12.5 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa: il mondo è malato di crudeltà

Il Papa: il mondo è malato di crudeltà

- Advertisement -

Dopo la pausa di luglio, è ripresa stamani l’udienza generale del mercoledì, che si è tenuta in Aula Paolo VI come di consueto nei mesi estivi. Al centro del discorso delPapa il recente viaggio apostolico in Polonia, che ha avuto tra gli scopi laGiornata mondiale della gioventù a Cracovia. Ecco una sintesi dei principali punti toccati da Francesco.

I GIOVANI SPERANZA PER IL MONDO.Francesco ha parlato dei giovani partecipanti alla Gmg, a 25 anni da quella storica celebrata a Chęstochova, come di “una nuova generazione di che dona lafraternità” come segno di speranza al mondo. “Io non so come fanno: parlano lingue diverse, ma riescono a capirsi! E perché? Perché hanno questa volontà di andare insieme, di fare ponti di fraternità. Sono venuti anche con le loro ferite, con i loro interrogativi, ma soprattutto con la gioia di incontrarsi; e ancora una volta hanno formato un mosaico di fraternità”.

UN PENSIERO PER SUSANNA, MORTA DI MENINGITE. “Un ricordo pieno di affetto va a Susanna, la ragazza romana di questa diocesi che è deceduta subito dopo aver partecipato alla Gmg, a Vienna. Il Signore, che certamente l’ha accolta in cielo conforti i suoi familiari ed amici” ha detto Francesco, raccogliendo l’applauso dei fedeli.

IL POPOLO POLACCO E I VALORI FONDANTI. Questo viaggio è stato anche una visita apostolica al popolo polacco “la cui storia è legata alla croce di Cristo”. La saggezza, ha detto il Papa, è equilibrio fra tradizione e innovazione, fra memoria e futuro. E la Polonia oggi “ricorda a tutta l’Europa che non può esserci futuro per il continente senza i suoi valori fondanti“. Tra questi c’è la misericordia, di cui sono stati speciali apostoli proprio due polacchi: santa Faustina Kowalska e san Giovanni Paolo II.

IL SILENZIO DI AUSCHWITZ. Anche questo viaggio apostolico ha avuto per orizzonte il mondo. “Un mondo chiamato a rispondere alla sfida di una guerra a pezzi che lo sta minacciando” ha ribadito Francesco. E ha ricordato uno dei momenti più toccanti del viaggio in Polonia: il grande silenzio della visita muta ad Auschwitz-Birkenau. “Ho sentito la presenza di tutte le anime che sono passate di là” ha rivelato il Papa. “Ho sentito la compassione di Dio che alcune anime sante hanno saputo portare in quell’abisso”. “Ho compreso più che mai il valore della memoria, non solo come ricordo di eventi passati ma come monito e responsabilità per l’oggi e il domani, perché il seme dell’odio e della violenza non attecchisca nei solchi della storia”.

UN MONDO MALATO DI CRUDELTA’. Ancora oggi ci sono tanti uomini e donne che soffrono per le guerre. “Tanti fratelli e sorelle nostre”. “Guardando quella crudeltà in quel campo di concentramento – ha detto il Papa – ho pensato subito alle crudeltà di oggi che gli assomigliano”. Non una crudeltà così concentrata come in quel posto ma diffusa “dappertutto” nel mondo. “Questo mondo che è malato di crudeltà, di dolore, di guerra, di odio, di tristezza” ha detto Francesco. “Per questo chiedo la preghiera che il Signore ci dia la pace”.

RINGRAZIAMENTI. A conclusione dell’udienza il Papa ha ringraziato le autorità e l’episcopato polacco e “tutti coloro che in mille modi hanno reso possibile questo evento”. “Ringrazio i giovani volontari e anche i media”, ha detto, “quelli che lavorano nei media”. “Grazie per aver fatto che questa giornata si vedesse in tutto il mondo”. Un pensiero è poi andato alla giornalista Anna Maria Jacobini morta improvvisamente mentre era in servizio a Cracovia. Per lei ha chiesto una preghiera.

IL MESSAGGIO PER LE OLIMPIADI. Al termine dell’udienza il Papa ha espresso un augurio particolare al Brasile che ospita le Olimpiadi 2016: “Che questa sia un’opportunità per superare i momenti difficili e impegnarsi nel lavoro di squadra”. “In un mondo che ha sete di pace e riconciliazione – ha detto – mi auguro che lo spirito dei giochi olimpici aiuti a raggiungerle. Il premio non è una medaglia ma qualcosa di molto più prezioso: la solidarietà fondata su riconoscimento che tutti siamo membri dell’unica famiglia umana”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa: il mondo è malato di crudeltà

  

- Advertisement -

Dopo la pausa di luglio, è ripresa stamani l’udienza generale del mercoledì, che si è tenuta in Aula Paolo VI come di consueto nei mesi estivi. Al centro del discorso delPapa il recente viaggio apostolico in Polonia, che ha avuto tra gli scopi laGiornata mondiale della gioventù a Cracovia. Ecco una sintesi dei principali punti toccati da Francesco.

I GIOVANI SPERANZA PER IL MONDO.Francesco ha parlato dei giovani partecipanti alla Gmg, a 25 anni da quella storica celebrata a Chęstochova, come di “una nuova generazione di che dona lafraternità” come segno di speranza al mondo. “Io non so come fanno: parlano lingue diverse, ma riescono a capirsi! E perché? Perché hanno questa volontà di andare insieme, di fare ponti di fraternità. Sono venuti anche con le loro ferite, con i loro interrogativi, ma soprattutto con la gioia di incontrarsi; e ancora una volta hanno formato un mosaico di fraternità”.

UN PENSIERO PER SUSANNA, MORTA DI MENINGITE. “Un ricordo pieno di affetto va a Susanna, la ragazza romana di questa diocesi che è deceduta subito dopo aver partecipato alla Gmg, a Vienna. Il Signore, che certamente l’ha accolta in cielo conforti i suoi familiari ed amici” ha detto Francesco, raccogliendo l’applauso dei fedeli.

IL POPOLO POLACCO E I VALORI FONDANTI. Questo viaggio è stato anche una visita apostolica al popolo polacco “la cui storia è legata alla croce di Cristo”. La saggezza, ha detto il Papa, è equilibrio fra tradizione e innovazione, fra memoria e futuro. E la Polonia oggi “ricorda a tutta l’Europa che non può esserci futuro per il continente senza i suoi valori fondanti“. Tra questi c’è la misericordia, di cui sono stati speciali apostoli proprio due polacchi: santa Faustina Kowalska e san Giovanni Paolo II.

IL SILENZIO DI AUSCHWITZ. Anche questo viaggio apostolico ha avuto per orizzonte il mondo. “Un mondo chiamato a rispondere alla sfida di una guerra a pezzi che lo sta minacciando” ha ribadito Francesco. E ha ricordato uno dei momenti più toccanti del viaggio in Polonia: il grande silenzio della visita muta ad Auschwitz-Birkenau. “Ho sentito la presenza di tutte le anime che sono passate di là” ha rivelato il Papa. “Ho sentito la compassione di Dio che alcune anime sante hanno saputo portare in quell’abisso”. “Ho compreso più che mai il valore della memoria, non solo come ricordo di eventi passati ma come monito e responsabilità per l’oggi e il domani, perché il seme dell’odio e della violenza non attecchisca nei solchi della storia”.

- Advertisement -

UN MONDO MALATO DI CRUDELTA’. Ancora oggi ci sono tanti uomini e donne che soffrono per le guerre. “Tanti fratelli e sorelle nostre”. “Guardando quella crudeltà in quel campo di concentramento – ha detto il Papa – ho pensato subito alle crudeltà di oggi che gli assomigliano”. Non una crudeltà così concentrata come in quel posto ma diffusa “dappertutto” nel mondo. “Questo mondo che è malato di crudeltà, di dolore, di guerra, di odio, di tristezza” ha detto Francesco. “Per questo chiedo la preghiera che il Signore ci dia la pace”.

RINGRAZIAMENTI. A conclusione dell’udienza il Papa ha ringraziato le autorità e l’episcopato polacco e “tutti coloro che in mille modi hanno reso possibile questo evento”. “Ringrazio i giovani volontari e anche i media”, ha detto, “quelli che lavorano nei media”. “Grazie per aver fatto che questa giornata si vedesse in tutto il mondo”. Un pensiero è poi andato alla giornalista Anna Maria Jacobini morta improvvisamente mentre era in servizio a Cracovia. Per lei ha chiesto una preghiera.

IL MESSAGGIO PER LE OLIMPIADI. Al termine dell’udienza il Papa ha espresso un augurio particolare al Brasile che ospita le Olimpiadi 2016: “Che questa sia un’opportunità per superare i momenti difficili e impegnarsi nel lavoro di squadra”. “In un mondo che ha sete di pace e riconciliazione – ha detto – mi auguro che lo spirito dei giochi olimpici aiuti a raggiungerle. Il premio non è una medaglia ma qualcosa di molto più prezioso: la solidarietà fondata su riconoscimento che tutti siamo membri dell’unica famiglia umana”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO