martedì, 23 Aprile 2019
17.8 C
Rome

privacy

disclaimer

contatti

sostienici

Top

Consigliati

Papa

Chiesa

Vaticano

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Il Papa, allattare in chiesa si può: “La più grande eredità da...

Il Papa, allattare in chiesa si può: “La più grande eredità da lasciare ai figli è la fede”

- Advertisement -

Francesco celebra nella Cappella sistina la Messa per la festa del Battesimo del Signore, amministrando il sacramento a 26 bambini

A 26 neonati, 13 maschi 13 femmine, che come da tradizione sono figli di dipendenti dello Stato della Città del Vaticano, papa Francesco amministra il battesimo nella Cappella sistina. Il Pontefice presiede in mattinata la Messa nel giorno della festa del Battesimo del Signore. E alla fine dell’omelia -pronunciata senza testo scritto – ribadisce un concetto già espresso in passato alla presenza di bimbi: «Quando un bambino piange perché ha fame, alle mamme dico: se ha fame, dagli da mangiare qui, con tutta libertà». Prima ha sottolineato: la fede «viene trasmessa da una generazione all’altra, come una catena» ed è «la più grande eredità» che i genitori possono lasciare ai loro figli.

«Quaranta giorni dopo la nascita – ha esordito – Gesù è portato al tempio, Maria e Giuseppe lo portarono per presentarlo a Dio, oggi nella festa del battesimo del Signore voi portate i vostri figli per ricevere il battesimo. Per ricevere – ha proseguito – quello che avete chiesto all’inizio quando io vi ho fatto la prima domanda, la fede, “io voglio per mio figlio la fede” e così la fede viene trasmessa da una generazione all’altra come una catena».

«Questi bambini, queste bambine, passati gli anni – commenta papa Francesco – occuperanno il vostro posto con un altro figlio, i vostri nipotini, e chiederanno lo stesso la fede, la fede che ci dà il battesimo, che porta lo Spirito Santo, oggi nel cuore, nell’anima, nella vita di questi figli vostri». «Voi – dice ancora – avete chiesto la fede, la Chiesa quando vi consegnerà la candela accesa vi dirà di custodire la fede in questi bambini, e alla fine non dimenticatevi che la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri bambini è la fede, bisogna cercare di fare in modo che non venga persa, farla crescere e lasciarla come eredità: vi auguro questo oggi, che è un giorno gioioso, che siate capaci di far crescere questi bambini nella fede e che la più grande eredità che loro ricevano da voi sia proprio la fede».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Il Papa, allattare in chiesa si può: “La più grande eredità da lasciare ai figli è la fede”

  

- Advertisement -

Francesco celebra nella Cappella sistina la Messa per la festa del Battesimo del Signore, amministrando il sacramento a 26 bambini

A 26 neonati, 13 maschi 13 femmine, che come da tradizione sono figli di dipendenti dello Stato della Città del Vaticano, papa Francesco amministra il battesimo nella Cappella sistina. Il Pontefice presiede in mattinata la Messa nel giorno della festa del Battesimo del Signore. E alla fine dell’omelia -pronunciata senza testo scritto – ribadisce un concetto già espresso in passato alla presenza di bimbi: «Quando un bambino piange perché ha fame, alle mamme dico: se ha fame, dagli da mangiare qui, con tutta libertà». Prima ha sottolineato: la fede «viene trasmessa da una generazione all’altra, come una catena» ed è «la più grande eredità» che i genitori possono lasciare ai loro figli.

«Quaranta giorni dopo la nascita – ha esordito – Gesù è portato al tempio, Maria e Giuseppe lo portarono per presentarlo a Dio, oggi nella festa del battesimo del Signore voi portate i vostri figli per ricevere il battesimo. Per ricevere – ha proseguito – quello che avete chiesto all’inizio quando io vi ho fatto la prima domanda, la fede, “io voglio per mio figlio la fede” e così la fede viene trasmessa da una generazione all’altra come una catena».

«Questi bambini, queste bambine, passati gli anni – commenta papa Francesco – occuperanno il vostro posto con un altro figlio, i vostri nipotini, e chiederanno lo stesso la fede, la fede che ci dà il battesimo, che porta lo Spirito Santo, oggi nel cuore, nell’anima, nella vita di questi figli vostri». «Voi – dice ancora – avete chiesto la fede, la Chiesa quando vi consegnerà la candela accesa vi dirà di custodire la fede in questi bambini, e alla fine non dimenticatevi che la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri bambini è la fede, bisogna cercare di fare in modo che non venga persa, farla crescere e lasciarla come eredità: vi auguro questo oggi, che è un giorno gioioso, che siate capaci di far crescere questi bambini nella fede e che la più grande eredità che loro ricevano da voi sia proprio la fede».

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

271FansMi piace
725FollowerSegui
13,000FollowerSegui
563FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Parrocchia e civiltà urbana

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari