28.4 C
Rome
lunedì, 16 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C II Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 20 gennaio 2019

II Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 20 gennaio 2019

Il segno dei segni: l’acqua tramutata in vino






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.
    Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».
    Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono.
    Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora».
    Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui”.




    Gesù, in tutto rassomiglia ad ogni uomo, non solo perché si è rivestito, nell’Incarnazione, dell’abito umano, ma anche perché vive tutte le modulazioni dei sentimenti umani. Piange, ride, ha compassione, condivide le gioie, moltiplica le attenzioni. Con i suoi amici viene invitato, assieme alla madre, ad un banchetto nuziale e vi partecipa dichiarando così che l’amore coniugale è sacro e benedetto, è una gioia da condividere e una proposta a cui aderire. E proprio in questo contesto, quello sponsale, lui sollecitato dalla madre, compie il primo segno che diventerà il segno dei segni che da lì in avvenire attesteranno la sua emanazione divina e il suo messianismo.

    Ne matrimonio si celebra l’amore tra un uomo e una donna e la presenza di Gesù attesta che questa iniziale scintilla relazionale per stabilire l’inizio di una famiglia diventerà un fuoco che alimenterà il resto della vita.

    La capacità di Maria di prevenire l’assoluta mancanza del vino dalla mensa coniugale, avvertendo per tempo Gesù, tira fuori dal rischio della brutta figura il maestro di tavola e gli sposi stessi. Maestra di preghiera, Maria ci insegna come rapportarsi con Dio: manifestargli le nostre esigenze e non pretendere di suggerirgli come intervenire. “Non hanno vino”. E agli inservienti suggerisce: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela”. Solo dopo qualche leggera rimostranza e apparente resistenza Gesù interviene chiedendo di riempire d’acqua le giare. Le sei anfore, riempite fino all’orlo, vedono trasformato il loro contenuto da acqua in vino che, assaggiato dal maestro di tavola, delizia il palato dei commensali fino ad elogiarne la bontà.

    La mancanza di vino, cioè di gioia, di serenità, di sollievo, spesso si registra anche nella nostra vita, nel quotidiano, allora anche noi dovremmo rivolgerci a colui che ce ne può servire, con la stessa mansuetudine collaborativa dei servi nei confronti del maestro. Anche a noi ci viene suggerito di fare qualsiasi cosa ci viene detta. Ma siamo mansueti, disponibili, attenti esecutori oppure vorremmo fare di testa nostra? Ecco la sapiente saggezza dei servi, fare quanto viene indicato da chi ne la capacità e da chi esercitatale funzione. Spesso la vita nel suo quotidiano di fa sperimentare secche di speranza, sabbie mobili di vitalità, allora irrorati dalla Parola di Dio dobbiamo essere capaci di ascoltare, collaborare. Oggi la Chiesa, figura di Maria ci dice, indicandoci suo figlio: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela”. Quando questo accade succede il miracolo. Dio non tanto ci dona quanto meritiamo ma di quando e di quanto abbiamo bisogno, riempie sempre le anfore vuote del cuore col vino della consolazione e della misericordia.




    Le parole che Maria rivolge ai servitori vengono a coronare il quadro sponsale di Cana: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela» . È curioso: sono le ultime sue parole riportate dai Vangeli: sono la sua eredità che consegna a tutti noi. Anche oggi la Madonna dice a noi tutti: “Qualsiasi cosa vi dica – Gesù vi dica -, fatela”. Servire il Signore significa ascoltare e mettere in pratica la sua Parola. E’ la raccomandazione semplice ma essenziale della Madre di Gesù ed è il programma di vita del cristiano.

    (Udienza Generale, 8 giugno 2016 )




    Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore, perché nutrito con l’unico pane di vita formiamo un cuor solo e un’anima sola. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

II Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 20 gennaio 2019

Il segno dei segni: l’acqua tramutata in vino






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.
    Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».
    Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono.
    Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora».
    Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui”.




    Gesù, in tutto rassomiglia ad ogni uomo, non solo perché si è rivestito, nell’Incarnazione, dell’abito umano, ma anche perché vive tutte le modulazioni dei sentimenti umani. Piange, ride, ha compassione, condivide le gioie, moltiplica le attenzioni. Con i suoi amici viene invitato, assieme alla madre, ad un banchetto nuziale e vi partecipa dichiarando così che l’amore coniugale è sacro e benedetto, è una gioia da condividere e una proposta a cui aderire. E proprio in questo contesto, quello sponsale, lui sollecitato dalla madre, compie il primo segno che diventerà il segno dei segni che da lì in avvenire attesteranno la sua emanazione divina e il suo messianismo.

    Ne matrimonio si celebra l’amore tra un uomo e una donna e la presenza di Gesù attesta che questa iniziale scintilla relazionale per stabilire l’inizio di una famiglia diventerà un fuoco che alimenterà il resto della vita.

    La capacità di Maria di prevenire l’assoluta mancanza del vino dalla mensa coniugale, avvertendo per tempo Gesù, tira fuori dal rischio della brutta figura il maestro di tavola e gli sposi stessi. Maestra di preghiera, Maria ci insegna come rapportarsi con Dio: manifestargli le nostre esigenze e non pretendere di suggerirgli come intervenire. “Non hanno vino”. E agli inservienti suggerisce: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela”. Solo dopo qualche leggera rimostranza e apparente resistenza Gesù interviene chiedendo di riempire d’acqua le giare. Le sei anfore, riempite fino all’orlo, vedono trasformato il loro contenuto da acqua in vino che, assaggiato dal maestro di tavola, delizia il palato dei commensali fino ad elogiarne la bontà.

    La mancanza di vino, cioè di gioia, di serenità, di sollievo, spesso si registra anche nella nostra vita, nel quotidiano, allora anche noi dovremmo rivolgerci a colui che ce ne può servire, con la stessa mansuetudine collaborativa dei servi nei confronti del maestro. Anche a noi ci viene suggerito di fare qualsiasi cosa ci viene detta. Ma siamo mansueti, disponibili, attenti esecutori oppure vorremmo fare di testa nostra? Ecco la sapiente saggezza dei servi, fare quanto viene indicato da chi ne la capacità e da chi esercitatale funzione. Spesso la vita nel suo quotidiano di fa sperimentare secche di speranza, sabbie mobili di vitalità, allora irrorati dalla Parola di Dio dobbiamo essere capaci di ascoltare, collaborare. Oggi la Chiesa, figura di Maria ci dice, indicandoci suo figlio: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela”. Quando questo accade succede il miracolo. Dio non tanto ci dona quanto meritiamo ma di quando e di quanto abbiamo bisogno, riempie sempre le anfore vuote del cuore col vino della consolazione e della misericordia.




    Le parole che Maria rivolge ai servitori vengono a coronare il quadro sponsale di Cana: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela» . È curioso: sono le ultime sue parole riportate dai Vangeli: sono la sua eredità che consegna a tutti noi. Anche oggi la Madonna dice a noi tutti: “Qualsiasi cosa vi dica – Gesù vi dica -, fatela”. Servire il Signore significa ascoltare e mettere in pratica la sua Parola. E’ la raccomandazione semplice ma essenziale della Madre di Gesù ed è il programma di vita del cristiano.

    (Udienza Generale, 8 giugno 2016 )




    Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore, perché nutrito con l’unico pane di vita formiamo un cuor solo e un’anima sola. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
847FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri – Diacone: un dossier di studio

Rileggere il Decalogo

Libri consigliati – Ottobre 2018

Palumbo: La misericordia di Dio

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO