18.2 C
Roma
Sab, 24 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa: se la Chiesa non è "in uscita" si ammala

Il Papa: se la Chiesa non è “in uscita” si ammala

"Meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura"

- Advertisement -

Commentando la parabola dei lavoratori chiamati dal padrone della vigna e pagati tutti allo stesso modo, il Papa spiega che Dio dà il massimo della ricompensa anche agli ultimi, come al buon ladrone sulla croce, e che la Chiesa, come Dio, deve essere sempre in uscita: “Meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura”

Emanuela Campanile – Città del Vaticano

“Sentire ogni giorno la gioia e lo stupore di essere chiamati da Dio a lavorare per Lui, nel suo campo che è il mondo, nella sua vigna che è la Chiesa”. In questa preghiera di intercessione a Maria Santissima, Francesco racchiude la bellezza di affidarsi al Signore, e al Suo sorprendente modo di agire. La pagina odierna del Vangelo di Matteo, commentata all’Angelus di oggi, ne è infatti testimonianza. 

Uscire dai confini

Come il padrone della Vigna – che rappresenta Dio –  “esce continuamente alla ricerca delle persone, perché vuole che nessuno sia escluso dal suo disegno d’amore”, così è chiamata a fare la Chiesa, altrimenti si ammala: 

La Chiesa deve essere come Dio: sempre in uscita; e quando la Chiesa non è in uscita, si ammala di tanti mali che abbiamo nella Chiesa. E perché queste malattie, nella Chiesa? Perché non è in uscita. E’ vero che quando uno esce c’è il pericolo di un incidente. Ma è meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura. Dio esce sempre, perché è Padre, perché ama. La Chiesa deve fare lo stesso: sempre in uscita.

Nell’uscire si affrontano rischi e pericoli ma, dice Francesco, “è meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura”.

Lo stile di Dio

Il Papa mette in risalto i “due atteggiamenti” del padrone della vigna che sono, poi, caratteristiche di Dio: 

È toccante l’immagine di questo padrone che esce a più riprese sulla piazza a cercare lavoratori per la sua vigna. Quel padrone rappresenta Dio che chiama tutti e chiama sempre. Dio agisce così anche oggi: continua a chiamare chiunque, a qualsiasi ora, per invitare a lavorare nel suo Regno. Questo è lo stile di Dio, che a nostra volta siamo chiamati a recepire e imitare. 

La ricompensa oltre la logica umana

Il secondo atteggiamento del padrone, spiega il Pontefice, è il modo di ricompensare i lavoratori. Una modalità slegata dalla logica umana “dei meriti acquistati con la propria bravura:

Dio si comporta così: non guarda al tempo e ai risultati, ma alla disponibilità e alla generosità con cui ci mettiamo al suo servizio. Il suo agire è più che giusto, nel senso che va oltre la giustizia e si manifesta nella Grazia. 

Il Signore, infatti, vuole dare a tutti il massimo della ricompensa, “anche a quelli che sono arrivati per ultimi. E qui si capisce che Gesù non sta parlando del lavoro e del giusto salario, ma del Regno di Dio e della bontà del Padre celeste”.

“Sempre Dio paga il massimo: non rimane a metà pagamento. Paga tutto.”

Ecco perchè, chi rimane ancorato alla logica del mondo, da primo si trova ultimo “mentre chi si affida con umiltà alla misericordia del Padre, da ultimo si trova primo”. Donandoci la Grazia, mette in evidenza ancora il Pontefice, “Egli ci elargisce più di quanto noi meritiamo”. La ricompensa di Dio è dunque il nostro tutto, e il notro tutto, “è il suo amore, l’amicizia di Gesù per noi”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Articolo precedenteTempo del Creato
Articolo successivoIl dono del tempo presente
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa: se la Chiesa non è “in uscita” si ammala

"Meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura"

  

- Advertisement -

Commentando la parabola dei lavoratori chiamati dal padrone della vigna e pagati tutti allo stesso modo, il Papa spiega che Dio dà il massimo della ricompensa anche agli ultimi, come al buon ladrone sulla croce, e che la Chiesa, come Dio, deve essere sempre in uscita: “Meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura”

Emanuela Campanile – Città del Vaticano

“Sentire ogni giorno la gioia e lo stupore di essere chiamati da Dio a lavorare per Lui, nel suo campo che è il mondo, nella sua vigna che è la Chiesa”. In questa preghiera di intercessione a Maria Santissima, Francesco racchiude la bellezza di affidarsi al Signore, e al Suo sorprendente modo di agire. La pagina odierna del Vangelo di Matteo, commentata all’Angelus di oggi, ne è infatti testimonianza. 

Uscire dai confini

- Advertisement -

Come il padrone della Vigna – che rappresenta Dio –  “esce continuamente alla ricerca delle persone, perché vuole che nessuno sia escluso dal suo disegno d’amore”, così è chiamata a fare la Chiesa, altrimenti si ammala: 

La Chiesa deve essere come Dio: sempre in uscita; e quando la Chiesa non è in uscita, si ammala di tanti mali che abbiamo nella Chiesa. E perché queste malattie, nella Chiesa? Perché non è in uscita. E’ vero che quando uno esce c’è il pericolo di un incidente. Ma è meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura. Dio esce sempre, perché è Padre, perché ama. La Chiesa deve fare lo stesso: sempre in uscita.

Nell’uscire si affrontano rischi e pericoli ma, dice Francesco, “è meglio una Chiesa incidentata, per uscire, annunziare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura”.

Lo stile di Dio

Il Papa mette in risalto i “due atteggiamenti” del padrone della vigna che sono, poi, caratteristiche di Dio: 

È toccante l’immagine di questo padrone che esce a più riprese sulla piazza a cercare lavoratori per la sua vigna. Quel padrone rappresenta Dio che chiama tutti e chiama sempre. Dio agisce così anche oggi: continua a chiamare chiunque, a qualsiasi ora, per invitare a lavorare nel suo Regno. Questo è lo stile di Dio, che a nostra volta siamo chiamati a recepire e imitare. 

La ricompensa oltre la logica umana

Il secondo atteggiamento del padrone, spiega il Pontefice, è il modo di ricompensare i lavoratori. Una modalità slegata dalla logica umana “dei meriti acquistati con la propria bravura:

Dio si comporta così: non guarda al tempo e ai risultati, ma alla disponibilità e alla generosità con cui ci mettiamo al suo servizio. Il suo agire è più che giusto, nel senso che va oltre la giustizia e si manifesta nella Grazia. 

Il Signore, infatti, vuole dare a tutti il massimo della ricompensa, “anche a quelli che sono arrivati per ultimi. E qui si capisce che Gesù non sta parlando del lavoro e del giusto salario, ma del Regno di Dio e della bontà del Padre celeste”.

“Sempre Dio paga il massimo: non rimane a metà pagamento. Paga tutto.”

Ecco perchè, chi rimane ancorato alla logica del mondo, da primo si trova ultimo “mentre chi si affida con umiltà alla misericordia del Padre, da ultimo si trova primo”. Donandoci la Grazia, mette in evidenza ancora il Pontefice, “Egli ci elargisce più di quanto noi meritiamo”. La ricompensa di Dio è dunque il nostro tutto, e il notro tutto, “è il suo amore, l’amicizia di Gesù per noi”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Articolo precedenteTempo del Creato
Articolo successivoIl dono del tempo presente
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Libri Consigliati – Marzo 2019

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Dell’essere e dell’amore

Libri – Diacone: un dossier di studio

Perché le suore indossano il velo?

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x