33.1 C
Roma
Gio, 13 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa: non a caccia dei difetti degli altri ma imitare la...

Il Papa: non a caccia dei difetti degli altri ma imitare la pazienza del Signore

E' la strada che il Papa indica stamani all’Angelus

- Advertisement -

L’azione dei discepoli dev’essere rivolta “non a sopprimere i malvagi, ma a salvarli”. E’ la strada che il Papa indica stamani all’Angelus, ricordando che non si tratta di tolleranza ipocrita ma di giustizia mitigata dalla misericordia

Debora Donnini – Città del Vaticano

“Il buon seme e la zizzania rappresentano non il bene e il male in astratto”, ma “noi esseri umani, che possiamo seguire Dio oppure il diavolo”. È con estrema chiarezza che il Papa all’Angelus commenta la parabola del Vangelo odierno sul buon grano seminato da Dio nel campo dove il diavolo, poi, nell’oscurità della notte, semina la zizzania. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Non tolleranza ipocrita ma giustizia mitigata dalla misericordia

Il suo invito è ad assumere lo stesso sguardo del Signore, che sa custodire il buon grano anche fra le erbe nocive mentre i servi vorrebbero subito strapparle via.

Il male, certo, va rigettato, ma i malvagi sono persone con cui bisogna usare pazienza. Non si tratta di quella tolleranza ipocrita che nasconde ambiguità, ma della giustizia mitigata dalla misericordia. Se Gesù è venuto a cercare i peccatori più che i giusti, a curare i malati prima ancora che i sani, anche l’azione di noi suoi discepoli dev’essere rivolta non a sopprimere i malvagi, ma a salvarli. E lì, la pazienza.

Riconoscere il bene che cresce silenziosamente 

Il padrone è più saggio: si rischierebbe a strappare via il grano assieme alla zizzania. Bisogna invece aspettare la mietitura e il Papa nota che, quindi, è anche un racconto di buon senso. I servi devono saper attendere perché “la sopportazione delle persecuzioni e delle ostilità fa parte della vocazione cristiana”. Si tratta di due modi di abitare la storia che il Vangelo di oggi presenta: “da una parte, lo sguardo del padroneche vede lontano; dall’altra, lo sguardo dei serviche vedono il problema”. “Ai servi – dice Francesco – sta a cuore un campo senza erbacce, al padrone il buon grano”.

Non collabora bene con Dio chi si mette a caccia dei limiti e dei difetti degli altri, ma piuttosto chi sa riconoscere il bene che cresce silenziosamente nel campo della Chiesa e della storia, coltivandolo fino alla maturazione. E allora sarà Dio, e solo Lui, a premiare i buoni e punire i malvagi. La Vergine Maria ci aiuti a comprendere e imitare la pazienza di Dio, il quale vuole che nessuno si perda dei suoi figli, che Egli ama con amore di Padre.

La tentazione di chiaccherare per distruggere gli altri

Il Papa ricorda quindi quale sia l’effetto del seminare zizzania:

Tante volte, abbiamo sentito che una famiglia che era in pace, poi cominciarono le guerre, le invidie … un quartiere che era in pace, poi incominciarono cose brutte … E noi siamo abituati a dire: “Eh, qualcuno è venuto lì a seminare zizzania”, o “questa persona della famiglia, con le chiacchiere, semina zizzania”. E’ sempre seminare il male che distrugge. E questo lo fa sempre il diavolo o la tentazione nostra: quando cadiamo nella tentazione di chiacchierare per distruggere gli altri.

La parabola narrata da Gesù richiama una visione della storia in cui accanto al padrone del campo, Dio, che sparge solo semente buona, c’è l’avversario, il diavolo che con la zizzania vuole ostacolare la crescita del grano e opera per invidia, ostilità, desiderando di rovinare tutto. “Il suo intento – rimarca il Papa –  è quello di intralciare l’opera della salvezza, far sì che il Regno di Dio sia ostacolato da operatori iniqui, seminatori di scandali”.

Dopo la preghiera mariana, il Papa ha rinnovato “l’appello a un cessate-il-fuoco globale e immediato”. In particolare, ha detto di seguire “con preoccupazione il riacuirsi nei giorni scorsi delle tensioni armate nella regione del Caucaso tra Armenia e Azerbaigian” auspicando una soluzione pacifica duratura.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa: non a caccia dei difetti degli altri ma imitare la pazienza del Signore

E' la strada che il Papa indica stamani all’Angelus

  

- Advertisement -

L’azione dei discepoli dev’essere rivolta “non a sopprimere i malvagi, ma a salvarli”. E’ la strada che il Papa indica stamani all’Angelus, ricordando che non si tratta di tolleranza ipocrita ma di giustizia mitigata dalla misericordia

Debora Donnini – Città del Vaticano

“Il buon seme e la zizzania rappresentano non il bene e il male in astratto”, ma “noi esseri umani, che possiamo seguire Dio oppure il diavolo”. È con estrema chiarezza che il Papa all’Angelus commenta la parabola del Vangelo odierno sul buon grano seminato da Dio nel campo dove il diavolo, poi, nell’oscurità della notte, semina la zizzania. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Non tolleranza ipocrita ma giustizia mitigata dalla misericordia

Il suo invito è ad assumere lo stesso sguardo del Signore, che sa custodire il buon grano anche fra le erbe nocive mentre i servi vorrebbero subito strapparle via.

- Advertisement -

Il male, certo, va rigettato, ma i malvagi sono persone con cui bisogna usare pazienza. Non si tratta di quella tolleranza ipocrita che nasconde ambiguità, ma della giustizia mitigata dalla misericordia. Se Gesù è venuto a cercare i peccatori più che i giusti, a curare i malati prima ancora che i sani, anche l’azione di noi suoi discepoli dev’essere rivolta non a sopprimere i malvagi, ma a salvarli. E lì, la pazienza.

Riconoscere il bene che cresce silenziosamente 

Il padrone è più saggio: si rischierebbe a strappare via il grano assieme alla zizzania. Bisogna invece aspettare la mietitura e il Papa nota che, quindi, è anche un racconto di buon senso. I servi devono saper attendere perché “la sopportazione delle persecuzioni e delle ostilità fa parte della vocazione cristiana”. Si tratta di due modi di abitare la storia che il Vangelo di oggi presenta: “da una parte, lo sguardo del padroneche vede lontano; dall’altra, lo sguardo dei serviche vedono il problema”. “Ai servi – dice Francesco – sta a cuore un campo senza erbacce, al padrone il buon grano”.

Non collabora bene con Dio chi si mette a caccia dei limiti e dei difetti degli altri, ma piuttosto chi sa riconoscere il bene che cresce silenziosamente nel campo della Chiesa e della storia, coltivandolo fino alla maturazione. E allora sarà Dio, e solo Lui, a premiare i buoni e punire i malvagi. La Vergine Maria ci aiuti a comprendere e imitare la pazienza di Dio, il quale vuole che nessuno si perda dei suoi figli, che Egli ama con amore di Padre.

La tentazione di chiaccherare per distruggere gli altri

Il Papa ricorda quindi quale sia l’effetto del seminare zizzania:

Tante volte, abbiamo sentito che una famiglia che era in pace, poi cominciarono le guerre, le invidie … un quartiere che era in pace, poi incominciarono cose brutte … E noi siamo abituati a dire: “Eh, qualcuno è venuto lì a seminare zizzania”, o “questa persona della famiglia, con le chiacchiere, semina zizzania”. E’ sempre seminare il male che distrugge. E questo lo fa sempre il diavolo o la tentazione nostra: quando cadiamo nella tentazione di chiacchierare per distruggere gli altri.

La parabola narrata da Gesù richiama una visione della storia in cui accanto al padrone del campo, Dio, che sparge solo semente buona, c’è l’avversario, il diavolo che con la zizzania vuole ostacolare la crescita del grano e opera per invidia, ostilità, desiderando di rovinare tutto. “Il suo intento – rimarca il Papa –  è quello di intralciare l’opera della salvezza, far sì che il Regno di Dio sia ostacolato da operatori iniqui, seminatori di scandali”.

Dopo la preghiera mariana, il Papa ha rinnovato “l’appello a un cessate-il-fuoco globale e immediato”. In particolare, ha detto di seguire “con preoccupazione il riacuirsi nei giorni scorsi delle tensioni armate nella regione del Caucaso tra Armenia e Azerbaigian” auspicando una soluzione pacifica duratura.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
626FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Fusco: La gioia dell’ascolto

Le lettere di Paolo

Un solo Libro, due eredi

Libri consigliati – Ottobre 2018

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO