10.3 C
Rome
mercoledì, 13 Novembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Il Papa al Convegno di Napoli: grande gioia e gratitudine

Il Papa al Convegno di Napoli: grande gioia e gratitudine

L'intervento del Papa è previsto per le ore 12.

- Advertisement -
La visita di Francesco è breve ma intensa: l’arrivo in elicottero al parco Virgiliano alle 09.00 circa, poi il trasferimento in auto a Posillipo alla sede della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale per l’inizio del Convegno. L’intervento del Papa è previsto per le ore 12. Al termine, dopo un saluto in privato ad una rappresentanza di docenti e studenti, il pranzo e, intorno alle 15, il rientro in Vaticano

Gabriella Ceraso – Napoli

” Bentornato Francesco” :così oggi sui giornali della cronaca di Napoli nel giorno del Papa in città e in tanti è espresso anche l’auspicio che possa fermarsi tra la gente per un saluto che per ora il programma di una visita di sei ore circa, non prevede. Poco tempo ma tanto affetto, aveva sintetizzato nei giorni scorsi l’arcivescovo Crescenzio Sepe.

Francesco arriva a Napoli per la seconda volta dopo quattro anni e lo fa nel giorno della memoria liturgica di san Luigi Gonzaga, il giovane gesuita  che ardeva di amore per gli ultimi. Ha scelto ancora una volta una piccola e periferica realtà, quella della Pontificia Facoltà Teologica del Mediterraneo con i suoi 400 studenti e 80 docenti, che ha però tutte la potenzialità per diventare un simbolo di quanto il Pontefice stesso ha chiesto nel Proemio della Costituzione apostolica Veritatis gaudium, cioè un rilancio degli studi ecclesiastici nel contesto “della nuova tappa della missione della Chiesa, marcata dalla testimonianza della gioia che scaturisce dall’incontro con Gesù e dall’annuncio del suo Vangelo”.

Teologia e pastorale

Teologia e pastorale dunque sempre più insieme e ancora di più se il contesto di riferimento è quello del Mediterraneo, con le sue molteplici sfide che interrogano i cristiani e li invitano ad una riflessione sui valori della pace, del dialogo e sulla necessità di trovare alternative a muri, respingimenti e guerre.

Oltre un migliaio le persone previste, i primi arrivi molto presto, questa mattina, sul piazzale esterno della Facoltà a picco sul golfo di Napoli, dove il sole anche oggi la fa da padrone. Ad attendere il Papa che siederà tra i convegnisti fino alle 12.00 circa, orario previsto per il suo intervento, c’è la famiglia dei Gesuiti cui la Facoltà, nella sezione san Luigi è affidata; le cariche più alte dell’ateneo tra cui il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli e Gran Cancelliere e il Decano padre Pino Di Luccio insieme al vescovo di Nola, mons. Francesco Marino in rappresentanza dei presuli della Campania, e il gesuita padre Joaquin Barrero Diaz, responsabile della provincia spagnola e assistente regionale per l’Europa del sud. A questi si aggiungono docenti venuti da diversi Paesi del Mediterraneo e dall’Italia, insieme a tanti studenti laici e donne, seminaristi e religiosi che ben rappresentano il variegato mondo degli studi teologici di oggi.

Una porta aperta sul Mediterraneo

Un grande palco bianco di circa 30 metri domina il piazzale dell’ateneo.Pensato come una “scatola senza fondo” in modo da incorniciare in lontananza il Mare, rende bene l’idea di una porta spalancata sul Mediterraneo che oggi ha un ospite illustre dal quale tutti sono certi verranno nuove prospettive in un  cammino di fratellanza tra culture e religioni, orizzonti di rinnovamento per gli studi ecclesiastici e un incoraggiamento. Sono i giovani studenti soprattuto a chiederlo:

Ascolta le voci degli studenti

“Chi studia la teologia” – dicono i giovani studenti di Napoli -“in questo contesto sa di avere sfide grandi davanti sfide che richiedono di confrontarsi con realtà diverse dalla nostra. Vorremmo dal Papa un incoraggiamento nel cammino verso la Verità e nel fare rete tra facoltà ma anche con le istituzioni”. “Dobbiamo fare unità e rete anche con altre religioni: il Papa questo ce lo insegna in prima persona per esempio nel cammino di dialogo con l’Islam”.

L’abbraccio in un Logo

E l’impegno nel cammino di Fratellanza è rappresentato dal logo che campeggia ovunque nel piazzale a fianco del volto sorridente del Pontefice: una striscia di mare azzuro tra sponde di diversi colori con due uomini dalle braccia intrecciate che avanzano insieme. Ecco i due temi di fondo : fratellanza con chiaro riferimento al Documento firmato ad Abu Dhabi dal Papa e dal Grande imam di al – Azhar e la Costituzione apostolica Veritatis gaudium.

Nel piazzale 650 posti a sedere, ma circa 500 saranno i partecipanti che seguiranno i lavori del Convegno dalle aule interne attraverso monitor e 200 i giornalisti accreditati, per questo evento che già in molti definiscono “un nuovo inizio”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa al Convegno di Napoli: grande gioia e gratitudine

L'intervento del Papa è previsto per le ore 12.

  

- Advertisement -
La visita di Francesco è breve ma intensa: l’arrivo in elicottero al parco Virgiliano alle 09.00 circa, poi il trasferimento in auto a Posillipo alla sede della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale per l’inizio del Convegno. L’intervento del Papa è previsto per le ore 12. Al termine, dopo un saluto in privato ad una rappresentanza di docenti e studenti, il pranzo e, intorno alle 15, il rientro in Vaticano

Gabriella Ceraso – Napoli

” Bentornato Francesco” :così oggi sui giornali della cronaca di Napoli nel giorno del Papa in città e in tanti è espresso anche l’auspicio che possa fermarsi tra la gente per un saluto che per ora il programma di una visita di sei ore circa, non prevede. Poco tempo ma tanto affetto, aveva sintetizzato nei giorni scorsi l’arcivescovo Crescenzio Sepe.

Francesco arriva a Napoli per la seconda volta dopo quattro anni e lo fa nel giorno della memoria liturgica di san Luigi Gonzaga, il giovane gesuita  che ardeva di amore per gli ultimi. Ha scelto ancora una volta una piccola e periferica realtà, quella della Pontificia Facoltà Teologica del Mediterraneo con i suoi 400 studenti e 80 docenti, che ha però tutte la potenzialità per diventare un simbolo di quanto il Pontefice stesso ha chiesto nel Proemio della Costituzione apostolica Veritatis gaudium, cioè un rilancio degli studi ecclesiastici nel contesto “della nuova tappa della missione della Chiesa, marcata dalla testimonianza della gioia che scaturisce dall’incontro con Gesù e dall’annuncio del suo Vangelo”.

Teologia e pastorale

Teologia e pastorale dunque sempre più insieme e ancora di più se il contesto di riferimento è quello del Mediterraneo, con le sue molteplici sfide che interrogano i cristiani e li invitano ad una riflessione sui valori della pace, del dialogo e sulla necessità di trovare alternative a muri, respingimenti e guerre.

Oltre un migliaio le persone previste, i primi arrivi molto presto, questa mattina, sul piazzale esterno della Facoltà a picco sul golfo di Napoli, dove il sole anche oggi la fa da padrone. Ad attendere il Papa che siederà tra i convegnisti fino alle 12.00 circa, orario previsto per il suo intervento, c’è la famiglia dei Gesuiti cui la Facoltà, nella sezione san Luigi è affidata; le cariche più alte dell’ateneo tra cui il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli e Gran Cancelliere e il Decano padre Pino Di Luccio insieme al vescovo di Nola, mons. Francesco Marino in rappresentanza dei presuli della Campania, e il gesuita padre Joaquin Barrero Diaz, responsabile della provincia spagnola e assistente regionale per l’Europa del sud. A questi si aggiungono docenti venuti da diversi Paesi del Mediterraneo e dall’Italia, insieme a tanti studenti laici e donne, seminaristi e religiosi che ben rappresentano il variegato mondo degli studi teologici di oggi.

Una porta aperta sul Mediterraneo

- Advertisement -

Un grande palco bianco di circa 30 metri domina il piazzale dell’ateneo.Pensato come una “scatola senza fondo” in modo da incorniciare in lontananza il Mare, rende bene l’idea di una porta spalancata sul Mediterraneo che oggi ha un ospite illustre dal quale tutti sono certi verranno nuove prospettive in un  cammino di fratellanza tra culture e religioni, orizzonti di rinnovamento per gli studi ecclesiastici e un incoraggiamento. Sono i giovani studenti soprattuto a chiederlo:

Ascolta le voci degli studenti

“Chi studia la teologia” – dicono i giovani studenti di Napoli -“in questo contesto sa di avere sfide grandi davanti sfide che richiedono di confrontarsi con realtà diverse dalla nostra. Vorremmo dal Papa un incoraggiamento nel cammino verso la Verità e nel fare rete tra facoltà ma anche con le istituzioni”. “Dobbiamo fare unità e rete anche con altre religioni: il Papa questo ce lo insegna in prima persona per esempio nel cammino di dialogo con l’Islam”.

L’abbraccio in un Logo

E l’impegno nel cammino di Fratellanza è rappresentato dal logo che campeggia ovunque nel piazzale a fianco del volto sorridente del Pontefice: una striscia di mare azzuro tra sponde di diversi colori con due uomini dalle braccia intrecciate che avanzano insieme. Ecco i due temi di fondo : fratellanza con chiaro riferimento al Documento firmato ad Abu Dhabi dal Papa e dal Grande imam di al – Azhar e la Costituzione apostolica Veritatis gaudium.

Nel piazzale 650 posti a sedere, ma circa 500 saranno i partecipanti che seguiranno i lavori del Convegno dalle aule interne attraverso monitor e 200 i giornalisti accreditati, per questo evento che già in molti definiscono “un nuovo inizio”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
867FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I “beati” dell’Apocalisse

La Shoah alla luce del Sinai

Libri consigliati

Interrogare la sofferenza

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO