11.2 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Il Vangelo ci invita a perdonare ma anche ad ammonire chi sbaglia

Il Vangelo ci invita a perdonare ma anche ad ammonire chi sbaglia

- Advertisement -

Che rapporto c’è – chiede un lettore – tra correzione fraterna e invito a perdonare sempre? Risponde don Francesco Carensi, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia centrale.

Gesù ci dice: «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato» (Luca 6,37). Però ci invita anche alla «correzione fraterna» e ad ammonire chi commette una colpa. Come si possono seguire questi due insegnamenti?

Lettera firmata

Il vangelo di Luca 6,37 delinea quale deve essere il comportamento del discepolo di ogni tempo, chiamato a vivere la misericordia. Essa è «la sostanza stessa del vangelo» dice papa Francesco. E ha anche affermato che se non sappiamo unire la compassione alla giustizia, finiamo per essere» inutilmente severi e profondamente ingiusti». Ma dobbiamo confessare ciò che di Gesù ancora scandalizza non sono le parole di giudizio ,non scandalizza neanche il suo operare, perché si riconosce il suo «fare il bene»,( Mc 7,37). Quello che in realtà scandalizza è la misericordia interpretata da Gesù in un modo che è all’opposto di quello pensato dagli uomini religiosi, in cui si può riconoscere ciascuno di noi. In questo atteggiamento di amore si inserisce il tema della correzione fraterna. Molti possono pensare che la misericordia sia un permettere tutto, quasi disinteressandosi della vita dell’altro. Ma questa non è la misericordia evangelica, che invece si confronta con la vita dell’altro, che ha a cuore la storia degli  uomini, soprattutto di quelli che fanno più fatica nel loro cammino, e che per la fragilità comune a tutti gli uomini possono sbagliare, vivere un esperienza di fallimento, essere anche causa di inciampo per molti fratelli.

La correzione fraterna invece è superamento dell’indifferenza, ed è uno degli atteggiamenti cristiani più decisivi per la salvezza del singolo e per la stessa comunità cristiana, la Chiesa. Se non ci si sente custodi, responsabili del fratello, dell’altro, (Gen.4,9), «sono forse io custode di mio fratello» allora si vive per se stessi, senza guardare agli altri, e di fatto si incoraggia la crescita del male, che  sarà sempre più dilagante, in quanto non viene mai giudicato così.

Tra le opere di misericordia, che quest’anno siamo chiamati a riscoprire, vi è «ammonire i peccatori». Dunque la correzione fraterna è al cuore della vita ecclesiale, ed è addirittura indicata come necessaria dalle parole di Gesù, contenute nel vangelo. Ma come praticarla? Innanzitutto prestando attenzione gli uni agli altri, ( Eb,10,24), Ma soltanto se si di guarda con attenzione il Signore, si diventa capaci di accompagnare con cura i fratelli e vedere l’altro nella verità, cercando di discernere il male compiuto, che non coincide mai con la persona (il vecchio detto si deve distinguere il peccato dal peccatore). Correggere dunque è una dimensione della carità cristiana. Non si deve tacere mai di fronte al male. Nel vangelo di Matteo al capitolo 18,15-17 leggiamo alcune indicazioni concrete date da Gesù: la correzione deve avvenire in tre tappe: «fra te e il tuo fratello», affinché il fratello si ravveda e il male non sia conosciuto da altri; poi se necessario la correzione va fatta in due o tre, in modo che chi ha commesso la colpa sia aiutato da più persone a pentirsi, se ciò  non è sufficiente, si faccia ricorso alla correzione in mezzo all’assemblea.

Se no trattalo come un peccatore: cioè vallo a trovare, alloggia presso di lui, mangia con lui e convertilo con il tuo amore, come ha fatto Gesù con pubblicani e peccatori (Mc 2,13-17.). Nel nuovo testamento si chiede piu’ volte di praticare la correzione fraterna (Rm.15,14; 2cor.2,6-8;Tt.3,10-11;), ma si nota quanto sia difficile da attuare. Per correggere è necessaria l’umiltà e amore sincero, mai si deve giudicare come si legge nel testo di Lc 6,37: questo significa non ritenersi mai superiori a colui che si corregge, in quanto siamo tutti fragili e bisognosi del perdono del Signore. Dunque la correzione fraterna è una declinazione della misericordia da vivere nella Chiesa e in mezzo a tutti gli uomini.

Francesco Carensi

– See more at: http://www.toscanaoggi.it/Rubriche/Risponde-il-teologo/Il-Vangelo-ci-invita-a-perdonare-ma-anche-ad-ammonire-chi-sbaglia#sthash.RqaLJoFV.dpuf

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Vangelo ci invita a perdonare ma anche ad ammonire chi sbaglia

  

- Advertisement -

Che rapporto c’è – chiede un lettore – tra correzione fraterna e invito a perdonare sempre? Risponde don Francesco Carensi, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia centrale.

Gesù ci dice: «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato» (Luca 6,37). Però ci invita anche alla «correzione fraterna» e ad ammonire chi commette una colpa. Come si possono seguire questi due insegnamenti?

Lettera firmata

Il vangelo di Luca 6,37 delinea quale deve essere il comportamento del discepolo di ogni tempo, chiamato a vivere la misericordia. Essa è «la sostanza stessa del vangelo» dice papa Francesco. E ha anche affermato che se non sappiamo unire la compassione alla giustizia, finiamo per essere» inutilmente severi e profondamente ingiusti». Ma dobbiamo confessare ciò che di Gesù ancora scandalizza non sono le parole di giudizio ,non scandalizza neanche il suo operare, perché si riconosce il suo «fare il bene»,( Mc 7,37). Quello che in realtà scandalizza è la misericordia interpretata da Gesù in un modo che è all’opposto di quello pensato dagli uomini religiosi, in cui si può riconoscere ciascuno di noi. In questo atteggiamento di amore si inserisce il tema della correzione fraterna. Molti possono pensare che la misericordia sia un permettere tutto, quasi disinteressandosi della vita dell’altro. Ma questa non è la misericordia evangelica, che invece si confronta con la vita dell’altro, che ha a cuore la storia degli  uomini, soprattutto di quelli che fanno più fatica nel loro cammino, e che per la fragilità comune a tutti gli uomini possono sbagliare, vivere un esperienza di fallimento, essere anche causa di inciampo per molti fratelli.

La correzione fraterna invece è superamento dell’indifferenza, ed è uno degli atteggiamenti cristiani più decisivi per la salvezza del singolo e per la stessa comunità cristiana, la Chiesa. Se non ci si sente custodi, responsabili del fratello, dell’altro, (Gen.4,9), «sono forse io custode di mio fratello» allora si vive per se stessi, senza guardare agli altri, e di fatto si incoraggia la crescita del male, che  sarà sempre più dilagante, in quanto non viene mai giudicato così.

Tra le opere di misericordia, che quest’anno siamo chiamati a riscoprire, vi è «ammonire i peccatori». Dunque la correzione fraterna è al cuore della vita ecclesiale, ed è addirittura indicata come necessaria dalle parole di Gesù, contenute nel vangelo. Ma come praticarla? Innanzitutto prestando attenzione gli uni agli altri, ( Eb,10,24), Ma soltanto se si di guarda con attenzione il Signore, si diventa capaci di accompagnare con cura i fratelli e vedere l’altro nella verità, cercando di discernere il male compiuto, che non coincide mai con la persona (il vecchio detto si deve distinguere il peccato dal peccatore). Correggere dunque è una dimensione della carità cristiana. Non si deve tacere mai di fronte al male. Nel vangelo di Matteo al capitolo 18,15-17 leggiamo alcune indicazioni concrete date da Gesù: la correzione deve avvenire in tre tappe: «fra te e il tuo fratello», affinché il fratello si ravveda e il male non sia conosciuto da altri; poi se necessario la correzione va fatta in due o tre, in modo che chi ha commesso la colpa sia aiutato da più persone a pentirsi, se ciò  non è sufficiente, si faccia ricorso alla correzione in mezzo all’assemblea.

Se no trattalo come un peccatore: cioè vallo a trovare, alloggia presso di lui, mangia con lui e convertilo con il tuo amore, come ha fatto Gesù con pubblicani e peccatori (Mc 2,13-17.). Nel nuovo testamento si chiede piu’ volte di praticare la correzione fraterna (Rm.15,14; 2cor.2,6-8;Tt.3,10-11;), ma si nota quanto sia difficile da attuare. Per correggere è necessaria l’umiltà e amore sincero, mai si deve giudicare come si legge nel testo di Lc 6,37: questo significa non ritenersi mai superiori a colui che si corregge, in quanto siamo tutti fragili e bisognosi del perdono del Signore. Dunque la correzione fraterna è una declinazione della misericordia da vivere nella Chiesa e in mezzo a tutti gli uomini.

- Advertisement -

Francesco Carensi

– See more at: http://www.toscanaoggi.it/Rubriche/Risponde-il-teologo/Il-Vangelo-ci-invita-a-perdonare-ma-anche-ad-ammonire-chi-sbaglia#sthash.RqaLJoFV.dpuf

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
629FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Marconi: L’infanzia di Maria

Wénin: Abramo

Il Padre nostro e la tentazione

Il mio matrimonio è nullo?

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO