Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15 C
Roma
Gio, 28 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaIl Papa e le catechesi sul “Padre Nostro”: impariamo da Gesù a...

Il Papa e le catechesi sul “Padre Nostro”: impariamo da Gesù a pregare

In questo tempo di Avvento chiediamo, come i discepoli: “Signore, insegnami a pregare”.

- Advertisement -
Papa Francesco apre in aula Paolo VI un nuovo ciclo di catechesi per l’udienza generale, dedicato alla preghiera di Gesù. In questo tempo di Avvento chiediamo, come i discepoli: “Signore, insegnami a pregare”
 
- Advertisement -
- Advertisement -

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Anche se forse preghiamo da tanti anni, dobbiamo sempre imparare!” perché non sappiamo “se le preghiere che indirizziamo a Dio siano effettivamente quelle che Lui vuole sentirsi rivolgere”, soprattutto se non preghiamo con umiltà. Papa Francesco, dopo aver concluso il ciclo di catechesi sui Dieci Comandamenti,  inizia con questo invito un nuovo ciclo per le udienze generali, che dedicherà al “Padre nostro”. (Ascolta e scarica il servizio con la voce del Papa)

Gesù uomo di preghiera

Lo fa nel primo appuntamento con i fedeli del mese di dicembre, in aula Paolo VI, presenti più di 8 mila pellegrini da tutto il mondo. Il Papa sottolinea innanzitutto che Gesù è un uomo di preghiera, “che sente il bisogno di appartarsi nella solitudine e di pregare” nonostante l’urgenza della sua missione e le tante richieste della gente. Gesù che predica e guarisce, ricorda Francesco “è il Dio vicino, il Dio che ci libera”, il Messia “al centro di tutto, l’atteso dalle genti, l’esito della speranza di Israele”.

Un Messia originale, non si attacca alla gente

Ma Lui “non finisce ostaggio delle attese di chi ormai lo ha eletto come leader”. E’ capace di prendere le distanze, non si attacca troppo alla gente. Fin dalla prima notte di Cafarnao, chiarisce il Pontefice, “dimostra di essere un Messia originale”. Quando ormai l’alba si annuncia, i discepoli lo cercano ancora, ma non riescono a trovarlo. Pietro lo rintraccia in un “in un luogo isolato, completamente assorto in preghiera”. “Tutti ti cercano”, gli dice.

Ma Gesù dice ai suoi che deve andare altrove; che non è la gente a cercare Lui, ma è anzitutto Lui a cercare gli altri. Per cui non deve mettere radici, ma rimanere continuamente pellegrino sulle strade di Galilea. E anche, pellegrino verso il Padre, cioè: pregando. In cammino di preghiera. Gesù prega.

E’ la preghiera a governare tutto

- Advertisement -

E Papa Francesco commenta poi che “in qualche pagina della Scrittura” sembra essere proprio “la preghiera di Gesù, la sua intimità con il Padre, a governare tutto”. Accade per esempio nella notte del Getsemani, l’ultimo tratto del suo cammino, il più difficile, che “sembra trovare il suo senso nel continuo ascolto che Gesù rende al Padre”. E’ una preghiera non facile “anzi, una vera e propria ‘agonia’, nel senso dell’agonismo degli atleti, eppure una preghiera capace di sostenere il cammino della croce”.

Ecco il punto essenziale: lì, Gesù pregava. Gesù pregava con intensità nei momenti pubblici, condividendo la liturgia del suo popolo, ma cercava anche luoghi raccolti, separati dal turbinio del mondo, luoghi che permettessero di scendere nel segreto della sua anima: è il profeta che conosce le pietre del deserto e sale in alto sui monti.

Nel suo modo di pregare c’è un mistero

Anche le ultime parole di Gesù, sottolinea il Papa, “prima di spirare sulla croce, sono parole dei salmi, cioè della preghiera dei giudei: pregava con le preghiere che la mamma gli aveva insegnato”. Gesù pregava come prega ogni uomo. Eppure, nel suo modo di pregare, aggiunge Francesco “vi era anche racchiuso un mistero, qualcosa che sicuramente non è sfuggito agli occhi dei suoi discepoli, se nei vangeli troviamo quella supplica così semplice e immediata: ‘Signore, insegnaci a pregare’”.

Diciamo anche noi: “Insegnami a pregare”

E Gesù non si rifiuta, “non è geloso della sua intimità con il Padre”, perché è venuto proprio per introdurci in questa relazione. E “diventa maestro di preghiera dei suoi discepoli, come sicuramente vuole esserlo per tutti noi”. Per questo, è l’invito del Pontefice “anche noi dovremmo dire: ‘Signore, insegnami a pregare’”. Infatti, “anche se forse preghiamo da tanti anni, dobbiamo sempre imparare!”. Perché  l’ orazione dell’uomo, “che nasce in maniera così naturale dalla sua anima, è forse uno dei misteri più fitti dell’universo”.

E non sappiamo nemmeno se le preghiere che indirizziamo a Dio siano effettivamente quelle che Lui vuole sentirsi rivolgere. La Bibbia ci dà anche testimonianza di preghiere inopportune, che alla fine vengono respinte da Dio: basta ricordare la parabola del fariseo e del pubblicano. Solamente quest’ultimoil pubblicano, torna a casa dal tempio giustificato.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa e le catechesi sul “Padre Nostro”: impariamo da Gesù a pregare

In questo tempo di Avvento chiediamo, come i discepoli: “Signore, insegnami a pregare”.

- Advertisement -
Papa Francesco apre in aula Paolo VI un nuovo ciclo di catechesi per l’udienza generale, dedicato alla preghiera di Gesù. In questo tempo di Avvento chiediamo, come i discepoli: “Signore, insegnami a pregare”
 

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Anche se forse preghiamo da tanti anni, dobbiamo sempre imparare!” perché non sappiamo “se le preghiere che indirizziamo a Dio siano effettivamente quelle che Lui vuole sentirsi rivolgere”, soprattutto se non preghiamo con umiltà. Papa Francesco, dopo aver concluso il ciclo di catechesi sui Dieci Comandamenti,  inizia con questo invito un nuovo ciclo per le udienze generali, che dedicherà al “Padre nostro”. (Ascolta e scarica il servizio con la voce del Papa)

Gesù uomo di preghiera

Lo fa nel primo appuntamento con i fedeli del mese di dicembre, in aula Paolo VI, presenti più di 8 mila pellegrini da tutto il mondo. Il Papa sottolinea innanzitutto che Gesù è un uomo di preghiera, “che sente il bisogno di appartarsi nella solitudine e di pregare” nonostante l’urgenza della sua missione e le tante richieste della gente. Gesù che predica e guarisce, ricorda Francesco “è il Dio vicino, il Dio che ci libera”, il Messia “al centro di tutto, l’atteso dalle genti, l’esito della speranza di Israele”.

Un Messia originale, non si attacca alla gente

Ma Lui “non finisce ostaggio delle attese di chi ormai lo ha eletto come leader”. E’ capace di prendere le distanze, non si attacca troppo alla gente. Fin dalla prima notte di Cafarnao, chiarisce il Pontefice, “dimostra di essere un Messia originale”. Quando ormai l’alba si annuncia, i discepoli lo cercano ancora, ma non riescono a trovarlo. Pietro lo rintraccia in un “in un luogo isolato, completamente assorto in preghiera”. “Tutti ti cercano”, gli dice.

Ma Gesù dice ai suoi che deve andare altrove; che non è la gente a cercare Lui, ma è anzitutto Lui a cercare gli altri. Per cui non deve mettere radici, ma rimanere continuamente pellegrino sulle strade di Galilea. E anche, pellegrino verso il Padre, cioè: pregando. In cammino di preghiera. Gesù prega.

E’ la preghiera a governare tutto

- Advertisement -

E Papa Francesco commenta poi che “in qualche pagina della Scrittura” sembra essere proprio “la preghiera di Gesù, la sua intimità con il Padre, a governare tutto”. Accade per esempio nella notte del Getsemani, l’ultimo tratto del suo cammino, il più difficile, che “sembra trovare il suo senso nel continuo ascolto che Gesù rende al Padre”. E’ una preghiera non facile “anzi, una vera e propria ‘agonia’, nel senso dell’agonismo degli atleti, eppure una preghiera capace di sostenere il cammino della croce”.

Ecco il punto essenziale: lì, Gesù pregava. Gesù pregava con intensità nei momenti pubblici, condividendo la liturgia del suo popolo, ma cercava anche luoghi raccolti, separati dal turbinio del mondo, luoghi che permettessero di scendere nel segreto della sua anima: è il profeta che conosce le pietre del deserto e sale in alto sui monti.

Nel suo modo di pregare c’è un mistero

Anche le ultime parole di Gesù, sottolinea il Papa, “prima di spirare sulla croce, sono parole dei salmi, cioè della preghiera dei giudei: pregava con le preghiere che la mamma gli aveva insegnato”. Gesù pregava come prega ogni uomo. Eppure, nel suo modo di pregare, aggiunge Francesco “vi era anche racchiuso un mistero, qualcosa che sicuramente non è sfuggito agli occhi dei suoi discepoli, se nei vangeli troviamo quella supplica così semplice e immediata: ‘Signore, insegnaci a pregare’”.

Diciamo anche noi: “Insegnami a pregare”

E Gesù non si rifiuta, “non è geloso della sua intimità con il Padre”, perché è venuto proprio per introdurci in questa relazione. E “diventa maestro di preghiera dei suoi discepoli, come sicuramente vuole esserlo per tutti noi”. Per questo, è l’invito del Pontefice “anche noi dovremmo dire: ‘Signore, insegnami a pregare’”. Infatti, “anche se forse preghiamo da tanti anni, dobbiamo sempre imparare!”. Perché  l’ orazione dell’uomo, “che nasce in maniera così naturale dalla sua anima, è forse uno dei misteri più fitti dell’universo”.

E non sappiamo nemmeno se le preghiere che indirizziamo a Dio siano effettivamente quelle che Lui vuole sentirsi rivolgere. La Bibbia ci dà anche testimonianza di preghiere inopportune, che alla fine vengono respinte da Dio: basta ricordare la parabola del fariseo e del pubblicano. Solamente quest’ultimoil pubblicano, torna a casa dal tempio giustificato.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
322IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Vincere ansietà e paure

Marconi: L’infanzia di Maria

Morandini: Cambiare rotta

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x