13.6 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa: tutti peccano spesso di incoerenza, è la preghiera che ci...

Il Papa: tutti peccano spesso di incoerenza, è la preghiera che ci dà nobiltà

“Tutti gli uomini peccano spesso di incoerenza” ma la preghiera dà unità. Tutto, quindi, deve entrare nel dialogo con il Signore, che è “il vero Compagno di cammino dell’uomo” in mezzo alle “mille traversie della vita”.

- Advertisement -

E’ una forte esortazione alla preghiera in qualsiasi circostanza quella che il Papa rivolge all’udienza generale sulle orme della figura di Davide che, santo e peccatore, prega e questa voce che non si spegne mai è il filo rosso della sua esistenza

Debora Donnini – Città del Vaticano

Davide capirà di essere un ammalato di potere che depreda

Da ragazzo viene scelto da Dio per una missione unica, quella di essere Re di Israele, e dalla sua discendenza viene il Messia. Ultimo di molti fratelli, pascolava il gregge sulle colline intorno a Betlemme. Lavorava all’aria aperta e – rileva Francesco – “lo pensiamo amico del vento, dei suoni della natura, dei raggi del sole”. Con la sola compagnia della cetra, passa le lunghe giornate in solitudine cantando a Dio. E’ un pastore che dovrà poi prendersi cura del popolo. Perciò nella Bibbia ricorre l’immagine del “Buon Pastore” che offre la vita per le pecore. Un mestiere, questo, da cui Davide ha imparato molto, tanto che quando Natan gli rinfaccerà il suo peccato – quando fece uccidere Uria l’Ittita per sposarne la moglie Betsabea – “capirà subito di essere stato un cattivo pastore, di aver depredato un altro uomo dell’unica pecora che lui amava, di non essere più un umile servitore, ma un ammalato di potere, un bracconiere che uccide e depreda”.

Quando manca la poesia l’anima zoppica

Davide, poi, non è stato un uomo volgare ma con animo di poeta, amante della musica e del canto, e a volte innalzerà a Dio un inno di gioia, a volte di lamento, altre volte lo farà per confessarsi del proprio peccato. Tanto che la tradizione vuole che “sia il grande artefice della composizione dei salmi” che all’inizio spesso recano un riferimento esplicito al re d’Israele e ad alcune vicende più o meno nobili della sua vita.

Il mondo che si presenta ai suoi occhi non è una scena muta: il suo sguardo coglie, dietro il dipanarsi delle cose, un mistero più grande. La preghiera nasce proprio da lì: dalla convinzione che la vita non è qualcosa che ci scivola addosso, ma un mistero stupefacente, che in noi provoca la poesia, la musica, la gratitudine, la lode, oppure il lamento, la supplica. Quando a una persona manca quella dimensione poetica, diciamo, quando manca la poesia, la sua anima zoppica.

A volte Davide riuscirà a essere all’altezza del suo sogno di essere un buon pastore, altre volte meno ma nel contesto della storia della salvezza è importante “il suo essere profezia di un altre Re, di cui lui è solo annuncio e prefigurazione”.

Vicinanza per terremoto in Messico 

Infine, nei saluti il Papa ha voluto esprimere, in spagnolo, la sua preghiera e vicinanza al Messico, colpito ieri, nella parte meridionale, da un forte terremoto che ha causato vittime.

San Giovanni Battista, sulla concordia la credibilità dell’annuncio

Ha anche ricordato che oggi è la festa della Natività di San Giovanni Battista esortando a  a imparare “da Colui che fu il precursore di Gesù la capacità di testimoniare con coraggio il Vangelo, al di là delle proprie differenze, conservando la concordia e l’amicizia che fondano la credibilità di qualsiasi annuncio di fede”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa: tutti peccano spesso di incoerenza, è la preghiera che ci dà nobiltà

“Tutti gli uomini peccano spesso di incoerenza” ma la preghiera dà unità. Tutto, quindi, deve entrare nel dialogo con il Signore, che è “il vero Compagno di cammino dell’uomo” in mezzo alle “mille traversie della vita”.

- Advertisement -

E’ una forte esortazione alla preghiera in qualsiasi circostanza quella che il Papa rivolge all’udienza generale sulle orme della figura di Davide che, santo e peccatore, prega e questa voce che non si spegne mai è il filo rosso della sua esistenza

Debora Donnini – Città del Vaticano

Davide capirà di essere un ammalato di potere che depreda

Da ragazzo viene scelto da Dio per una missione unica, quella di essere Re di Israele, e dalla sua discendenza viene il Messia. Ultimo di molti fratelli, pascolava il gregge sulle colline intorno a Betlemme. Lavorava all’aria aperta e – rileva Francesco – “lo pensiamo amico del vento, dei suoni della natura, dei raggi del sole”. Con la sola compagnia della cetra, passa le lunghe giornate in solitudine cantando a Dio. E’ un pastore che dovrà poi prendersi cura del popolo. Perciò nella Bibbia ricorre l’immagine del “Buon Pastore” che offre la vita per le pecore. Un mestiere, questo, da cui Davide ha imparato molto, tanto che quando Natan gli rinfaccerà il suo peccato – quando fece uccidere Uria l’Ittita per sposarne la moglie Betsabea – “capirà subito di essere stato un cattivo pastore, di aver depredato un altro uomo dell’unica pecora che lui amava, di non essere più un umile servitore, ma un ammalato di potere, un bracconiere che uccide e depreda”.

Quando manca la poesia l’anima zoppica

- Advertisement -

Davide, poi, non è stato un uomo volgare ma con animo di poeta, amante della musica e del canto, e a volte innalzerà a Dio un inno di gioia, a volte di lamento, altre volte lo farà per confessarsi del proprio peccato. Tanto che la tradizione vuole che “sia il grande artefice della composizione dei salmi” che all’inizio spesso recano un riferimento esplicito al re d’Israele e ad alcune vicende più o meno nobili della sua vita.

Il mondo che si presenta ai suoi occhi non è una scena muta: il suo sguardo coglie, dietro il dipanarsi delle cose, un mistero più grande. La preghiera nasce proprio da lì: dalla convinzione che la vita non è qualcosa che ci scivola addosso, ma un mistero stupefacente, che in noi provoca la poesia, la musica, la gratitudine, la lode, oppure il lamento, la supplica. Quando a una persona manca quella dimensione poetica, diciamo, quando manca la poesia, la sua anima zoppica.

A volte Davide riuscirà a essere all’altezza del suo sogno di essere un buon pastore, altre volte meno ma nel contesto della storia della salvezza è importante “il suo essere profezia di un altre Re, di cui lui è solo annuncio e prefigurazione”.

Vicinanza per terremoto in Messico 

Infine, nei saluti il Papa ha voluto esprimere, in spagnolo, la sua preghiera e vicinanza al Messico, colpito ieri, nella parte meridionale, da un forte terremoto che ha causato vittime.

San Giovanni Battista, sulla concordia la credibilità dell’annuncio

Ha anche ricordato che oggi è la festa della Natività di San Giovanni Battista esortando a  a imparare “da Colui che fu il precursore di Gesù la capacità di testimoniare con coraggio il Vangelo, al di là delle proprie differenze, conservando la concordia e l’amicizia che fondano la credibilità di qualsiasi annuncio di fede”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

I settanta volti della Torah

Lo scandalo della tenerezza

Wénin: Abramo

“Beati” nel nostro tempo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x