26.7 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaIl Papa: non rigidi “custodi della verità” ma annunciatori di Cristo che...

Il Papa: non rigidi “custodi della verità” ma annunciatori di Cristo che libera

- Advertisement -
Dopo il ciclo di catechesi dedicate alla preghiera, stamani Francesco, all’udienza generale nel Cortile di San Damaso, ha iniziato un percorso di riflessione su argomenti importanti per la fede presenti nella Lettera ai Galati, sottolineando l’attualità delle problematiche che incontrarono queste comunità cristiane
Debora Donnini – Città del Vaticano
- Advertisement -
- Advertisement -

Anche oggi, come al tempo di San Paolo, ci sono predicatori che, “soprattutto attraverso i nuovi mezzi di comunicazione”, si presentano per ribadire con insistenza, da veri e propri “custodi della verità”, quale sia il modo migliore per essere cristiani e possono turbare le comunità cristiane. Di fronte a questa realtà, all’udienza generale il Papa ricorda la via da seguire, che è quella di “annunciare il Vangelo di Dio che ama l’uomo in Gesù Crocifisso e Risorto”.

No alla strada di screditare e dividere

Iniziando un nuovo ciclo di catechesi su alcuni temi centrali per la fede presenti nella Lettera ai Galati, Francesco traccia, infatti, un parallelo fra la situazione odierna e quella vissuta dai primi cristiani della Galazia, tanto da sottolineare che sembra un testo scritto per i nostri giorni. San Paolo che ha fondato queste comunità si accorge di “un grande pericolo”. Aveva una preoccupazione pastorale: “il pastore”, nota, “è come il papà o la mamma che subito si accorgono dei pericoli dei figli”. Nelle comunità della zona si erano, infatti, infiltrati alcuni cristiani provenienti dal giudaismo che con astuzia cominciano a seminare teorie contrarie all’insegnamento di san Paolo. Sostenevano che anche i pagani dovevano essere sottoposti alla circoncisione e vivere secondo le regole della legge mosaica. Avrebbero dovuto, dunque, rinunciare alla loro identità culturale per assoggettarsi a prescrizioni e usanze tipiche degli ebrei.

Questi avversari di Paolo giunsero perfino a sostenere che non fosse un vero apostolo e non avesse alcuna autorità per predicare il Vangelo. “Incominciano con la dottrina ‘no, questa sì’, e poi denigrano l’Apostolo. È la strada di sempre: togliere l’autorità all’Apostolo”, evidenzia. “Come si vede – ribadisce –  è una pratica antica quella di presentarsi in alcune occasioni come gli unici possessori della verità e puntare a sminuire anche con la calunnia il lavoro svolto dagli altri”.

E tante volte noi vediamo questo. Pensiamo in qualche comunità cristiana o in qualche diocesi: si incominciano le storie e poi finiscono per screditare il parroco, il vescovo. È proprio la strada del maligno, di questa gente che divide, che non sa costruire. E in questa Lettera ai Galati vediamo questa procedura.

La rigidità

Per i Galati l’incontro con Cristo era stato davvero l’inizio di una vita nuova, con un percorso che “permetteva loro di essere finalmente liberi, nonostante la loro storia fosse intessuta da tante forme di violenta schiavitù, non da ultimo quella che li sottometteva all’imperatore di Roma”. I Galati, dunque, si trovavano in una situazione di crisi sentendosi incerti su come comportarsi: dovevano “seguire quanto Paolo aveva loro predicato, oppure dare retta ai nuovi predicatori che lo accusavano?”. La posta in gioco era grande. Di fronte a tali critiche si sentivano smarriti come può accadere anche a tanti cristiani dei nostri giorni. Anche oggi, infatti, ci sono predicatori che “con forza affermano che il cristianesimo vero è quello a cui sono legati loro, spesso identificato con certe forme del passato, e che la soluzione alle crisi odierne è ritornare indietro per non perdere la genuinità della fede”.

- Advertisement -

Anche oggi, come allora, c’è insomma la tentazione di rinchiudersi in alcune certezze acquisite in tradizioni passate. Ma come possiamo riconoscere questa gente? Per esempio, una delle tracce del modo di procedere è la rigidità. Davanti alla predicazione del Vangelo che ci fa liberi, ci fa gioiosi, questi sono dei rigidi. Sempre la rigidità: si deve far questo, si deve fare quell’altro … La rigidità è proprio di questa gente.

Seguire la via della mitezza consapevoli che lo Spirito Santo opera

L’invito del Papa è a seguire l’insegnamento dell’Apostolo Paolo nella Lettera ai Galati: comprendere quale strada seguire in un’opera in cui fondamentale è l’azione dello Spirito Santo.

Quella indicata dall’Apostolo è la via liberante e sempre nuova di Gesù Crocifisso e Risorto; è la via dell’annuncio, che si realizza attraverso l’umiltà e la fraternità; i nuovi predicatori non conoscono cosa sia umiltà, cosa sia fraternità; è la via della fiducia mite e obbediente; i nuovi predicatori non conoscono la mitezza né l’obbedienza. E questa via mite e obbediente va avanti nella certezza che lo Spirito Santo opera in ogni epoca della Chiesa. In ultima istanza, la fede nello Spirito Santo presente nella Chiesa, ci porta avanti e ci salverà.

La prima evangelizzazione: fare piccole comunità

A proposito della Lettera ai Galati, Papa Francesco parla come di un testo decisivo per considerare alcuni argomenti centrali per la fede affrontati da San Paolo, come quelli della libertà, della grazia e del modo di vivere cristiano, “che – rimarca il Papa – sono estremamente attuali perché toccano tanti aspetti della vita della Chiesa dei nostri giorni”. Vi sono presenti anche cenni biografici della vita dell’apostolo che permettono di conoscere la storia della sua conversione, ma anche la grande opera di evangelizzazione messa da lui in atto che almeno per due volte aveva visitato le comunità della Galazia durante i suoi viaggi missionari. Non si sa di preciso a quale zona geografica si riferisca, né si può affermare con certezza la data in cui scrisse questa Lettera. Quello che si conosce è che i Galati fossero un’antica popolazione celtica che, attraverso tante peripezie, si erano stabiliti in quella estesa regione dell’Anatolia che aveva il capoluogo nella città di Ancyra, oggi Ankara, la capitale della Turchia. Con la sua indefessa opera evangelizzatrice, Paolo, dunque, era riuscito a fondare delle comunità. Quando arrivava in una città, infatti, “non faceva subito una grande cattedrale”, rimarca il Papa,  ma “piccole comunità che sono il lievito della nostra cultura cristiana di oggi”.

Queste piccole comunità crescevano, crescevano e andavano avanti. Anche oggi questo metodo pastorale si fa in ogni regione missionaria. Ho ricevuto una lettera, la settimana scorsa, di un missionario della Papua Nuova Guinea; mi dice che sta predicando il Vangelo nella selva, alla gente che non conosce neppure chi fosse Gesù Cristo. È bello, eh! Si iniziano a fare le piccole comunità. Anche oggi questo metodo è il metodo evangelizzatore della prima evangelizzazione.

San Paolo, poi, riferisce soltanto che, a causa di una malattia, fu costretto a fermarsi in quella regione mentre San Luca, negli Atti degli Apostoli, afferma che lo Spirito Santo aveva impedito di proclamare la Parola nella provincia di Asia. “I due fatti non sono in contraddizione” nota Francesco, perché “indicano piuttosto che la via dell’evangelizzazione non dipende sempre dalla nostra volontà e dai nostri progetti, ma richiede la disponibilità a lasciarsi plasmare e a seguire altri percorsi che non erano previsti”. In proposito il Papa ricorda che fra coloro che lo hanno salutato c’era una famiglia “che deve imparare il lettone” perché andranno in missione in quelle terre. “E lo Spirito li porta anche oggi; tanti missionari che lasciano la patria e vanno in un’altra terra a dare la missione”.

Il Papa ricorda l’incendio a Nowa Biała

Nel saluto ai fedeli di lingua polacca, il Papa si è unito nella preghiera a coloro che sabato scorso, a Nowa Biała, hanno subito un grande incendio. “Grazie a Dio non ci sono stati morti”, dice, chiedendo “la grazia della consolazione, del sostegno e della solidarietà umana per coloro che hanno perso le case e le proprietà”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa: non rigidi “custodi della verità” ma annunciatori di Cristo che libera

- Advertisement -
Dopo il ciclo di catechesi dedicate alla preghiera, stamani Francesco, all’udienza generale nel Cortile di San Damaso, ha iniziato un percorso di riflessione su argomenti importanti per la fede presenti nella Lettera ai Galati, sottolineando l’attualità delle problematiche che incontrarono queste comunità cristiane
Debora Donnini – Città del Vaticano

Anche oggi, come al tempo di San Paolo, ci sono predicatori che, “soprattutto attraverso i nuovi mezzi di comunicazione”, si presentano per ribadire con insistenza, da veri e propri “custodi della verità”, quale sia il modo migliore per essere cristiani e possono turbare le comunità cristiane. Di fronte a questa realtà, all’udienza generale il Papa ricorda la via da seguire, che è quella di “annunciare il Vangelo di Dio che ama l’uomo in Gesù Crocifisso e Risorto”.

No alla strada di screditare e dividere

Iniziando un nuovo ciclo di catechesi su alcuni temi centrali per la fede presenti nella Lettera ai Galati, Francesco traccia, infatti, un parallelo fra la situazione odierna e quella vissuta dai primi cristiani della Galazia, tanto da sottolineare che sembra un testo scritto per i nostri giorni. San Paolo che ha fondato queste comunità si accorge di “un grande pericolo”. Aveva una preoccupazione pastorale: “il pastore”, nota, “è come il papà o la mamma che subito si accorgono dei pericoli dei figli”. Nelle comunità della zona si erano, infatti, infiltrati alcuni cristiani provenienti dal giudaismo che con astuzia cominciano a seminare teorie contrarie all’insegnamento di san Paolo. Sostenevano che anche i pagani dovevano essere sottoposti alla circoncisione e vivere secondo le regole della legge mosaica. Avrebbero dovuto, dunque, rinunciare alla loro identità culturale per assoggettarsi a prescrizioni e usanze tipiche degli ebrei.

Questi avversari di Paolo giunsero perfino a sostenere che non fosse un vero apostolo e non avesse alcuna autorità per predicare il Vangelo. “Incominciano con la dottrina ‘no, questa sì’, e poi denigrano l’Apostolo. È la strada di sempre: togliere l’autorità all’Apostolo”, evidenzia. “Come si vede – ribadisce –  è una pratica antica quella di presentarsi in alcune occasioni come gli unici possessori della verità e puntare a sminuire anche con la calunnia il lavoro svolto dagli altri”.

E tante volte noi vediamo questo. Pensiamo in qualche comunità cristiana o in qualche diocesi: si incominciano le storie e poi finiscono per screditare il parroco, il vescovo. È proprio la strada del maligno, di questa gente che divide, che non sa costruire. E in questa Lettera ai Galati vediamo questa procedura.

La rigidità

Per i Galati l’incontro con Cristo era stato davvero l’inizio di una vita nuova, con un percorso che “permetteva loro di essere finalmente liberi, nonostante la loro storia fosse intessuta da tante forme di violenta schiavitù, non da ultimo quella che li sottometteva all’imperatore di Roma”. I Galati, dunque, si trovavano in una situazione di crisi sentendosi incerti su come comportarsi: dovevano “seguire quanto Paolo aveva loro predicato, oppure dare retta ai nuovi predicatori che lo accusavano?”. La posta in gioco era grande. Di fronte a tali critiche si sentivano smarriti come può accadere anche a tanti cristiani dei nostri giorni. Anche oggi, infatti, ci sono predicatori che “con forza affermano che il cristianesimo vero è quello a cui sono legati loro, spesso identificato con certe forme del passato, e che la soluzione alle crisi odierne è ritornare indietro per non perdere la genuinità della fede”.

- Advertisement -

Anche oggi, come allora, c’è insomma la tentazione di rinchiudersi in alcune certezze acquisite in tradizioni passate. Ma come possiamo riconoscere questa gente? Per esempio, una delle tracce del modo di procedere è la rigidità. Davanti alla predicazione del Vangelo che ci fa liberi, ci fa gioiosi, questi sono dei rigidi. Sempre la rigidità: si deve far questo, si deve fare quell’altro … La rigidità è proprio di questa gente.

Seguire la via della mitezza consapevoli che lo Spirito Santo opera

L’invito del Papa è a seguire l’insegnamento dell’Apostolo Paolo nella Lettera ai Galati: comprendere quale strada seguire in un’opera in cui fondamentale è l’azione dello Spirito Santo.

Quella indicata dall’Apostolo è la via liberante e sempre nuova di Gesù Crocifisso e Risorto; è la via dell’annuncio, che si realizza attraverso l’umiltà e la fraternità; i nuovi predicatori non conoscono cosa sia umiltà, cosa sia fraternità; è la via della fiducia mite e obbediente; i nuovi predicatori non conoscono la mitezza né l’obbedienza. E questa via mite e obbediente va avanti nella certezza che lo Spirito Santo opera in ogni epoca della Chiesa. In ultima istanza, la fede nello Spirito Santo presente nella Chiesa, ci porta avanti e ci salverà.

La prima evangelizzazione: fare piccole comunità

A proposito della Lettera ai Galati, Papa Francesco parla come di un testo decisivo per considerare alcuni argomenti centrali per la fede affrontati da San Paolo, come quelli della libertà, della grazia e del modo di vivere cristiano, “che – rimarca il Papa – sono estremamente attuali perché toccano tanti aspetti della vita della Chiesa dei nostri giorni”. Vi sono presenti anche cenni biografici della vita dell’apostolo che permettono di conoscere la storia della sua conversione, ma anche la grande opera di evangelizzazione messa da lui in atto che almeno per due volte aveva visitato le comunità della Galazia durante i suoi viaggi missionari. Non si sa di preciso a quale zona geografica si riferisca, né si può affermare con certezza la data in cui scrisse questa Lettera. Quello che si conosce è che i Galati fossero un’antica popolazione celtica che, attraverso tante peripezie, si erano stabiliti in quella estesa regione dell’Anatolia che aveva il capoluogo nella città di Ancyra, oggi Ankara, la capitale della Turchia. Con la sua indefessa opera evangelizzatrice, Paolo, dunque, era riuscito a fondare delle comunità. Quando arrivava in una città, infatti, “non faceva subito una grande cattedrale”, rimarca il Papa,  ma “piccole comunità che sono il lievito della nostra cultura cristiana di oggi”.

Queste piccole comunità crescevano, crescevano e andavano avanti. Anche oggi questo metodo pastorale si fa in ogni regione missionaria. Ho ricevuto una lettera, la settimana scorsa, di un missionario della Papua Nuova Guinea; mi dice che sta predicando il Vangelo nella selva, alla gente che non conosce neppure chi fosse Gesù Cristo. È bello, eh! Si iniziano a fare le piccole comunità. Anche oggi questo metodo è il metodo evangelizzatore della prima evangelizzazione.

- Advertisement -

San Paolo, poi, riferisce soltanto che, a causa di una malattia, fu costretto a fermarsi in quella regione mentre San Luca, negli Atti degli Apostoli, afferma che lo Spirito Santo aveva impedito di proclamare la Parola nella provincia di Asia. “I due fatti non sono in contraddizione” nota Francesco, perché “indicano piuttosto che la via dell’evangelizzazione non dipende sempre dalla nostra volontà e dai nostri progetti, ma richiede la disponibilità a lasciarsi plasmare e a seguire altri percorsi che non erano previsti”. In proposito il Papa ricorda che fra coloro che lo hanno salutato c’era una famiglia “che deve imparare il lettone” perché andranno in missione in quelle terre. “E lo Spirito li porta anche oggi; tanti missionari che lasciano la patria e vanno in un’altra terra a dare la missione”.

Il Papa ricorda l’incendio a Nowa Biała

Nel saluto ai fedeli di lingua polacca, il Papa si è unito nella preghiera a coloro che sabato scorso, a Nowa Biała, hanno subito un grande incendio. “Grazie a Dio non ci sono stati morti”, dice, chiedendo “la grazia della consolazione, del sostegno e della solidarietà umana per coloro che hanno perso le case e le proprietà”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x