14.6 C
Roma
Ven, 5 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B III Domenica del Tempo Ordinario – Anno B - 24 gennaio 2021

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 24 gennaio 2021

Non solo indicare il cammino da compiere ma accompagnare






    Dal Vangelo secondo Marco

    Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo”.
    Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
    Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.




    Evidentemente Gesù doveva avere una forza persuasiva immensa se a coloro che incontrava bastava invitarli a seguirlo e loro, abbandonando tutto, lo seguivano. “Colpo di fulmine” si dice in campo sentimentale quando due persone si incontrano e quasi si folgorano per reciproca corrispondenza sentimentale, interesse e coinvolgimento. Ci sono delle emozioni che si provano a pelle che, con immediatezza e, senza filtri, ti portano verso l’altro e ti attraggono. Così è successo alla doppia coppia di fratelli: Simone ed Andrea, Giacomo e Giovanni i figli di Zebedeo.

    Da quel momento la loro vita cambia. Repentinamente e completamente. Si stravolge. Lasciano sicurezze sentimentali, abbandonano l’esperienza lavorativa e si donano per una missione sconosciuta e per la quale sono inadeguati: da pescatori esperti di pesci a pescatori incapaci di uomini. Ma se per pescare i pesci occorrono le reti, per pescare gli uomini come si fa? E’ necessario tessere reti relazionali tali che permetteranno di attirare, aggregare con la stessa forza persuasiva di Gesù. Lasciare il certo per l’incerto è giù una pesca miracolosa, ma essi si fidano di colui la cui voce li ha ammaliati e il cui sguardo, evidentemente, è stato talmente intenso, intimo, che li porta a fidarsi e lanciarsi nel buio, nell’incerto. Forza dell’amore che attrae, fa scommettere, fa sognare. Fa vedere la luce anche quando c’è il buio, fa vedere la spiga mentre si butta il seme, fa vedere il ramo fiorito anche mentre cadono le foglie, fa vedere nuove gemmazioni anche quando l’albero sembra morto.

    “Convertitevi e credete nel Vangelo” è stato l’invito che Gesù ha rivolto a loro. Non un piano preciso, circostanziato, non una strategia, ma, semplicemente, una revisione di vita e una svolta: convertirsi e credere. Lasciare il vecchio e abbandonarsi alla novità. Lasciare la propria mentalità ed investire di fiducia colui che chiama. Ecco, non seguire una ideologia, una strategia ma una persona, quella che ha chiamato, quella che ha attirato interesse verso sé stessa. Questo lo può fare, lo sa fare, solo l’amore. “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. Queste parole udite hanno comunicato non solo ciò che significavano ma hanno innestato anche una flebo di fiducia. Saranno state pronunciate con tale delicatezza, determinazione e persuasione che hanno generato il desiderio d’essere accolte e assecondate.

    “E andarono dietro a lui”. Andare dietro significa seguire, percorrere la stessa strada, quasi le stesse orme, significa essere discepoli. Questo implica che c’è un maestro che insegna, che cammina accanto, che non ci lascia nella difficoltà, che assume su di sé l’onere di accompagnarci.

    Camminando lungo il mare di Galilea, Gesù vide… Cammina senza fretta e senza ansia. Camminava ieri, cammina oggi sulle strade della nostra vita, cammina sulla riva della nostra esistenza, e chiama, come chiamò i quattro pescatori ad andare con lui. A chi lo segue, dà il potere di diventare pescatori di uomini, pescatori di umanità, cercatori di tutto ciò che di più umano, bello, grande, luminoso ogni figlio di Dio porta nel cuore. Occorre lasciare, liberarsi dei pesi, delle zavorre e fidandoci di lui, seguirlo. Solo un “colpo di fulmine” è capace di folgorarci senza distruggerci.




    Chiamati a formare un solo corpo e un solo spirito,
    ci rivolgiamo a Dio nostro Padre,
    che è in tutti e agisce per mezzo di tutti.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Rinnova, Signore, i prodigi del tuo amore.

    Per la santa Chiesa,
    perché sia sempre più missionaria
    e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

    Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
    perché pieni di fede e di Spirito Santo
    consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
    per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

    Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
    perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
    e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

    Per tutti i credenti in Cristo,
    perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
    con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

    Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
    perché impariamo a perdonare per essere perdonati
    e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

    O Padre,
    che puoi fare assai più di quanto osiamo chiedere e sperare,
    accogli l’umile espressione della nostra fede
    e donaci un cuore fiducioso e attento
    alle sorprese del tuo amore.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Dio, che in questi santi misteri + ci hai nutriti con il Corpo e il Sangue del tuo Figlio, * fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo”.
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.



Evidentemente Gesù doveva avere una forza persuasiva immensa se a coloro che incontrava bastava invitarli a seguirlo e loro, abbandonando tutto, lo seguivano. “Colpo di fulmine” si dice in campo sentimentale quando due persone si incontrano e quasi si folgorano per reciproca corrispondenza sentimentale, interesse e coinvolgimento. Ci sono delle emozioni che si provano a pelle che, con immediatezza e, senza filtri, ti portano verso l’altro e ti attraggono. Così è successo alla doppia coppia di fratelli: Simone ed Andrea, Giacomo e Giovanni i figli di Zebedeo.

Da quel momento la loro vita cambia. Repentinamente e completamente. Si stravolge. Lasciano sicurezze sentimentali, abbandonano l’esperienza lavorativa e si donano per una missione sconosciuta e per la quale sono inadeguati: da pescatori esperti di pesci a pescatori incapaci di uomini. Ma se per pescare i pesci occorrono le reti, per pescare gli uomini come si fa? E’ necessario tessere reti relazionali tali che permetteranno di attirare, aggregare con la stessa forza persuasiva di Gesù. Lasciare il certo per l’incerto è giù una pesca miracolosa, ma essi si fidano di colui la cui voce li ha ammaliati e il cui sguardo, evidentemente, è stato talmente intenso, intimo, che li porta a fidarsi e lanciarsi nel buio, nell’incerto. Forza dell’amore che attrae, fa scommettere, fa sognare. Fa vedere la luce anche quando c’è il buio, fa vedere la spiga mentre si butta il seme, fa vedere il ramo fiorito anche mentre cadono le foglie, fa vedere nuove gemmazioni anche quando l’albero sembra morto.

“Convertitevi e credete nel Vangelo” è stato l’invito che Gesù ha rivolto a loro. Non un piano preciso, circostanziato, non una strategia, ma, semplicemente, una revisione di vita e una svolta: convertirsi e credere. Lasciare il vecchio e abbandonarsi alla novità. Lasciare la propria mentalità ed investire di fiducia colui che chiama. Ecco, non seguire una ideologia, una strategia ma una persona, quella che ha chiamato, quella che ha attirato interesse verso sé stessa. Questo lo può fare, lo sa fare, solo l’amore. “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. Queste parole udite hanno comunicato non solo ciò che significavano ma hanno innestato anche una flebo di fiducia. Saranno state pronunciate con tale delicatezza, determinazione e persuasione che hanno generato il desiderio d’essere accolte e assecondate.

“E andarono dietro a lui”. Andare dietro significa seguire, percorrere la stessa strada, quasi le stesse orme, significa essere discepoli. Questo implica che c’è un maestro che insegna, che cammina accanto, che non ci lascia nella difficoltà, che assume su di sé l’onere di accompagnarci.

Camminando lungo il mare di Galilea, Gesù vide… Cammina senza fretta e senza ansia. Camminava ieri, cammina oggi sulle strade della nostra vita, cammina sulla riva della nostra esistenza, e chiama, come chiamò i quattro pescatori ad andare con lui. A chi lo segue, dà il potere di diventare pescatori di uomini, pescatori di umanità, cercatori di tutto ciò che di più umano, bello, grande, luminoso ogni figlio di Dio porta nel cuore. Occorre lasciare, liberarsi dei pesi, delle zavorre e fidandoci di lui, seguirlo. Solo un “colpo di fulmine” è capace di folgorarci senza distruggerci.



Chiamati a formare un solo corpo e un solo spirito,
ci rivolgiamo a Dio nostro Padre,
che è in tutti e agisce per mezzo di tutti.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Rinnova, Signore, i prodigi del tuo amore.

Per la santa Chiesa,
perché sia sempre più missionaria
e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
perché pieni di fede e di Spirito Santo
consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

Per tutti i credenti in Cristo,
perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
perché impariamo a perdonare per essere perdonati
e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

O Padre,
che puoi fare assai più di quanto osiamo chiedere e sperare,
accogli l’umile espressione della nostra fede
e donaci un cuore fiducioso e attento
alle sorprese del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Dio, che in questi santi misteri + ci hai nutriti con il Corpo e il Sangue del tuo Figlio, * fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 24 gennaio 2021

Non solo indicare il cammino da compiere ma accompagnare



Dal Vangelo secondo Marco

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo”.
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.



Evidentemente Gesù doveva avere una forza persuasiva immensa se a coloro che incontrava bastava invitarli a seguirlo e loro, abbandonando tutto, lo seguivano. “Colpo di fulmine” si dice in campo sentimentale quando due persone si incontrano e quasi si folgorano per reciproca corrispondenza sentimentale, interesse e coinvolgimento. Ci sono delle emozioni che si provano a pelle che, con immediatezza e, senza filtri, ti portano verso l’altro e ti attraggono. Così è successo alla doppia coppia di fratelli: Simone ed Andrea, Giacomo e Giovanni i figli di Zebedeo.

Da quel momento la loro vita cambia. Repentinamente e completamente. Si stravolge. Lasciano sicurezze sentimentali, abbandonano l’esperienza lavorativa e si donano per una missione sconosciuta e per la quale sono inadeguati: da pescatori esperti di pesci a pescatori incapaci di uomini. Ma se per pescare i pesci occorrono le reti, per pescare gli uomini come si fa? E’ necessario tessere reti relazionali tali che permetteranno di attirare, aggregare con la stessa forza persuasiva di Gesù. Lasciare il certo per l’incerto è giù una pesca miracolosa, ma essi si fidano di colui la cui voce li ha ammaliati e il cui sguardo, evidentemente, è stato talmente intenso, intimo, che li porta a fidarsi e lanciarsi nel buio, nell’incerto. Forza dell’amore che attrae, fa scommettere, fa sognare. Fa vedere la luce anche quando c’è il buio, fa vedere la spiga mentre si butta il seme, fa vedere il ramo fiorito anche mentre cadono le foglie, fa vedere nuove gemmazioni anche quando l’albero sembra morto.

“Convertitevi e credete nel Vangelo” è stato l’invito che Gesù ha rivolto a loro. Non un piano preciso, circostanziato, non una strategia, ma, semplicemente, una revisione di vita e una svolta: convertirsi e credere. Lasciare il vecchio e abbandonarsi alla novità. Lasciare la propria mentalità ed investire di fiducia colui che chiama. Ecco, non seguire una ideologia, una strategia ma una persona, quella che ha chiamato, quella che ha attirato interesse verso sé stessa. Questo lo può fare, lo sa fare, solo l’amore. “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. Queste parole udite hanno comunicato non solo ciò che significavano ma hanno innestato anche una flebo di fiducia. Saranno state pronunciate con tale delicatezza, determinazione e persuasione che hanno generato il desiderio d’essere accolte e assecondate.

“E andarono dietro a lui”. Andare dietro significa seguire, percorrere la stessa strada, quasi le stesse orme, significa essere discepoli. Questo implica che c’è un maestro che insegna, che cammina accanto, che non ci lascia nella difficoltà, che assume su di sé l’onere di accompagnarci.

Camminando lungo il mare di Galilea, Gesù vide… Cammina senza fretta e senza ansia. Camminava ieri, cammina oggi sulle strade della nostra vita, cammina sulla riva della nostra esistenza, e chiama, come chiamò i quattro pescatori ad andare con lui. A chi lo segue, dà il potere di diventare pescatori di uomini, pescatori di umanità, cercatori di tutto ciò che di più umano, bello, grande, luminoso ogni figlio di Dio porta nel cuore. Occorre lasciare, liberarsi dei pesi, delle zavorre e fidandoci di lui, seguirlo. Solo un “colpo di fulmine” è capace di folgorarci senza distruggerci.



Chiamati a formare un solo corpo e un solo spirito,
ci rivolgiamo a Dio nostro Padre,
che è in tutti e agisce per mezzo di tutti.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Rinnova, Signore, i prodigi del tuo amore.

Per la santa Chiesa,
perché sia sempre più missionaria
e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
perché pieni di fede e di Spirito Santo
consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

Per tutti i credenti in Cristo,
perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
perché impariamo a perdonare per essere perdonati
e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

O Padre,
che puoi fare assai più di quanto osiamo chiedere e sperare,
accogli l’umile espressione della nostra fede
e donaci un cuore fiducioso e attento
alle sorprese del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Dio, che in questi santi misteri + ci hai nutriti con il Corpo e il Sangue del tuo Figlio, * fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x