18 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa: “Nella comunione Dio incontra la nostra fragilità”

Il Papa: “Nella comunione Dio incontra la nostra fragilità”

- Advertisement -
 
All’udienza Francesco prosegue il ciclo di catechesi sulla Eucarestia: non è «spettacolo» o «museo» ma «incontro vivo» con il Signore, per prepararsi serve silenzio, non chiacchiere

«Quando faccio la comunione nella messa il Signore incontra la mia fragilità»: lo ha detto il Papa in un passaggio della catechesi dell’udienza generale, proseguendo un nuovo ciclo, iniziato la settimana scorsa, dedicato a riscoprire il significato della messa e dell’Eucaristia. Francesco ha sottolineato che la messa «non è uno spettacolo o un museo» ma un «incontro vivo» con il Signore, che va preparato raccogliendosi in silenzio, non chiacchierando con chi ci siede accanto», e che la preghiera è «fidarsi, aprire il cuore per lasciarsi meravigliare» da Dio, non parlargli «come fanno i pappagalli». 

 

«Per comprendere la bellezza della celebrazione eucaristica desidero iniziare con un aspetto molto semplice», ha esordito il Papa: «La messa è preghiera, anzi, è la preghiera per eccellenza, la più alta, la più sublime, e nello stesso tempo la più “concreta”». Che cosa è veramente la preghiera? «Essa – ha spiegato Francesco – è anzitutto dialogo, relazione personale con Dio. E l’uomo è stato creato come essere relazionale che trova la sua piena realizzazione solamente nell’incontro con il suo Creatore». Di conseguenza, «questa dunque è la grazia più grande: poter sperimentare che la messa, l’Eucaristia, è il momento privilegiato per stare con Gesù, e, attraverso di Lui, con Dio e con i fratelli. Pregare, come ogni vero dialogo, è anche saper rimanere in silenzio, nei dialoghi ci sono momenti di silenzio, in silenzio insieme a Gesù. E quando noi andiamo a messa – ha aggiunto – forse arriviamo cinque minuti prima e incominciamo a chiacchierare con chi è accanto a me, ma non è il momento di chiacchierare, è il momento del silenzio, per prepararci al dialogo, momento di raccogliersi nel cuore per prepararsi all’incontro di Gesù: il silenzio è tanto importante, ricordatevi quello che ho detto alla settimana scorsa: non andiamo a uno spettacolo, andiamo all’incontro con il Signore, e il silenzio ci prepara e ci accompagna». 

 

I Vangeli, ha notato il Papa, «ci mostrano Gesù che si ritira in luoghi appartati a pregare; i discepoli, vedendo questa sua intima relazione con il Padre, sentono il desiderio di potervi partecipare, e gli chiedono: “Signore, insegnaci a pregare”. Gesù risponde che la prima cosa necessaria per pregare è saper dire “Padre”, cioè mettersi alla sua presenza con confidenza filiale. Stiamo attenti», ha puntualizzato Papa Francesco: «Se io non sono capace di dire “padre” a Dio, non sono capace di pregare. Così semplice. Dobbiamo imparare a dire “padre”».  

 

Il primo atteggiamento nella preghiera, ha proseguito il Papa, è «fiducia e confidenza, come il bambino verso i genitori; sapere che Dio si ricorda di te e si prende cura di te. La seconda predisposizione, anch’essa propria dei bambini, è lasciarsi sorprendere. Il bambino fa sempre mille domande perché desidera scoprire il mondo; e si meraviglia persino di cose piccole perché tutto è nuovo per lui. Per entrare nel Regno dei cieli bisogna lasciarsi meravigliare. Nella nostra relazione con il Signore, nella preghiera, ci lasciamo meravigliare?». Oppure, ha aggiunto Jorge Mario Bergoglio, «pensiamo che la preghiera è parlare a Dio come fanno i pappagalli? No, fidarsi, aprire il cuore per lasciarsi meravigliare. Ci lasciamo sorprendere da Dio, il Dio delle sorprese? Perché l’incontro con il Signore è un incontro vivo, non è un incontro di museo, e noi andiamo alla messa, non al museo, andiamo all’incontro vivo con il Signore».  

 

Il Papa si è infine concentrato sulla possibilità di «rinascere», «tornare ad avere il gusto, la gioia, la meraviglia della vita»: «Anche davanti a tante tragedia, questa è una domanda fondamentale della nostra fede e questo è il desiderio di ogni vero credente: il desiderio di rinascere, la gioia di ricominciare. Noi abbiamo questo desiderio? Rinascere sempre per incontrare il Signore: avete questo desiderio? Infatti si può perderlo facilmente perché, a causa di tante attività, di tanti progetti da mettere in atto, alla fine ci rimane poco tempo e perdiamo di vista quello che è fondamentale: la nostra vita del cuore, la nostra vita spirituale, la nostra vita che è incontro con il Signore nella preghiera. In verità, il Signore ci sorprende mostrandoci che Egli ci ama anche nelle nostre debolezze. “Gesù Cristo è la vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo”. Questo dono, fonte di vera consolazione, perché il Signore ci perdona sempre, è un dono che ci è dato attraverso l’Eucaristia, quel banchetto nuziale in cui lo Sposo incontra la nostra fragilità… Posso dire – ha aggiunto il Papa – che quando faccio la comunione nella messa il Signore incontra la mia fragilità? Sì possiamo dirlo perché questo è vero… per riportarci alla nostra prima chiamata: quella di essere a immagine e somiglianza di Dio. Questo è l’Eucaristia, questo è la preghiera». 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa: “Nella comunione Dio incontra la nostra fragilità”

  

- Advertisement -
 
All’udienza Francesco prosegue il ciclo di catechesi sulla Eucarestia: non è «spettacolo» o «museo» ma «incontro vivo» con il Signore, per prepararsi serve silenzio, non chiacchiere

«Quando faccio la comunione nella messa il Signore incontra la mia fragilità»: lo ha detto il Papa in un passaggio della catechesi dell’udienza generale, proseguendo un nuovo ciclo, iniziato la settimana scorsa, dedicato a riscoprire il significato della messa e dell’Eucaristia. Francesco ha sottolineato che la messa «non è uno spettacolo o un museo» ma un «incontro vivo» con il Signore, che va preparato raccogliendosi in silenzio, non chiacchierando con chi ci siede accanto», e che la preghiera è «fidarsi, aprire il cuore per lasciarsi meravigliare» da Dio, non parlargli «come fanno i pappagalli». 

 

«Per comprendere la bellezza della celebrazione eucaristica desidero iniziare con un aspetto molto semplice», ha esordito il Papa: «La messa è preghiera, anzi, è la preghiera per eccellenza, la più alta, la più sublime, e nello stesso tempo la più “concreta”». Che cosa è veramente la preghiera? «Essa – ha spiegato Francesco – è anzitutto dialogo, relazione personale con Dio. E l’uomo è stato creato come essere relazionale che trova la sua piena realizzazione solamente nell’incontro con il suo Creatore». Di conseguenza, «questa dunque è la grazia più grande: poter sperimentare che la messa, l’Eucaristia, è il momento privilegiato per stare con Gesù, e, attraverso di Lui, con Dio e con i fratelli. Pregare, come ogni vero dialogo, è anche saper rimanere in silenzio, nei dialoghi ci sono momenti di silenzio, in silenzio insieme a Gesù. E quando noi andiamo a messa – ha aggiunto – forse arriviamo cinque minuti prima e incominciamo a chiacchierare con chi è accanto a me, ma non è il momento di chiacchierare, è il momento del silenzio, per prepararci al dialogo, momento di raccogliersi nel cuore per prepararsi all’incontro di Gesù: il silenzio è tanto importante, ricordatevi quello che ho detto alla settimana scorsa: non andiamo a uno spettacolo, andiamo all’incontro con il Signore, e il silenzio ci prepara e ci accompagna». 

 

I Vangeli, ha notato il Papa, «ci mostrano Gesù che si ritira in luoghi appartati a pregare; i discepoli, vedendo questa sua intima relazione con il Padre, sentono il desiderio di potervi partecipare, e gli chiedono: “Signore, insegnaci a pregare”. Gesù risponde che la prima cosa necessaria per pregare è saper dire “Padre”, cioè mettersi alla sua presenza con confidenza filiale. Stiamo attenti», ha puntualizzato Papa Francesco: «Se io non sono capace di dire “padre” a Dio, non sono capace di pregare. Così semplice. Dobbiamo imparare a dire “padre”».  

- Advertisement -

 

Il primo atteggiamento nella preghiera, ha proseguito il Papa, è «fiducia e confidenza, come il bambino verso i genitori; sapere che Dio si ricorda di te e si prende cura di te. La seconda predisposizione, anch’essa propria dei bambini, è lasciarsi sorprendere. Il bambino fa sempre mille domande perché desidera scoprire il mondo; e si meraviglia persino di cose piccole perché tutto è nuovo per lui. Per entrare nel Regno dei cieli bisogna lasciarsi meravigliare. Nella nostra relazione con il Signore, nella preghiera, ci lasciamo meravigliare?». Oppure, ha aggiunto Jorge Mario Bergoglio, «pensiamo che la preghiera è parlare a Dio come fanno i pappagalli? No, fidarsi, aprire il cuore per lasciarsi meravigliare. Ci lasciamo sorprendere da Dio, il Dio delle sorprese? Perché l’incontro con il Signore è un incontro vivo, non è un incontro di museo, e noi andiamo alla messa, non al museo, andiamo all’incontro vivo con il Signore».  

 

Il Papa si è infine concentrato sulla possibilità di «rinascere», «tornare ad avere il gusto, la gioia, la meraviglia della vita»: «Anche davanti a tante tragedia, questa è una domanda fondamentale della nostra fede e questo è il desiderio di ogni vero credente: il desiderio di rinascere, la gioia di ricominciare. Noi abbiamo questo desiderio? Rinascere sempre per incontrare il Signore: avete questo desiderio? Infatti si può perderlo facilmente perché, a causa di tante attività, di tanti progetti da mettere in atto, alla fine ci rimane poco tempo e perdiamo di vista quello che è fondamentale: la nostra vita del cuore, la nostra vita spirituale, la nostra vita che è incontro con il Signore nella preghiera. In verità, il Signore ci sorprende mostrandoci che Egli ci ama anche nelle nostre debolezze. “Gesù Cristo è la vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo”. Questo dono, fonte di vera consolazione, perché il Signore ci perdona sempre, è un dono che ci è dato attraverso l’Eucaristia, quel banchetto nuziale in cui lo Sposo incontra la nostra fragilità… Posso dire – ha aggiunto il Papa – che quando faccio la comunione nella messa il Signore incontra la mia fragilità? Sì possiamo dirlo perché questo è vero… per riportarci alla nostra prima chiamata: quella di essere a immagine e somiglianza di Dio. Questo è l’Eucaristia, questo è la preghiera». 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Vincere ansietà e paure

Libri – Diacone: un dossier di studio

Ri-innamorarsi

Salire a Gerusalemme

L’ateismo interroga la fede

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO