19.6 C
Rome
lunedì, 16 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Il Papa e il Dalai Lama, le ragioni del mancato incontro

Il Papa e il Dalai Lama, le ragioni del mancato incontro

- Advertisement -

Francesco manifesta stima nei confronti del leader buddhista, ma il momento è cruciale per i rapporti con Pechino. Nel 2007 e nel 2009 anche Benedetto decise di soprassedere

ANDREA TORNIELLI
CITTÀ DEL VATICANO

Francesco non incontrerà il Dalai Lama, giunto ieri a Roma per il summit dei Nobel per la pace. La Sala Stampa vaticana ha confermato che il Papa invierà un messaggio per i partecipanti all’incontro, e ha spiegato che Bergoglio nutre sentimenti di «stima» nei confronti del leader buddhista tibetano, ma non ci saranno udienze né per lui né per gli altri premi Nobel.

Qual è il motivo della mancata udienza chiesta dal Dalai Lama? È stato lo stesso leader buddhista a rivelare quanto gli è stato risposto: «Non è possibile perché potrebbero crearsi degli inconvenienti». È evidente che i possibili «inconvenienti» riguardano il rapporto tra la Santa Sede e il governo di Pechino, in un momento molto delicato, anzi cruciale, che ha visto arrivare nelle ultime settimane dall’ex Celeste Impero segnali di dialogo e di apertura.

Il Dalai Lama è diventato, suo malgrado e al di là delle sue intenzioni, una figura al centro di una controversia politica. La diplomazia vaticana cerca, per quanto è possibile, di non compiere azioni che aumentino l’instabilità in situazioni già di per sé complicate. Né di prendere decisioni le cui conseguenze vengano pagate da altri, in questo caso, dai cattolici cinesi. Il Papa non è il leader di una «superpotenza» spirituale che si confronta con le superpotenze terrene, ma guarda alla realtà concreta della minoranza cristiana che vive in Cina. È dai tempi di Mao Tse-tung che i rapporti diplomatici tra Pechino e la Santa Sede sono interrotti. Da anni è in corso un dialogo, spesso complicato: il Vaticano cerca di spiegare che non ha mire politiche né vuole essere dipinto come un agente religioso che fiancheggia gli interessi occidentali. In gioco c’è la possibilità di arrivare a un accordo sulla nomina dei vescovi, che elimini per sempre la possibilità di ordinazioni che non siano in comunione con il vescovo di Roma.

Questo tener conto delle possibili conseguenze per le comunità locali viene difficilmente compreso da quanti rimproverano alla Santa Sede silenzi o compromessi, o magari chiedono con insistenza condanne nominali del «cattivo» di turno, talvolta strumentalizzando per i propri fini persino le sofferenze dei cristiani perseguitati.

Non va infine dimenticato che, dopo un primo incontro in forma strettamente privata nell’ottobre 2006, per altre due volte – nel 2007 e poi nel 2009 – in occasione di visite romane del Dalai Lama, anche Benedetto XVI preferì soprassedere all’udienza come ora ha fatto il suo successore.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa e il Dalai Lama, le ragioni del mancato incontro

  

- Advertisement -

Francesco manifesta stima nei confronti del leader buddhista, ma il momento è cruciale per i rapporti con Pechino. Nel 2007 e nel 2009 anche Benedetto decise di soprassedere

ANDREA TORNIELLI
CITTÀ DEL VATICANO

Francesco non incontrerà il Dalai Lama, giunto ieri a Roma per il summit dei Nobel per la pace. La Sala Stampa vaticana ha confermato che il Papa invierà un messaggio per i partecipanti all’incontro, e ha spiegato che Bergoglio nutre sentimenti di «stima» nei confronti del leader buddhista tibetano, ma non ci saranno udienze né per lui né per gli altri premi Nobel.

Qual è il motivo della mancata udienza chiesta dal Dalai Lama? È stato lo stesso leader buddhista a rivelare quanto gli è stato risposto: «Non è possibile perché potrebbero crearsi degli inconvenienti». È evidente che i possibili «inconvenienti» riguardano il rapporto tra la Santa Sede e il governo di Pechino, in un momento molto delicato, anzi cruciale, che ha visto arrivare nelle ultime settimane dall’ex Celeste Impero segnali di dialogo e di apertura.

Il Dalai Lama è diventato, suo malgrado e al di là delle sue intenzioni, una figura al centro di una controversia politica. La diplomazia vaticana cerca, per quanto è possibile, di non compiere azioni che aumentino l’instabilità in situazioni già di per sé complicate. Né di prendere decisioni le cui conseguenze vengano pagate da altri, in questo caso, dai cattolici cinesi. Il Papa non è il leader di una «superpotenza» spirituale che si confronta con le superpotenze terrene, ma guarda alla realtà concreta della minoranza cristiana che vive in Cina. È dai tempi di Mao Tse-tung che i rapporti diplomatici tra Pechino e la Santa Sede sono interrotti. Da anni è in corso un dialogo, spesso complicato: il Vaticano cerca di spiegare che non ha mire politiche né vuole essere dipinto come un agente religioso che fiancheggia gli interessi occidentali. In gioco c’è la possibilità di arrivare a un accordo sulla nomina dei vescovi, che elimini per sempre la possibilità di ordinazioni che non siano in comunione con il vescovo di Roma.

Questo tener conto delle possibili conseguenze per le comunità locali viene difficilmente compreso da quanti rimproverano alla Santa Sede silenzi o compromessi, o magari chiedono con insistenza condanne nominali del «cattivo» di turno, talvolta strumentalizzando per i propri fini persino le sofferenze dei cristiani perseguitati.

- Advertisement -

Non va infine dimenticato che, dopo un primo incontro in forma strettamente privata nell’ottobre 2006, per altre due volte – nel 2007 e poi nel 2009 – in occasione di visite romane del Dalai Lama, anche Benedetto XVI preferì soprassedere all’udienza come ora ha fatto il suo successore.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
847FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO