17 C
Rome
sabato, 19 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C III Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 27 gennaio 2019

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 27 gennaio 2019

Non si transita nel cuore di Dio come meteore ma si risiede come concittadini, familiari.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.
    In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
    Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
    «Lo Spirito del Signore è sopra di me;
    per questo mi ha consacrato con l’unzione
    e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
    a proclamare ai prigionieri la liberazione
    e ai ciechi la vista;
    a rimettere in libertà gli oppressi
    e proclamare l’anno di grazia del Signore».
    Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato»”.




    La missione di Cristo, l’unto del Signore, è quella che Dio Padre gli ha affidato: salvare il mondo. Questa salvezza donata dalla misericordia divina ha un costo: la vita stessa di Gesù. Ma egli non si sottrae dall’obbedienza a Dio e compie il suo disegno. Da Adamo, l’umanità ha ereditato il peccato, con Cristo, attraverso la sua morte e risurrezione, è cambiato l’asse ereditario per l’umanità. Non più condanna e peccato, lontananza da Dio, ma salvezza e abbraccio divino.

    Tutti attendevano il messia ma non tutti sanno che egli è in mezzo a loro nella persona di Cristo. In un giorno qualsiasi, di sabato, come era suo solito, Gesù, da buon ebreo, si reca in sinagoga a Nazareth. Gli viene porto il rotolo del profeta Isaia e lui proclama quanto in esso contenuto: ”Lo Spirito del Signore è sopra di me;
    per questo mi ha consacrato con l’unzione
    e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
    a proclamare ai prigionieri la liberazione
    e ai ciechi la vista;
    a rimettere in libertà gli oppressi
    e proclamare l’anno di grazia del Signore”. E poi il commento, l’omelia, più breve che sia mai stata pronunciata: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”.

    L’oggi di Dio calato nella storia del quotidiano. Ogni volta che quelle parole vengono incarnate, vissute e testimoniate da qualsiasi battezzato, perché unto ed inviato del padre, si compie la salvezza per coloro che ricevono il beneficio di quella parola e del suo contenuto. Ogni volta che liberiamo qualcuno dal dubbio, dall’incertezza, ogni volta che viene liberata la vita di coloro che sono nei patimenti, nella solitudine, nell’abbandono; ogni volta che rendiamo visibili i gesti dell’amore in favore dei più bisognosi rendiamo possibile il sogno di Dio: salvare tutti gli uomini.

    Dio non guarda mai il peccato ma il peccatore, i bisogni del peccatore per riportarlo alla vita che ha perduto, tradito o da cui si allontanato. Il vero annuncio, la vera buona notizia è il far conoscere il desiderio di Dio di avere al centro del suo cuore, delle sue attenzioni, le debolezze e le fragilità umane. L’uomo ha diritto di cittadinanza permanente e inalienabile nel cuore di Dio. Non si transita nel cuore di Dio come meteore ma si risiede come cittadini e familiari.




    Immaginiamo di entrare anche noi nella sinagoga di Nazaret, il villaggio dove Gesù è cresciuto fino a circa trent’anni. Egli si alza per leggere la Sacra Scrittura. Poi, dopo un momento di silenzio pieno di attesa da parte di tutti, dice, tra lo stupore generale: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato” (v. 21). Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quanto Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro. Si nota qui che Gesù indirizza la Buona Novella a tutti, senza escludere nessuno, anzi privilegiando i più lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società. Domandiamoci: che cosa significa evangelizzare i poveri? Significa anzitutto avvicinarli, significa avere la gioia di servirli, di liberarli dalla loro oppressione, e tutto questo nel nome e con lo Spirito di Cristo, perché è Lui il Vangelo di Dio, è Lui la Misericordia di Dio, è Lui la liberazione di Dio, è Lui chi si è fatto povero per arricchirci con la sua povertà.

    ( Angelus, 24 gennaio 2016)




    O Dio, che in questi santi misteri ci hai nutriti col corpo e col sangue del tuo Figlio, fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 27 gennaio 2019

Non si transita nel cuore di Dio come meteore ma si risiede come concittadini, familiari.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.
    In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
    Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
    «Lo Spirito del Signore è sopra di me;
    per questo mi ha consacrato con l’unzione
    e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
    a proclamare ai prigionieri la liberazione
    e ai ciechi la vista;
    a rimettere in libertà gli oppressi
    e proclamare l’anno di grazia del Signore».
    Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato»”.




    La missione di Cristo, l’unto del Signore, è quella che Dio Padre gli ha affidato: salvare il mondo. Questa salvezza donata dalla misericordia divina ha un costo: la vita stessa di Gesù. Ma egli non si sottrae dall’obbedienza a Dio e compie il suo disegno. Da Adamo, l’umanità ha ereditato il peccato, con Cristo, attraverso la sua morte e risurrezione, è cambiato l’asse ereditario per l’umanità. Non più condanna e peccato, lontananza da Dio, ma salvezza e abbraccio divino.

    Tutti attendevano il messia ma non tutti sanno che egli è in mezzo a loro nella persona di Cristo. In un giorno qualsiasi, di sabato, come era suo solito, Gesù, da buon ebreo, si reca in sinagoga a Nazareth. Gli viene porto il rotolo del profeta Isaia e lui proclama quanto in esso contenuto: ”Lo Spirito del Signore è sopra di me;
    per questo mi ha consacrato con l’unzione
    e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
    a proclamare ai prigionieri la liberazione
    e ai ciechi la vista;
    a rimettere in libertà gli oppressi
    e proclamare l’anno di grazia del Signore”. E poi il commento, l’omelia, più breve che sia mai stata pronunciata: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”.

    L’oggi di Dio calato nella storia del quotidiano. Ogni volta che quelle parole vengono incarnate, vissute e testimoniate da qualsiasi battezzato, perché unto ed inviato del padre, si compie la salvezza per coloro che ricevono il beneficio di quella parola e del suo contenuto. Ogni volta che liberiamo qualcuno dal dubbio, dall’incertezza, ogni volta che viene liberata la vita di coloro che sono nei patimenti, nella solitudine, nell’abbandono; ogni volta che rendiamo visibili i gesti dell’amore in favore dei più bisognosi rendiamo possibile il sogno di Dio: salvare tutti gli uomini.

    Dio non guarda mai il peccato ma il peccatore, i bisogni del peccatore per riportarlo alla vita che ha perduto, tradito o da cui si allontanato. Il vero annuncio, la vera buona notizia è il far conoscere il desiderio di Dio di avere al centro del suo cuore, delle sue attenzioni, le debolezze e le fragilità umane. L’uomo ha diritto di cittadinanza permanente e inalienabile nel cuore di Dio. Non si transita nel cuore di Dio come meteore ma si risiede come cittadini e familiari.




    Immaginiamo di entrare anche noi nella sinagoga di Nazaret, il villaggio dove Gesù è cresciuto fino a circa trent’anni. Egli si alza per leggere la Sacra Scrittura. Poi, dopo un momento di silenzio pieno di attesa da parte di tutti, dice, tra lo stupore generale: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato” (v. 21). Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quanto Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro. Si nota qui che Gesù indirizza la Buona Novella a tutti, senza escludere nessuno, anzi privilegiando i più lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società. Domandiamoci: che cosa significa evangelizzare i poveri? Significa anzitutto avvicinarli, significa avere la gioia di servirli, di liberarli dalla loro oppressione, e tutto questo nel nome e con lo Spirito di Cristo, perché è Lui il Vangelo di Dio, è Lui la Misericordia di Dio, è Lui la liberazione di Dio, è Lui chi si è fatto povero per arricchirci con la sua povertà.

    ( Angelus, 24 gennaio 2016)




    O Dio, che in questi santi misteri ci hai nutriti col corpo e col sangue del tuo Figlio, fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO