9.7 C
Rome
venerdì, 22 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Il diavolo: simbolo o persona?

Il diavolo: simbolo o persona?

Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica

- Advertisement -

Hanno suscitato perplessità e disorientamento le parole sulla reale esistenza di Satana, attribuite al superiore dei gesuiti. Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica

Il Superiore generale della Compagnia di Gesù  padre Artuto Sosa Abascal (i gesuiti a cui appartiene anche Papa Francesco), ha rilasciato una dichiarazione al Meeting di Rimini, e cioé: «Il diavolo esiste come realtà simbolica, non come realtà personale».

«L’esistenza reale del diavolo, quale soggetto che pensa e agisce e che ha fatto la scelta di ribellione a Dio, è una Verità di fede che fa parte della dottrina cattolica», così il giorno dopo l’Associazione internazionale esorcisti replica al superiore generale dei gesuiti. Cosa dice la Chiesa a questo proposito?

Giuseppe Manecchia

Rispondiamo prima delineando un breve quadro della dottrina cattolica sul punto, quindi provando a dire qualcosa sulle parole del padre Sosa.

La dottrina della Chiesa va decisamente nella direzione di riconoscere a Satana il carattere di ente spirituale, dotato di libertà e a cui si può attribuire la qualifica di persona; ricordando che qui il termine «persona» deve essere inteso in maniera analogica, cioè un ente spirituale dotato di libertà è persona diversamente da come è persona un uomo o da come lo sono il Padre, il Figlio e lo Spirito santo, le tre persone dell’unica sostanza divina.

Un buon esempio di dottrina demonologica è il Catechismo della Chiesa Cattolica al numero 2851, che raccoglie in sintesi la tradizione teologica e magisteriale: «In questa richiesta [“liberaci dal Male” nel Padre nostro], il Male non è un’astrazione; indica invece una persona: Satana, il Maligno, l’angelo che si oppone a Dio. Il “diavolo” […] è colui che vuole ostacolare il Disegno di Dio e la sua “opera di salvezza” compiuta in Cristo».

Nella storia della Chiesa sono esigui i riferimenti magisteriali sul diavolo, come se si desse per scontato che il diavolo esiste, che il diavolo è un angelo, che il diavolo è un angelo caduto. C’è un passaggio però decisivo della professione di fede contro i catari e gli albigesi Firmiter credimus del Concilio Lateranense IV del 1215, che ci viene in soccorso: «Il diavolo, infatti, e gli altri demoni sono stati creati da Dio naturalmente buoni, ma da se stessi si sono trasformati in malvagi. L’uomo poi ha peccato per suggestione del demonio» (DH 800). Dal testo si prendono facilmente alcuni elementi: 1) il diavolo e gli altri demoni sono creature; 2) sono stati creati buoni; 3) hanno usato la libertà per ribellarsi a Dio; 4) agiscono per ingannare e tentare l’uomo.

Quest’ultimo dei quattro elementi mi conduce a riprendere l’intervista del padre Sosa. Voglio farlo, seguendo il pregiudizio positivo che proprio sant’Ignazio esprime a Esercizi spirituali, 22 («è da presupporre che un buon cristiano deve essere propenso a difendere piuttosto che a condannare l’affermazione di un altro. Se non può difenderla, cerchi di chiarire in che senso l’altro la intende»). Ad una prima lettura, sembra che il padre Sosa vada contro la dottrina stabile della Chiesa circa l’esistenza del diavolo, nel momento in cui lo definisce come un simbolo del male nell’uomo e nel mondo. Forse, però, le parole del padre Sosa si riferiscono a Satana considerato nella pervasiva presenza nelle coscienze e nelle strutture mondane per suggestionare l’uomo, ingannarlo e tentarlo.

Del resto, leggendo l’intervista a padre Sosa sulla rivista Tempi, alla domanda se Satana esista, egli risponde dicendo «in diversi modi», non con la negazione e aggiunge: «Non è una persona come lo è una persona umana. È una maniera del male di essere presente nella vita umana». Parlare di simbolo del male per l’uomo di differenti culture che elabora l’esperienza del male dentro di sé e nel mondo, è lecito solo se lo intendiamo dal punto di vista dell’opera di Satana; opera che ha però alle spalle la realtà di una creatura spirituale libera e malvagia.

Francesco Vermigli

Originale: ToscanaOggi.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il diavolo: simbolo o persona?

Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica

  

- Advertisement -

Hanno suscitato perplessità e disorientamento le parole sulla reale esistenza di Satana, attribuite al superiore dei gesuiti. Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica

Il Superiore generale della Compagnia di Gesù  padre Artuto Sosa Abascal (i gesuiti a cui appartiene anche Papa Francesco), ha rilasciato una dichiarazione al Meeting di Rimini, e cioé: «Il diavolo esiste come realtà simbolica, non come realtà personale».

«L’esistenza reale del diavolo, quale soggetto che pensa e agisce e che ha fatto la scelta di ribellione a Dio, è una Verità di fede che fa parte della dottrina cattolica», così il giorno dopo l’Associazione internazionale esorcisti replica al superiore generale dei gesuiti. Cosa dice la Chiesa a questo proposito?

Giuseppe Manecchia

Rispondiamo prima delineando un breve quadro della dottrina cattolica sul punto, quindi provando a dire qualcosa sulle parole del padre Sosa.

La dottrina della Chiesa va decisamente nella direzione di riconoscere a Satana il carattere di ente spirituale, dotato di libertà e a cui si può attribuire la qualifica di persona; ricordando che qui il termine «persona» deve essere inteso in maniera analogica, cioè un ente spirituale dotato di libertà è persona diversamente da come è persona un uomo o da come lo sono il Padre, il Figlio e lo Spirito santo, le tre persone dell’unica sostanza divina.

Un buon esempio di dottrina demonologica è il Catechismo della Chiesa Cattolica al numero 2851, che raccoglie in sintesi la tradizione teologica e magisteriale: «In questa richiesta [“liberaci dal Male” nel Padre nostro], il Male non è un’astrazione; indica invece una persona: Satana, il Maligno, l’angelo che si oppone a Dio. Il “diavolo” […] è colui che vuole ostacolare il Disegno di Dio e la sua “opera di salvezza” compiuta in Cristo».

Nella storia della Chiesa sono esigui i riferimenti magisteriali sul diavolo, come se si desse per scontato che il diavolo esiste, che il diavolo è un angelo, che il diavolo è un angelo caduto. C’è un passaggio però decisivo della professione di fede contro i catari e gli albigesi Firmiter credimus del Concilio Lateranense IV del 1215, che ci viene in soccorso: «Il diavolo, infatti, e gli altri demoni sono stati creati da Dio naturalmente buoni, ma da se stessi si sono trasformati in malvagi. L’uomo poi ha peccato per suggestione del demonio» (DH 800). Dal testo si prendono facilmente alcuni elementi: 1) il diavolo e gli altri demoni sono creature; 2) sono stati creati buoni; 3) hanno usato la libertà per ribellarsi a Dio; 4) agiscono per ingannare e tentare l’uomo.

- Advertisement -

Quest’ultimo dei quattro elementi mi conduce a riprendere l’intervista del padre Sosa. Voglio farlo, seguendo il pregiudizio positivo che proprio sant’Ignazio esprime a Esercizi spirituali, 22 («è da presupporre che un buon cristiano deve essere propenso a difendere piuttosto che a condannare l’affermazione di un altro. Se non può difenderla, cerchi di chiarire in che senso l’altro la intende»). Ad una prima lettura, sembra che il padre Sosa vada contro la dottrina stabile della Chiesa circa l’esistenza del diavolo, nel momento in cui lo definisce come un simbolo del male nell’uomo e nel mondo. Forse, però, le parole del padre Sosa si riferiscono a Satana considerato nella pervasiva presenza nelle coscienze e nelle strutture mondane per suggestionare l’uomo, ingannarlo e tentarlo.

Del resto, leggendo l’intervista a padre Sosa sulla rivista Tempi, alla domanda se Satana esista, egli risponde dicendo «in diversi modi», non con la negazione e aggiunge: «Non è una persona come lo è una persona umana. È una maniera del male di essere presente nella vita umana». Parlare di simbolo del male per l’uomo di differenti culture che elabora l’esperienza del male dentro di sé e nel mondo, è lecito solo se lo intendiamo dal punto di vista dell’opera di Satana; opera che ha però alle spalle la realtà di una creatura spirituale libera e malvagia.

Francesco Vermigli

- Advertisement -
Originale: ToscanaOggi.it

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO