8.1 C
Rome
Mar, 10 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Migranti Il Papa accoglie altri profughi da Lesbo, li accompagna Krajewski

Il Papa accoglie altri profughi da Lesbo, li accompagna Krajewski

Parte oggi per Lesbo il cardinale Konrad Krajewski.

- Advertisement -

Parte oggi per Lesbo il cardinale Konrad Krajewski. Dopo la missione del maggio scorso, seguita alla visita di Francesco del 2016, l’Elemosiniere apostolico rientrerà mercoledì prossimo con un gruppo di 33 profughi. Altri 10 arriveranno entro fine anno. Per tutti, l’assistenza sarà a carico della Santa Sede e della Comunità di Sant’Egidio

Giada Aquilino – Città del Vaticano

Su espresso “desiderio” di Papa Francesco e grazie a un nuovo “corridoio umanitario”, mercoledì prossimo “33 profughi richiedenti asilo politico” arriveranno in Italia provenienti da Lesbo, in Grecia, dov’erano da tempo riparati. L’Elemosiniere apostolico, il cardinale Konrad Krajewski, parte oggi per l’isola nel Mar Egeo, da dove rientrerà appunto il 4 dicembre accompagnando tali migranti. Ad affiancare il porporato, alcuni responsabili della Comunità di Sant’Egidio. Entro fine anno a tale gruppo si aggiungeranno “altri 10 profughi”. Ne dà notizia un comunicato dell’Elemosineria apostolica.

La visita del Papa

La missione fa seguito a quella che lo stesso cardinale, come inviato del Papa, ha svolto a Lesbo la primavera scorsa, a tra anni dalla visita del Pontefice che il 16 aprile del 2016 incontrò personalmente i migranti del Moria refugee camp, per poi tornare in Italia con 3 famiglie di richiedenti asilo siriani, dei quali la Santa Sede curò l’accoglienza e il sostentamento, mentre l’ospitalità e il percorso d’integrazione fu seguito da Sant’Egidio.

Un altro gesto di solidarietà

Inviando in maggio l’Elemosiniere apostolico tra i migranti dell’isola, Francesco ha voluto rinnovare la propria vicinanza al popolo greco e ai profughi ed ha espresso al contempo il desiderio di compiere un “ulteriore gesto di solidarietà”, ospitando “un gruppo di giovani profughi e alcune famiglie” provenienti da Afghanistan, Camerun e Togo. Dopo un “intenso itinerario di trattative ufficiali” tra gli organismi competenti, il ministero dell’Interno italiano ha dato “l’assenso definitivo” a svolgere l’operazione. L’accoglienza di tutti questi profughi sarà anche in questo caso “a carico” della Santa Sede, attraverso l’Elemosineria apostolica, e della Comunità di Sant’Egidio.

Due famiglie in Lussemburgo

Il 19 novembre scorso anche l’arcidiocesi di Lussemburgo, guidata dal neo cardinale Jean-Claude Hollerich che in maggio aveva partecipato alla missione del cardinale Krajewski a Lesbo, ha aperto le proprie porte a due famiglie di profughi provenienti dagli stessi campi sull’isola greca, una originaria del Kuwait con due bambini di 8 e 5 anni e una siriana con due gemelli di quasi due anni.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa accoglie altri profughi da Lesbo, li accompagna Krajewski

Parte oggi per Lesbo il cardinale Konrad Krajewski.

  

- Advertisement -

Parte oggi per Lesbo il cardinale Konrad Krajewski. Dopo la missione del maggio scorso, seguita alla visita di Francesco del 2016, l’Elemosiniere apostolico rientrerà mercoledì prossimo con un gruppo di 33 profughi. Altri 10 arriveranno entro fine anno. Per tutti, l’assistenza sarà a carico della Santa Sede e della Comunità di Sant’Egidio

Giada Aquilino – Città del Vaticano

Su espresso “desiderio” di Papa Francesco e grazie a un nuovo “corridoio umanitario”, mercoledì prossimo “33 profughi richiedenti asilo politico” arriveranno in Italia provenienti da Lesbo, in Grecia, dov’erano da tempo riparati. L’Elemosiniere apostolico, il cardinale Konrad Krajewski, parte oggi per l’isola nel Mar Egeo, da dove rientrerà appunto il 4 dicembre accompagnando tali migranti. Ad affiancare il porporato, alcuni responsabili della Comunità di Sant’Egidio. Entro fine anno a tale gruppo si aggiungeranno “altri 10 profughi”. Ne dà notizia un comunicato dell’Elemosineria apostolica.

La visita del Papa

La missione fa seguito a quella che lo stesso cardinale, come inviato del Papa, ha svolto a Lesbo la primavera scorsa, a tra anni dalla visita del Pontefice che il 16 aprile del 2016 incontrò personalmente i migranti del Moria refugee camp, per poi tornare in Italia con 3 famiglie di richiedenti asilo siriani, dei quali la Santa Sede curò l’accoglienza e il sostentamento, mentre l’ospitalità e il percorso d’integrazione fu seguito da Sant’Egidio.

- Advertisement -

Un altro gesto di solidarietà

Inviando in maggio l’Elemosiniere apostolico tra i migranti dell’isola, Francesco ha voluto rinnovare la propria vicinanza al popolo greco e ai profughi ed ha espresso al contempo il desiderio di compiere un “ulteriore gesto di solidarietà”, ospitando “un gruppo di giovani profughi e alcune famiglie” provenienti da Afghanistan, Camerun e Togo. Dopo un “intenso itinerario di trattative ufficiali” tra gli organismi competenti, il ministero dell’Interno italiano ha dato “l’assenso definitivo” a svolgere l’operazione. L’accoglienza di tutti questi profughi sarà anche in questo caso “a carico” della Santa Sede, attraverso l’Elemosineria apostolica, e della Comunità di Sant’Egidio.

Due famiglie in Lussemburgo

Il 19 novembre scorso anche l’arcidiocesi di Lussemburgo, guidata dal neo cardinale Jean-Claude Hollerich che in maggio aveva partecipato alla missione del cardinale Krajewski a Lesbo, ha aperto le proprie porte a due famiglie di profughi provenienti dagli stessi campi sull’isola greca, una originaria del Kuwait con due bambini di 8 e 5 anni e una siriana con due gemelli di quasi due anni.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La speranza di Giobbe

Cosentino: Non è quel che credi

Desiderio e sequela

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO