11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaIl segreto di Gesù per vivere in un’epoca convulsa

Il segreto di Gesù per vivere in un’epoca convulsa

- Advertisement -

Lo ignoriamo a nostro rischio e pericolo

Viviamo in un’epoca convulsa. È indubbio.

Nel Vangelo di Matteo, al capitolo 24, Gesù predice la distruzione del Tempio nel 70 d.C., e profetizza anche sulla fine del mondo. Gli studiosi discordano su quale sia l’evento a cui si stava riferendo in punti diversi del testo, ma al di là dei dettagli, in Matteo 24 Gesù parla di ciò che accade nei periodi convulsi, e di come dovrebbero rispondere i cristiani.

Di recente, un versetto di quel capitolo mi ha veramente colpito.

Gesù dice: “Per il dilagare dell’iniquità, l’amore di molti si raffredderà” (Mt 24, 12).

In altre parole, i tempi turbolenti possono far raffreddare la fiamma della carità nel nostro cuore.

Gesù dice poi: “Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato” (Mt 24, 13).

Persevererà in cosa?

Nell’amore.

Chi persevererà nell’amore sarà salvato.

Dio ci chiede, anche in epoche turbolente, divise e difficili, di perseverare nell’amore.

Il fatto che la parola “amore” suoni tanto melensa al giorno d’oggi è opera del demonio. La gente ascolta un’esortazione ad amare e spesso risponde con l’insistenza rabbiosa per cui bisogna avere anche buonsenso. Dobbiamo proteggere noi stessi e i nostri cari. Dobbiamo combattere contro il male e gridare la verità dai tetti.

È vero.

E allora come possiamo capire cos’è il vero amore?

L’amore vero, l’amore agapico, assomiglia a Gesù.

Gesù non era “melenso”. Diceva la verità. Metteva a disagio le persone. Ma mangiava anche con i peccatori e li invitava a seguirlo. Ha interagito e dibattuto con gli scribi e i farisei fino alla fine. Non ha alzato le mani andandosene, né ha tirato loro pietre da lontano. Gesù si avvicinava ai suoi nemici. Non ha gettato la spugna, indipendentemente dalla veemenza o dall’energia con cui non concordava con il punto di vista di un’altra persona.

Gesù si mescolava ai suoi “nemici”. Ha permesso a Giuda di rimanere nella sua cerchia più intima fino al momento del tradimento. Lo ha fatto, presumibilmente, perché è quello che dovrebbe fare un cristiano, ma anche perché voleva mostrarci che il nostro amore avrebbe dovuto estendersi agli altri fino al punto di non ritorno.

Gesù è stato il modello di come rispondere alle difficili realtà implicite nella sua esortazione ad amare i nostri nemici. Lo ha fatto per mostrarci che il nostro amore, radicato nell’amore di Cristo, può avere un ruolo nel trasformare i nemici in amici di Dio.

E poi c’è un’altra ragione collegata per cui Gesù ci dice di amare i nostri nemici…

Gesù ci dice di amare i nostri nemici perché sa che la risposta umana naturale al male e ai tempi turbolenti è il raffreddamento del nostro amore. E più il nostro amore si raffredda, più ci avviciniamo all’inferno, il luogo più lontano dall’amore di Dio.

Quando il nostro amore si raffredda davanti al male, diventiamo il male che odiamo, quello stesso male che Dio odia. Ma Dio non vuole che diventiamo il male che odia, anche se avviene nel processo di lotta contro di esso. Gesù vuole che diventiamo come Lui.

E allora rinfocoliamo la fiamma del nostro amore cristiano facendo esattamente quello che il nostro istinto umano ci dice di non fare: amare i nostri nemici.

Amiamo i nostri nemici anziché permettere al nostro amore di raffreddarsi.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

6 Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
6 Commenti
Più nuovi
Più vecchi Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il segreto di Gesù per vivere in un’epoca convulsa

- Advertisement -

Lo ignoriamo a nostro rischio e pericolo

Viviamo in un’epoca convulsa. È indubbio.

Nel Vangelo di Matteo, al capitolo 24, Gesù predice la distruzione del Tempio nel 70 d.C., e profetizza anche sulla fine del mondo. Gli studiosi discordano su quale sia l’evento a cui si stava riferendo in punti diversi del testo, ma al di là dei dettagli, in Matteo 24 Gesù parla di ciò che accade nei periodi convulsi, e di come dovrebbero rispondere i cristiani.

Di recente, un versetto di quel capitolo mi ha veramente colpito.

Gesù dice: “Per il dilagare dell’iniquità, l’amore di molti si raffredderà” (Mt 24, 12).

- Advertisement -

In altre parole, i tempi turbolenti possono far raffreddare la fiamma della carità nel nostro cuore.

Gesù dice poi: “Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato” (Mt 24, 13).

Persevererà in cosa?

Nell’amore.

Chi persevererà nell’amore sarà salvato.

Dio ci chiede, anche in epoche turbolente, divise e difficili, di perseverare nell’amore.

Il fatto che la parola “amore” suoni tanto melensa al giorno d’oggi è opera del demonio. La gente ascolta un’esortazione ad amare e spesso risponde con l’insistenza rabbiosa per cui bisogna avere anche buonsenso. Dobbiamo proteggere noi stessi e i nostri cari. Dobbiamo combattere contro il male e gridare la verità dai tetti.

È vero.

E allora come possiamo capire cos’è il vero amore?

L’amore vero, l’amore agapico, assomiglia a Gesù.

Gesù non era “melenso”. Diceva la verità. Metteva a disagio le persone. Ma mangiava anche con i peccatori e li invitava a seguirlo. Ha interagito e dibattuto con gli scribi e i farisei fino alla fine. Non ha alzato le mani andandosene, né ha tirato loro pietre da lontano. Gesù si avvicinava ai suoi nemici. Non ha gettato la spugna, indipendentemente dalla veemenza o dall’energia con cui non concordava con il punto di vista di un’altra persona.

Gesù si mescolava ai suoi “nemici”. Ha permesso a Giuda di rimanere nella sua cerchia più intima fino al momento del tradimento. Lo ha fatto, presumibilmente, perché è quello che dovrebbe fare un cristiano, ma anche perché voleva mostrarci che il nostro amore avrebbe dovuto estendersi agli altri fino al punto di non ritorno.

Gesù è stato il modello di come rispondere alle difficili realtà implicite nella sua esortazione ad amare i nostri nemici. Lo ha fatto per mostrarci che il nostro amore, radicato nell’amore di Cristo, può avere un ruolo nel trasformare i nemici in amici di Dio.

E poi c’è un’altra ragione collegata per cui Gesù ci dice di amare i nostri nemici…

Gesù ci dice di amare i nostri nemici perché sa che la risposta umana naturale al male e ai tempi turbolenti è il raffreddamento del nostro amore. E più il nostro amore si raffredda, più ci avviciniamo all’inferno, il luogo più lontano dall’amore di Dio.

Quando il nostro amore si raffredda davanti al male, diventiamo il male che odiamo, quello stesso male che Dio odia. Ma Dio non vuole che diventiamo il male che odia, anche se avviene nel processo di lotta contro di esso. Gesù vuole che diventiamo come Lui.

E allora rinfocoliamo la fiamma del nostro amore cristiano facendo esattamente quello che il nostro istinto umano ci dice di non fare: amare i nostri nemici.

Amiamo i nostri nemici anziché permettere al nostro amore di raffreddarsi.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

6 Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
6 Commenti
Più nuovi
Più vecchi Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Libri consigliati – Dicembre 2018

Il Sacrificio

La speranza di Giobbe

Paolo e il suo Vangelo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
6
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x