18.6 C
Rome
domenica, 22 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani Il Papa apre la Gmg. Qui per un sogno: amare come Gesù...

Il Papa apre la Gmg. Qui per un sogno: amare come Gesù ci ha amato

L' invito ai 250 mila presenti a diventare "maestri e artigiani della cultura dell'incontro" e a mantenere "il sogno comune chiamato Gesù"

- Advertisement -

Papa Francesco incontra per la prima volta i giovani della Gmg di Panama nella Cinta Costera, al Campo Santa Maria La Antigua, per la cerimonia di accoglienza. L’ invito ai 250 mila presenti a diventare “maestri e artigiani della cultura dell’incontro” e a mantenere “il sogno comune chiamato Gesù”.

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Quando torneremo a casa, manteniamo vivo “quel sogno che ci fa fratelli”: dovunque ci troveremo, “potremo sempre guardare in alto e dire ‘Signore, insegnami ad amare come tu ci hai amato”. Papa Francesco racconta così, ai 250 mila giovani in festa nella Cinta Costera di Panama, protagonisti della cerimonia di accoglienza della Giornata mondiale della gioventù numero 34, il sogno per cui Cristo ha dato la vita, “che scorre nelle nostre vene e fa trasalire il cuore”.  E cita il discorso d’addio di Gesù ai discepoli, riportato dall’evangelista Giovanni, e il suo comandamento nuovo: “Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli”.

L’inno mariano della Gmg: “Per me si compia la tua parola”

Il Campo Santa Maria La Antigua risplende dei mille colori della gioventù del mondo, resi più vividi dalla luce all’imbrunire, e migliaia di voci squillanti cantano l’inno della Gmg 2019, “Hàgase en mì, segùn tu palabra”, “Per me si compia la tua parola”, mentre il Papa argentino, concluso il giro in papamobile, viene accolto ai piedi del palco da 5 giovani dei cinque continenti, in abito tradizionale. Poi la processione fino al palco della Croce della Gmg e dell’Icona di Maria Salus Populi Romani.

Mons. Ulloa: i giovani poveri così incontrano altri giovani

L’arcivescovo di Panama, monsignor José Domingo Ulloa Mendieta, che lo ha appena accompagnato nella papamobile, saluta in Francesco “Pietro” che scegliendo “questo piccolo istmo” per la Gmg “ha dato l’opportunità a moltissimi giovani centroamericani, specialmente a quanti sono stati segnati dall’esclusione e dalla povertà, di poter vivere l’esperienza di un incontro con altri giovani”, nel quale condividere “sogni, progetti e sfide”. Così scopriranno “che sono i principali protagonisti nel rinnovamento della Chiesa e della società”. Dopo di lui cinque giovani, uno per ogni continente, danno il loro benvenuto al Pontefice, mentre sfilano le bandiere di tutto il mondo. Quindi atleti di Panama, in costume tradizionale, donano al Papa una stola bianca confezionata in mola, tela artigianale realizzata dagli indios Gunas.

Torna Emmanuel, l’inno della Gmg di Roma 2000

Si torna alla Gmg 2000 con l’inno “Emmanuel” cantata a 6 voci, mentre nei diversi livelli del palco si rappresenta come arrivò il Vangelo nel mondo per mezzo dell’inculturazione. Il Vangelo è rappresentato da un bambino che passa con il cantante da un gruppo etnico all’altro.

Gli otto patroni della Gmg, da Romero a Giovanni Paolo II

Quattro giovani americani presentano gli otto patroni di questa Gmg. Comincia Enrique da El Salvador, con Sant’ Oscar Romero “pastore che accompagna” e il giovane José Sánchez del Río, il camminatore “con i piedi spellati”. Continua Kelly dal Perù, che presenta l’umile frate San Martino di Porres e la vergine Santa Rosa da Lima, prima santa d’America, e dopo di lei Jackson di Haiti, che in francese parla di San Giovanni Bosco, “regalo di luce per i giovani” e della Beata suor Maria Romero, una vita donata ai poveri. Infine la messicana Ana Lucia presenta San Giovanni Paolo II, che mostrò al mondo “il volto giovane di Cristo” e San Juan Diego, che in alcune rose invernali raccolse la “Signora che ci porta la luce del Vangelo”.

Il Papa cita il Sinodo: risvegliare la giovinezza della Chiesa

Non siamo qui, non siete qui “per creare una Chiesa parallela un po’ più ‘divertente’ o ‘cool’ in un evento per giovani, con un po’ di elementi decorativi”, ricorda Papa Francesco all’inizio del suo discorso, dopo la lettura del Vangelo delle Nozze di Cana. E cita il documento finale del Sinodo dedicato ai giovani, quando i padri sinodali, al numero 60 scrivono: “Vogliamo ritrovare e risvegliare insieme a voi la continua novità e giovinezza della Chiesa aprendoci a una nuova Pentecoste”. Ma questo è possibile solo se, spiega il Papa, “sappiamo camminare ascoltandoci e ascoltare completandoci a vicenda, se sappiamo testimoniare annunciando il Signore nel servizio ai nostri fratelli”, un servizio concreto, non “di figurine”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa apre la Gmg. Qui per un sogno: amare come Gesù ci ha amato

L' invito ai 250 mila presenti a diventare "maestri e artigiani della cultura dell'incontro" e a mantenere "il sogno comune chiamato Gesù"

  

- Advertisement -

Papa Francesco incontra per la prima volta i giovani della Gmg di Panama nella Cinta Costera, al Campo Santa Maria La Antigua, per la cerimonia di accoglienza. L’ invito ai 250 mila presenti a diventare “maestri e artigiani della cultura dell’incontro” e a mantenere “il sogno comune chiamato Gesù”.

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Quando torneremo a casa, manteniamo vivo “quel sogno che ci fa fratelli”: dovunque ci troveremo, “potremo sempre guardare in alto e dire ‘Signore, insegnami ad amare come tu ci hai amato”. Papa Francesco racconta così, ai 250 mila giovani in festa nella Cinta Costera di Panama, protagonisti della cerimonia di accoglienza della Giornata mondiale della gioventù numero 34, il sogno per cui Cristo ha dato la vita, “che scorre nelle nostre vene e fa trasalire il cuore”.  E cita il discorso d’addio di Gesù ai discepoli, riportato dall’evangelista Giovanni, e il suo comandamento nuovo: “Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli”.

L’inno mariano della Gmg: “Per me si compia la tua parola”

Il Campo Santa Maria La Antigua risplende dei mille colori della gioventù del mondo, resi più vividi dalla luce all’imbrunire, e migliaia di voci squillanti cantano l’inno della Gmg 2019, “Hàgase en mì, segùn tu palabra”, “Per me si compia la tua parola”, mentre il Papa argentino, concluso il giro in papamobile, viene accolto ai piedi del palco da 5 giovani dei cinque continenti, in abito tradizionale. Poi la processione fino al palco della Croce della Gmg e dell’Icona di Maria Salus Populi Romani.

- Advertisement -

Mons. Ulloa: i giovani poveri così incontrano altri giovani

L’arcivescovo di Panama, monsignor José Domingo Ulloa Mendieta, che lo ha appena accompagnato nella papamobile, saluta in Francesco “Pietro” che scegliendo “questo piccolo istmo” per la Gmg “ha dato l’opportunità a moltissimi giovani centroamericani, specialmente a quanti sono stati segnati dall’esclusione e dalla povertà, di poter vivere l’esperienza di un incontro con altri giovani”, nel quale condividere “sogni, progetti e sfide”. Così scopriranno “che sono i principali protagonisti nel rinnovamento della Chiesa e della società”. Dopo di lui cinque giovani, uno per ogni continente, danno il loro benvenuto al Pontefice, mentre sfilano le bandiere di tutto il mondo. Quindi atleti di Panama, in costume tradizionale, donano al Papa una stola bianca confezionata in mola, tela artigianale realizzata dagli indios Gunas.

Torna Emmanuel, l’inno della Gmg di Roma 2000

Si torna alla Gmg 2000 con l’inno “Emmanuel” cantata a 6 voci, mentre nei diversi livelli del palco si rappresenta come arrivò il Vangelo nel mondo per mezzo dell’inculturazione. Il Vangelo è rappresentato da un bambino che passa con il cantante da un gruppo etnico all’altro.

Gli otto patroni della Gmg, da Romero a Giovanni Paolo II

Quattro giovani americani presentano gli otto patroni di questa Gmg. Comincia Enrique da El Salvador, con Sant’ Oscar Romero “pastore che accompagna” e il giovane José Sánchez del Río, il camminatore “con i piedi spellati”. Continua Kelly dal Perù, che presenta l’umile frate San Martino di Porres e la vergine Santa Rosa da Lima, prima santa d’America, e dopo di lei Jackson di Haiti, che in francese parla di San Giovanni Bosco, “regalo di luce per i giovani” e della Beata suor Maria Romero, una vita donata ai poveri. Infine la messicana Ana Lucia presenta San Giovanni Paolo II, che mostrò al mondo “il volto giovane di Cristo” e San Juan Diego, che in alcune rose invernali raccolse la “Signora che ci porta la luce del Vangelo”.

Il Papa cita il Sinodo: risvegliare la giovinezza della Chiesa

Non siamo qui, non siete qui “per creare una Chiesa parallela un po’ più ‘divertente’ o ‘cool’ in un evento per giovani, con un po’ di elementi decorativi”, ricorda Papa Francesco all’inizio del suo discorso, dopo la lettura del Vangelo delle Nozze di Cana. E cita il documento finale del Sinodo dedicato ai giovani, quando i padri sinodali, al numero 60 scrivono: “Vogliamo ritrovare e risvegliare insieme a voi la continua novità e giovinezza della Chiesa aprendoci a una nuova Pentecoste”. Ma questo è possibile solo se, spiega il Papa, “sappiamo camminare ascoltandoci e ascoltare completandoci a vicenda, se sappiamo testimoniare annunciando il Signore nel servizio ai nostri fratelli”, un servizio concreto, non “di figurine”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO