Cookie Consent by Free Privacy Policy website
21.2 C
Roma
Dom, 24 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BII Domenica di Quaresima - Anno A - 28 febbraio 2021

II Domenica di Quaresima – Anno A – 28 febbraio 2021

Quello che ci manca ci attira. Nessuno ama la luce come il cieco






    Dal Vangelo secondo Marco

    In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
    Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
    Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti”.




    Stare con Dio significa vivere in alto. Conoscere le vertigini dell’altitudine per poi scendere in basso e contagiare coloro che non hanno rivolto lo sguardo verso il cielo. Tornare in terra per raccontare quanto vissuto e sperimentato nelle altezze di Dio.

    Gesù, per donare a tre dei suoi amici, la gioia e l’intensità di una esperienza unica e particolare, li porta con sé “su un alto monte, in disparte, loro soli”. Salire in alto e rivestirsi di silenzio e solitudine ecco gli ingredienti per fare esperienza di Dio. Gesù si trasforma ed appare alla loro incredulità e al loro stupore in tutta la sua bellezza, nel suo splendore, nella sua gloria. Dona ad essi la possibilità di intravvedere da dove lui è venuto, a cosa lui ha rinunciato per farne parte a tutti, iniziando da loro. “Fu trasfigurato”. Trasformato, cambiato in compagnia di Elia e Mosè.

    Pietro, facendosi interprete anche di Giacomo e di Giovanni esprime la bellezza di quello stare lì, strappati dalla terra ed elevati sul monte. I loro occhi vedono ciò che mai nessuno ha visto, i loro cuori sperimentano ciò che nessuno prima di allora avrebbe mai potuto immaginare e men che meno desiderare. Spontaneamente, genuinamente esprime il suo desiderio di protrarre, di rendere stabile quella condizione: “Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia”. Non vuole staccarsi da quell’abbraccio divino, non vuole distogliersi da quella visione, non vuole sciogliersi da quell’intreccio di relazioni.

    Ma arriva dal cielo una voce che li riporta tutti alla realtà: ”Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!”. Non sono saliti in alto per astrarsi dalla vita comune ma per apprendere che è necessario porsi all’ascolto di colui che è stato inviato, l’unto, il Cristo. Ascoltare colui che li ha accompagnati a fare esperienza apicale, salendo sul monte con loro. Ascoltare. Prestare attenzione. Ospitare nel cuore. Custodire la ricchezza della parola deve essere l’attività principale ed ispiratrice di ogni azione che si vuole intraprendere, ancor più quella evangelizzatrice. Ascoltare significa beneficare il cuore, sostanziarlo di ricchezza che deve, poi, traboccare e riversarsi a pioggia cadente su tutti coloro che incontriamo o che andiamo a cercare per annunciare anche ad essi l’avvento del regno di Dio.

    Il tempo di quaresima è un tempo di ascolto. Di maggiore attenzione alle parole di Dio piuttosto che a quelle degli uomini, ecco perché siamo invitati a spegnere le voci per ascoltare la parola. Il mondo è fatto di parola noi ci lasciamo attrarre dalla Parola. “Quello che ci manca ci attira. Nessuno ama la luce come il cieco”, scrive Victor Hugo. E’ che l’assenza dice molto di più della presenza: “Regala la tua assenza a chi non da valore alla tua presenza” diceva Oscar Wilde. Quella assenza di Dio e della sua parola ci faccia desiderare di più l’intimità con lui. Però dobbiamo salire in alto. Dobbiamo conoscere le vertigini dell’altezza di Dio a cui lui ci chiama. Perché: “La nostra vita è una ginnastica del desiderio” (Sant’Agostino).




    Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
    con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
    E’ un grande impegno per tutti.
    E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
    la grande scuola della fede.
    Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
    per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

    R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

    Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
    Gesù Cristo, uomo nuovo,
    progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

    Perché, specialmente in questo tempo,
    riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
    il giorno del Signore, il giorno della comunità,
    il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

    Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
    da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
    per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

    Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
    apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
    e, cordialmente unita nella carità,
    faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

    Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
    il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
    come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

    O Signore, che ci offri ancora una volta
    un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
    e riconciliarci con te e con i fratelli,
    fa’ che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
    camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Benedici sempre i tuoi fedeli, o Padre, + perché, aderendo al Vangelo del tuo Figlio unigenito, * possano desiderare e raggiungere la gloria manifestata agli apostoli in tutta la sua bellezza. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti”.



Stare con Dio significa vivere in alto. Conoscere le vertigini dell’altitudine per poi scendere in basso e contagiare coloro che non hanno rivolto lo sguardo verso il cielo. Tornare in terra per raccontare quanto vissuto e sperimentato nelle altezze di Dio.

Gesù, per donare a tre dei suoi amici, la gioia e l’intensità di una esperienza unica e particolare, li porta con sé “su un alto monte, in disparte, loro soli”. Salire in alto e rivestirsi di silenzio e solitudine ecco gli ingredienti per fare esperienza di Dio. Gesù si trasforma ed appare alla loro incredulità e al loro stupore in tutta la sua bellezza, nel suo splendore, nella sua gloria. Dona ad essi la possibilità di intravvedere da dove lui è venuto, a cosa lui ha rinunciato per farne parte a tutti, iniziando da loro. “Fu trasfigurato”. Trasformato, cambiato in compagnia di Elia e Mosè.

Pietro, facendosi interprete anche di Giacomo e di Giovanni esprime la bellezza di quello stare lì, strappati dalla terra ed elevati sul monte. I loro occhi vedono ciò che mai nessuno ha visto, i loro cuori sperimentano ciò che nessuno prima di allora avrebbe mai potuto immaginare e men che meno desiderare. Spontaneamente, genuinamente esprime il suo desiderio di protrarre, di rendere stabile quella condizione: “Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia”. Non vuole staccarsi da quell’abbraccio divino, non vuole distogliersi da quella visione, non vuole sciogliersi da quell’intreccio di relazioni.

Ma arriva dal cielo una voce che li riporta tutti alla realtà: ”Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!”. Non sono saliti in alto per astrarsi dalla vita comune ma per apprendere che è necessario porsi all’ascolto di colui che è stato inviato, l’unto, il Cristo. Ascoltare colui che li ha accompagnati a fare esperienza apicale, salendo sul monte con loro. Ascoltare. Prestare attenzione. Ospitare nel cuore. Custodire la ricchezza della parola deve essere l’attività principale ed ispiratrice di ogni azione che si vuole intraprendere, ancor più quella evangelizzatrice. Ascoltare significa beneficare il cuore, sostanziarlo di ricchezza che deve, poi, traboccare e riversarsi a pioggia cadente su tutti coloro che incontriamo o che andiamo a cercare per annunciare anche ad essi l’avvento del regno di Dio.

Il tempo di quaresima è un tempo di ascolto. Di maggiore attenzione alle parole di Dio piuttosto che a quelle degli uomini, ecco perché siamo invitati a spegnere le voci per ascoltare la parola. Il mondo è fatto di parola noi ci lasciamo attrarre dalla Parola. “Quello che ci manca ci attira. Nessuno ama la luce come il cieco”, scrive Victor Hugo. E’ che l’assenza dice molto di più della presenza: “Regala la tua assenza a chi non da valore alla tua presenza” diceva Oscar Wilde. Quella assenza di Dio e della sua parola ci faccia desiderare di più l’intimità con lui. Però dobbiamo salire in alto. Dobbiamo conoscere le vertigini dell’altezza di Dio a cui lui ci chiama. Perché: “La nostra vita è una ginnastica del desiderio” (Sant’Agostino).



Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
E’ un grande impegno per tutti.
E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
la grande scuola della fede.
Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
Gesù Cristo, uomo nuovo,
progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

Perché, specialmente in questo tempo,
riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
il giorno del Signore, il giorno della comunità,
il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
e, cordialmente unita nella carità,
faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

O Signore, che ci offri ancora una volta
un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
e riconciliarci con te e con i fratelli,
fa’ che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Benedici sempre i tuoi fedeli, o Padre, + perché, aderendo al Vangelo del tuo Figlio unigenito, * possano desiderare e raggiungere la gloria manifestata agli apostoli in tutta la sua bellezza. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Articolo precedenteDopo Sarah
Articolo successivoElemosinare in certi casi è un diritto
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

II Domenica di Quaresima – Anno A – 28 febbraio 2021

Quello che ci manca ci attira. Nessuno ama la luce come il cieco



Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti”.



Stare con Dio significa vivere in alto. Conoscere le vertigini dell’altitudine per poi scendere in basso e contagiare coloro che non hanno rivolto lo sguardo verso il cielo. Tornare in terra per raccontare quanto vissuto e sperimentato nelle altezze di Dio.

Gesù, per donare a tre dei suoi amici, la gioia e l’intensità di una esperienza unica e particolare, li porta con sé “su un alto monte, in disparte, loro soli”. Salire in alto e rivestirsi di silenzio e solitudine ecco gli ingredienti per fare esperienza di Dio. Gesù si trasforma ed appare alla loro incredulità e al loro stupore in tutta la sua bellezza, nel suo splendore, nella sua gloria. Dona ad essi la possibilità di intravvedere da dove lui è venuto, a cosa lui ha rinunciato per farne parte a tutti, iniziando da loro. “Fu trasfigurato”. Trasformato, cambiato in compagnia di Elia e Mosè.

Pietro, facendosi interprete anche di Giacomo e di Giovanni esprime la bellezza di quello stare lì, strappati dalla terra ed elevati sul monte. I loro occhi vedono ciò che mai nessuno ha visto, i loro cuori sperimentano ciò che nessuno prima di allora avrebbe mai potuto immaginare e men che meno desiderare. Spontaneamente, genuinamente esprime il suo desiderio di protrarre, di rendere stabile quella condizione: “Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia”. Non vuole staccarsi da quell’abbraccio divino, non vuole distogliersi da quella visione, non vuole sciogliersi da quell’intreccio di relazioni.

Ma arriva dal cielo una voce che li riporta tutti alla realtà: ”Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!”. Non sono saliti in alto per astrarsi dalla vita comune ma per apprendere che è necessario porsi all’ascolto di colui che è stato inviato, l’unto, il Cristo. Ascoltare colui che li ha accompagnati a fare esperienza apicale, salendo sul monte con loro. Ascoltare. Prestare attenzione. Ospitare nel cuore. Custodire la ricchezza della parola deve essere l’attività principale ed ispiratrice di ogni azione che si vuole intraprendere, ancor più quella evangelizzatrice. Ascoltare significa beneficare il cuore, sostanziarlo di ricchezza che deve, poi, traboccare e riversarsi a pioggia cadente su tutti coloro che incontriamo o che andiamo a cercare per annunciare anche ad essi l’avvento del regno di Dio.

Il tempo di quaresima è un tempo di ascolto. Di maggiore attenzione alle parole di Dio piuttosto che a quelle degli uomini, ecco perché siamo invitati a spegnere le voci per ascoltare la parola. Il mondo è fatto di parola noi ci lasciamo attrarre dalla Parola. “Quello che ci manca ci attira. Nessuno ama la luce come il cieco”, scrive Victor Hugo. E’ che l’assenza dice molto di più della presenza: “Regala la tua assenza a chi non da valore alla tua presenza” diceva Oscar Wilde. Quella assenza di Dio e della sua parola ci faccia desiderare di più l’intimità con lui. Però dobbiamo salire in alto. Dobbiamo conoscere le vertigini dell’altezza di Dio a cui lui ci chiama. Perché: “La nostra vita è una ginnastica del desiderio” (Sant’Agostino).



Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
E’ un grande impegno per tutti.
E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
la grande scuola della fede.
Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
Gesù Cristo, uomo nuovo,
progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

Perché, specialmente in questo tempo,
riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
il giorno del Signore, il giorno della comunità,
il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
e, cordialmente unita nella carità,
faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

O Signore, che ci offri ancora una volta
un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
e riconciliarci con te e con i fratelli,
fa’ che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Benedici sempre i tuoi fedeli, o Padre, + perché, aderendo al Vangelo del tuo Figlio unigenito, * possano desiderare e raggiungere la gloria manifestata agli apostoli in tutta la sua bellezza. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Articolo precedenteDopo Sarah
Articolo successivoElemosinare in certi casi è un diritto
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
321IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x