22.2 C
Roma
Lun, 14 Giugno 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BImmacolata Concezione - Anno B - 8 dicembre 2020

Immacolata Concezione – Anno B – 8 dicembre 2020

Colei che ha tracciato il primo solco






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
    A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
    Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
    Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.




    Maria di Nazaret è colei che ha tracciato il primo solco della fede. L’ha tracciato quando il terreno era incolto, impervio, inospitale. Quando era una selva piena di spine, rovi e ogni sorta di erbacce. In questa condizione, e perciò è da ammirare, è stata capace di dare a Dio la totalità della sua fiducia e del suo abbandono. Ha creduto. Ha collaborato. Si è resa docile al punto che lei stessa è diventata la terra in cui, perché bonificata e nata senza colpa alcuna, Dio, ha posto la sua dimora. Il suo grembo verginale è stato scelto da Dio per annidarsi nella storia degli uomini. Quando Dio è venuto sulla terra la sua collocazione è stato il segreto del grembo di Maria. Il Creatore nascosto, debole, fragile, rifugiato, nella sua creatura. Lui che è l’origine, la sorgente della vita, diventa una cellula, infinitesimale, che deve crescere, deve svilupparsi, deve raggiungere la maturità biologica per venire alla luce.

    Tutto questo è accaduto per mezzo della fede di Maria di Nazaret, ed è cambiato il volto e il corso della storia umana liberandola dal buio, dalla schiavitù, dall’incertezza. Ecco dove nasce e risiede la sua grandezza: nella sua fede. Si è fidata di Dio, ha avuto fiducia nel suo disegno benché difficile, incomprensibile. Il resto è tutta una conseguenza di questo. Il resto è dono di Dio ma la fede è stata la sua iniziativa, la sua disponibilità docile e collaborativa. Certo aiutata dalla grazia di Dio di cui lei, oltretutto era ricolma, traboccante. “Kekaritomene” “piena di grazia”, aveva detto l’angelo incontrandola per donarle il messaggio e il desiderio di Dio che l’aveva scelta ad essere sua Madre. Scelta, non imposto. Dio propone ma poi attende la sua risposta, e lei, benché nelle nebbie del dubbio, dell’incertezza, della non comprensione, “e si domandava che senso avesse saluto come questo”. Nonostante fosse dubbiosa: “come avverrà questo poiché non conosco uomo” pronuncia il suo si totale, incondizionato, umile e gioioso: “ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. Maria ha posto la firma, ha accettato la proposta di Dio e l’angelo è stato il notaio. Docilmente Dio si è messo in ascolto della sua risposta, ha atteso, ha condizionato se stesso a quel sì. E lei, Maria, terra vergine, diventa il solco dove Dio pone radici per essere uomo tra gli uomini, uomo per gli uomini. Il salvatore del mondo. Ma perché tutto questo accadesse ha “diserbato” il terreno di Maria preservandola dal peccato di origine. Non poteva essere contaminata colei che ha dato vita alla vita, colei che ha generato l’“antidoto” per ogni inquinamento.Figlia di Dio Padre, Madre di Dio Figlio” tu che hai tracciato il primo solco della fede aiuta noi a credere, ad accogliere Dio nella nostra vita.




    Nella Vergine Madre preservata dal peccato originale
    Dio ci offre l’immagine dell’umanità nuova,
    che partecipa in pienezza alla vittoria di Cristo.
    Per intercessione di Maria immacolata,
    innalziamo al Padre la nostra preghiera.

    R. Benedici e proteggi i tuoi figli, Signore.

    Perché la Chiesa di Cristo,
    a imitazione di Maria vergine e madre,
    come sposa santa e immacolata, vada incontro al Signore che viene, preghiamo. R.

    Perché la potenza del Signore
    tolga dalla nostra vita il peso e la tristezza del peccato
    e ci faccia gustare la vera libertà dei figli, preghiamo. R.

    Perché il popolo cristiano riconosca in Maria immacolata
    un segno di consolazione e di speranza
    in mezzo alle prove della vita, preghiamo. R.

    Perché ogni vita nuova concepita nel grembo materno
    sia accolta e custodita come un valore intangibile
    e una benedizione di Dio, preghiamo. R.

    Perché l’Eucaristia che celebriamo
    sia per tutti noi lievito di purezza e di santità,
    che ci rinnovi nel corpo e nello spirito, preghiamo. R.

    Dio grande e misericordioso, fa’ che il nostro impegno nel mondo non ci ostacoli nel cammino verso il tuo Figlio, ma la sapienza che viene dal cielo ci guidi alla comunione con Cristo, nostro Salvatore. Egli è Dio…

    R. Amen.




    Il sacramento che abbiamo ricevuto, Signore Dio nostro, guarisca in noi le ferite di quella colpa da cui, per singolare privilegio, hai preservato la beata Vergine Maria, nella sua immacolata Concezione. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Luca

“In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.



Maria di Nazaret è colei che ha tracciato il primo solco della fede. L’ha tracciato quando il terreno era incolto, impervio, inospitale. Quando era una selva piena di spine, rovi e ogni sorta di erbacce. In questa condizione, e perciò è da ammirare, è stata capace di dare a Dio la totalità della sua fiducia e del suo abbandono. Ha creduto. Ha collaborato. Si è resa docile al punto che lei stessa è diventata la terra in cui, perché bonificata e nata senza colpa alcuna, Dio, ha posto la sua dimora. Il suo grembo verginale è stato scelto da Dio per annidarsi nella storia degli uomini. Quando Dio è venuto sulla terra la sua collocazione è stato il segreto del grembo di Maria. Il Creatore nascosto, debole, fragile, rifugiato, nella sua creatura. Lui che è l’origine, la sorgente della vita, diventa una cellula, infinitesimale, che deve crescere, deve svilupparsi, deve raggiungere la maturità biologica per venire alla luce.

Tutto questo è accaduto per mezzo della fede di Maria di Nazaret, ed è cambiato il volto e il corso della storia umana liberandola dal buio, dalla schiavitù, dall’incertezza. Ecco dove nasce e risiede la sua grandezza: nella sua fede. Si è fidata di Dio, ha avuto fiducia nel suo disegno benché difficile, incomprensibile. Il resto è tutta una conseguenza di questo. Il resto è dono di Dio ma la fede è stata la sua iniziativa, la sua disponibilità docile e collaborativa. Certo aiutata dalla grazia di Dio di cui lei, oltretutto era ricolma, traboccante. “Kekaritomene” “piena di grazia”, aveva detto l’angelo incontrandola per donarle il messaggio e il desiderio di Dio che l’aveva scelta ad essere sua Madre. Scelta, non imposto. Dio propone ma poi attende la sua risposta, e lei, benché nelle nebbie del dubbio, dell’incertezza, della non comprensione, “e si domandava che senso avesse saluto come questo”. Nonostante fosse dubbiosa: “come avverrà questo poiché non conosco uomo” pronuncia il suo si totale, incondizionato, umile e gioioso: “ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. Maria ha posto la firma, ha accettato la proposta di Dio e l’angelo è stato il notaio. Docilmente Dio si è messo in ascolto della sua risposta, ha atteso, ha condizionato se stesso a quel sì. E lei, Maria, terra vergine, diventa il solco dove Dio pone radici per essere uomo tra gli uomini, uomo per gli uomini. Il salvatore del mondo. Ma perché tutto questo accadesse ha “diserbato” il terreno di Maria preservandola dal peccato di origine. Non poteva essere contaminata colei che ha dato vita alla vita, colei che ha generato l’“antidoto” per ogni inquinamento.Figlia di Dio Padre, Madre di Dio Figlio” tu che hai tracciato il primo solco della fede aiuta noi a credere, ad accogliere Dio nella nostra vita.



Nella Vergine Madre preservata dal peccato originale
Dio ci offre l’immagine dell’umanità nuova,
che partecipa in pienezza alla vittoria di Cristo.
Per intercessione di Maria immacolata,
innalziamo al Padre la nostra preghiera.

R. Benedici e proteggi i tuoi figli, Signore.

Perché la Chiesa di Cristo,
a imitazione di Maria vergine e madre,
come sposa santa e immacolata, vada incontro al Signore che viene, preghiamo. R.

Perché la potenza del Signore
tolga dalla nostra vita il peso e la tristezza del peccato
e ci faccia gustare la vera libertà dei figli, preghiamo. R.

Perché il popolo cristiano riconosca in Maria immacolata
un segno di consolazione e di speranza
in mezzo alle prove della vita, preghiamo. R.

Perché ogni vita nuova concepita nel grembo materno
sia accolta e custodita come un valore intangibile
e una benedizione di Dio, preghiamo. R.

Perché l’Eucaristia che celebriamo
sia per tutti noi lievito di purezza e di santità,
che ci rinnovi nel corpo e nello spirito, preghiamo. R.

Dio grande e misericordioso, fa’ che il nostro impegno nel mondo non ci ostacoli nel cammino verso il tuo Figlio, ma la sapienza che viene dal cielo ci guidi alla comunione con Cristo, nostro Salvatore. Egli è Dio…

R. Amen.



Il sacramento che abbiamo ricevuto, Signore Dio nostro, guarisca in noi le ferite di quella colpa da cui, per singolare privilegio, hai preservato la beata Vergine Maria, nella sua immacolata Concezione. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Immacolata Concezione – Anno B – 8 dicembre 2020

Colei che ha tracciato il primo solco



Dal Vangelo secondo Luca

“In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.



Maria di Nazaret è colei che ha tracciato il primo solco della fede. L’ha tracciato quando il terreno era incolto, impervio, inospitale. Quando era una selva piena di spine, rovi e ogni sorta di erbacce. In questa condizione, e perciò è da ammirare, è stata capace di dare a Dio la totalità della sua fiducia e del suo abbandono. Ha creduto. Ha collaborato. Si è resa docile al punto che lei stessa è diventata la terra in cui, perché bonificata e nata senza colpa alcuna, Dio, ha posto la sua dimora. Il suo grembo verginale è stato scelto da Dio per annidarsi nella storia degli uomini. Quando Dio è venuto sulla terra la sua collocazione è stato il segreto del grembo di Maria. Il Creatore nascosto, debole, fragile, rifugiato, nella sua creatura. Lui che è l’origine, la sorgente della vita, diventa una cellula, infinitesimale, che deve crescere, deve svilupparsi, deve raggiungere la maturità biologica per venire alla luce.

Tutto questo è accaduto per mezzo della fede di Maria di Nazaret, ed è cambiato il volto e il corso della storia umana liberandola dal buio, dalla schiavitù, dall’incertezza. Ecco dove nasce e risiede la sua grandezza: nella sua fede. Si è fidata di Dio, ha avuto fiducia nel suo disegno benché difficile, incomprensibile. Il resto è tutta una conseguenza di questo. Il resto è dono di Dio ma la fede è stata la sua iniziativa, la sua disponibilità docile e collaborativa. Certo aiutata dalla grazia di Dio di cui lei, oltretutto era ricolma, traboccante. “Kekaritomene” “piena di grazia”, aveva detto l’angelo incontrandola per donarle il messaggio e il desiderio di Dio che l’aveva scelta ad essere sua Madre. Scelta, non imposto. Dio propone ma poi attende la sua risposta, e lei, benché nelle nebbie del dubbio, dell’incertezza, della non comprensione, “e si domandava che senso avesse saluto come questo”. Nonostante fosse dubbiosa: “come avverrà questo poiché non conosco uomo” pronuncia il suo si totale, incondizionato, umile e gioioso: “ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. Maria ha posto la firma, ha accettato la proposta di Dio e l’angelo è stato il notaio. Docilmente Dio si è messo in ascolto della sua risposta, ha atteso, ha condizionato se stesso a quel sì. E lei, Maria, terra vergine, diventa il solco dove Dio pone radici per essere uomo tra gli uomini, uomo per gli uomini. Il salvatore del mondo. Ma perché tutto questo accadesse ha “diserbato” il terreno di Maria preservandola dal peccato di origine. Non poteva essere contaminata colei che ha dato vita alla vita, colei che ha generato l’“antidoto” per ogni inquinamento.Figlia di Dio Padre, Madre di Dio Figlio” tu che hai tracciato il primo solco della fede aiuta noi a credere, ad accogliere Dio nella nostra vita.



Nella Vergine Madre preservata dal peccato originale
Dio ci offre l’immagine dell’umanità nuova,
che partecipa in pienezza alla vittoria di Cristo.
Per intercessione di Maria immacolata,
innalziamo al Padre la nostra preghiera.

R. Benedici e proteggi i tuoi figli, Signore.

Perché la Chiesa di Cristo,
a imitazione di Maria vergine e madre,
come sposa santa e immacolata, vada incontro al Signore che viene, preghiamo. R.

Perché la potenza del Signore
tolga dalla nostra vita il peso e la tristezza del peccato
e ci faccia gustare la vera libertà dei figli, preghiamo. R.

Perché il popolo cristiano riconosca in Maria immacolata
un segno di consolazione e di speranza
in mezzo alle prove della vita, preghiamo. R.

Perché ogni vita nuova concepita nel grembo materno
sia accolta e custodita come un valore intangibile
e una benedizione di Dio, preghiamo. R.

Perché l’Eucaristia che celebriamo
sia per tutti noi lievito di purezza e di santità,
che ci rinnovi nel corpo e nello spirito, preghiamo. R.

Dio grande e misericordioso, fa’ che il nostro impegno nel mondo non ci ostacoli nel cammino verso il tuo Figlio, ma la sapienza che viene dal cielo ci guidi alla comunione con Cristo, nostro Salvatore. Egli è Dio…

R. Amen.



Il sacramento che abbiamo ricevuto, Signore Dio nostro, guarisca in noi le ferite di quella colpa da cui, per singolare privilegio, hai preservato la beata Vergine Maria, nella sua immacolata Concezione. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
311IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Rut, la moabita

Dell’essere e dell’amore

Rileggere il Decalogo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x