20.7 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Il Natale di Manuela, l'abortificio la inganna: "Bimbo malato". Ma sono due...

Il Natale di Manuela, l’abortificio la inganna: “Bimbo malato”. Ma sono due gemelli sanissimi

- Advertisement -

Per il Bambino nato nella mangiatoia, due fratellini gemelli in culla che non dovevano nascere. Ci sono storie nascoste che danno un senso al Natale perché in esse rivive quel mistero della salvezza di una vita che vince sulla morte che è il messaggio profondo del Natale cristiano.

Sono tanti i casi di bambini che vengono strappati alle fauci dell’aborto, ma questa storia ha dell’incredibile e non solo perché è emersa a Natale grazie al portale pro life spagnolo Actuall.com.

Ma anche perché è la dimostrazione che quando ci sono uomini, quegli uomini di buona volontà a cui è augurata la pace nel Gloria natalizio, tutto può succedere. Anche che la vita sconfigga la morte.

Siamo in Spagna e Manuela, una donna di origini gitane che ha già un figlio gravemente disabile si presenta davanti alle porte della clinica Dator di Madrid, l’abortificio più importante di Spagna. L’ecografia appena effettuata ha evidenziato delle malformazioni per il feto. Il medico ecografista non ha dubbi: per evitare di avere un altro figlio disabile era più prudente abortire.

La donna si convince per l’aborto e quel giorno era pronta per entrare nell’abortificio che aveva diagnosticato la malformazione del bambino. Ma mentre si reca in clinica il suo destino si incarna nei volontari della Escuela de los rescatadores, fondata dal dottor Jesus Poveda, attivista pro life tra i più famosi in Spagna. I volontari cercano di capire che cosa animasse questa decisione e la donna inizia a raccontare la sua storia. Poi le propongono un cambio di programma: “La clinica Dator è nota per non avere buoni ecografisti, le abbiamo offerto di provare a sottoporsi ad un’altra ecografia in una clinica vicina”, ha spiegato Poveda.

Inizia così un dialogo con la donna molto delicato. I volontari la convincono: “Ti chiediamo solo di aspettare mezz’ora, giusto il tempo di portarti in un’altra clinica, ripetere l’ecografia e ti riaccompagnamo”. Quella vita nel grembo della donna sembra aver spinto i passi della madre. Che acconsente. La donna si sottopone così ad un’altra ecografia nella clinica Anderson effettuata dalla dottoressa Sonsoles Alonso. Il responso dell’ecografista è sorprendente: “Il bambino non era affatto malformato. Semplicemente si trattava di due gemelli! E nessuno dei due presentava problematiche”.

La donna rinasce. Si sente accolta dai medici e dagli attivisti della Escuela. E decide di interrompere le pratiche dell’aborto. Ha partorito nei giorni scorsi, scodellando due gemelli proprio qualche giorno prima di Natale. Di storie come queste ce ne sono a migliaia: strappate dalle fauci dell’aborto che si serve di medici compiacenti e cliniche alle quali interessa soltanto il business. A pensarci con il senno di poi, quello della clinica non è stato altro che un inganno. Un inganno per fare cassa.

La storia di questa donna apre uno squarcio inquietante su come le cliniche abortiste guidano le donne in vista dell’aborto. Non esistono statistiche né dati ufficiali. Eppure l’episodio mostra chiaramente che si possono ingannare le donne per costringerle all’aborto. Nascondendo loro la verità e probabilmente confidando in una impunità garantita da un sistema sociale abortista.

Lo stesso Poveda lo denuncia: “Quando hai un’attività abortista prevale il contenuto di questa attività, non quello di salvare i bambini. C’è gente che sta lì unicamente per soldi. Perché l’aborto muove un sacco di denaro. Vale 500 euro e si fanno 20 aborti al giorno, stiamo parlando di molti soldi a fronte di molti bambini perduti. E quando vedono qualche cosa di anomalo nelle ecografie, come potrebbe sembrare per due gemelli, propongono un aborto per malformazione”.

Ma questa volta la vita è stata più forte della morte. Merito di uomini di buona volontà che hanno raccolto il grido silenzioso di una madre mostrandole una via diversa. I due gemelli spagnoli sono il miglior biglietto da visita per un Natale dove sia davvero la vita ad avere l’ultima parola.  

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Natale di Manuela, l’abortificio la inganna: “Bimbo malato”. Ma sono due gemelli sanissimi

  

- Advertisement -

Per il Bambino nato nella mangiatoia, due fratellini gemelli in culla che non dovevano nascere. Ci sono storie nascoste che danno un senso al Natale perché in esse rivive quel mistero della salvezza di una vita che vince sulla morte che è il messaggio profondo del Natale cristiano.

Sono tanti i casi di bambini che vengono strappati alle fauci dell’aborto, ma questa storia ha dell’incredibile e non solo perché è emersa a Natale grazie al portale pro life spagnolo Actuall.com.

Ma anche perché è la dimostrazione che quando ci sono uomini, quegli uomini di buona volontà a cui è augurata la pace nel Gloria natalizio, tutto può succedere. Anche che la vita sconfigga la morte.

Siamo in Spagna e Manuela, una donna di origini gitane che ha già un figlio gravemente disabile si presenta davanti alle porte della clinica Dator di Madrid, l’abortificio più importante di Spagna. L’ecografia appena effettuata ha evidenziato delle malformazioni per il feto. Il medico ecografista non ha dubbi: per evitare di avere un altro figlio disabile era più prudente abortire.

La donna si convince per l’aborto e quel giorno era pronta per entrare nell’abortificio che aveva diagnosticato la malformazione del bambino. Ma mentre si reca in clinica il suo destino si incarna nei volontari della Escuela de los rescatadores, fondata dal dottor Jesus Poveda, attivista pro life tra i più famosi in Spagna. I volontari cercano di capire che cosa animasse questa decisione e la donna inizia a raccontare la sua storia. Poi le propongono un cambio di programma: “La clinica Dator è nota per non avere buoni ecografisti, le abbiamo offerto di provare a sottoporsi ad un’altra ecografia in una clinica vicina”, ha spiegato Poveda.

- Advertisement -

Inizia così un dialogo con la donna molto delicato. I volontari la convincono: “Ti chiediamo solo di aspettare mezz’ora, giusto il tempo di portarti in un’altra clinica, ripetere l’ecografia e ti riaccompagnamo”. Quella vita nel grembo della donna sembra aver spinto i passi della madre. Che acconsente. La donna si sottopone così ad un’altra ecografia nella clinica Anderson effettuata dalla dottoressa Sonsoles Alonso. Il responso dell’ecografista è sorprendente: “Il bambino non era affatto malformato. Semplicemente si trattava di due gemelli! E nessuno dei due presentava problematiche”.

La donna rinasce. Si sente accolta dai medici e dagli attivisti della Escuela. E decide di interrompere le pratiche dell’aborto. Ha partorito nei giorni scorsi, scodellando due gemelli proprio qualche giorno prima di Natale. Di storie come queste ce ne sono a migliaia: strappate dalle fauci dell’aborto che si serve di medici compiacenti e cliniche alle quali interessa soltanto il business. A pensarci con il senno di poi, quello della clinica non è stato altro che un inganno. Un inganno per fare cassa.

La storia di questa donna apre uno squarcio inquietante su come le cliniche abortiste guidano le donne in vista dell’aborto. Non esistono statistiche né dati ufficiali. Eppure l’episodio mostra chiaramente che si possono ingannare le donne per costringerle all’aborto. Nascondendo loro la verità e probabilmente confidando in una impunità garantita da un sistema sociale abortista.

Lo stesso Poveda lo denuncia: “Quando hai un’attività abortista prevale il contenuto di questa attività, non quello di salvare i bambini. C’è gente che sta lì unicamente per soldi. Perché l’aborto muove un sacco di denaro. Vale 500 euro e si fanno 20 aborti al giorno, stiamo parlando di molti soldi a fronte di molti bambini perduti. E quando vedono qualche cosa di anomalo nelle ecografie, come potrebbe sembrare per due gemelli, propongono un aborto per malformazione”.

Ma questa volta la vita è stata più forte della morte. Merito di uomini di buona volontà che hanno raccolto il grido silenzioso di una madre mostrandole una via diversa. I due gemelli spagnoli sono il miglior biglietto da visita per un Natale dove sia davvero la vita ad avere l’ultima parola.  

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Interrogare la sofferenza

La ricerca storica su Gesù

La tenerezza nel vangelo di Marco

Liturgia e secolarizzazione

La teologia di papa Francesco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO