17 C
Rome
sabato, 19 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Ecumenismo Il Papa: in Medio Oriente i cristiani siano riconosciuti cittadini con uguali...

Il Papa: in Medio Oriente i cristiani siano riconosciuti cittadini con uguali diritti

Un cammino già ricco di frutti

- Advertisement -

Papa Francesco ha incontrato alle 11 di questa mattina i Membri della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali. Dio ci chiama ad una comunione sempre più piena, ha detto, rivolgendo poi il suo pensiero al Medio Oriente.

Adriana Masotti – Città del Vaticano

Quello di stamattina, in Vaticano, tra il Papa e la Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali, è un incontro che si rinnova ogni due anni in occasione della sessione di lavoro della Commissione che, con questa cadenza, si tiene a Roma. Oggetto della riflessione attuale, i Sacramenti, e in particolare nella sessione di quest’anno, la 16.ma, il sacramento del Matrimonio.

Un cammino già ricco di frutti

Il Papa dice la sua gioia per questo incontro e per l’impegno dei membri della Commissione “a camminare nei sentieri dell’unità, e a farlo con animo fraterno!”, tanto da poter “rendere grazie al Signore per i frutti già raccolti lungo il cammino”:

Il vostro dialogo illustra bene come tra Oriente e Occidente le «varie formule teologiche non di rado si completino, piuttosto che opporsi», come dichiarò il Concilio Vaticano II, di cui abbiamo ricordato pochi giorni fa il sessantesimo anniversario dell’annuncio. Prego e vi incoraggio perché la vostra attuale riflessione sui Sacramenti possa aiutarci a proseguire il percorso verso la piena comunione, verso la celebrazione comune della santa Eucaristia.

Dio creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina li creò

Riguardo al sacramento del Matrimonio, il Papa cita il racconto della Genesi quando descrive la creazione dell’uomo e della donna ad immagine di Dio e sottolinea: “L’uomo è pienamente a immagine di Dio non quando sta da solo, ma quando vive nella comunione stabile di amore, perché Dio è comunione di amore”. Questo vale anche per la famiglia dei figli di Dio che, dice, desideriamo presentare al Signore “senza ferite e senza divisioni, ma nella bellezza della comunione piena”.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Il costante pensiero del Papa per il Medio Oriente

Il pensiero di Francesco va poi al Medio Oriente, da dove provengono molti dei membri della Commissione e le cui Chiese sono “terribilmente provate dalla guerra, dalla violenza e dalle persecuzioni” e afferma:

Desidero assicurare a tutti i fedeli in Medio Oriente la mia vicinanza, il mio costante pensiero e la mia preghiera affinché quelle terre, uniche nel piano salvifico di Dio, dopo la lunga notte dei conflitti possano intravedere un’alba di pace. Il Medio Oriente deve diventare terra di pace, non può continuare ad essere terreno di scontro. La guerra, figlia del potere e della miseria, ceda il posto alla pace, figlia del diritto e della giustizia, e anche i nostri fratelli cristiani siano riconosciuti come cittadini a pieno titolo e con uguali diritti.

I santi e i martiri delle nostre Chiese ci accompagnano 

Il Signore, continua il Papa, “ci chiama, sempre di più, alla testimonianza coerente della vita e alla ricerca sincera dell’unità” e in questo cammino non siamo soli:

Il seme di questa comunione, anche grazie al vostro prezioso lavoro, è germogliato, e continua ad essere irrigato dal sangue dei testimoni dell’unità, dal tanto sangue versato dai martiri del nostro tempo: membri di Chiese diverse che, uniti dalla comune sofferenza per il nome di Gesù, ora condividono la stessa gloria.

La Commissione è al lavoro dal 2003

La Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali è stata costituita nel gennaio del 2003 per iniziativa congiunta del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani e delle Autorità delle Chiese orientali ortodosse che comprendono la Chiesa copta ortodossa, la Chiesa siro-ortodossa, la Chiesa armena apostolica, la Chiesa ortodossa d’Etiopia, la Chiesa ortodossa d’Eritrea e la Chiesa ortodossa sira del Malankar. 

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa: in Medio Oriente i cristiani siano riconosciuti cittadini con uguali diritti

Un cammino già ricco di frutti

  

- Advertisement -

Papa Francesco ha incontrato alle 11 di questa mattina i Membri della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali. Dio ci chiama ad una comunione sempre più piena, ha detto, rivolgendo poi il suo pensiero al Medio Oriente.

Adriana Masotti – Città del Vaticano

Quello di stamattina, in Vaticano, tra il Papa e la Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali, è un incontro che si rinnova ogni due anni in occasione della sessione di lavoro della Commissione che, con questa cadenza, si tiene a Roma. Oggetto della riflessione attuale, i Sacramenti, e in particolare nella sessione di quest’anno, la 16.ma, il sacramento del Matrimonio.

Un cammino già ricco di frutti

Il Papa dice la sua gioia per questo incontro e per l’impegno dei membri della Commissione “a camminare nei sentieri dell’unità, e a farlo con animo fraterno!”, tanto da poter “rendere grazie al Signore per i frutti già raccolti lungo il cammino”:

- Advertisement -

Il vostro dialogo illustra bene come tra Oriente e Occidente le «varie formule teologiche non di rado si completino, piuttosto che opporsi», come dichiarò il Concilio Vaticano II, di cui abbiamo ricordato pochi giorni fa il sessantesimo anniversario dell’annuncio. Prego e vi incoraggio perché la vostra attuale riflessione sui Sacramenti possa aiutarci a proseguire il percorso verso la piena comunione, verso la celebrazione comune della santa Eucaristia.

Dio creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina li creò

Riguardo al sacramento del Matrimonio, il Papa cita il racconto della Genesi quando descrive la creazione dell’uomo e della donna ad immagine di Dio e sottolinea: “L’uomo è pienamente a immagine di Dio non quando sta da solo, ma quando vive nella comunione stabile di amore, perché Dio è comunione di amore”. Questo vale anche per la famiglia dei figli di Dio che, dice, desideriamo presentare al Signore “senza ferite e senza divisioni, ma nella bellezza della comunione piena”.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Il costante pensiero del Papa per il Medio Oriente

Il pensiero di Francesco va poi al Medio Oriente, da dove provengono molti dei membri della Commissione e le cui Chiese sono “terribilmente provate dalla guerra, dalla violenza e dalle persecuzioni” e afferma:

Desidero assicurare a tutti i fedeli in Medio Oriente la mia vicinanza, il mio costante pensiero e la mia preghiera affinché quelle terre, uniche nel piano salvifico di Dio, dopo la lunga notte dei conflitti possano intravedere un’alba di pace. Il Medio Oriente deve diventare terra di pace, non può continuare ad essere terreno di scontro. La guerra, figlia del potere e della miseria, ceda il posto alla pace, figlia del diritto e della giustizia, e anche i nostri fratelli cristiani siano riconosciuti come cittadini a pieno titolo e con uguali diritti.

I santi e i martiri delle nostre Chiese ci accompagnano 

Il Signore, continua il Papa, “ci chiama, sempre di più, alla testimonianza coerente della vita e alla ricerca sincera dell’unità” e in questo cammino non siamo soli:

Il seme di questa comunione, anche grazie al vostro prezioso lavoro, è germogliato, e continua ad essere irrigato dal sangue dei testimoni dell’unità, dal tanto sangue versato dai martiri del nostro tempo: membri di Chiese diverse che, uniti dalla comune sofferenza per il nome di Gesù, ora condividono la stessa gloria.

La Commissione è al lavoro dal 2003

La Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali è stata costituita nel gennaio del 2003 per iniziativa congiunta del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani e delle Autorità delle Chiese orientali ortodosse che comprendono la Chiesa copta ortodossa, la Chiesa siro-ortodossa, la Chiesa armena apostolica, la Chiesa ortodossa d’Etiopia, la Chiesa ortodossa d’Eritrea e la Chiesa ortodossa sira del Malankar. 

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La tenerezza nel vangelo di Marco

Le 110 parabole di papa Francesco

Il mondo mistico dell’ebraismo

Lo scandalo della tenerezza

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO