l’ufficio dei brevetti, dove ci sono i modelli da cui è preso ogni suggerimento. Tutti gli attrezzi e i motori della terra sono soltanto estensioni delle membra e dei sensi dell’uomo” (Ralph Waldo Emerson).

    Anche il vangelo, paragonandolo al corpo umano, ha un cuore. Le beatitudini, che fanno parte del grande discorso detto della montagna, sono il centro e il cuore del vangelo. La carta costituzionale del credente e del seguace di Cristo è da individuarsi proprio in questo insegnamento basilare, radicale, innovativo e vocazionale. Gesù, uscendo dagli schemi convenzionali, traccia una strada nuova, inedita e difficile. E’ radicale, profetico, e, per certi versi, anche rivoluzionario. Sembrerebbe un mondo fiabesco, inventato, quello in cui ci vuole introdurre Gesù. Tutt’altro: è radicalmente controcorrente e profondamente ricco di un’intuizione che si potrebbe definire copernicana.

    Uno stile nuovo, una mentalità diversa dal solito, una prospettiva che apparentemente sembra essere perdente ma in essa contiene quella sfida che, aprendo nuovi percorsi, offre gusti inesplorati e altezze insperate. Il discorso della montagna viene a far capire che il male perde quando vince e il bene vince quando perde. Essere misericordiosi, pacifici, miti, arrendevoli, giusti, aspirare alla pace, vivere la povertà come stile, piangere, essere perseguitati, avere fame e sete di giustizia. Accettare la persecuzione, l’insulto, la menzogna calunniosa e perversa, sopportare il male “per causa mia” apparentemente sembra una perdita ma coloro che vivono questo stile, assumono questa mentalità appartengono ai vincitori, ai profeti, ai martiri, ai maestri. Per tutti costoro è riservata quella gioia e quella consolazione che solo Dio può donare e quel premio che è la vera salvezza e consolazione: “Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”

    Le beatitudini disegnano la precarietà umana ma indicano la stabilità e la definitività del regno. Pongono dei confini comportamentali ma aprono un orizzonte infinito che fa approdare a Dio. Chi le pratica diventa lievito che, pur se seppellito dalla massa, la muove e la trasforma. Il mondo ha bisogno di una nuova geografia, di nuovi profeti, di nuovi annunciatori e testimoni, di nuovi progetti. Ha bisogno che il cuore torni a pulsare senza tachicardie, aritmie o cardiopatie; senza dilatazioni o stenosi; senza ipertrofie, infarti o arteriosclerosi.

    Il cuore del vangelo: le beatitudini, debbono godere di ottima salute spirituale se si vuole essere veri discepoli di un maestro che ha fatto trafiggere il suo cuore per donare la vita e la salvezza. Come sempre il cristianesimo è una sfida e una proposta.




    La presentazione al tempio di Gesù, ci immette nel mistero dell’esistenza terrena e del destino del nostro Salvatore. Rivolgiamo con amore e con riverenza le nostre intenzioni di preghiera a Dio Padre, dicendo insieme:

    Guidaci con la tua parola, o Signore.

    Perché la Chiesa non cessi mai di interrogarsi sul significato delle profezie riguardanti il Cristo, per rinnovare continuamente la propria fede. Preghiamo:

    Perché nella presentazione eucaristica di Gesù Cristo, si ritrovino uniti i fratelli cristiani di tutte le confessioni. Preghiamo:

    Perché la lode nel tempio incrementi il nostro impegno per la giustizia nella città. Preghiamo:

    Perché i genitori riconoscano che i loro figli sono innanzitutto di Dio, generati e creati per la sua gloria. Preghiamo:

    Perché le famiglie dei battezzandi della nostra comunità comprendano la dignità cui accedono i loro piccoli col sacramento del battesimo. Preghiamo:

    Perché il segno della luce, che oggi abbiamo compiuto, rafforzi la nostra fede che è attesa del Signore della nostra salvezza. Preghiamo:

    Ascolta, o Padre, le intercessioni che, nella festa della Presentazione al tempio, la tua famiglia ti rivolge, e accoglile per amore del tuo Cristo che si rivela a noi come fratello e salvatore. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.




    O Dio, che hai esaudito l’ardente attesa del santo Simeone, compi in noi l’opera della tua misericordia; tu che gli hai dato la gioia di stringere tra le braccia, prima di morire, il Cristo tuo Fiflio, conedi anche a noi con la forza del pane eucaristico di camminare incontro al Signore, per possedere la vita eterna. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli»”. 



Il corpo umano, come si sa, è composto da miliardi di cellule, da vari parti anatomiche che a loro volta si suddividono e vengono individuati in organi interni ed esterni tutti perfettamente integrati e funzionanti. A tal proposito è sempre valida la leggenda di Menenio Agrippa che riuscì a convincere i suoi oppositori con un celebre discorso in cui ricordava come il corpo umano funziona  alla perfezione quando tutte le sue parti sono correttamente integrate. “Il corpo umano è il magazzino delle invenzioni, l’ufficio dei brevetti, dove ci sono i modelli da cui è preso ogni suggerimento. Tutti gli attrezzi e i motori della terra sono soltanto estensioni delle membra e dei sensi dell’uomo” (Ralph Waldo Emerson).

Anche il vangelo, paragonandolo al corpo umano, ha un cuore. Le beatitudini, che fanno parte del grande discorso detto della montagna, sono il centro e il cuore del vangelo. La carta costituzionale del credente e del seguace di Cristo è da individuarsi proprio in questo insegnamento basilare, radicale, innovativo e vocazionale. Gesù, uscendo dagli schemi convenzionali, traccia una strada nuova, inedita e difficile. E’ radicale, profetico, e, per certi versi, anche rivoluzionario. Sembrerebbe un mondo fiabesco, inventato, quello in cui ci vuole introdurre Gesù. Tutt’altro: è radicalmente controcorrente e profondamente ricco di un’intuizione che si potrebbe definire copernicana.

Uno stile nuovo, una mentalità diversa dal solito, una prospettiva che apparentemente sembra essere perdente ma in essa contiene quella sfida che, aprendo nuovi percorsi, offre gusti inesplorati e altezze insperate. Il discorso della montagna viene a far capire che il male perde quando vince e il bene vince quando perde. Essere misericordiosi, pacifici, miti, arrendevoli, giusti, aspirare alla pace, vivere la povertà come stile, piangere, essere perseguitati, avere fame e sete di giustizia. Accettare la persecuzione, l’insulto, la menzogna calunniosa e perversa, sopportare il male “per causa mia” apparentemente sembra una perdita ma coloro che vivono questo stile, assumono questa mentalità appartengono ai vincitori, ai profeti, ai martiri, ai maestri. Per tutti costoro è riservata quella gioia e quella consolazione che solo Dio può donare e quel premio che è la vera salvezza e consolazione: “Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”

Le beatitudini disegnano la precarietà umana ma indicano la stabilità e la definitività del regno. Pongono dei confini comportamentali ma aprono un orizzonte infinito che fa approdare a Dio. Chi le pratica diventa lievito che, pur se seppellito dalla massa, la muove e la trasforma. Il mondo ha bisogno di una nuova geografia, di nuovi profeti, di nuovi annunciatori e testimoni, di nuovi progetti. Ha bisogno che il cuore torni a pulsare senza tachicardie, aritmie o cardiopatie; senza dilatazioni o stenosi; senza ipertrofie, infarti o arteriosclerosi.

Il cuore del vangelo: le beatitudini, debbono godere di ottima salute spirituale se si vuole essere veri discepoli di un maestro che ha fatto trafiggere il suo cuore per donare la vita e la salvezza. Come sempre il cristianesimo è una sfida e una proposta.



La presentazione al tempio di Gesù, ci immette nel mistero dell’esistenza terrena e del destino del nostro Salvatore. Rivolgiamo con amore e con riverenza le nostre intenzioni di preghiera a Dio Padre, dicendo insieme:

Guidaci con la tua parola, o Signore.

Perché la Chiesa non cessi mai di interrogarsi sul significato delle profezie riguardanti il Cristo, per rinnovare continuamente la propria fede. Preghiamo:

Perché nella presentazione eucaristica di Gesù Cristo, si ritrovino uniti i fratelli cristiani di tutte le confessioni. Preghiamo:

Perché la lode nel tempio incrementi il nostro impegno per la giustizia nella città. Preghiamo:

Perché i genitori riconoscano che i loro figli sono innanzitutto di Dio, generati e creati per la sua gloria. Preghiamo:

Perché le famiglie dei battezzandi della nostra comunità comprendano la dignità cui accedono i loro piccoli col sacramento del battesimo. Preghiamo:

Perché il segno della luce, che oggi abbiamo compiuto, rafforzi la nostra fede che è attesa del Signore della nostra salvezza. Preghiamo:

Ascolta, o Padre, le intercessioni che, nella festa della Presentazione al tempio, la tua famiglia ti rivolge, e accoglile per amore del tuo Cristo che si rivela a noi come fratello e salvatore. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.



O Dio, che hai esaudito l’ardente attesa del santo Simeone, compi in noi l’opera della tua misericordia; tu che gli hai dato la gioia di stringere tra le braccia, prima di morire, il Cristo tuo Fiflio, conedi anche a noi con la forza del pane eucaristico di camminare incontro al Signore, per possedere la vita eterna. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

IV Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 2 febbraio 2020

La rivoluzione copernicana del vangelo



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli»”. 



Il corpo umano, come si sa, è composto da miliardi di cellule, da vari parti anatomiche che a loro volta si suddividono e vengono individuati in organi interni ed esterni tutti perfettamente integrati e funzionanti. A tal proposito è sempre valida la leggenda di Menenio Agrippa che riuscì a convincere i suoi oppositori con un celebre discorso in cui ricordava come il corpo umano funziona  alla perfezione quando tutte le sue parti sono correttamente integrate. “Il corpo umano è il magazzino delle invenzioni, l’ufficio dei brevetti, dove ci sono i modelli da cui è preso ogni suggerimento. Tutti gli attrezzi e i motori della terra sono soltanto estensioni delle membra e dei sensi dell’uomo” (Ralph Waldo Emerson).

Anche il vangelo, paragonandolo al corpo umano, ha un cuore. Le beatitudini, che fanno parte del grande discorso detto della montagna, sono il centro e il cuore del vangelo. La carta costituzionale del credente e del seguace di Cristo è da individuarsi proprio in questo insegnamento basilare, radicale, innovativo e vocazionale. Gesù, uscendo dagli schemi convenzionali, traccia una strada nuova, inedita e difficile. E’ radicale, profetico, e, per certi versi, anche rivoluzionario. Sembrerebbe un mondo fiabesco, inventato, quello in cui ci vuole introdurre Gesù. Tutt’altro: è radicalmente controcorrente e profondamente ricco di un’intuizione che si potrebbe definire copernicana.

Uno stile nuovo, una mentalità diversa dal solito, una prospettiva che apparentemente sembra essere perdente ma in essa contiene quella sfida che, aprendo nuovi percorsi, offre gusti inesplorati e altezze insperate. Il discorso della montagna viene a far capire che il male perde quando vince e il bene vince quando perde. Essere misericordiosi, pacifici, miti, arrendevoli, giusti, aspirare alla pace, vivere la povertà come stile, piangere, essere perseguitati, avere fame e sete di giustizia. Accettare la persecuzione, l’insulto, la menzogna calunniosa e perversa, sopportare il male “per causa mia” apparentemente sembra una perdita ma coloro che vivono questo stile, assumono questa mentalità appartengono ai vincitori, ai profeti, ai martiri, ai maestri. Per tutti costoro è riservata quella gioia e quella consolazione che solo Dio può donare e quel premio che è la vera salvezza e consolazione: “Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”

Le beatitudini disegnano la precarietà umana ma indicano la stabilità e la definitività del regno. Pongono dei confini comportamentali ma aprono un orizzonte infinito che fa approdare a Dio. Chi le pratica diventa lievito che, pur se seppellito dalla massa, la muove e la trasforma. Il mondo ha bisogno di una nuova geografia, di nuovi profeti, di nuovi annunciatori e testimoni, di nuovi progetti. Ha bisogno che il cuore torni a pulsare senza tachicardie, aritmie o cardiopatie; senza dilatazioni o stenosi; senza ipertrofie, infarti o arteriosclerosi.

Il cuore del vangelo: le beatitudini, debbono godere di ottima salute spirituale se si vuole essere veri discepoli di un maestro che ha fatto trafiggere il suo cuore per donare la vita e la salvezza. Come sempre il cristianesimo è una sfida e una proposta.



La presentazione al tempio di Gesù, ci immette nel mistero dell’esistenza terrena e del destino del nostro Salvatore. Rivolgiamo con amore e con riverenza le nostre intenzioni di preghiera a Dio Padre, dicendo insieme:

Guidaci con la tua parola, o Signore.

Perché la Chiesa non cessi mai di interrogarsi sul significato delle profezie riguardanti il Cristo, per rinnovare continuamente la propria fede. Preghiamo:

Perché nella presentazione eucaristica di Gesù Cristo, si ritrovino uniti i fratelli cristiani di tutte le confessioni. Preghiamo:

Perché la lode nel tempio incrementi il nostro impegno per la giustizia nella città. Preghiamo:

Perché i genitori riconoscano che i loro figli sono innanzitutto di Dio, generati e creati per la sua gloria. Preghiamo:

Perché le famiglie dei battezzandi della nostra comunità comprendano la dignità cui accedono i loro piccoli col sacramento del battesimo. Preghiamo:

Perché il segno della luce, che oggi abbiamo compiuto, rafforzi la nostra fede che è attesa del Signore della nostra salvezza. Preghiamo:

Ascolta, o Padre, le intercessioni che, nella festa della Presentazione al tempio, la tua famiglia ti rivolge, e accoglile per amore del tuo Cristo che si rivela a noi come fratello e salvatore. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.



O Dio, che hai esaudito l’ardente attesa del santo Simeone, compi in noi l’opera della tua misericordia; tu che gli hai dato la gioia di stringere tra le braccia, prima di morire, il Cristo tuo Fiflio, conedi anche a noi con la forza del pane eucaristico di camminare incontro al Signore, per possedere la vita eterna. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
629FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Teilhard, rivoluzione teologica

Le sei parole di Maria

Libri consigliati – Ottobre 2018

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO