Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15.2 C
Roma
Ven, 15 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaIl Papa: per uscire bene dalla pandemia, ricostruire con pazienza e costanza

Il Papa: per uscire bene dalla pandemia, ricostruire con pazienza e costanza

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

All’Angelus, stamani, Francesco ricorda che Dio opera nelle piccole cose e esorta quindi a avere fiducia in Lui. Di fronte alla “crisi della fede” e al fallimento di progetti, “anche nella Chiesa può attecchire la zizzania della sfiducia”, ma i risultati delle azioni dipendono dal Signore

Debora Donnini – Città del Vaticano

Non lasciarsi paralizzare dalla sfiducia, nel vedere in tante situazioni della vita “la debolezza del bene rispetto alla forza apparente del male” o quando constatiamo che nonostante l’impegno, “i risultati non arrivano e le cose sembrano non cambiare mai”. Il cuore dell’esortazione che stamani il Papa rivolge all’Angelus è di avere fiducia in Dio, che opera come “un piccolo seme buono”, e da parte nostra seminare il bene, che “lentamente porta frutto”. Due attitudini fondamentali anche per uscire bene dalla pandemia. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il bene cresce umile e nascosto

Affacciandosi su Piazza San Pietro, Francesco inizia la sua riflessione a partire dalle due Parabole del Vangelo di questa domenica. Gesù, che parlava con immagini della vita quotidiana, paragona il Regno di Dio, “la sua presenza che abita il cuore delle cose e del mondo”, al granello di senape, cioè al seme più piccolo che ci sia: eppure, gettato in terra, esso cresce fino a diventare un albero rigoglioso, che dà ristoro a tutti. Questo è il modo in cui Dio agisce, spiega il Papa. A volte, però, nota, “il frastuono del mondo” e le tante attività quotidiane impediscono di scorgere in quale modo il Signore conduce la storia.

- Advertisement -

Anche il seme delle nostre opere buone può sembrare poca cosa; eppure, tutto ciò che è buono, appartiene a Dio e dunque umilmente, lentamente porta frutto. Il bene – ricordiamolo – cresce sempre in modo umile, in modo nascosto, spesso invisibile.

Dio è sempre all’opera nella storia

Serve, dunque, “uno sguardo nuovo” su noi stessi e sulla realtà per vedere oltre le apparenze e scoprire “la presenza di Dio che come amore umile è sempre all’opera nel terreno della nostra vita e in quello della storia”.

È questa la nostra fiducia, è questo che ci dà forza per andare avanti ogni giorno con pazienza, seminando il bene che porterà frutto. Quant’è importante questo atteggiamento anche per uscire bene dalla pandemia! Coltivare la fiducia di essere nelle mani di Dio e al tempo stesso impegnarci tutti per ricostruire e ricominciare, con pazienza e costanza.

No alla sfiducia

Il Papa avverte che “anche nella Chiesa può attecchire la zizzania della sfiducia, soprattutto – dice – quando assistiamo alla crisi della fede e al fallimento di vari progetti e iniziative”.

Ma non dimentichiamo mai che i risultati della semina non dipendono dalle nostre capacità: dipendono dall’azione di Dio. A noi sta seminare, e seminare con amore, con impegno, e con pazienza. Ma la forza del seme è divina.

Quindi, anche le cose di ogni giorno, “quelle che a volte sembrano tutte uguali e che portiamo avanti con distrazione o fatica, sono abitate dalla presenza nascosta di Dio, cioè hanno un significato”. Servono, rimarca, “occhi attenti”, per saper “cercare e trovare Dio in tutte le cose”, come amava dire Sant’Ignazio di Loyola. E, riprendendo l’altra parabola odierna, quella del contadino che getta il seme e non si rende conto di come porti frutto, perché cresce spontaneamente, sottolinea che “con Dio anche nei terreni più aridi c’è sempre speranza di germogli nuovi”. Maria Santissima, conclude, “ci insegni a vedere la grandezza di Dio che opera nelle piccole cose e a vincere la tentazione dello scoraggiamento, fidiamoci ogni giorno di Lui”.  

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa: per uscire bene dalla pandemia, ricostruire con pazienza e costanza

- Advertisement -

All’Angelus, stamani, Francesco ricorda che Dio opera nelle piccole cose e esorta quindi a avere fiducia in Lui. Di fronte alla “crisi della fede” e al fallimento di progetti, “anche nella Chiesa può attecchire la zizzania della sfiducia”, ma i risultati delle azioni dipendono dal Signore

Debora Donnini – Città del Vaticano

Non lasciarsi paralizzare dalla sfiducia, nel vedere in tante situazioni della vita “la debolezza del bene rispetto alla forza apparente del male” o quando constatiamo che nonostante l’impegno, “i risultati non arrivano e le cose sembrano non cambiare mai”. Il cuore dell’esortazione che stamani il Papa rivolge all’Angelus è di avere fiducia in Dio, che opera come “un piccolo seme buono”, e da parte nostra seminare il bene, che “lentamente porta frutto”. Due attitudini fondamentali anche per uscire bene dalla pandemia. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il bene cresce umile e nascosto

Affacciandosi su Piazza San Pietro, Francesco inizia la sua riflessione a partire dalle due Parabole del Vangelo di questa domenica. Gesù, che parlava con immagini della vita quotidiana, paragona il Regno di Dio, “la sua presenza che abita il cuore delle cose e del mondo”, al granello di senape, cioè al seme più piccolo che ci sia: eppure, gettato in terra, esso cresce fino a diventare un albero rigoglioso, che dà ristoro a tutti. Questo è il modo in cui Dio agisce, spiega il Papa. A volte, però, nota, “il frastuono del mondo” e le tante attività quotidiane impediscono di scorgere in quale modo il Signore conduce la storia.

- Advertisement -

Anche il seme delle nostre opere buone può sembrare poca cosa; eppure, tutto ciò che è buono, appartiene a Dio e dunque umilmente, lentamente porta frutto. Il bene – ricordiamolo – cresce sempre in modo umile, in modo nascosto, spesso invisibile.

Dio è sempre all’opera nella storia

Serve, dunque, “uno sguardo nuovo” su noi stessi e sulla realtà per vedere oltre le apparenze e scoprire “la presenza di Dio che come amore umile è sempre all’opera nel terreno della nostra vita e in quello della storia”.

È questa la nostra fiducia, è questo che ci dà forza per andare avanti ogni giorno con pazienza, seminando il bene che porterà frutto. Quant’è importante questo atteggiamento anche per uscire bene dalla pandemia! Coltivare la fiducia di essere nelle mani di Dio e al tempo stesso impegnarci tutti per ricostruire e ricominciare, con pazienza e costanza.

No alla sfiducia

- Advertisement -

Il Papa avverte che “anche nella Chiesa può attecchire la zizzania della sfiducia, soprattutto – dice – quando assistiamo alla crisi della fede e al fallimento di vari progetti e iniziative”.

Ma non dimentichiamo mai che i risultati della semina non dipendono dalle nostre capacità: dipendono dall’azione di Dio. A noi sta seminare, e seminare con amore, con impegno, e con pazienza. Ma la forza del seme è divina.

Quindi, anche le cose di ogni giorno, “quelle che a volte sembrano tutte uguali e che portiamo avanti con distrazione o fatica, sono abitate dalla presenza nascosta di Dio, cioè hanno un significato”. Servono, rimarca, “occhi attenti”, per saper “cercare e trovare Dio in tutte le cose”, come amava dire Sant’Ignazio di Loyola. E, riprendendo l’altra parabola odierna, quella del contadino che getta il seme e non si rende conto di come porti frutto, perché cresce spontaneamente, sottolinea che “con Dio anche nei terreni più aridi c’è sempre speranza di germogli nuovi”. Maria Santissima, conclude, “ci insegni a vedere la grandezza di Dio che opera nelle piccole cose e a vincere la tentazione dello scoraggiamento, fidiamoci ogni giorno di Lui”.  

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Le lettere di Paolo

Wénin: Abramo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x