8 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Il silenzio della tomba abitata dalla vita

Il silenzio della tomba abitata dalla vita

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

Sabato Santo – C

(Genesi 1,1-2,2; Genesi 22,1-18; Esodo 14,14-15;

Isaia 54,5-14; Isaia 55,1-11; Baruc 3,9-15.32-4,4; Ezechiele 36,16-28; Romani 6,3-11; Luca 24, 1-12)

A  cura di Benito Giorgetta

Il silenzio della tomba abitata dalla vita

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“Il primo giorno della settimana, al mattino presto [ le donne ] si recarono al sepolcro, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono che la pietra era stata rimossa dal sepolcro e, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. Mentre si domandavano che senso avesse tutto questo, ecco due uomini presentarsi a loro in abito sfolgorante. Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea e diceva: “Bisogna che il Figlio dell’uomo sia consegnato in mano ai peccatori, sia crocifisso e risorga il terzo giorno”». Ed esse si ricordarono delle sue parole e, tornate dal sepolcro, annunciarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. Erano Maria Maddalena, Giovanna e Maria madre di Giacomo. Anche le altre, che erano con loro, raccontavano queste cose agli apostoli. Quelle parole parvero a loro come un vaneggiamento e non credevano a esse. Pietro tuttavia si alzò, corse al sepolcro e, chinatosi, vide soltanto i teli. E tornò indietro, pieno di stupore per l’accaduto”.

Il sabato santo è il giorno del silenzio, del raccoglimento, della preghiera. Si fa silenzio per creare l’ambiente interiore più adatto per farsi permeare ed abitare non dalla morte di Cristo ma dai germi di vita che lui è venuto a portare con la sua morte in croce. Silenzio abitato dalla vita che sta per esplodere dopo che il seme caduto in terra, morto, produce vita. Una vita che si rinnova, una vita che apre alla speranza, una vita. La tomba diventa gravida di vita, il silenzio viene infranto dal gorgoglio della vita che rinasce, che si ripropone non come sconfitta, ma trionfante. E’ la morte che muore nella tomba di Cristo.

La liturgia del sabato santo è caratterizzata dalla lunga e suggestiva veglia pasquale ricca di simbologia battesimale  e proposta di rinascita. Il preconio pasquale dona di rivivere la ricchezza di una storia che da cupa diventa radiosa. La via del peccato che ha tracciato l’uomo viene sostituita e redenta dalla morte di Cristo che apre nuovi orizzonti e fa conoscere nuove intensità. La colpa di Adamo è espiata dal Cristo. La morte che del peccato è stata la prima conseguenza nefasta viene addomesticata dalla forza dell’amore di Dio che si fa vittima, che si propone in alternativa dell’uomo disobbediente e ribelle.

Come l’antico popolo fu guidato nel deserto dalla mano di Dio per essere traghettato nella terra del latte e del miele, così, ogni esistenza umana, soprattutto, le più provate, sono sostenute da Dio, affiancate dalle sue premure per trovare una soluzione e per far sperimentare la consolazione di un Dio che si sporca le mani per aiutare sostenere, salvare il suo popolo. Un Dio che serve e non si fa servire, un Dio che si fa ultimo per non lasciare dietro a se nessuno, un Dio che muore perché tutti possano risorgere a vita nuova.

La tomba vuota che ospita Gesù, messa a disposizione da un amico, rimarrà per sempre vuota perché chi vi è stato posto non dimorerà a lungo lì, ma solo il tempo che lui stesso aveva predetto, tre giorni per poi risorgere, rinascere a vita nuova. Tutti coloro che con lui scendono in quella tomba, lì hanno una collocazione provvisoria, anche coloro che in una tomba vi sono stati posti secoli fa. Ascoltiamo il silenzio musicale del sabato santo per esplodere nella gioia della domenica di risurrezione.

 

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il silenzio della tomba abitata dalla vita

  

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

Sabato Santo – C

(Genesi 1,1-2,2; Genesi 22,1-18; Esodo 14,14-15;

Isaia 54,5-14; Isaia 55,1-11; Baruc 3,9-15.32-4,4; Ezechiele 36,16-28; Romani 6,3-11; Luca 24, 1-12)

A  cura di Benito Giorgetta

- Advertisement -

Il silenzio della tomba abitata dalla vita

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“Il primo giorno della settimana, al mattino presto [ le donne ] si recarono al sepolcro, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono che la pietra era stata rimossa dal sepolcro e, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. Mentre si domandavano che senso avesse tutto questo, ecco due uomini presentarsi a loro in abito sfolgorante. Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea e diceva: “Bisogna che il Figlio dell’uomo sia consegnato in mano ai peccatori, sia crocifisso e risorga il terzo giorno”». Ed esse si ricordarono delle sue parole e, tornate dal sepolcro, annunciarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. Erano Maria Maddalena, Giovanna e Maria madre di Giacomo. Anche le altre, che erano con loro, raccontavano queste cose agli apostoli. Quelle parole parvero a loro come un vaneggiamento e non credevano a esse. Pietro tuttavia si alzò, corse al sepolcro e, chinatosi, vide soltanto i teli. E tornò indietro, pieno di stupore per l’accaduto”.

Il sabato santo è il giorno del silenzio, del raccoglimento, della preghiera. Si fa silenzio per creare l’ambiente interiore più adatto per farsi permeare ed abitare non dalla morte di Cristo ma dai germi di vita che lui è venuto a portare con la sua morte in croce. Silenzio abitato dalla vita che sta per esplodere dopo che il seme caduto in terra, morto, produce vita. Una vita che si rinnova, una vita che apre alla speranza, una vita. La tomba diventa gravida di vita, il silenzio viene infranto dal gorgoglio della vita che rinasce, che si ripropone non come sconfitta, ma trionfante. E’ la morte che muore nella tomba di Cristo.

La liturgia del sabato santo è caratterizzata dalla lunga e suggestiva veglia pasquale ricca di simbologia battesimale  e proposta di rinascita. Il preconio pasquale dona di rivivere la ricchezza di una storia che da cupa diventa radiosa. La via del peccato che ha tracciato l’uomo viene sostituita e redenta dalla morte di Cristo che apre nuovi orizzonti e fa conoscere nuove intensità. La colpa di Adamo è espiata dal Cristo. La morte che del peccato è stata la prima conseguenza nefasta viene addomesticata dalla forza dell’amore di Dio che si fa vittima, che si propone in alternativa dell’uomo disobbediente e ribelle.

Come l’antico popolo fu guidato nel deserto dalla mano di Dio per essere traghettato nella terra del latte e del miele, così, ogni esistenza umana, soprattutto, le più provate, sono sostenute da Dio, affiancate dalle sue premure per trovare una soluzione e per far sperimentare la consolazione di un Dio che si sporca le mani per aiutare sostenere, salvare il suo popolo. Un Dio che serve e non si fa servire, un Dio che si fa ultimo per non lasciare dietro a se nessuno, un Dio che muore perché tutti possano risorgere a vita nuova.

La tomba vuota che ospita Gesù, messa a disposizione da un amico, rimarrà per sempre vuota perché chi vi è stato posto non dimorerà a lungo lì, ma solo il tempo che lui stesso aveva predetto, tre giorni per poi risorgere, rinascere a vita nuova. Tutti coloro che con lui scendono in quella tomba, lì hanno una collocazione provvisoria, anche coloro che in una tomba vi sono stati posti secoli fa. Ascoltiamo il silenzio musicale del sabato santo per esplodere nella gioia della domenica di risurrezione.

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
629FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La preghiera, la sete, le radici

Accompagnare gli adulti nella fede

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Liturgia e secolarizzazione

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO