14.5 C
Roma
Dom, 25 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia «Il perdono si impara in famiglia»

«Il perdono si impara in famiglia»

- Advertisement -

“Nell’anno della misericordia, ogni famiglia cristiana possa diventare luogo privilegiato in cui si sperimenta la gioia del perdono“. È stata questa la preghiera di Papa Francesco nell’odierna celebrazione del “Giubileo delle famiglie”, primo appuntamento dell’anno santo straordinario.

Pellegrinaggio e vita di tutti i giorni, amore e perdono, momenti di gioia e difficoltà sono stati questi i temi al centro dell’omelia della Messa per le famiglie. Papa Francesco ha ricordato domenica – nel giorno della Festa della Santa Famiglia – il viaggio a Gerusalemme di Maria e Giuseppe con Gesù. “Il pellegrinaggio – ha detto il Papa – non finisce quando si è raggiunta la meta del santuario, ma quando si torna a casa e si riprende la vita di tutti i giorni”.

Nell’omelia, il Papa ha ricordato che “il perdono è l’essenza dell’amore che sa comprendere lo sbaglio e porvi rimedio”.
Secondo Francesco, “è all’interno della famiglia che ci si educa al perdono, perché si ha la certezza di essere capiti e sostenuti nonostante gli sbagli che si possono compiere”.
bambini.jpg

Francesco ha ricordato nella sua omelia l’episodio di Gesù adolescente che si sottrae alla vigilanza dei gernitori per andare nel Tempio a insegnare, “provocando una grande pena a Maria e Giuseppe che non lo trovavano più”. “Per questa sua ‘scappatella’, probabilmente – ha osservato Papa Francesco – anche Gesù dovette chiedere scusa ai suoi genitori. Il Vangelo non lo dice, ma credo che possiamo supporlo. La domanda di Maria, d’altronde, manifesta un certo rimprovero, rendendo evidente la preoccupazione e l’angoscia sua e di Giuseppe”. E così “tornando a casa, Gesù si è stretto certamente a loro, per dimostrare tutto il suo affetto e la sua obbedienza”, ha rilevato Bergoglio spiegando che i problemi e le incomprensioni che tutte le famiglie incontrano si rivelano alla fine, come in questo caso, delle “opportunità”.

“Fanno parte del pellegrinaggio della famiglia anche questi momenti – ha affermato il Papa – che con il Signore si trasformano in opportunità di crescita, in occasione di chiedere perdono e di riceverlo, di dimostrare l’amore e l’obbedienza”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

«Il perdono si impara in famiglia»

  

- Advertisement -

“Nell’anno della misericordia, ogni famiglia cristiana possa diventare luogo privilegiato in cui si sperimenta la gioia del perdono“. È stata questa la preghiera di Papa Francesco nell’odierna celebrazione del “Giubileo delle famiglie”, primo appuntamento dell’anno santo straordinario.

Pellegrinaggio e vita di tutti i giorni, amore e perdono, momenti di gioia e difficoltà sono stati questi i temi al centro dell’omelia della Messa per le famiglie. Papa Francesco ha ricordato domenica – nel giorno della Festa della Santa Famiglia – il viaggio a Gerusalemme di Maria e Giuseppe con Gesù. “Il pellegrinaggio – ha detto il Papa – non finisce quando si è raggiunta la meta del santuario, ma quando si torna a casa e si riprende la vita di tutti i giorni”.

Nell’omelia, il Papa ha ricordato che “il perdono è l’essenza dell’amore che sa comprendere lo sbaglio e porvi rimedio”.
Secondo Francesco, “è all’interno della famiglia che ci si educa al perdono, perché si ha la certezza di essere capiti e sostenuti nonostante gli sbagli che si possono compiere”.
bambini.jpg

Francesco ha ricordato nella sua omelia l’episodio di Gesù adolescente che si sottrae alla vigilanza dei gernitori per andare nel Tempio a insegnare, “provocando una grande pena a Maria e Giuseppe che non lo trovavano più”. “Per questa sua ‘scappatella’, probabilmente – ha osservato Papa Francesco – anche Gesù dovette chiedere scusa ai suoi genitori. Il Vangelo non lo dice, ma credo che possiamo supporlo. La domanda di Maria, d’altronde, manifesta un certo rimprovero, rendendo evidente la preoccupazione e l’angoscia sua e di Giuseppe”. E così “tornando a casa, Gesù si è stretto certamente a loro, per dimostrare tutto il suo affetto e la sua obbedienza”, ha rilevato Bergoglio spiegando che i problemi e le incomprensioni che tutte le famiglie incontrano si rivelano alla fine, come in questo caso, delle “opportunità”.

“Fanno parte del pellegrinaggio della famiglia anche questi momenti – ha affermato il Papa – che con il Signore si trasformano in opportunità di crescita, in occasione di chiedere perdono e di riceverlo, di dimostrare l’amore e l’obbedienza”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Le 110 parabole di papa Francesco

“Beati” nel nostro tempo

Rut, la moabita

La speranza di Giobbe

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x