14.6 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Il grazie del Papa per quanti pregano per l'emergenza coronavirus

Il grazie del Papa per quanti pregano per l’emergenza coronavirus

Con loro non dimentichiamo anche le sofferenze di chi scappa dalla propria terra e cerca salvezza al confine greco turco.

- Advertisement -
Gli ammalati di Covid 19, i medici, gli infermieri e i volontari: quanti lottano contro l’epidemia in questi giorni sono nel cuore del Papa che li ricorda all’udienza generale. Con loro non dimentichiamo anche le sofferenze di chi scappa dalla propria terra e cerca salvezza al confine greco turco
Gabriella Ceraso – Città del Vaticano 

Alla prima udienza generale trasmessa in streaming che prosegue il ciclo iniziato sulle Beatitudini, il Papa, come anche domenica scorsa, in occasione della preghiera dell’Angelus, ha voluto rivolgersi a quanti in questo momento, in Italia e nel mondo, lottano contro l’epidemia di Coronavirus. I contagi sono arrivati a sfiorare i 120mila, con 4282 vittime, ma si registrano anche quasi 66mila persone guarite mentre staff medici internazionali sono impegnati in laboratorio per trovare al più presto un vaccino. Una situazione che in alcuni Paesi, tra cui l’Italia, sta mettendo a dura prova il sistema sanitario e la coesione del tessuto sociale provocando l’assunzione di misure drastiche.

Malati, medici e volontari

Con gli occhi e il cuore rivolti a tutto questo, Francesco parla a chi è in prima linea nella sofferenza:

In questo momento, vorrei rivolgermi a tutti gli ammalati che hanno il virus e che soffrono la malattia, e ai tanti che soffrono incertezze sulle proprie malattie. Ringrazio di cuore il personale ospedaliero, i medici, le infermiere e gli infermieri, i volontari che in questo momento tanto difficile sono accanto alle persone che soffrono.

A questo sguardo d’amore verso chi soffre si unisce anche il ringraziamento del Papa per la grande quantità di fedeli che nel mondo, in modi diversi, sta pregando, sta celebrando Messe e sta recitando Rosari. Lo stesso Francesco, dal 9 marzo scorso, ha deciso di dedicare la Messa quotidiana nella cappella di Casa Santa Marta proprio a questa grande emergenza sanitaria :

Ringrazio tutti i cristiani, tutti gli uomini e le donne di buona volontà che pregano per questo momento, tutti uniti, qualsiasi sia la tradizione religiosa alla quale appartengono. Grazie di cuore per questo sforzo.

La Siria e le sofferenze dei profughi

Ma nelle parole del Papa anche un’altra preoccupazione: che, a causa dell’epidemia che sta assorbendo l’attenzione globale degli ultimi mesi, passi sotto silenzio il dramma di centinaia di migliaia di vite fragili, quelle dei “poveri siriani”. Un dramma che si sta consumando al confine tra Grecia e Turchia e al quale ancora nessuno ha trovato una soluzione. Da qui la sottolineatura del Pontefice:

Ma non vorrei che questo dolore, questa epidemia tanto forte ci faccia dimenticare i poveri siriani, che stanno soffrendo al limite della Grecia e la Turchia: un popolo sofferente da anni. Devono fuggire dalla guerra, dalla fame, dalle malattie. Non dimentichiamo i fratelli e le sorelle, tanti bambini, che stanno soffrendo lì.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il grazie del Papa per quanti pregano per l’emergenza coronavirus

Con loro non dimentichiamo anche le sofferenze di chi scappa dalla propria terra e cerca salvezza al confine greco turco.

  

- Advertisement -
Gli ammalati di Covid 19, i medici, gli infermieri e i volontari: quanti lottano contro l’epidemia in questi giorni sono nel cuore del Papa che li ricorda all’udienza generale. Con loro non dimentichiamo anche le sofferenze di chi scappa dalla propria terra e cerca salvezza al confine greco turco
Gabriella Ceraso – Città del Vaticano 

Alla prima udienza generale trasmessa in streaming che prosegue il ciclo iniziato sulle Beatitudini, il Papa, come anche domenica scorsa, in occasione della preghiera dell’Angelus, ha voluto rivolgersi a quanti in questo momento, in Italia e nel mondo, lottano contro l’epidemia di Coronavirus. I contagi sono arrivati a sfiorare i 120mila, con 4282 vittime, ma si registrano anche quasi 66mila persone guarite mentre staff medici internazionali sono impegnati in laboratorio per trovare al più presto un vaccino. Una situazione che in alcuni Paesi, tra cui l’Italia, sta mettendo a dura prova il sistema sanitario e la coesione del tessuto sociale provocando l’assunzione di misure drastiche.

Malati, medici e volontari

Con gli occhi e il cuore rivolti a tutto questo, Francesco parla a chi è in prima linea nella sofferenza:

In questo momento, vorrei rivolgermi a tutti gli ammalati che hanno il virus e che soffrono la malattia, e ai tanti che soffrono incertezze sulle proprie malattie. Ringrazio di cuore il personale ospedaliero, i medici, le infermiere e gli infermieri, i volontari che in questo momento tanto difficile sono accanto alle persone che soffrono.

A questo sguardo d’amore verso chi soffre si unisce anche il ringraziamento del Papa per la grande quantità di fedeli che nel mondo, in modi diversi, sta pregando, sta celebrando Messe e sta recitando Rosari. Lo stesso Francesco, dal 9 marzo scorso, ha deciso di dedicare la Messa quotidiana nella cappella di Casa Santa Marta proprio a questa grande emergenza sanitaria :

- Advertisement -

Ringrazio tutti i cristiani, tutti gli uomini e le donne di buona volontà che pregano per questo momento, tutti uniti, qualsiasi sia la tradizione religiosa alla quale appartengono. Grazie di cuore per questo sforzo.

La Siria e le sofferenze dei profughi

Ma nelle parole del Papa anche un’altra preoccupazione: che, a causa dell’epidemia che sta assorbendo l’attenzione globale degli ultimi mesi, passi sotto silenzio il dramma di centinaia di migliaia di vite fragili, quelle dei “poveri siriani”. Un dramma che si sta consumando al confine tra Grecia e Turchia e al quale ancora nessuno ha trovato una soluzione. Da qui la sottolineatura del Pontefice:

Ma non vorrei che questo dolore, questa epidemia tanto forte ci faccia dimenticare i poveri siriani, che stanno soffrendo al limite della Grecia e la Turchia: un popolo sofferente da anni. Devono fuggire dalla guerra, dalla fame, dalle malattie. Non dimentichiamo i fratelli e le sorelle, tanti bambini, che stanno soffrendo lì.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I settanta volti della Torah

Fusco: La gioia dell’ascolto

Marconi: L’infanzia di Maria

Scelte di vita e vocazione

Palumbo: La misericordia di Dio

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO