11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaIl Papa alla Rai: mai abdicare a servizio pubblico.

Il Papa alla Rai: mai abdicare a servizio pubblico.

- Advertisement -
ee8f243adb
Tenete sempre alto il “livello etico della comunicazione”. E’ quanto affermato da Papa Francesco nell’udienza di stamani ai dirigenti e dipendenti della Rai, ricevuti in Aula Paolo VI, in occasione del 90.mo di inizio delle trasmissioni radiofoniche e del 60.mo di quelle televisive. Il Pontefice ha messo l’accento sulla collaborazione tra la Rai, la Radio Vaticana e il Ctv. Quindi, ha sottolineato che chi è “titolare del servizio pubblico” non può “per nessun motivo” abdicare a questa responsabilità. Prima dell’udienza, i dipendenti della Rai hanno partecipato ad una Messa, sempre in Aula Paolo VI, presieduta dal cardinale Angelo Comastri. Il servizio di 
Collaborazione. Papa Francesco è partito da qui per riflettere sullo straordinario rapporto che, nei decenni, si è andato costruendo tra la Rai e la Santa Sede. Il Papa ha rammentato eventi straordinari che la Rai ha offerto agli utenti dal Concilio Vaticano II alle elezioni dei Pontefici, dai funerali del Beato Wojtyla al Giubileo del 2000:“Sia sul versante della radio, sia su quello della televisione, il popolo italiano ha sempre potuto accedere alle parole e, successivamente, alle immagini del Papa e degli eventi della Chiesa, in Italia, mediante il servizio pubblico della Rai. Questa collaborazione si realizza con i due enti vaticani: la Radio Vaticana e il Centro Televisivo Vaticano”.

Il Papa ha, anche, ricordato alcune produzioni di carattere religioso e in particolare i film Francesco di Liliana Cavani eAtti degli Apostoli di Roberto Rossellini. La Rai, ha poi osservato, “è stata testimone dei processi di cambiamento della società italiana nelle sue rapide trasformazioni, e ha contribuito in maniera speciale al processo di unificazione linguistico-culturale dell’Italia”. Per questo, ha proseguito, “ringraziamo il Signore per tutto questo e portiamo avanti lo stile della collaborazione”. Quindi, ha sviluppato una riflessione “sul valore e le esigenze del servizio pubblico” e in particolare sulle “responsabilità per l’oggi e per il domani”. 

“A tutti voi che siete qui presenti, e a coloro che per diversi motivi non hanno potuto prendere parte a questo nostro incontro, ricordo che la vostra professione, oltre che informativa, è formativa, è un servizio pubblico, cioè un servizio al bene comune: un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza”. 

Tutte le professionalità che fanno parte della Rai, ha soggiunto, “sanno di appartenere ad un’azienda che produce cultura ed educazione, che offre informazione e spettacolo, raggiungendo in ogni momento della giornata una gran parte di italiani”: 

“È una responsabilità a cui chi è titolare del servizio pubblico non può per nessun motivo abdicare. La qualità etica della comunicazione è frutto, in ultima analisi, di coscienze attente, non superficiali, sempre rispettose delle persone, sia di quelle che sono oggetto di informazione, sia dei destinatari del messaggio”. 

“Ciascuno, nel proprio ruolo e con la propria responsabilità – ha poi avvertito – è chiamato a vigilare per tenere alto il livello etico della comunicazione ed evitare” comportamenti “che fanno tanto male, la disinformazione, la diffamazione e la calunnia”:

“Vi auguro di lavorare bene, e di mettere fiducia e speranza nel vostro lavoro, per poterla anche trasmettere: ce n’è tanto bisogno!”

Alessandro Gisotti – Radio vaticana
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Papa alla Rai: mai abdicare a servizio pubblico.

- Advertisement -
ee8f243adb
Tenete sempre alto il “livello etico della comunicazione”. E’ quanto affermato da Papa Francesco nell’udienza di stamani ai dirigenti e dipendenti della Rai, ricevuti in Aula Paolo VI, in occasione del 90.mo di inizio delle trasmissioni radiofoniche e del 60.mo di quelle televisive. Il Pontefice ha messo l’accento sulla collaborazione tra la Rai, la Radio Vaticana e il Ctv. Quindi, ha sottolineato che chi è “titolare del servizio pubblico” non può “per nessun motivo” abdicare a questa responsabilità. Prima dell’udienza, i dipendenti della Rai hanno partecipato ad una Messa, sempre in Aula Paolo VI, presieduta dal cardinale Angelo Comastri. Il servizio di 
Collaborazione. Papa Francesco è partito da qui per riflettere sullo straordinario rapporto che, nei decenni, si è andato costruendo tra la Rai e la Santa Sede. Il Papa ha rammentato eventi straordinari che la Rai ha offerto agli utenti dal Concilio Vaticano II alle elezioni dei Pontefici, dai funerali del Beato Wojtyla al Giubileo del 2000:“Sia sul versante della radio, sia su quello della televisione, il popolo italiano ha sempre potuto accedere alle parole e, successivamente, alle immagini del Papa e degli eventi della Chiesa, in Italia, mediante il servizio pubblico della Rai. Questa collaborazione si realizza con i due enti vaticani: la Radio Vaticana e il Centro Televisivo Vaticano”.

Il Papa ha, anche, ricordato alcune produzioni di carattere religioso e in particolare i film Francesco di Liliana Cavani eAtti degli Apostoli di Roberto Rossellini. La Rai, ha poi osservato, “è stata testimone dei processi di cambiamento della società italiana nelle sue rapide trasformazioni, e ha contribuito in maniera speciale al processo di unificazione linguistico-culturale dell’Italia”. Per questo, ha proseguito, “ringraziamo il Signore per tutto questo e portiamo avanti lo stile della collaborazione”. Quindi, ha sviluppato una riflessione “sul valore e le esigenze del servizio pubblico” e in particolare sulle “responsabilità per l’oggi e per il domani”. 

“A tutti voi che siete qui presenti, e a coloro che per diversi motivi non hanno potuto prendere parte a questo nostro incontro, ricordo che la vostra professione, oltre che informativa, è formativa, è un servizio pubblico, cioè un servizio al bene comune: un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza”. 

Tutte le professionalità che fanno parte della Rai, ha soggiunto, “sanno di appartenere ad un’azienda che produce cultura ed educazione, che offre informazione e spettacolo, raggiungendo in ogni momento della giornata una gran parte di italiani”: 

“È una responsabilità a cui chi è titolare del servizio pubblico non può per nessun motivo abdicare. La qualità etica della comunicazione è frutto, in ultima analisi, di coscienze attente, non superficiali, sempre rispettose delle persone, sia di quelle che sono oggetto di informazione, sia dei destinatari del messaggio”. 

“Ciascuno, nel proprio ruolo e con la propria responsabilità – ha poi avvertito – è chiamato a vigilare per tenere alto il livello etico della comunicazione ed evitare” comportamenti “che fanno tanto male, la disinformazione, la diffamazione e la calunnia”:

- Advertisement -

“Vi auguro di lavorare bene, e di mettere fiducia e speranza nel vostro lavoro, per poterla anche trasmettere: ce n’è tanto bisogno!”

Alessandro Gisotti – Radio vaticana
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x