11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita EcclesialeIl nemico più pericoloso? La secolarizzazione della Chiesa

Il nemico più pericoloso? La secolarizzazione della Chiesa

Un pericolo costante e crescente

- Advertisement -

di Hierotheos Vlachos

Secolarizzazione è la perdita della vera vita della Chiesa, l’estraniamento dei membri della Chiesa dall’autentico pensiero ecclesiale. Secolarizzazione è il rinnegare l’ethos ecclesiale, il lasciare impregnare la propria vita dal cosiddetto spirito mondano. Va sottolineato il fatto che la secolarizzazione dei membri della Chiesa è il pericolo più grave. La Chiesa ha molti “nemici”. Il peggiore, tuttavia, e il più pericoloso è la secolarizzazione, che corrode il midollo della Chiesa. Quest’ultima, ovviamente, non è sottoposta ad alcuna minaccia reale, dal momento che è il corpo benedetto di Cristo; la minaccia, invece, sussiste per i suoi membri.

Per essere precisi, potremmo dire che la secolarizzazione, che consiste nell’alterazione della condotta e della vera fede, è legata alle passioni. Naturalmente, essa sta in agguato nella Chiesa fin dagli inizi della sua esistenza. Già Adamo, in paradiso, aveva tentato di interpretare razionalmente il comando di Dio. Ma anche dopo la Pentecoste si sono presentati casi che rivelavano un modo antropocentrico di pensare e di vivere da parte di alcuni cristiani. Gli gnostici (e tanti altri) sono prove evidenti di un tale fenomeno. Propriamente, però, la secolarizzazione è iniziata con la cessazione delle persecuzioni. Nel corso di queste ultime, i cristiani credevano e vivevano in maniera conforme alla verità. Quando, tuttavia, il cristianesimo è divenuto religione ufficiale dello stato, si è avviato un processo di adulterazione della fede cristiana e del modo di vivere. Lo sviluppo dell’anacoretismo e in seguito del monachesimo ha rappresentato la reazione a tale secolarizzazione. Come appare dalla sacra Scrittura, soprattutto dalle lettere dei santi apostoli, nella Chiesa antica tutti i cristiani vivevano con criteri monastici. L’adesione, tuttavia, al cristianesimo di persone motivate dalla propria convenienza ha avuto quali effetti la secolarizzazione della fede e lo sviluppo del monachesimo.

Il monachesimo non è un qualcosa di estraneo alla Chiesa, ma piuttosto l’esistenza secondo il Vangelo, che alcuni cristiani volevano vivere nella sua perfezione: di qui la decisione di abbracciare questa modalità di essere. Si può sostenere che anche il monaco più eccentrico rappresenta una sana reazione allo spirito secolarizzato che affligge i cristiani del nostro tempo.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il nemico più pericoloso? La secolarizzazione della Chiesa

Un pericolo costante e crescente

- Advertisement -

di Hierotheos Vlachos

Secolarizzazione è la perdita della vera vita della Chiesa, l’estraniamento dei membri della Chiesa dall’autentico pensiero ecclesiale. Secolarizzazione è il rinnegare l’ethos ecclesiale, il lasciare impregnare la propria vita dal cosiddetto spirito mondano. Va sottolineato il fatto che la secolarizzazione dei membri della Chiesa è il pericolo più grave. La Chiesa ha molti “nemici”. Il peggiore, tuttavia, e il più pericoloso è la secolarizzazione, che corrode il midollo della Chiesa. Quest’ultima, ovviamente, non è sottoposta ad alcuna minaccia reale, dal momento che è il corpo benedetto di Cristo; la minaccia, invece, sussiste per i suoi membri.

Per essere precisi, potremmo dire che la secolarizzazione, che consiste nell’alterazione della condotta e della vera fede, è legata alle passioni. Naturalmente, essa sta in agguato nella Chiesa fin dagli inizi della sua esistenza. Già Adamo, in paradiso, aveva tentato di interpretare razionalmente il comando di Dio. Ma anche dopo la Pentecoste si sono presentati casi che rivelavano un modo antropocentrico di pensare e di vivere da parte di alcuni cristiani. Gli gnostici (e tanti altri) sono prove evidenti di un tale fenomeno. Propriamente, però, la secolarizzazione è iniziata con la cessazione delle persecuzioni. Nel corso di queste ultime, i cristiani credevano e vivevano in maniera conforme alla verità. Quando, tuttavia, il cristianesimo è divenuto religione ufficiale dello stato, si è avviato un processo di adulterazione della fede cristiana e del modo di vivere. Lo sviluppo dell’anacoretismo e in seguito del monachesimo ha rappresentato la reazione a tale secolarizzazione. Come appare dalla sacra Scrittura, soprattutto dalle lettere dei santi apostoli, nella Chiesa antica tutti i cristiani vivevano con criteri monastici. L’adesione, tuttavia, al cristianesimo di persone motivate dalla propria convenienza ha avuto quali effetti la secolarizzazione della fede e lo sviluppo del monachesimo.

Il monachesimo non è un qualcosa di estraneo alla Chiesa, ma piuttosto l’esistenza secondo il Vangelo, che alcuni cristiani volevano vivere nella sua perfezione: di qui la decisione di abbracciare questa modalità di essere. Si può sostenere che anche il monaco più eccentrico rappresenta una sana reazione allo spirito secolarizzato che affligge i cristiani del nostro tempo.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Bibbia: poeti e poesie

Teologia spirituale

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x