13.6 C
Rome
venerdì, 15 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il Papa a Santa Marta: quando la Parola arriva al cuore c’è...

Il Papa a Santa Marta: quando la Parola arriva al cuore c’è la festa

L’incontro con la Parola di Dio ci riempie di gioia e questa è la nostra forza.

- Advertisement -
L’incontro con la Parola di Dio ci riempie di gioia e questa è la nostra forza. Lo ricorda Papa Francesco alla Messa a Casa Santa Marta, sottolineando che non si capisce la festa della domenica senza la Parola di Dio

Debora Donnini – Città del Vaticano

Aprire il cuore all’incontro con la Parola di Dio che ci rende gioiosi. È l’esortazione che stamani Papa Francesco rivolge nell’omelia della Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa invita, quindi, ad ascoltare con attenzione, senza lasciare che la Parola entri da un orecchio ed esca dall’altro. La sua riflessione si snoda a partire dalla Prima Lettura della Liturgia di oggi, tratta dal Libro di Neemia (Ne 8,1-4a.5-6.7b-12). E’ la “storia dell’incontro del popolo di Dio con la Parola di Dio. E’ tutta una storia di ricostruzione”. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il popolo aveva fame della Parola di Dio

Il riferimento è al contesto in cui si svolge la storia narrata: la ricostruzione del Tempio e il ritorno dall’esilio. Neemia, il governatore, parla con il sacerdote e scriba Esdra per “intronizzare” la Parola di Dio: tutto il popolo si radunò sulla piazza davanti alla Porta delle Acque. Il sacerdote Esdra leggeva: “Aprì il libro in presenza di tutto il popolo, poiché stava più in alto di tutti; come ebbe aperto il libro, tutto il popolo si alzò in piedi”. I leviti spiegavano la legge. “Una cosa bella”, nota Papa Francesco mettendo in luce come “noi siamo abituati ad avere questo libro che è la Parola di Dio, ma siamo, direi, male abituati” mentre al popolo “mancava la Parola, aveva fame della Parola di Dio, per questo quando vide il libro della Parola si alzò in piedi”. “Ma pensate che da decenni non succedeva questo, è l’incontro del popolo con il suo Dio, l’incontro del popolo con la Parola di Dio”.

Neemia, che era il governatore, Esdra, sacerdote e scriba, e i leviti che ammaestravano il popolo dissero a tutto il popolo: “Questo giorno è consacrato al Signore”. Per noi è la domenica. La domenica è il giorno dell’incontro del popolo con il Signore, il giorno dell’incontro della mia famiglia con il Signore. Il giorno dell’incontro mio con il Signore, è un giorno di incontro. “Questo giorno è consacrato al Signore”

Non si capisce la festa della domenica senza la Parola di Dio

Per questo, Neemia, Esdra e i leviti esortavano a non fare lutto e a non piangere. La Prima Lettura di oggi narra, infatti, come tutto il popolo piangesse mentre ascoltava. “Piangeva dall’emozione”, “piangeva di gioia”, sottolinea Francesco.

Quando noi sentiamo la Parola di Dio cosa succede nel mio cuore? Sto attento alla Parola di Dio? Lascio che tocchi il mio cuore o sto lì a guardare il soffitto pensando altre cose e la Parola entra da un orecchio ed esce dall’altro, non arriva al cuore? Cosa faccio io per prepararmi perché la Parola arrivi al cuore? E quando la Parola arriva al cuore c’è il pianto di gioia e c’è la festa. Non si capisce la festa della domenica senza la Parola di Dio, non si capisce. “Poi Neemia disse loro: ‘Andate, fate festa – e dà una bella ricetta della festa – mangiate carni grasse e bevete vini dolci e mandate porzioni a quelli che nulla hanno – ai poveri; sempre i poveri sono i chierichetti della festa cristiana, i poveri! – perché questo giorno è consacrato al Signore nostro; non vi rattristate, perché la gioia del Signore è la vostra forza”.

La tristezza non è la nostra forza, aprire il cuore alla gioia

Quindi il Papa torna sul messaggio di oggi, ricordando che la tristezza, invece, non è la nostra forza:

La Parola di Dio ci fa gioiosi, l’incontro con la Parola di Dio ci riempie di gioia e questa gioia è la mia forza, è la nostra forza. I cristiani sono gioiosi perché hanno accettato, hanno ricevuto nel cuore la Parola di Dio e continuamente incontrano la Parola, la cercano. Questo è il messaggio di oggi, per tutti noi. Un esame di coscienza breve: Come io ascolto la Parola di Dio? O semplicemente non la ascolto? Come mi incontro io con il Signore nella sua Parola che è la Bibbia? E poi: sono convinto che la gioia del Signore è la mia forza? La tristezza non è la nostra forza.

 “I cuori rattristati”, osserva Francesco, il diavolo li butta giù subito mentre la gioia del Signore “ci fa alzare, guardare e cantare e piangere di gioia”. Uno dei salmi dice che nel momento della liberazione da Babilonia, il popolo ebreo pensava di sognare: non poteva crederlo. La stessa esperienza succede “quando noi incontriamo il Signore nella sua Parola”, quando pensiamo: “Ma questo è un sogno…”, e “non possiamo credere tanta bellezza”. “Che il Signore – conclude – dia a tutti noi la grazia di aprire il cuore per questo incontro con la sua Parola e non avere paura della gioia, non avere paura di fare la festa della gioia”, quella gioia, torna a sottolineare Papa Francesco, che scaturisce proprio da questo incontro con la Parola di Dio.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa a Santa Marta: quando la Parola arriva al cuore c’è la festa

L’incontro con la Parola di Dio ci riempie di gioia e questa è la nostra forza.

  

- Advertisement -
L’incontro con la Parola di Dio ci riempie di gioia e questa è la nostra forza. Lo ricorda Papa Francesco alla Messa a Casa Santa Marta, sottolineando che non si capisce la festa della domenica senza la Parola di Dio

Debora Donnini – Città del Vaticano

Aprire il cuore all’incontro con la Parola di Dio che ci rende gioiosi. È l’esortazione che stamani Papa Francesco rivolge nell’omelia della Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa invita, quindi, ad ascoltare con attenzione, senza lasciare che la Parola entri da un orecchio ed esca dall’altro. La sua riflessione si snoda a partire dalla Prima Lettura della Liturgia di oggi, tratta dal Libro di Neemia (Ne 8,1-4a.5-6.7b-12). E’ la “storia dell’incontro del popolo di Dio con la Parola di Dio. E’ tutta una storia di ricostruzione”. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il popolo aveva fame della Parola di Dio

Il riferimento è al contesto in cui si svolge la storia narrata: la ricostruzione del Tempio e il ritorno dall’esilio. Neemia, il governatore, parla con il sacerdote e scriba Esdra per “intronizzare” la Parola di Dio: tutto il popolo si radunò sulla piazza davanti alla Porta delle Acque. Il sacerdote Esdra leggeva: “Aprì il libro in presenza di tutto il popolo, poiché stava più in alto di tutti; come ebbe aperto il libro, tutto il popolo si alzò in piedi”. I leviti spiegavano la legge. “Una cosa bella”, nota Papa Francesco mettendo in luce come “noi siamo abituati ad avere questo libro che è la Parola di Dio, ma siamo, direi, male abituati” mentre al popolo “mancava la Parola, aveva fame della Parola di Dio, per questo quando vide il libro della Parola si alzò in piedi”. “Ma pensate che da decenni non succedeva questo, è l’incontro del popolo con il suo Dio, l’incontro del popolo con la Parola di Dio”.

Neemia, che era il governatore, Esdra, sacerdote e scriba, e i leviti che ammaestravano il popolo dissero a tutto il popolo: “Questo giorno è consacrato al Signore”. Per noi è la domenica. La domenica è il giorno dell’incontro del popolo con il Signore, il giorno dell’incontro della mia famiglia con il Signore. Il giorno dell’incontro mio con il Signore, è un giorno di incontro. “Questo giorno è consacrato al Signore”

Non si capisce la festa della domenica senza la Parola di Dio

Per questo, Neemia, Esdra e i leviti esortavano a non fare lutto e a non piangere. La Prima Lettura di oggi narra, infatti, come tutto il popolo piangesse mentre ascoltava. “Piangeva dall’emozione”, “piangeva di gioia”, sottolinea Francesco.

- Advertisement -

Quando noi sentiamo la Parola di Dio cosa succede nel mio cuore? Sto attento alla Parola di Dio? Lascio che tocchi il mio cuore o sto lì a guardare il soffitto pensando altre cose e la Parola entra da un orecchio ed esce dall’altro, non arriva al cuore? Cosa faccio io per prepararmi perché la Parola arrivi al cuore? E quando la Parola arriva al cuore c’è il pianto di gioia e c’è la festa. Non si capisce la festa della domenica senza la Parola di Dio, non si capisce. “Poi Neemia disse loro: ‘Andate, fate festa – e dà una bella ricetta della festa – mangiate carni grasse e bevete vini dolci e mandate porzioni a quelli che nulla hanno – ai poveri; sempre i poveri sono i chierichetti della festa cristiana, i poveri! – perché questo giorno è consacrato al Signore nostro; non vi rattristate, perché la gioia del Signore è la vostra forza”.

La tristezza non è la nostra forza, aprire il cuore alla gioia

Quindi il Papa torna sul messaggio di oggi, ricordando che la tristezza, invece, non è la nostra forza:

La Parola di Dio ci fa gioiosi, l’incontro con la Parola di Dio ci riempie di gioia e questa gioia è la mia forza, è la nostra forza. I cristiani sono gioiosi perché hanno accettato, hanno ricevuto nel cuore la Parola di Dio e continuamente incontrano la Parola, la cercano. Questo è il messaggio di oggi, per tutti noi. Un esame di coscienza breve: Come io ascolto la Parola di Dio? O semplicemente non la ascolto? Come mi incontro io con il Signore nella sua Parola che è la Bibbia? E poi: sono convinto che la gioia del Signore è la mia forza? La tristezza non è la nostra forza.

 “I cuori rattristati”, osserva Francesco, il diavolo li butta giù subito mentre la gioia del Signore “ci fa alzare, guardare e cantare e piangere di gioia”. Uno dei salmi dice che nel momento della liberazione da Babilonia, il popolo ebreo pensava di sognare: non poteva crederlo. La stessa esperienza succede “quando noi incontriamo il Signore nella sua Parola”, quando pensiamo: “Ma questo è un sogno…”, e “non possiamo credere tanta bellezza”. “Che il Signore – conclude – dia a tutti noi la grazia di aprire il cuore per questo incontro con la sua Parola e non avere paura della gioia, non avere paura di fare la festa della gioia”, quella gioia, torna a sottolineare Papa Francesco, che scaturisce proprio da questo incontro con la Parola di Dio.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
867FollowerSegui
13,000FollowerSegui
604FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Palumbo: La misericordia di Dio

La ricerca storica su Gesù

Rileggere il Decalogo

La grande città e la salvezza

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO