8.4 C
Roma
Gio, 15 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CImmacolata Concezione - Anno C - 8 dicembre 2018

Immacolata Concezione – Anno C – 8 dicembre 2018

- Advertisement -

“In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.

Dio ha voluto nascere come ogni uomo percorrendo la strada della vita fin dal suo concepimento. Si è annidato tra gli uomini, con una forza divina, non poteva essere altrimenti, chiedendo l’assenso ad una sua creatura: Maria di Nazareth. Ella, confusa, “turbata”, chiede di comprendere, di rendersi partecipe consapevolmente. Nonostante sia Dio, attraverso il suo Angelo a chiederle ospitalità, Ella vuole essere mente e cuore che accolgono e non recipiente che riceve. Non passiva, quasi fosse una “cosa”, un oggetto, ma una persona attiva, consapevole che si dona nella totalità. Vuole essere “Serva”, “Schiava” ma consapevolmente e docilmente sottomessa per collaborare. Si svuota, si annulla, per fare spazio a Dio. E, come sempre, dove c’è Dio non c’è violenza, non c’è manipolazione, strumentalizzazione, ma esaltazione e rispetto. Ecco perché Maria pur se Madre, rimane Vergine. Dio l’aveva creata senza peccato e incorruttibile e, dopo il suo assenso, pur radicandosi in Lei, nel suo grembo, non lo viola. Madre che genera ma non cessa d’essere terreno immacolato e incontaminato.

“Tu hai preservato la Vergine Maria 
da ogni macchia di peccato originale, 
perché, piena di grazia, 
diventasse degna Madre del tuo Figlio. 
In lei hai segnato l’inizio della Chiesa, 
sposa di Cristo senza macchia e senza ruga, 
splendente di bellezza.
Da lei, vergine purissima, doveva nascere il Figlio, 
agnello innocente che toglie le nostre colpe; 
e tu sopra ogni altra creatura
la predestinavi per il tuo popolo 
avvocata di grazia e modello di santità” (Prefazio della messa).

La vita non offende mai, è portatrice di festa, di gioia, di novità perciò viene attesa, accolta ed accudita. La Vergine Maria, ha donato a Dio tutte queste attenzioni e premure. Lei si è fidata dell’Angelo, si è abbandonata totalmente e fiduciosamente nelle braccia di Dio, ha sperimentato che a Lui ”nulla è impossibile”. Ha rischiato la lapidazione, si è resa disponibile al chiacchiericcio, alle accuse, ai sospetti. La sua fedeltà e docilità sono state condite e impreziosite dal rischio. Nulla ci può allontanare dalla meta quando nel cuore si cova il desiderio di arrivare. Maria è stata veramente “serva” perché pienamente coinvolta e dedita a Dio.

Ogni volta che ci incamminiamo verso di Lui la bussola che indica il percorso è la nostra capacità di amore corrisposto, di fedeltà condivisa e di docilità operosa. E Dio non delude, compie i suoi progetti senza sconvolgere i nostri, realizza i suoi desideri ma non mortifica i nostri sogni. Maria, Vergine Immacolata ne è un eloquente ed esemplare dimostrazione.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Immacolata Concezione – Anno C – 8 dicembre 2018

- Advertisement -

“In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.

Dio ha voluto nascere come ogni uomo percorrendo la strada della vita fin dal suo concepimento. Si è annidato tra gli uomini, con una forza divina, non poteva essere altrimenti, chiedendo l’assenso ad una sua creatura: Maria di Nazareth. Ella, confusa, “turbata”, chiede di comprendere, di rendersi partecipe consapevolmente. Nonostante sia Dio, attraverso il suo Angelo a chiederle ospitalità, Ella vuole essere mente e cuore che accolgono e non recipiente che riceve. Non passiva, quasi fosse una “cosa”, un oggetto, ma una persona attiva, consapevole che si dona nella totalità. Vuole essere “Serva”, “Schiava” ma consapevolmente e docilmente sottomessa per collaborare. Si svuota, si annulla, per fare spazio a Dio. E, come sempre, dove c’è Dio non c’è violenza, non c’è manipolazione, strumentalizzazione, ma esaltazione e rispetto. Ecco perché Maria pur se Madre, rimane Vergine. Dio l’aveva creata senza peccato e incorruttibile e, dopo il suo assenso, pur radicandosi in Lei, nel suo grembo, non lo viola. Madre che genera ma non cessa d’essere terreno immacolato e incontaminato.

“Tu hai preservato la Vergine Maria 
da ogni macchia di peccato originale, 
perché, piena di grazia, 
diventasse degna Madre del tuo Figlio. 
In lei hai segnato l’inizio della Chiesa, 
sposa di Cristo senza macchia e senza ruga, 
splendente di bellezza.
Da lei, vergine purissima, doveva nascere il Figlio, 
agnello innocente che toglie le nostre colpe; 
e tu sopra ogni altra creatura
la predestinavi per il tuo popolo 
avvocata di grazia e modello di santità” (Prefazio della messa).

La vita non offende mai, è portatrice di festa, di gioia, di novità perciò viene attesa, accolta ed accudita. La Vergine Maria, ha donato a Dio tutte queste attenzioni e premure. Lei si è fidata dell’Angelo, si è abbandonata totalmente e fiduciosamente nelle braccia di Dio, ha sperimentato che a Lui ”nulla è impossibile”. Ha rischiato la lapidazione, si è resa disponibile al chiacchiericcio, alle accuse, ai sospetti. La sua fedeltà e docilità sono state condite e impreziosite dal rischio. Nulla ci può allontanare dalla meta quando nel cuore si cova il desiderio di arrivare. Maria è stata veramente “serva” perché pienamente coinvolta e dedita a Dio.

Ogni volta che ci incamminiamo verso di Lui la bussola che indica il percorso è la nostra capacità di amore corrisposto, di fedeltà condivisa e di docilità operosa. E Dio non delude, compie i suoi progetti senza sconvolgere i nostri, realizza i suoi desideri ma non mortifica i nostri sogni. Maria, Vergine Immacolata ne è un eloquente ed esemplare dimostrazione.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
224IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Il Cristo dell’Apocalisse

Lo scandalo della tenerezza

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Perché le suore indossano il velo?

Scelte di vita e vocazione

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x