13.9 C
Roma
Mer, 29 Gennaio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa ai seminaristi: "vicinanza" per non scivolare nel clericalismo e nella...

Il Papa ai seminaristi: “vicinanza” per non scivolare nel clericalismo e nella rigidità

Il Papa ne ha parlato nel discorso ai membri del Pontificio Seminario Regionale Flaminio (Emilia - Romagna)

- Advertisement -

Sono tre gli aspetti che identificano l’ambiente del Seminario e quattro gli atteggiamenti che un sacerdote diocesano non deve trascurare per non cadere lentamente nella perversione del clericalismo che è anche corruzione e nella rigidità che cela gravi problemi. Il Papa ne ha parlato nel discorso di questa mattina ai membri del Pontificio Seminario Regionale Flaminio (Emilia – Romagna)

Gabriella Ceraso – Città del Vaticano 

Nella settimana in cui – il 13 dicembre – ricorre il cinquantesimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale, il Papa ha occasione di parlare proprio della “bellezza della chiamata al sacerdozio ministeriale”, a colloquio oggi con i membri del Pontificio Seminario regionale Flaminio, Benedetto XV di Bologna, cui afferiscono otto diocesi dell’Emilia -Romagna, in occasione dei cento anni dalla fondazione, ad opera di san Pio X.(Ascolta il servizio con la voce del Papa)

A questi rappresentanti del “Buon Pastore in mezzo al suo Popolo” – come li definisce Francesco – in cammino di preparazione al sacerdozio, il Papa parla del loro luogo di crescita, il Seminario, indicandone tre aspetti identficativi: casa di preghiera, di studio e di comunione. Dimensioni, fa capire il Papa nel suo discorso, di carattere “trasversale”, in quanto la preghiera è unione con Dio e in Dio con il prossimo; lo studio è personale ma non individuale; e la comunione è apertura umana ma anche comunione presbiteriale. E dalla dimensione della fraternità il Papa sviluppa la sua riflessione a braccio,  sulla “vicinanza” a Dio, al vescovo, ai presbiteri e al popolo, elementi imprescindibili per i sacerdoti diocesani.

La formazione spirituale: “cuore a cuore” con Gesù

Riguardo al primo aspetto, il Papa sottolinea cosa significhi “formazione spirituale” nelle due componenti del rapporto con Dio e dell’incontro con i poveri da coltivare in quella “casa di preghiera” che in primo luogo è il Seminario. Il contesto è quello della ” scristianizzazione” odierna che  – afferma il Papa rivolto ai seminaristi – vi chiama ad essere “evangelizzatori” dalla fede robusta:

Quanti sono più esposti al vento freddo dell’incertezza o dell’indifferenza religiosa, hanno bisogno di trovare nella persona del sacerdote quella fede robusta che è come una fiaccola nella notte e come una roccia alla quale attaccarsi. Questa fede si coltiva soprattutto nel rapporto personale, cuore a cuore, con la persona di Gesù Cristo. E il Seminario è prima di tutto la casa della preghiera dove il Signore convoca ancora i «suoi» in «un luogo appartato», a vivere un’esperienza forte di incontro e di ascolto.

L’incontro con Gesù nella carne dei poveri

Serve dunque dedicare un “adeguato impegno alla formazione spirituale” visto che – prosegue il Papa – si tratta degli “anni più favorevoli” per imparare a “stare con Lui”, “imparare ad ascoltarlo e a contemplare il suo volto”:

Qui l’esperienza del silenzio e della preghiera è fondamentale: è lì, nel rimanere alla sua presenza, che il discepolo può conoscere il Maestro, come da Lui è conosciuto – direbbe San Paolo. Ma è essenziale anche l’incontro con Gesù nel volto e nella carne dei poveri. Anche questo è parte integrante della formazione spirituale del seminarista.

Studiare insieme ma senza autoreferenzialità 

Il secondo aspetto che identifica il Seminario è quello dello “studio”. Anche esplorando tale dimensione il Papa dà indicazioni precise di cosa significhi e come si arrivi a costruire “fondamenta solide nell’edificio della formazione”. In particolare Francesco rimarca che per educare ad una “fede viva e consapevole” come deve essere quella del pastore, lo studio è non solo uno strumento privilegiato per la “conoscenza sapienziale e scientifica”, ma anche uno “strumento di un sapere condiviso”:

L’impegno di studiare, anche in Seminario, è chiaramente personale, ma non è individuale. Condividere le lezioni e lo studio con i compagni di Seminario è anch’esso un modo di entrare a far parte di un presbiterio. Infatti, senza trascurare le inclinazioni e i talenti personali, anzi, valorizzandoli, in Seminario si studia insieme per una missione comune, e questo dà un “sapore” tutto speciale all’apprendimento della Sacra Scrittura, della teologia, della storia, del diritto e di ogni disciplina. 

Diverse sensibilità dunque, ma un’unica chiamata, un unico orizzonte ecclesiale che sia privo di autoreferenzialità, è questo – afferma Francesco – che rende bello studiare nel seminario.

Carità credibile solo se unita alla fraternità

Terza dimensione del Seminario, è quella di “casa di comunione” ed ha anch’essa un carattere “trasversale”, perchè” parte da un’apertura agli altri” ma assume forma di “comunione presbiteriale intorno alla guida del vescovo”:

La carità pastorale del prete non può essere credibile se non è preceduta e accompagnata dalla fraternità, prima tra seminaristi e poi tra presbiteri. Una fraternità sempre più impregnata della forma apostolica, e arricchita dai tratti propri della diocesanità, cioè da quelle caratteristiche peculiari del popolo di Dio e dei santi, specialmente dei santi preti, di una Chiesa particolare.

I quattro volti della “Vicinità” 

Proprio soffermandosi sul concetto di fraternità il Papa, parlando a braccio, rimarca a questo punto quanto e come valga per i sacerdoti diocesani quella che lui stesso definisce come “vicinanza”: un atteggiamento che in parte ha già illustrato ma che tiene a ribadire vicini a Dio, vicini al vescovo “senza il quale – afferma – la Chiesa non va e il prete può essere un leader ma non un prete”, e  vicini tra presbiteri. E qui aggiunge:

Questa è una cosa che a me fa soffrire, quando vedo dei presbitéri frammentati, dove sono l’uno contro l’altro, oppure tutti cortesi ma poi sparlano l’uno dell’altro. Se non c’è un presbiterio unito… Questo non significa che non si può discutere, no, si discute, si scambiano le idee, ma la carità è quella che unisce. E la quarta vicinanza: la vicinanza al popolo di Dio. 

Non dimenticate da dove venite, è la raccomandazione del Papa, e che siete stati “scelti dal Signore” “non per fare carriera ecclesistica”:

Se manca una di queste, il prete non funziona e scivolerà, lentamente, nella perversione del clericalismo o in atteggiamenti di rigidità. Dove c’è clericalismo c’è corruzione, e dove c’è rigidità, sotto la rigidità, ci sono gravi problemi.

Con l’auspicio che i seminaristi diventino quindi “annunciatori gioiosi del Vangelo”, il Papa si è congedato affidandoli alle braccia della Vergine Maria, affinchè con il suo aiuto sappiano scoprire ogni giorno di più il “tesoro”, la “perla preziosa” che è Cristo.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa ai seminaristi: “vicinanza” per non scivolare nel clericalismo e nella rigidità

Il Papa ne ha parlato nel discorso ai membri del Pontificio Seminario Regionale Flaminio (Emilia - Romagna)

  

- Advertisement -

Sono tre gli aspetti che identificano l’ambiente del Seminario e quattro gli atteggiamenti che un sacerdote diocesano non deve trascurare per non cadere lentamente nella perversione del clericalismo che è anche corruzione e nella rigidità che cela gravi problemi. Il Papa ne ha parlato nel discorso di questa mattina ai membri del Pontificio Seminario Regionale Flaminio (Emilia – Romagna)

Gabriella Ceraso – Città del Vaticano 

Nella settimana in cui – il 13 dicembre – ricorre il cinquantesimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale, il Papa ha occasione di parlare proprio della “bellezza della chiamata al sacerdozio ministeriale”, a colloquio oggi con i membri del Pontificio Seminario regionale Flaminio, Benedetto XV di Bologna, cui afferiscono otto diocesi dell’Emilia -Romagna, in occasione dei cento anni dalla fondazione, ad opera di san Pio X.(Ascolta il servizio con la voce del Papa)

A questi rappresentanti del “Buon Pastore in mezzo al suo Popolo” – come li definisce Francesco – in cammino di preparazione al sacerdozio, il Papa parla del loro luogo di crescita, il Seminario, indicandone tre aspetti identficativi: casa di preghiera, di studio e di comunione. Dimensioni, fa capire il Papa nel suo discorso, di carattere “trasversale”, in quanto la preghiera è unione con Dio e in Dio con il prossimo; lo studio è personale ma non individuale; e la comunione è apertura umana ma anche comunione presbiteriale. E dalla dimensione della fraternità il Papa sviluppa la sua riflessione a braccio,  sulla “vicinanza” a Dio, al vescovo, ai presbiteri e al popolo, elementi imprescindibili per i sacerdoti diocesani.

La formazione spirituale: “cuore a cuore” con Gesù

- Advertisement -

Riguardo al primo aspetto, il Papa sottolinea cosa significhi “formazione spirituale” nelle due componenti del rapporto con Dio e dell’incontro con i poveri da coltivare in quella “casa di preghiera” che in primo luogo è il Seminario. Il contesto è quello della ” scristianizzazione” odierna che  – afferma il Papa rivolto ai seminaristi – vi chiama ad essere “evangelizzatori” dalla fede robusta:

Quanti sono più esposti al vento freddo dell’incertezza o dell’indifferenza religiosa, hanno bisogno di trovare nella persona del sacerdote quella fede robusta che è come una fiaccola nella notte e come una roccia alla quale attaccarsi. Questa fede si coltiva soprattutto nel rapporto personale, cuore a cuore, con la persona di Gesù Cristo. E il Seminario è prima di tutto la casa della preghiera dove il Signore convoca ancora i «suoi» in «un luogo appartato», a vivere un’esperienza forte di incontro e di ascolto.

L’incontro con Gesù nella carne dei poveri

Serve dunque dedicare un “adeguato impegno alla formazione spirituale” visto che – prosegue il Papa – si tratta degli “anni più favorevoli” per imparare a “stare con Lui”, “imparare ad ascoltarlo e a contemplare il suo volto”:

Qui l’esperienza del silenzio e della preghiera è fondamentale: è lì, nel rimanere alla sua presenza, che il discepolo può conoscere il Maestro, come da Lui è conosciuto – direbbe San Paolo. Ma è essenziale anche l’incontro con Gesù nel volto e nella carne dei poveri. Anche questo è parte integrante della formazione spirituale del seminarista.

Studiare insieme ma senza autoreferenzialità 

Il secondo aspetto che identifica il Seminario è quello dello “studio”. Anche esplorando tale dimensione il Papa dà indicazioni precise di cosa significhi e come si arrivi a costruire “fondamenta solide nell’edificio della formazione”. In particolare Francesco rimarca che per educare ad una “fede viva e consapevole” come deve essere quella del pastore, lo studio è non solo uno strumento privilegiato per la “conoscenza sapienziale e scientifica”, ma anche uno “strumento di un sapere condiviso”:

L’impegno di studiare, anche in Seminario, è chiaramente personale, ma non è individuale. Condividere le lezioni e lo studio con i compagni di Seminario è anch’esso un modo di entrare a far parte di un presbiterio. Infatti, senza trascurare le inclinazioni e i talenti personali, anzi, valorizzandoli, in Seminario si studia insieme per una missione comune, e questo dà un “sapore” tutto speciale all’apprendimento della Sacra Scrittura, della teologia, della storia, del diritto e di ogni disciplina. 

Diverse sensibilità dunque, ma un’unica chiamata, un unico orizzonte ecclesiale che sia privo di autoreferenzialità, è questo – afferma Francesco – che rende bello studiare nel seminario.

Carità credibile solo se unita alla fraternità

Terza dimensione del Seminario, è quella di “casa di comunione” ed ha anch’essa un carattere “trasversale”, perchè” parte da un’apertura agli altri” ma assume forma di “comunione presbiteriale intorno alla guida del vescovo”:

La carità pastorale del prete non può essere credibile se non è preceduta e accompagnata dalla fraternità, prima tra seminaristi e poi tra presbiteri. Una fraternità sempre più impregnata della forma apostolica, e arricchita dai tratti propri della diocesanità, cioè da quelle caratteristiche peculiari del popolo di Dio e dei santi, specialmente dei santi preti, di una Chiesa particolare.

I quattro volti della “Vicinità” 

Proprio soffermandosi sul concetto di fraternità il Papa, parlando a braccio, rimarca a questo punto quanto e come valga per i sacerdoti diocesani quella che lui stesso definisce come “vicinanza”: un atteggiamento che in parte ha già illustrato ma che tiene a ribadire vicini a Dio, vicini al vescovo “senza il quale – afferma – la Chiesa non va e il prete può essere un leader ma non un prete”, e  vicini tra presbiteri. E qui aggiunge:

Questa è una cosa che a me fa soffrire, quando vedo dei presbitéri frammentati, dove sono l’uno contro l’altro, oppure tutti cortesi ma poi sparlano l’uno dell’altro. Se non c’è un presbiterio unito… Questo non significa che non si può discutere, no, si discute, si scambiano le idee, ma la carità è quella che unisce. E la quarta vicinanza: la vicinanza al popolo di Dio. 

Non dimenticate da dove venite, è la raccomandazione del Papa, e che siete stati “scelti dal Signore” “non per fare carriera ecclesistica”:

Se manca una di queste, il prete non funziona e scivolerà, lentamente, nella perversione del clericalismo o in atteggiamenti di rigidità. Dove c’è clericalismo c’è corruzione, e dove c’è rigidità, sotto la rigidità, ci sono gravi problemi.

Con l’auspicio che i seminaristi diventino quindi “annunciatori gioiosi del Vangelo”, il Papa si è congedato affidandoli alle braccia della Vergine Maria, affinchè con il suo aiuto sappiano scoprire ogni giorno di più il “tesoro”, la “perla preziosa” che è Cristo.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
904FollowerSegui
13,000FollowerSegui
615FollowerSegui
63IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Giovani all’ombra della luce

Le lettere di Paolo

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO