14.7 C
Roma
Mer, 3 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Il Battesimo del Signore: per noi un vero balsamo di rigenerazione e...

Il Battesimo del Signore: per noi un vero balsamo di rigenerazione e di consolazione.

- Advertisement -

 Assumendo su di sé tutta la nostra storia, non escluso il nostro peccato, il Signore apre il suo cuore al Padre parlandogli di noi e il Padre, guardando al suo Figlio, guarda ciascuno di noi con i suoi occhi traboccanti di amore e di misericordia.
Assumendo su di sé tutta la nostra storia, non escluso il nostro peccato, il Signore apre il suo cuore al Padre parlandogli di noi e il Padre, guardando al suo Figlio, guarda ciascuno di noi con i suoi occhi traboccanti di amore e di misericordia.

A conclusione del Tempo di Natale, la sapienza della liturgia ci invita ancora una volta a contemplare il grande mistero dell’incarnazione di Cristo, quasi a ricordarci che questo grande evento che ha cambiato la storia dell’umanità deve accompagnarci sempre e non soltanto in questi giorni di festa. Al Giordano trovano compimento le parole che Dio ci rivolge per mezzo del profeta Isaia: «Consolate, consolate il mio popolo – dice il vostro Dio. Parlate al cuore di Gerusalemme e gridatele che la sua tribolazione è compiuta, la sua colpa è scontata» (Is 40, 1-2). Assistiamo al passaggio dal Gesù bambino al Gesù adulto che inizia la sua missione, rivelandoci in pienezza l’amore di Dio per la nostra umanità.

         Assumendo su di sé tutta la nostra storia, non escluso il nostro peccato, il Signore apre il suo cuore al Padre parlandogli di noi e il Padre, guardando al suo Figlio, guarda ciascuno di noi con i suoi occhi traboccanti di amore e di misericordia. E a ciascuno di noi dice: «Tu sei il Figlio mio, l’amato» (Lc 3,22). In questo mistero d’amore il Signore rende l’acqua della nostra vita, fangosa a causa del peccato, come la vera acqua rigenerata e rinnovata nello Spirito Santo (cfr. Tt 3,5). Il segno del battesimo del Signore diventa per noi un vero balsamo di rigenerazione e di consolazione: in un mondo lacerato dal male e dallo smarrimento, Egli viene come fratello della nostra umanità, si fa nostro compagno di viaggio, accettando di attraversare con noi e per noi le acque della sofferenza, della solitudine e della morte, fino ad aprire un varco tra cielo e terra. Da questo squarcio di cielo sgorga per ciascuno di noi un raggio di quell’Amore unico e personale che ci rende figli nel Figlio. Ci fa comprendere che non è lontano da noi, nel cielo, in un luogo per noi misterioso e irraggiungibile; ci dice che vuole essere come noi fino a scegliere di avere bisogno “anche” lui delle cose di cui noi abbiamo bisogno.

A. Rosati
Sacerdote dell'Arcidiocesi Metropolitana di Chieti-Vasto. Ordinato presbitero il 29 giugno 2010, è attualmente parroco in Villamagna (CH).

2 Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Più nuovi
Più vecchi Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Il Battesimo del Signore: per noi un vero balsamo di rigenerazione e di consolazione.

- Advertisement -

 Assumendo su di sé tutta la nostra storia, non escluso il nostro peccato, il Signore apre il suo cuore al Padre parlandogli di noi e il Padre, guardando al suo Figlio, guarda ciascuno di noi con i suoi occhi traboccanti di amore e di misericordia.
Assumendo su di sé tutta la nostra storia, non escluso il nostro peccato, il Signore apre il suo cuore al Padre parlandogli di noi e il Padre, guardando al suo Figlio, guarda ciascuno di noi con i suoi occhi traboccanti di amore e di misericordia.

A conclusione del Tempo di Natale, la sapienza della liturgia ci invita ancora una volta a contemplare il grande mistero dell’incarnazione di Cristo, quasi a ricordarci che questo grande evento che ha cambiato la storia dell’umanità deve accompagnarci sempre e non soltanto in questi giorni di festa. Al Giordano trovano compimento le parole che Dio ci rivolge per mezzo del profeta Isaia: «Consolate, consolate il mio popolo – dice il vostro Dio. Parlate al cuore di Gerusalemme e gridatele che la sua tribolazione è compiuta, la sua colpa è scontata» (Is 40, 1-2). Assistiamo al passaggio dal Gesù bambino al Gesù adulto che inizia la sua missione, rivelandoci in pienezza l’amore di Dio per la nostra umanità.

         Assumendo su di sé tutta la nostra storia, non escluso il nostro peccato, il Signore apre il suo cuore al Padre parlandogli di noi e il Padre, guardando al suo Figlio, guarda ciascuno di noi con i suoi occhi traboccanti di amore e di misericordia. E a ciascuno di noi dice: «Tu sei il Figlio mio, l’amato» (Lc 3,22). In questo mistero d’amore il Signore rende l’acqua della nostra vita, fangosa a causa del peccato, come la vera acqua rigenerata e rinnovata nello Spirito Santo (cfr. Tt 3,5). Il segno del battesimo del Signore diventa per noi un vero balsamo di rigenerazione e di consolazione: in un mondo lacerato dal male e dallo smarrimento, Egli viene come fratello della nostra umanità, si fa nostro compagno di viaggio, accettando di attraversare con noi e per noi le acque della sofferenza, della solitudine e della morte, fino ad aprire un varco tra cielo e terra. Da questo squarcio di cielo sgorga per ciascuno di noi un raggio di quell’Amore unico e personale che ci rende figli nel Figlio. Ci fa comprendere che non è lontano da noi, nel cielo, in un luogo per noi misterioso e irraggiungibile; ci dice che vuole essere come noi fino a scegliere di avere bisogno “anche” lui delle cose di cui noi abbiamo bisogno.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

A. Rosati
Sacerdote dell'Arcidiocesi Metropolitana di Chieti-Vasto. Ordinato presbitero il 29 giugno 2010, è attualmente parroco in Villamagna (CH).

2 Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Più nuovi
Più vecchi Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
200IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Desiderio e sequela

La teologia di papa Francesco

Eva e il serpente

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
2
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x