21.2 C
Rome
venerdì, 19 Luglio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vaticano Iraq: Presidente Salih: la visita del Papa un 'evento storico'

Iraq: Presidente Salih: la visita del Papa un ‘evento storico’

Tra i cristiani della Piana di Ninive, che vivono ancora oggi una situazione difficile, vi è “attesa e trepidazione”

- Advertisement -
Barham Salih ha ricevuto il patriarca Sako per iniziare a parlare della possibile visita del Papa il quale parlando alla Rocao ha espresso il desiderio di recarsi in Iraq il prossimo anno. Tra i cristiani della Piana di Ninive, che vivono ancora oggi una situazione difficile, vi è “attesa e trepidazione”

Ieri, il Presidente irakeno Barham Salih ha ricevuto il patriarca caldeo card. Louis Raphael Sako nel proprio ufficio a Baghdad, nel contesto di una visita dai toni calorosi e cordiali. Commentando l’intenzione del Papa di visitare il Paese nel 2020, il capo di Stato irakeno ha parlato di “evento storico”. Inoltre ha ricordato i numerosi interventi in passato del Pontefice in favore “della pace e della stabilità” nel Paese e della “sicurezza per tutti i cittadini”. Salih ha quindi sottolineato il valore dei cristiani e il loro ruolo “nella costruzione” dell’Iraq; essi sono una componente “originaria” del Paese e hanno “contribuito al suo sviluppo e alla civilizzazione”. In risposta, il card. Sako ha manifestato “apprezzamento” per le parole del Presidente e ne ha sottolineato il ruolo fondamentale di garante “dell’unità nazionale”. Il porporato e il capo di Stato – riporta l’Agenzia AsiaNews – hanno quindi discusso i passi da avviare in previsione della possibile visita del Pontefice.

Tra i cristiani di Ninive attesa e trepidazione per la visita papale

Una visita di Papa Francesco in Iraq sarebbe “importante” per i cristiani, soprattutto per la comunità di Mosul e della Piana di Ninive che “vive ancora oggi una situazione difficile” in una “terra bruciata che ha bisogno di essere ricostruita”. È quanto racconta ad AsiaNews don Paolo Thabit Mekko, sacerdote caldeo responsabile della comunità di Karamles, nel nord, commentando le parole del Papa che ha espresso il desiderio di recarsi in Iraq nel 2020. “Appena diffusa la notizia – sottolinea don Paolo – fra i cristiani di Ninive si è diffuso un sentimento di attesa e trepidazione. Essi si augurano che la data venga preso ufficializzata e che sia il più vicino possibile”. La presenza del Pontefice, aggiunge il sacerdote caldeo, sarebbe “una spinta essenziale per quanti vivono ancora oggi una situazione difficile” come è quella delle comunità di Mosul e della Piana di Ninive. “Viviamo un momento critico – prosegue – perché bisogna ricostruire fra tante sfide e molte incertezze; il nostro futuro resta ancora oscuro, anche se c’è voglia di ricominciare”.

La visita papale, segno di grande attenzione per i cristiani irakeni dimenticati

A fronte delle difficoltà e delle incertezze, afferma don Paolo, questa visita rappresenterebbe “un segno di grande attenzione per la comunità cristiana irakena, che rischia di essere dimenticata sia nel proprio Paese che dalla comunità internazionale. Abbiamo bisogno di aiuto, collaborazione per affrontare e vincere le molte sfide: protezione dell’identità, emigrazione, preservazione di un patrimonio antico e di un radicamento a questa terra”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Iraq: Presidente Salih: la visita del Papa un ‘evento storico’

Tra i cristiani della Piana di Ninive, che vivono ancora oggi una situazione difficile, vi è “attesa e trepidazione”

  

- Advertisement -
Barham Salih ha ricevuto il patriarca Sako per iniziare a parlare della possibile visita del Papa il quale parlando alla Rocao ha espresso il desiderio di recarsi in Iraq il prossimo anno. Tra i cristiani della Piana di Ninive, che vivono ancora oggi una situazione difficile, vi è “attesa e trepidazione”

Ieri, il Presidente irakeno Barham Salih ha ricevuto il patriarca caldeo card. Louis Raphael Sako nel proprio ufficio a Baghdad, nel contesto di una visita dai toni calorosi e cordiali. Commentando l’intenzione del Papa di visitare il Paese nel 2020, il capo di Stato irakeno ha parlato di “evento storico”. Inoltre ha ricordato i numerosi interventi in passato del Pontefice in favore “della pace e della stabilità” nel Paese e della “sicurezza per tutti i cittadini”. Salih ha quindi sottolineato il valore dei cristiani e il loro ruolo “nella costruzione” dell’Iraq; essi sono una componente “originaria” del Paese e hanno “contribuito al suo sviluppo e alla civilizzazione”. In risposta, il card. Sako ha manifestato “apprezzamento” per le parole del Presidente e ne ha sottolineato il ruolo fondamentale di garante “dell’unità nazionale”. Il porporato e il capo di Stato – riporta l’Agenzia AsiaNews – hanno quindi discusso i passi da avviare in previsione della possibile visita del Pontefice.

Tra i cristiani di Ninive attesa e trepidazione per la visita papale

Una visita di Papa Francesco in Iraq sarebbe “importante” per i cristiani, soprattutto per la comunità di Mosul e della Piana di Ninive che “vive ancora oggi una situazione difficile” in una “terra bruciata che ha bisogno di essere ricostruita”. È quanto racconta ad AsiaNews don Paolo Thabit Mekko, sacerdote caldeo responsabile della comunità di Karamles, nel nord, commentando le parole del Papa che ha espresso il desiderio di recarsi in Iraq nel 2020. “Appena diffusa la notizia – sottolinea don Paolo – fra i cristiani di Ninive si è diffuso un sentimento di attesa e trepidazione. Essi si augurano che la data venga preso ufficializzata e che sia il più vicino possibile”. La presenza del Pontefice, aggiunge il sacerdote caldeo, sarebbe “una spinta essenziale per quanti vivono ancora oggi una situazione difficile” come è quella delle comunità di Mosul e della Piana di Ninive. “Viviamo un momento critico – prosegue – perché bisogna ricostruire fra tante sfide e molte incertezze; il nostro futuro resta ancora oscuro, anche se c’è voglia di ricominciare”.

La visita papale, segno di grande attenzione per i cristiani irakeni dimenticati

A fronte delle difficoltà e delle incertezze, afferma don Paolo, questa visita rappresenterebbe “un segno di grande attenzione per la comunità cristiana irakena, che rischia di essere dimenticata sia nel proprio Paese che dalla comunità internazionale. Abbiamo bisogno di aiuto, collaborazione per affrontare e vincere le molte sfide: protezione dell’identità, emigrazione, preservazione di un patrimonio antico e di un radicamento a questa terra”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
276FansMi piace
835FollowerSegui
13,000FollowerSegui
584FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La speranza di Giobbe

Ri-innamorarsi

Accompagnare gli adulti nella fede

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO