17.7 C
Rome
sabato, 25 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani Il Papa alla Messa conclusiva della GMG: giovani non è sinonimo di...

Il Papa alla Messa conclusiva della GMG: giovani non è sinonimo di “sala d’attesa”

Alla celebrazione anche i presidenti di Panama, Costa Rica, Colombia, Guatemala, Honduras, Portogallo e Salvador.

- Advertisement -

“Voi cari giovani, non siete il futuro, ma l’adesso di Dio”. Così il Papa ai circa 700 mila giovani che stamattina hanno partecipato alla Messa conclusiva della GMG di Panama. Alla celebrazione anche i presidenti di Panama, Costa Rica, Colombia, Guatemala, Honduras, Portogallo e Salvador.

Adriana Masotti – Città del Vaticano

E’ una chiamata ad essere protagonisti della propria vita e ad impegnarsi per gli altri, a cominciare dalla propria comunità ecclesiale, quella che Papa Francesco rivolge alle centinaia di migliaia di giovani che hanno passato la notte al Metro Park di Panama, dopo la Veglia di ieri sera, e ora partecipano alla Messa conclusiva della GMG 2019. Ma con una precisazione: la chiamata Dio la rivolge nell’oggi ed è adesso che attende la risposta. Il Papa commenta il brano evangelico di Luca del giorno dove si racconta di Gesù che, entrato nella Sinagoga, proclama davanti a tutti: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”. 

Dio ci chiama adesso

E’ l’inizio della sua missione pubblica e Francesco dice:

Gesù rivela l’adesso di Dio che ci viene incontro per chiamare anche noi a prendere parte al suo adesso, in cui “portare ai poveri il lieto annuncio”, “proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista”, “rimettere in libertà gli oppressi” e “proclamare l’anno di grazia del Signore”.

Costa accettare la concretezza dell’amore di Dio

Ma non tutti quelli che ascoltarono Gesù si sentirono invitati e, dice il Papa, anche a noi può succedere di non credere “che Dio possa essere tanto concreto e quotidiano, tanto vicino e reale” e che ci possa invitare “a sporcarci le mani insieme a Lui”. Addirittura, sottolinea Francesco, “ci costa” accettare che l’amore di Dio si possa toccare con mano nella storia di tutti i giorni.

Non sono poche le volte in cui ci comportiamo come i vicini di Nazaret, quando preferiamo un Dio a distanza: bello, buono, generoso ma distante e soprattutto che non scomodi. Un Dio addomesticato. Perché un Dio vicino e quotidiano, amico e fratello ci chiede di imparare vicinanza, quotidianità e soprattutto fraternità.

Non lasciatevi tranquillizzare o addomesticare

Dio è reale e concreto perché l’amore è reale e concreto, dice ancora il Papa. E parla del rischio che si voglia prendere le distanze da chi, nelle nostre comunità, vuol vivere concretamente il Vangelo. “E uno che è nato per essere profezia e annuncio del Regno di Dio – prosegue – viene addomesticato e impoverito. Voler addomesticare la Parola di Dio è una tentazione di tutti i giorni”. Può capitare anche ai giovani di sentirsi in “sala d’attesa”, ad aspettare il proprio turno e nel “frattanto” si inventano, o qualcuno inventa per loro, “un futuro igienicamente ben impacchettato e senza conseguenze”, dove la gioia è solo una finzione.

Così vi “tranquillizziamo” e vi addormentiamo –avverte Papa Francesco – perché non facciate rumore, perché non facciate domande a voi stessi e agli altri, perché non mettiate in discussione voi stessi e gli altri; e in questo “frattanto” i vostri sogni perdono quota”.

Giovani, sentite che la vostra missione è oggi

Ai giovani raccomanda l’ascolto reciproco tra le generazioni per imparare gli uni dagli altri, in uno spazio comune in cui anche i giovani, però, possono darsi da fare.  “Nessuno ti può promettere neanche un giorno del domani – insiste il Papa – la tua vita è quella di oggi. Tu devi metterti in gioco oggi, il tuo spazio è di oggi. Come stai rispondendo a questo?” E ripete: “Voi, cari giovani, non siete il futuro, ma l’adesso di Dio”. Non domani ma adesso, “sentite di avere una missione e innamoratevene”. L’amore che Gesù ci insegna “è amore concreto, vicino, reale”.

E’ gioia festosa che nasce scegliendo di partecipare alla pesca miracolosa della speranza e della carità, della solidarietà e della fraternità di fronte a tanti sguardi paralizzati e paralizzanti per le paure e l’esclusione, la speculazione e la manipolazione.

La fede e il coraggio di Maria 

E il pensiero del Papa va alla Vergine Maria che con il suo ‘sì’ ha accompagnato questa GMG, vero modello per i giovani:

Lei non solo ha creduto in Dio e nelle sue promesse come qualcosa di possibile, ha creduto a Dio e ha avuto il coraggio di dire “sì” per partecipare a questo adesso del Signore. Ha sentito di avere una missione, si è innamorata e questo ha deciso tutto. Dovete sentire di avere una missione, lasciatevi innamorare e il Signore deciderà tutto”.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Voi giovani avete fatto vibrare Panama e il mondo intero

Nel saluto finale al termine della celebrazione, Francesco ha voluto ringraziare tutte le persone che in vari modi hanno permesso l’organizzazione e lo svolgimento della Giornata mondiale della gioventù di Panama. Poi ha ringraziato i giovani che l’hanno vissuta con intensità chiedendo loro, ancora una volta, di non lasciar raffreddare ciò hanno vissuto in questi giorni:

La vostra fede e la vostra gioia hanno fatto vibrare il Panamá, l’America e il mondo intero. Come abbiamo ascoltato tante volte in questi giorni nell’inno di questa GMG: “Siamo pellegrini che veniamo oggi qui da continenti e città”. Siamo in cammino: continuate a camminare, continuate a vivere la fede e a condividerla. Non dimenticatevi che non siete il domani, non siete il “frattanto”, ma l’adesso di Dio.

Mons. Ulloa: Chiesa centroamericana fortificata dalla GMG

“Questa ricchezza della fede – aveva detto nel suo saluto mons. Ulloa, arcivescovo di Panama, all’inizio della Messa – ci dice che c’è speranza” . E tracciando quasi un bilancio della GMG aveva affermato: “Come frutto ci rimane una Chiesa Cattolica in Centroamerica fortificata nella sua struttura pastorale, nella sua comunione ecclesiale e ravvivata nel suo impegno missionario e discepolare per annunciare con passione la gioia del Vangelo”.
A partire dai nostri giovani, aveva proseguito l’arcivescovo, vogliamo “essere una Chiesa in uscita, con volto giovane e rinnovato”, una Chiesa che non ha paura “di incontrarsi con il mondo per annunciare la Buona Novella”.

Card. Farrell: la GMG continua nella vita quotidiana

Dopo la celebrazione a salutare e a ringraziare il Papa è il cardinale Farrell, prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita. I giovani, dice, “dai luoghi più reconditi del pianeta sono venuti a Panama e, come Maria, hanno pronunciato con forza ed entusiasmo giovanili il loro “Eccomi qui!”. E definisce la GMG un’occasione che “ha permesso ai giovani di vivere una esperienza di comunione e di fede, che li aiuterà senza dubbio ad affrontare le grandi sfide della vita e ad assumere con responsabilità il loro posto e la loro missione nella società e nella comunità ecclesiale”. I frutti più importanti dell’esperienza fatta, conclude, si vedranno più avanti nella vita quotidiana. La GMG infatti non finisce qui, ma da qui inizia quel processo che, attraverso i giovani, può davvero rinnovare la Chiesa e il mondo.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa alla Messa conclusiva della GMG: giovani non è sinonimo di “sala d’attesa”

Alla celebrazione anche i presidenti di Panama, Costa Rica, Colombia, Guatemala, Honduras, Portogallo e Salvador.

  

- Advertisement -

“Voi cari giovani, non siete il futuro, ma l’adesso di Dio”. Così il Papa ai circa 700 mila giovani che stamattina hanno partecipato alla Messa conclusiva della GMG di Panama. Alla celebrazione anche i presidenti di Panama, Costa Rica, Colombia, Guatemala, Honduras, Portogallo e Salvador.

Adriana Masotti – Città del Vaticano

E’ una chiamata ad essere protagonisti della propria vita e ad impegnarsi per gli altri, a cominciare dalla propria comunità ecclesiale, quella che Papa Francesco rivolge alle centinaia di migliaia di giovani che hanno passato la notte al Metro Park di Panama, dopo la Veglia di ieri sera, e ora partecipano alla Messa conclusiva della GMG 2019. Ma con una precisazione: la chiamata Dio la rivolge nell’oggi ed è adesso che attende la risposta. Il Papa commenta il brano evangelico di Luca del giorno dove si racconta di Gesù che, entrato nella Sinagoga, proclama davanti a tutti: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”. 

Dio ci chiama adesso

E’ l’inizio della sua missione pubblica e Francesco dice:

- Advertisement -

Gesù rivela l’adesso di Dio che ci viene incontro per chiamare anche noi a prendere parte al suo adesso, in cui “portare ai poveri il lieto annuncio”, “proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista”, “rimettere in libertà gli oppressi” e “proclamare l’anno di grazia del Signore”.

Costa accettare la concretezza dell’amore di Dio

Ma non tutti quelli che ascoltarono Gesù si sentirono invitati e, dice il Papa, anche a noi può succedere di non credere “che Dio possa essere tanto concreto e quotidiano, tanto vicino e reale” e che ci possa invitare “a sporcarci le mani insieme a Lui”. Addirittura, sottolinea Francesco, “ci costa” accettare che l’amore di Dio si possa toccare con mano nella storia di tutti i giorni.

Non sono poche le volte in cui ci comportiamo come i vicini di Nazaret, quando preferiamo un Dio a distanza: bello, buono, generoso ma distante e soprattutto che non scomodi. Un Dio addomesticato. Perché un Dio vicino e quotidiano, amico e fratello ci chiede di imparare vicinanza, quotidianità e soprattutto fraternità.

Non lasciatevi tranquillizzare o addomesticare

Dio è reale e concreto perché l’amore è reale e concreto, dice ancora il Papa. E parla del rischio che si voglia prendere le distanze da chi, nelle nostre comunità, vuol vivere concretamente il Vangelo. “E uno che è nato per essere profezia e annuncio del Regno di Dio – prosegue – viene addomesticato e impoverito. Voler addomesticare la Parola di Dio è una tentazione di tutti i giorni”. Può capitare anche ai giovani di sentirsi in “sala d’attesa”, ad aspettare il proprio turno e nel “frattanto” si inventano, o qualcuno inventa per loro, “un futuro igienicamente ben impacchettato e senza conseguenze”, dove la gioia è solo una finzione.

Così vi “tranquillizziamo” e vi addormentiamo –avverte Papa Francesco – perché non facciate rumore, perché non facciate domande a voi stessi e agli altri, perché non mettiate in discussione voi stessi e gli altri; e in questo “frattanto” i vostri sogni perdono quota”.

Giovani, sentite che la vostra missione è oggi

Ai giovani raccomanda l’ascolto reciproco tra le generazioni per imparare gli uni dagli altri, in uno spazio comune in cui anche i giovani, però, possono darsi da fare.  “Nessuno ti può promettere neanche un giorno del domani – insiste il Papa – la tua vita è quella di oggi. Tu devi metterti in gioco oggi, il tuo spazio è di oggi. Come stai rispondendo a questo?” E ripete: “Voi, cari giovani, non siete il futuro, ma l’adesso di Dio”. Non domani ma adesso, “sentite di avere una missione e innamoratevene”. L’amore che Gesù ci insegna “è amore concreto, vicino, reale”.

E’ gioia festosa che nasce scegliendo di partecipare alla pesca miracolosa della speranza e della carità, della solidarietà e della fraternità di fronte a tanti sguardi paralizzati e paralizzanti per le paure e l’esclusione, la speculazione e la manipolazione.

La fede e il coraggio di Maria 

E il pensiero del Papa va alla Vergine Maria che con il suo ‘sì’ ha accompagnato questa GMG, vero modello per i giovani:

Lei non solo ha creduto in Dio e nelle sue promesse come qualcosa di possibile, ha creduto a Dio e ha avuto il coraggio di dire “sì” per partecipare a questo adesso del Signore. Ha sentito di avere una missione, si è innamorata e questo ha deciso tutto. Dovete sentire di avere una missione, lasciatevi innamorare e il Signore deciderà tutto”.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Voi giovani avete fatto vibrare Panama e il mondo intero

Nel saluto finale al termine della celebrazione, Francesco ha voluto ringraziare tutte le persone che in vari modi hanno permesso l’organizzazione e lo svolgimento della Giornata mondiale della gioventù di Panama. Poi ha ringraziato i giovani che l’hanno vissuta con intensità chiedendo loro, ancora una volta, di non lasciar raffreddare ciò hanno vissuto in questi giorni:

La vostra fede e la vostra gioia hanno fatto vibrare il Panamá, l’America e il mondo intero. Come abbiamo ascoltato tante volte in questi giorni nell’inno di questa GMG: “Siamo pellegrini che veniamo oggi qui da continenti e città”. Siamo in cammino: continuate a camminare, continuate a vivere la fede e a condividerla. Non dimenticatevi che non siete il domani, non siete il “frattanto”, ma l’adesso di Dio.

Mons. Ulloa: Chiesa centroamericana fortificata dalla GMG

“Questa ricchezza della fede – aveva detto nel suo saluto mons. Ulloa, arcivescovo di Panama, all’inizio della Messa – ci dice che c’è speranza” . E tracciando quasi un bilancio della GMG aveva affermato: “Come frutto ci rimane una Chiesa Cattolica in Centroamerica fortificata nella sua struttura pastorale, nella sua comunione ecclesiale e ravvivata nel suo impegno missionario e discepolare per annunciare con passione la gioia del Vangelo”.
A partire dai nostri giovani, aveva proseguito l’arcivescovo, vogliamo “essere una Chiesa in uscita, con volto giovane e rinnovato”, una Chiesa che non ha paura “di incontrarsi con il mondo per annunciare la Buona Novella”.

Card. Farrell: la GMG continua nella vita quotidiana

Dopo la celebrazione a salutare e a ringraziare il Papa è il cardinale Farrell, prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita. I giovani, dice, “dai luoghi più reconditi del pianeta sono venuti a Panama e, come Maria, hanno pronunciato con forza ed entusiasmo giovanili il loro “Eccomi qui!”. E definisce la GMG un’occasione che “ha permesso ai giovani di vivere una esperienza di comunione e di fede, che li aiuterà senza dubbio ad affrontare le grandi sfide della vita e ad assumere con responsabilità il loro posto e la loro missione nella società e nella comunità ecclesiale”. I frutti più importanti dell’esperienza fatta, conclude, si vedranno più avanti nella vita quotidiana. La GMG infatti non finisce qui, ma da qui inizia quel processo che, attraverso i giovani, può davvero rinnovare la Chiesa e il mondo.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
768FollowerSegui
13,000FollowerSegui
574FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO