8.9 C
Rome
Mar, 10 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa: no a cultura "usa e getta", l’economia torni ad un...

Il Papa: no a cultura “usa e getta”, l’economia torni ad un approccio etico

Papa Francesco chiede un profondo rinnovamento dei cuori e delle menti

- Advertisement -

All’udienza al Consiglio per un capitalismo inclusivo, Papa Francesco chiede un profondo rinnovamento dei cuori e delle menti per mettere la persona al centro della vita economica, perché non si tratta solo di “avere di più” ma di “essere di più”

Debora Donnini – Città del Vaticano

In un mondo dove aumentano i livelli di povertà su scala globale e prevale la disuguaglianza, è urgente puntare ad un sistema economico giusto, in grado di rispondere alle sfide più radicali che si trovano davanti l’umanità e il pianeta. Lo sottolinea il Papa ricevendo stamani in Vaticano i membri del Consiglio per un Capitalismo Inclusivo, che costituisce uno dei risultati del Fortune – Time Global Forum del 2016, avendo raccolto la sfida a ridurre il divario che separa la maggior parte delle persone dalla prosperità di cui pochi godono. Proprio tre anni fa, lui stesso aveva infatti ricevuto in udienza i partecipanti a quell’incontro, ricorda dopo aver ringraziato il cardinale Peter Turkson e quattro persone intervenute prima del suo discorso. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Conversione a modelli di generosità

L’attività imprenditoriale è parte imprescindibile del servizio al bene comune specialmente se comprende la creazione di posti di lavoro ma, come ricordava San Paolo VI, non può limitarsi alla crescita economica: deve anche favorire la promozione di “ogni uomo e di tutto l’uomo”. Questo significa, dice Papa Francesco, molto più che “far quadrare i bilanci, migliorare le infrastrutture o offrire una più ampia varietà di beni di consumo”: comporta una conversione a rafforzare modelli economici basati sulla nostra generosità verso i bisognosi.

Un sistema economico privo di preoccupazioni etiche non conduce a un ordine sociale più giusto, ma porta invece a una cultura “usa e getta” dei consumi e dei rifiuti. Al contrario, quando riconosciamo la dimensione morale della vita economica, che è uno dei tanti aspetti della dottrina sociale della Chiesa che dev’essere pienamente rispettata, siamo in grado di agire con carità fraterna, desiderando, ricercando e proteggendo il bene degli altri e il loro sviluppo integrale.

Rendere i beni accessibili a tutti

L’incoraggiamento del Papa al Consiglio è quindi quello di perseverare lungo “il cammino della generosa solidarietà e a lavorare per il ritorno dell’economia e della finanza a un approccio etico che favorisca gli esseri umani”.  E’ stata proprio la crisi finanziaria che ha investito il mondo nel 2008, a mostrare che “un sistema economico sano non può essere basato su profitti a breve termine”, a spese di investimenti produttivi, sostenibili e socialmente responsabili a lungo termine, sottolinea il Papa. Gli sforzi di questo Consiglio per un capitalismo inclusivo ricordano, poi, la chiamata a servire il bene comune cercando di aumentare i beni di questo mondo e di renderli più accessibili a tutti.

In definitiva, non si tratta semplicemente di “avere di più”, ma di “essere di più”. Ciò che occorre è un profondo rinnovamento dei cuori e delle menti così che la persona umana possa essere sempre posta al centro della vita sociale, culturale ed economica.

“La vostra presenza qui è quindi un segno di speranza”, conclude il Papa esprimendo gratitudine per l’impegno a promuovere un’economia più giusta ed umana per costruire un mondo migliore, tenendo conto dell’intera persona e delle future generazioni, perché un capitalismo inclusivo, che non scarta nessuno, è una nobile aspirazione, degna di sforzi.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa: no a cultura “usa e getta”, l’economia torni ad un approccio etico

Papa Francesco chiede un profondo rinnovamento dei cuori e delle menti

  

- Advertisement -

All’udienza al Consiglio per un capitalismo inclusivo, Papa Francesco chiede un profondo rinnovamento dei cuori e delle menti per mettere la persona al centro della vita economica, perché non si tratta solo di “avere di più” ma di “essere di più”

Debora Donnini – Città del Vaticano

In un mondo dove aumentano i livelli di povertà su scala globale e prevale la disuguaglianza, è urgente puntare ad un sistema economico giusto, in grado di rispondere alle sfide più radicali che si trovano davanti l’umanità e il pianeta. Lo sottolinea il Papa ricevendo stamani in Vaticano i membri del Consiglio per un Capitalismo Inclusivo, che costituisce uno dei risultati del Fortune – Time Global Forum del 2016, avendo raccolto la sfida a ridurre il divario che separa la maggior parte delle persone dalla prosperità di cui pochi godono. Proprio tre anni fa, lui stesso aveva infatti ricevuto in udienza i partecipanti a quell’incontro, ricorda dopo aver ringraziato il cardinale Peter Turkson e quattro persone intervenute prima del suo discorso. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Conversione a modelli di generosità

L’attività imprenditoriale è parte imprescindibile del servizio al bene comune specialmente se comprende la creazione di posti di lavoro ma, come ricordava San Paolo VI, non può limitarsi alla crescita economica: deve anche favorire la promozione di “ogni uomo e di tutto l’uomo”. Questo significa, dice Papa Francesco, molto più che “far quadrare i bilanci, migliorare le infrastrutture o offrire una più ampia varietà di beni di consumo”: comporta una conversione a rafforzare modelli economici basati sulla nostra generosità verso i bisognosi.

- Advertisement -

Un sistema economico privo di preoccupazioni etiche non conduce a un ordine sociale più giusto, ma porta invece a una cultura “usa e getta” dei consumi e dei rifiuti. Al contrario, quando riconosciamo la dimensione morale della vita economica, che è uno dei tanti aspetti della dottrina sociale della Chiesa che dev’essere pienamente rispettata, siamo in grado di agire con carità fraterna, desiderando, ricercando e proteggendo il bene degli altri e il loro sviluppo integrale.

Rendere i beni accessibili a tutti

L’incoraggiamento del Papa al Consiglio è quindi quello di perseverare lungo “il cammino della generosa solidarietà e a lavorare per il ritorno dell’economia e della finanza a un approccio etico che favorisca gli esseri umani”.  E’ stata proprio la crisi finanziaria che ha investito il mondo nel 2008, a mostrare che “un sistema economico sano non può essere basato su profitti a breve termine”, a spese di investimenti produttivi, sostenibili e socialmente responsabili a lungo termine, sottolinea il Papa. Gli sforzi di questo Consiglio per un capitalismo inclusivo ricordano, poi, la chiamata a servire il bene comune cercando di aumentare i beni di questo mondo e di renderli più accessibili a tutti.

In definitiva, non si tratta semplicemente di “avere di più”, ma di “essere di più”. Ciò che occorre è un profondo rinnovamento dei cuori e delle menti così che la persona umana possa essere sempre posta al centro della vita sociale, culturale ed economica.

“La vostra presenza qui è quindi un segno di speranza”, conclude il Papa esprimendo gratitudine per l’impegno a promuovere un’economia più giusta ed umana per costruire un mondo migliore, tenendo conto dell’intera persona e delle future generazioni, perché un capitalismo inclusivo, che non scarta nessuno, è una nobile aspirazione, degna di sforzi.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO