6.8 C
Rome
Mer, 11 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Fede e Devozione Il significato di ogni richiesta che rivolgiamo nel Padre Nostro

Il significato di ogni richiesta che rivolgiamo nel Padre Nostro

La preghiera è un ricordo di Dio, come un risveglio frequente della “memoria del cuore” (CCC 2697).

- Advertisement -

Chiamare Dio “Padre” è un’audacia filiale, ed Egli vuole che siamo audaci

La preghiera è un ricordo di Dio, come un risveglio frequente della “memoria del cuore” (CCC 2697). La preghiera è frutto della vita, è un figlio che parla con il Padre delle stanchezze, delle conquiste e delle frustrazioni, dei motivi di gioia e di tristezza, dei successi e dei fallimenti. L’elemento essenziale per la preghiera è un cuore umile e contrito.

Quando i discepoli hanno chiesto “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1), Gesù ha insegnato loro la preghiera del Padre Nostro. Due evangelisti lo raccontano: Luca in modo più breve con appena 5 richieste (Lc 11,1 segg.), Matteo in modo più esteso con sette richieste (Mt 6,9 segg.). La versione di quest’ultimo è quella che usiamo per la nostra preghiera.

Il Padre Nostro è chiamato preghiera domenicale e preghiera del Signore, perché non è stata composta da mani umane, ma rivelata da Nostro Signore Gesù Cristo. La prima parte del Padre Nostro è in realtà un mettersi alla presenza di Dio nostro Padre, la seconda sono le richieste in relazione alle nostre necessità.

Pregare “Padre Nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo, così in terra” è mettersi alla presenza di Dio Padre per adorarlo, amarlo e benedirlo. Questa prima parte è una lode, una forma di adorazione e una dichiarazione d’amore.

Insegnando agli apostoli a pregare, Gesù inizia con “Padre”. Ciò dimostra che questa parola era già stata elaborata, faceva parte della quotidianità ed era stata interiorizzata. Verbalizza ciò che sentiva la sua filiazione. Chiamare Dio Padre è un’audacia filiale, ed Egli vuole che siamo audaci, perché il figlio non ha misure: egli chiede, implora, piange, grida e scalcia, ma non desiste. Siamo autorizzati da Gesù ad avere quel coraggio, perché non ci stiamo relazionando con un Dio astratto o distante. Gesù stabilisce un rapporto intimo tra noi e il Padre.

“Sia santificato il tuo nome” significa “Sia santificata la tua paternità”. Santificare il nome di Dio è innanzitutto una lode che riconosce Dio come santo. “Venga il tuo regno”, perché il regno è quello di Nostro Signore e siamo chiamati ad anticiparlo, a renderlo presente qui e ora.

La quarta e la quinta richiesta riguardano la nostra vita, a livello di cibo materiale o spirituale o per chiedere la guarigione dal peccato. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” riguarda il cibo, ma non l’accumulo, perché quello che accumuliamo nella nostra dispensa, nella nostra avarizia, è la fame del nostro fratello.

E allora come recitare il Padre Nostro quando tanta gente ha la pancia vuota? Come recitare questa preghiera di fronte a tanto spreco di cibo e a tanto consumismo? Come chiedere il pane quotidiano ed essere idolatri del denaro?

Gesù non ha detto solo “Dacci oggi il nostro pane”, ma ha incluso “quotidiano”. Un grande santo ha detto che dobbiamo chiedere il pane quotidiano per ricordare quanto siamo bisognosi di Dio. Egli ci dà il pane quotidiano come una volta nel deserto ha dato la manna, per mostrare quanto sia misericordioso.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il significato di ogni richiesta che rivolgiamo nel Padre Nostro

La preghiera è un ricordo di Dio, come un risveglio frequente della “memoria del cuore” (CCC 2697).

  

- Advertisement -

Chiamare Dio “Padre” è un’audacia filiale, ed Egli vuole che siamo audaci

La preghiera è un ricordo di Dio, come un risveglio frequente della “memoria del cuore” (CCC 2697). La preghiera è frutto della vita, è un figlio che parla con il Padre delle stanchezze, delle conquiste e delle frustrazioni, dei motivi di gioia e di tristezza, dei successi e dei fallimenti. L’elemento essenziale per la preghiera è un cuore umile e contrito.

Quando i discepoli hanno chiesto “Signore, insegnaci a pregare” (Lc 11,1), Gesù ha insegnato loro la preghiera del Padre Nostro. Due evangelisti lo raccontano: Luca in modo più breve con appena 5 richieste (Lc 11,1 segg.), Matteo in modo più esteso con sette richieste (Mt 6,9 segg.). La versione di quest’ultimo è quella che usiamo per la nostra preghiera.

Il Padre Nostro è chiamato preghiera domenicale e preghiera del Signore, perché non è stata composta da mani umane, ma rivelata da Nostro Signore Gesù Cristo. La prima parte del Padre Nostro è in realtà un mettersi alla presenza di Dio nostro Padre, la seconda sono le richieste in relazione alle nostre necessità.

Pregare “Padre Nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo, così in terra” è mettersi alla presenza di Dio Padre per adorarlo, amarlo e benedirlo. Questa prima parte è una lode, una forma di adorazione e una dichiarazione d’amore.

- Advertisement -

Insegnando agli apostoli a pregare, Gesù inizia con “Padre”. Ciò dimostra che questa parola era già stata elaborata, faceva parte della quotidianità ed era stata interiorizzata. Verbalizza ciò che sentiva la sua filiazione. Chiamare Dio Padre è un’audacia filiale, ed Egli vuole che siamo audaci, perché il figlio non ha misure: egli chiede, implora, piange, grida e scalcia, ma non desiste. Siamo autorizzati da Gesù ad avere quel coraggio, perché non ci stiamo relazionando con un Dio astratto o distante. Gesù stabilisce un rapporto intimo tra noi e il Padre.

“Sia santificato il tuo nome” significa “Sia santificata la tua paternità”. Santificare il nome di Dio è innanzitutto una lode che riconosce Dio come santo. “Venga il tuo regno”, perché il regno è quello di Nostro Signore e siamo chiamati ad anticiparlo, a renderlo presente qui e ora.

La quarta e la quinta richiesta riguardano la nostra vita, a livello di cibo materiale o spirituale o per chiedere la guarigione dal peccato. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” riguarda il cibo, ma non l’accumulo, perché quello che accumuliamo nella nostra dispensa, nella nostra avarizia, è la fame del nostro fratello.

E allora come recitare il Padre Nostro quando tanta gente ha la pancia vuota? Come recitare questa preghiera di fronte a tanto spreco di cibo e a tanto consumismo? Come chiedere il pane quotidiano ed essere idolatri del denaro?

Gesù non ha detto solo “Dacci oggi il nostro pane”, ma ha incluso “quotidiano”. Un grande santo ha detto che dobbiamo chiedere il pane quotidiano per ricordare quanto siamo bisognosi di Dio. Egli ci dà il pane quotidiano come una volta nel deserto ha dato la manna, per mostrare quanto sia misericordioso.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il mondo mistico dell’ebraismo

Lo scandalo della tenerezza

Il Padre nostro e la tentazione

Salire a Gerusalemme

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO