26.7 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaIraq, il cordoglio di Papa Francesco. Non vengano meno gli sforzi per...

Iraq, il cordoglio di Papa Francesco. Non vengano meno gli sforzi per la pace

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Papa Francesco assicura la sua vicinanza a quanti sono stati colpiti dalla strage terroristica di stamani nella capitale irachena e prega perché la violenza non prevalga sulla volontà di riconciliazione. Il cardinale capo della Chiesa caldea, in ritiro a Erbil con 10 vescovi e una sessantina di sacerdoti, dice ai nostri microfoni: è inaccettabile, serve umanità e lavoro comune per il bene del Paese

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

La tristezza di Papa Francesco per l’attentato in Iraq, in un telegramma a firma del segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin inviato in serata al nunzio apostolico nel Paese, monsignor Mitja Leskovar:

“Sua Santità Papa Francesco – si legge nel testo – è rimasto profondamente rattristato nell’apprendere la notizia della perdita di vite umane nell’esplosione del mercato al-Wuhailat a Baghdad e invia le sue condoglianze alle famiglie e agli amici di coloro che sono morti. Affidando le loro anime alla misericordia di Dio Onnipotente, Sua Santità rinnova le sue ferventi preghiere – si legge ancora – affinché nessun atto di violenza affievolisca gli sforzi di coloro che s’impegnano a promuovere la riconciliazione e la pace in Iraq.”

Sako, lo sconforto di fronte all’ennesima violenza

- Advertisement -

“Non c’è sicurezza né stabilità in Iraq, questo attentato è solo l’ultimo esempio. E’ un problema morale: la corruzione e l’uccisione di innocenti sono atti immorali”. C’è sconforto nella voce del patriarca di Babilonia dei Caldei, il cardinale Louis Raphael Sako, che in questi giorni si trova in Kurdistan, a Erbil, per il ritiro spirituale del clero caldeo, dal 19 al 24 luglio. Sconforto per la nuova strage compiuta dal sedicente Stato islamico, ieri pomeriggio a Baghdad, con almeno 35 vittime e più di 60 feriti.

Il messaggio ai musulmani per la festa dell’Eid al-Adha

Nella Messa di questa mattina il porporato ha chiesto di pregare per i musulmani che festeggiano l’Eid al-Adha, la festa del sacrificio, per la pace e la stabilità in Iraq e per la Chiesa. Riprende forza quando gli chiediamo quali frutti stia portando il viaggio di Papa Francesco dell’inizio di marzo. “Ha cambiato la mentalità della gente – dice – ora c’è rispetto per la diversità, non si parla più di cristiani e musulmani, ma di iracheni, come fratelli e sorelle”. E quando parla del messaggio che ha inviato ai musulmani per la loro festa e chiede per l’Iraq “una classe politica al servizio del bene comune”.

Eminenza, cosa succede a Baghdad? Il cosiddetto Stato islamico continua a seminare morte?

Veramente è stata una strage, alla vigilia della festa dei musulmani. E’ una cosa tragica, ma non è la prima volta. Non sono stati membri dello Stato Islamico, ma anche nell’ospedale di Kerbala c’è stata violenza. C’è confusione, non c’è sicurezza, non c’è stabilità nel Paese. Penso ci sia un problema morale, non è solo un problema politico: la corruzione, uccidere gli altri per scopi diversi, è una cosa immorale. Bisogna ritornare alla moralità, all’umanità, ai valori umani, altrimenti dove va il Paese? Hanno anche fermato un uomo che ha provato a entrare in un altro ospedale con una bomba. E’ uno scontro fra sciiti e sunniti o tra sciiti e sciiti, una lotta per il potere e il denaro, perciò non c’è moralità.

A quasi 5 mesi dalla visita del Papa quali frutti vede nella vita dei cristiani e nella vita civile in Iraq?

Per la popolazione c’è un cambiamento della mentalità, c’è un rispetto per la diversità. Non si parla più di cristiani e musulmani, loro parlano degli iracheni come fratelli e sorelle e questo è il frutto più grande, per noi, della visita del Santo Padre. Ha cambiato un po’ la mentalità. Per il resto, a livello politico, ci vuole una classe politica che abbia un senso di responsabilità, la visione di uno Stato civile per la cittadinanza, che crei servizi.

Voi siete uniti, come Chiesa caldea in Iraq, a Erbil, per il ritiro spirituale annuale. Manderete un messaggio al Paese?

Sì, certo, alla fine dell’incontro. Siamo una settantina tra vescovi e sacerdoti, perché altri non hanno potuto venire a causa della pandemia o anche perché almeno un prete deve rimanere in parrocchia per le emergenze. Della Chiesa caldea siamo qui in una decina di vescovi per riflettere su come essere fedeli alla nostra consacrazione, davanti alle sfide che dobbiamo affrontare. Dobbiamo essere ponti per gli altri e non erigere barriere. Il Vangelo è aperto a tutti e noi, come consacrati siamo al servizio di tutti, non solo dei cristiani. Io ho anche mandato un messaggio per la festa di Eid al-Adha, la festa del sacrificio dei musulmani.

Che cosa ha scritto in questo messaggio?

Che bisogna ritornare alla fratellanza e poi alla moralità, per non perdere i valori morali. Altrimenti sarà come una giungla. La corruzione e questi attacchi, uccidere gente innocente: questo non va. Bisogna sacrificare gli interessi personali e pensare al bene comune, al bene di tutti, non solo un bene individuale un po’ egoista. In sintesi, il messaggio è fare tutto il bene che possiamo per gli altri.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Iraq, il cordoglio di Papa Francesco. Non vengano meno gli sforzi per la pace

- Advertisement -

Papa Francesco assicura la sua vicinanza a quanti sono stati colpiti dalla strage terroristica di stamani nella capitale irachena e prega perché la violenza non prevalga sulla volontà di riconciliazione. Il cardinale capo della Chiesa caldea, in ritiro a Erbil con 10 vescovi e una sessantina di sacerdoti, dice ai nostri microfoni: è inaccettabile, serve umanità e lavoro comune per il bene del Paese

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

La tristezza di Papa Francesco per l’attentato in Iraq, in un telegramma a firma del segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin inviato in serata al nunzio apostolico nel Paese, monsignor Mitja Leskovar:

“Sua Santità Papa Francesco – si legge nel testo – è rimasto profondamente rattristato nell’apprendere la notizia della perdita di vite umane nell’esplosione del mercato al-Wuhailat a Baghdad e invia le sue condoglianze alle famiglie e agli amici di coloro che sono morti. Affidando le loro anime alla misericordia di Dio Onnipotente, Sua Santità rinnova le sue ferventi preghiere – si legge ancora – affinché nessun atto di violenza affievolisca gli sforzi di coloro che s’impegnano a promuovere la riconciliazione e la pace in Iraq.”

Sako, lo sconforto di fronte all’ennesima violenza

- Advertisement -

“Non c’è sicurezza né stabilità in Iraq, questo attentato è solo l’ultimo esempio. E’ un problema morale: la corruzione e l’uccisione di innocenti sono atti immorali”. C’è sconforto nella voce del patriarca di Babilonia dei Caldei, il cardinale Louis Raphael Sako, che in questi giorni si trova in Kurdistan, a Erbil, per il ritiro spirituale del clero caldeo, dal 19 al 24 luglio. Sconforto per la nuova strage compiuta dal sedicente Stato islamico, ieri pomeriggio a Baghdad, con almeno 35 vittime e più di 60 feriti.

Il messaggio ai musulmani per la festa dell’Eid al-Adha

Nella Messa di questa mattina il porporato ha chiesto di pregare per i musulmani che festeggiano l’Eid al-Adha, la festa del sacrificio, per la pace e la stabilità in Iraq e per la Chiesa. Riprende forza quando gli chiediamo quali frutti stia portando il viaggio di Papa Francesco dell’inizio di marzo. “Ha cambiato la mentalità della gente – dice – ora c’è rispetto per la diversità, non si parla più di cristiani e musulmani, ma di iracheni, come fratelli e sorelle”. E quando parla del messaggio che ha inviato ai musulmani per la loro festa e chiede per l’Iraq “una classe politica al servizio del bene comune”.

Eminenza, cosa succede a Baghdad? Il cosiddetto Stato islamico continua a seminare morte?

Veramente è stata una strage, alla vigilia della festa dei musulmani. E’ una cosa tragica, ma non è la prima volta. Non sono stati membri dello Stato Islamico, ma anche nell’ospedale di Kerbala c’è stata violenza. C’è confusione, non c’è sicurezza, non c’è stabilità nel Paese. Penso ci sia un problema morale, non è solo un problema politico: la corruzione, uccidere gli altri per scopi diversi, è una cosa immorale. Bisogna ritornare alla moralità, all’umanità, ai valori umani, altrimenti dove va il Paese? Hanno anche fermato un uomo che ha provato a entrare in un altro ospedale con una bomba. E’ uno scontro fra sciiti e sunniti o tra sciiti e sciiti, una lotta per il potere e il denaro, perciò non c’è moralità.

- Advertisement -

A quasi 5 mesi dalla visita del Papa quali frutti vede nella vita dei cristiani e nella vita civile in Iraq?

Per la popolazione c’è un cambiamento della mentalità, c’è un rispetto per la diversità. Non si parla più di cristiani e musulmani, loro parlano degli iracheni come fratelli e sorelle e questo è il frutto più grande, per noi, della visita del Santo Padre. Ha cambiato un po’ la mentalità. Per il resto, a livello politico, ci vuole una classe politica che abbia un senso di responsabilità, la visione di uno Stato civile per la cittadinanza, che crei servizi.

Voi siete uniti, come Chiesa caldea in Iraq, a Erbil, per il ritiro spirituale annuale. Manderete un messaggio al Paese?

Sì, certo, alla fine dell’incontro. Siamo una settantina tra vescovi e sacerdoti, perché altri non hanno potuto venire a causa della pandemia o anche perché almeno un prete deve rimanere in parrocchia per le emergenze. Della Chiesa caldea siamo qui in una decina di vescovi per riflettere su come essere fedeli alla nostra consacrazione, davanti alle sfide che dobbiamo affrontare. Dobbiamo essere ponti per gli altri e non erigere barriere. Il Vangelo è aperto a tutti e noi, come consacrati siamo al servizio di tutti, non solo dei cristiani. Io ho anche mandato un messaggio per la festa di Eid al-Adha, la festa del sacrificio dei musulmani.

Che cosa ha scritto in questo messaggio?

- Advertisement -

Che bisogna ritornare alla fratellanza e poi alla moralità, per non perdere i valori morali. Altrimenti sarà come una giungla. La corruzione e questi attacchi, uccidere gente innocente: questo non va. Bisogna sacrificare gli interessi personali e pensare al bene comune, al bene di tutti, non solo un bene individuale un po’ egoista. In sintesi, il messaggio è fare tutto il bene che possiamo per gli altri.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x