14.3 C
Roma
Mar, 31 Marzo 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A III Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 26 gennaio 2020

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 26 gennaio 2020

A Dio non si dona molto, ma tutto e per sempre






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
    «Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
    sulla via del mare, oltre il Giordano,
    Galilea delle genti!
    Il popolo che abitava nelle tenebre
    vide una grande luce,
    per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
    una luce è sorta».
    Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
    Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.”




    Lasciare tutto per seguire il Tutto. La doppia coppia di fratelli: Simone ed Andrea, Giacomo e Giovanni furono i primi ad essere calamitati dalla forza trainante e persuasiva di Gesù. Solo avendoli intercettati, impegnati nel loro lavoro, e, dopo averli semplicemente invitati, hanno avuto il coraggio di abbandonare ogni cosa e seguirlo. La certezza del lavoro, gli affetti familiari, gli affanni quotidiani diventano secondari dinanzi al desiderio di seguire il Maestro. Eppure in quel momento Gesù era uno sconosciuto, ma li trascina. Gli sono andati dietro, l’hanno seguito, hanno iniziato il loro discepolato, ammaliati dal suo sguardo, convinti dal suo invito, attratti dalla sua persona. Hanno perso la testa per lui.

    Anche gli innamorati per raccontare il loro reciproco amore affermano d’aver perso la testa e di andare dietro, seguire. Dove c’è la persona amata, amiamo esserci anche noi. Il nostro cammino viene condizionato dalla forza attrattiva dell’amore che ci rende seguaci, quasi segugi che debbono correre, andare, stare insieme. “ Signore mi hai sedotto e io mi sono lasciato sedurre” (Geremia 20, 7-18). Geremia si sfoga così per raccontare l’ingresso di Dio nella sua vita e la decisione di seguirlo.

    Perché questo possa accadere anche a noi è necessario dare ascolto al primo invito di Gesù che si ricollega lì dove Giovanni, il battezzatore, aveva concluso prima d’essere arrestato: “Convertitevi”. “Noi interpretiamo come «pentitevi», mentre è l’invito a rivoluzionare la vita: cambiate logica, spostatevi, non vedete dove vi porta questa strada? È l’offerta di un’opportunità: venite con me, di qua il cielo è più azzurro, il sole più caldo, le persone sono più sane, la vita più vera” (Ermes Ronchi).

    Difatti, l’invito accolto dei pescatori diventa nuovo programma di vita d’ora innanzi non pescheranno più pesci ma uomini con la forza della loro testimonianza d’aver lasciato tutto e scelto di seguirlo. L’amo, le reti, per questa pesca è l’amore che li ha attratti, l’amore che sapranno donare in questo nuovo regno prospettato da Gesù. Così la nostra vita quando s’incontra, quando si fa esperienza di Dio ci porta a riconoscergli il primato, donargli tutto per essere pescatori-testimoni. Anche noi innamorati per contagiare, innamorati che indicano l’Amato. Come Giovanni Battista con Gesù!  




    Chiamati a formare un solo corpo e un solo spirito,
    ci rivolgiamo a Dio nostro Padre,
    che è in tutti e agisce per mezzo di tutti.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Rinnova, Signore, i prodigi del tuo amore.

    Per la santa Chiesa,
    perché sia sempre più missionaria
    e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

    Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
    perché pieni di fede e di Spirito Santo
    consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
    per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

    Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
    perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
    e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

    Per tutti i credenti in Cristo,
    perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
    con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

    Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
    perché impariamo a perdonare per essere perdonati
    e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

    O Padre,
    che puoi fare assai più di quanto osiamo chiedere e sperare,
    accogli l’umile espressione della nostra fede
    e donaci un cuore fiducioso e attento
    alle sorprese del tuo amore.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Dio, che in questi santi misteri ci hai nutriti col corpo e col sangue del tuo Figlio, fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova.

    Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.”



Lasciare tutto per seguire il Tutto. La doppia coppia di fratelli: Simone ed Andrea, Giacomo e Giovanni furono i primi ad essere calamitati dalla forza trainante e persuasiva di Gesù. Solo avendoli intercettati, impegnati nel loro lavoro, e, dopo averli semplicemente invitati, hanno avuto il coraggio di abbandonare ogni cosa e seguirlo. La certezza del lavoro, gli affetti familiari, gli affanni quotidiani diventano secondari dinanzi al desiderio di seguire il Maestro. Eppure in quel momento Gesù era uno sconosciuto, ma li trascina. Gli sono andati dietro, l’hanno seguito, hanno iniziato il loro discepolato, ammaliati dal suo sguardo, convinti dal suo invito, attratti dalla sua persona. Hanno perso la testa per lui.

Anche gli innamorati per raccontare il loro reciproco amore affermano d’aver perso la testa e di andare dietro, seguire. Dove c’è la persona amata, amiamo esserci anche noi. Il nostro cammino viene condizionato dalla forza attrattiva dell’amore che ci rende seguaci, quasi segugi che debbono correre, andare, stare insieme. “ Signore mi hai sedotto e io mi sono lasciato sedurre” (Geremia 20, 7-18). Geremia si sfoga così per raccontare l’ingresso di Dio nella sua vita e la decisione di seguirlo.

Perché questo possa accadere anche a noi è necessario dare ascolto al primo invito di Gesù che si ricollega lì dove Giovanni, il battezzatore, aveva concluso prima d’essere arrestato: “Convertitevi”. “Noi interpretiamo come «pentitevi», mentre è l’invito a rivoluzionare la vita: cambiate logica, spostatevi, non vedete dove vi porta questa strada? È l’offerta di un’opportunità: venite con me, di qua il cielo è più azzurro, il sole più caldo, le persone sono più sane, la vita più vera” (Ermes Ronchi).

Difatti, l’invito accolto dei pescatori diventa nuovo programma di vita d’ora innanzi non pescheranno più pesci ma uomini con la forza della loro testimonianza d’aver lasciato tutto e scelto di seguirlo. L’amo, le reti, per questa pesca è l’amore che li ha attratti, l’amore che sapranno donare in questo nuovo regno prospettato da Gesù. Così la nostra vita quando s’incontra, quando si fa esperienza di Dio ci porta a riconoscergli il primato, donargli tutto per essere pescatori-testimoni. Anche noi innamorati per contagiare, innamorati che indicano l’Amato. Come Giovanni Battista con Gesù!  



Chiamati a formare un solo corpo e un solo spirito,
ci rivolgiamo a Dio nostro Padre,
che è in tutti e agisce per mezzo di tutti.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Rinnova, Signore, i prodigi del tuo amore.

Per la santa Chiesa,
perché sia sempre più missionaria
e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
perché pieni di fede e di Spirito Santo
consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

Per tutti i credenti in Cristo,
perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
perché impariamo a perdonare per essere perdonati
e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

O Padre,
che puoi fare assai più di quanto osiamo chiedere e sperare,
accogli l’umile espressione della nostra fede
e donaci un cuore fiducioso e attento
alle sorprese del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Dio, che in questi santi misteri ci hai nutriti col corpo e col sangue del tuo Figlio, fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova.

Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 26 gennaio 2020

A Dio non si dona molto, ma tutto e per sempre



Dal Vangelo secondo Matteo

“Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.”



Lasciare tutto per seguire il Tutto. La doppia coppia di fratelli: Simone ed Andrea, Giacomo e Giovanni furono i primi ad essere calamitati dalla forza trainante e persuasiva di Gesù. Solo avendoli intercettati, impegnati nel loro lavoro, e, dopo averli semplicemente invitati, hanno avuto il coraggio di abbandonare ogni cosa e seguirlo. La certezza del lavoro, gli affetti familiari, gli affanni quotidiani diventano secondari dinanzi al desiderio di seguire il Maestro. Eppure in quel momento Gesù era uno sconosciuto, ma li trascina. Gli sono andati dietro, l’hanno seguito, hanno iniziato il loro discepolato, ammaliati dal suo sguardo, convinti dal suo invito, attratti dalla sua persona. Hanno perso la testa per lui.

Anche gli innamorati per raccontare il loro reciproco amore affermano d’aver perso la testa e di andare dietro, seguire. Dove c’è la persona amata, amiamo esserci anche noi. Il nostro cammino viene condizionato dalla forza attrattiva dell’amore che ci rende seguaci, quasi segugi che debbono correre, andare, stare insieme. “ Signore mi hai sedotto e io mi sono lasciato sedurre” (Geremia 20, 7-18). Geremia si sfoga così per raccontare l’ingresso di Dio nella sua vita e la decisione di seguirlo.

Perché questo possa accadere anche a noi è necessario dare ascolto al primo invito di Gesù che si ricollega lì dove Giovanni, il battezzatore, aveva concluso prima d’essere arrestato: “Convertitevi”. “Noi interpretiamo come «pentitevi», mentre è l’invito a rivoluzionare la vita: cambiate logica, spostatevi, non vedete dove vi porta questa strada? È l’offerta di un’opportunità: venite con me, di qua il cielo è più azzurro, il sole più caldo, le persone sono più sane, la vita più vera” (Ermes Ronchi).

Difatti, l’invito accolto dei pescatori diventa nuovo programma di vita d’ora innanzi non pescheranno più pesci ma uomini con la forza della loro testimonianza d’aver lasciato tutto e scelto di seguirlo. L’amo, le reti, per questa pesca è l’amore che li ha attratti, l’amore che sapranno donare in questo nuovo regno prospettato da Gesù. Così la nostra vita quando s’incontra, quando si fa esperienza di Dio ci porta a riconoscergli il primato, donargli tutto per essere pescatori-testimoni. Anche noi innamorati per contagiare, innamorati che indicano l’Amato. Come Giovanni Battista con Gesù!  



Chiamati a formare un solo corpo e un solo spirito,
ci rivolgiamo a Dio nostro Padre,
che è in tutti e agisce per mezzo di tutti.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Rinnova, Signore, i prodigi del tuo amore.

Per la santa Chiesa,
perché sia sempre più missionaria
e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
perché pieni di fede e di Spirito Santo
consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

Per tutti i credenti in Cristo,
perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
perché impariamo a perdonare per essere perdonati
e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

O Padre,
che puoi fare assai più di quanto osiamo chiedere e sperare,
accogli l’umile espressione della nostra fede
e donaci un cuore fiducioso e attento
alle sorprese del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Dio, che in questi santi misteri ci hai nutriti col corpo e col sangue del tuo Figlio, fa’ che ci rallegriamo sempre del tuo dono, sorgente inesauribile di vita nuova.

Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
925FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
69IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Rileggere il Decalogo

Il Vangelo di Marco

Il Libro della Sapienza

Cosentino: Non è quel che credi

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO