16.3 C
Roma
Lun, 17 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaImpegno comune contro il terrorismo

Impegno comune contro il terrorismo

- Advertisement -

Un abbraccio fraterno ha suggellato lo storico incontro in Vaticano tra Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyib, considerato il più influente leader musulmano sunnita.

Per capire la portata “storica” di un incontro tra il Papa e il Grand Imam, bisogna ricordare che i rapporti tra il Vaticano e al-Azhar hanno conosciuto un periodo di gelo dopo il discorso di Papa Benedetto XVI a Ratisbona nel 2006 e dopo che nel 2011 i rapporti si raffreddarono ancora di più in seguito ad un attentato ai copti di Alessandria.

I temi: rifiuto della violenza e situazione in Medio Oriente
Il colloquio a porte chiuse nello studio alla seconda loggia del Palazzo Apostolico è durato 25 minuti alla presenza di un solo interprete, il segretario copto egiziano del Papa Yoannis Lahzi Gaid. I due autorevoli interlocutori hanno rilevato il grande significato di questo nuovo incontro nel quadro del dialogo fra la Chiesa cattolica e l’Islam. Poi si sono intrattenuti principalmente sul tema del comune impegno delle autorità e dei fedeli delle grandi religioni per la pace nel mondo, il rifiuto della violenza e del terrorismo, la situazione dei cristiani nel contesto dei conflitti e delle tensioni nel Medio Oriente e la loro protezione.

I regali scambiati tra il Papa e l’Imam di Al-Azhar
A fine colloquio Papa Francesco ha regalato all’imam una copia della sua encilica Laudato si’ e il medaglione della pace, che raffigura un olivo che nasce dalla roccia.

Nella sala d’angolo, a conclusione dell’incontro con il Papa nella biblioteca di Francesco, ha poi avuto luogo un incontro tra l’imam e il suo seguito di otto uomini. Tra loro l’ambasciatore egiziano presso la Santa Sede, e alcuni esponenti vaticani esperti di islam, guidati dal cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso e e dal segretario del dicastero, monsignor Ayuso Guixot.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Impegno comune contro il terrorismo

- Advertisement -

Un abbraccio fraterno ha suggellato lo storico incontro in Vaticano tra Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyib, considerato il più influente leader musulmano sunnita.

Per capire la portata “storica” di un incontro tra il Papa e il Grand Imam, bisogna ricordare che i rapporti tra il Vaticano e al-Azhar hanno conosciuto un periodo di gelo dopo il discorso di Papa Benedetto XVI a Ratisbona nel 2006 e dopo che nel 2011 i rapporti si raffreddarono ancora di più in seguito ad un attentato ai copti di Alessandria.

I temi: rifiuto della violenza e situazione in Medio Oriente
Il colloquio a porte chiuse nello studio alla seconda loggia del Palazzo Apostolico è durato 25 minuti alla presenza di un solo interprete, il segretario copto egiziano del Papa Yoannis Lahzi Gaid. I due autorevoli interlocutori hanno rilevato il grande significato di questo nuovo incontro nel quadro del dialogo fra la Chiesa cattolica e l’Islam. Poi si sono intrattenuti principalmente sul tema del comune impegno delle autorità e dei fedeli delle grandi religioni per la pace nel mondo, il rifiuto della violenza e del terrorismo, la situazione dei cristiani nel contesto dei conflitti e delle tensioni nel Medio Oriente e la loro protezione.

I regali scambiati tra il Papa e l’Imam di Al-Azhar
A fine colloquio Papa Francesco ha regalato all’imam una copia della sua encilica Laudato si’ e il medaglione della pace, che raffigura un olivo che nasce dalla roccia.

Nella sala d’angolo, a conclusione dell’incontro con il Papa nella biblioteca di Francesco, ha poi avuto luogo un incontro tra l’imam e il suo seguito di otto uomini. Tra loro l’ambasciatore egiziano presso la Santa Sede, e alcuni esponenti vaticani esperti di islam, guidati dal cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso e e dal segretario del dicastero, monsignor Ayuso Guixot.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
303IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Attualità del decalogo

Razzismo 2.0, l’odio online

Le lettere di Paolo

Dialoghi sulla preghiera del cuore

Il Cristo dell’Apocalisse

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x