23.9 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A II Domenica di quaresima - Anno A - 16 marzo 2014

II Domenica di quaresima – Anno A – 16 marzo 2014

- Advertisement -

the-future1

Il coraggio di credere nel futuro…

Gen 12, 1-4a; 2Tm 1, 8b-10; Mt 17, 1-9

Donaci, Signore, il tuo amore: in te speriamo

Il Vangelo di Matteo pone all’inizio del racconto della trasfigurazione un’indicazione cronologica: «Sei giorni dopo» (Mt 17, 1). Sei giorni a partire da che evento? Il vangelo non risponde, rimane piuttosto vago.

Gran parte dei biblisti conviene sull’ipotesi che, l’indicazione temporale offerta dal vangelo, sia un’implicita citazione dell’episodio della salita al monte Sinai di Mosè (Cfr. Es 24, 12-18). Dio convoca Mosè sul monte; Mosè sale; il popolo rimane ai piedi del monte; «La gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni. Al settimo giorno…» (Es 24, 16). Sei giorni più uno, come sul monte della trasfigurazione!

L’episodio del Sinai è una chiara rivelazione di Dio nonché del suo splendore. Gesù, allo stesso modo, sale sul monte Tabor con tre dei suoi discepoli; si trasfigura davanti a loro manifestando così la gloria del suo splendore divino. Sul Tabor i discepoli sono spettatori e testimoni della rivelazione divina di Gesù finora celata dalla sua umanità.

Gesù, rivelando la propria gloria «sei giorni dopo», dà un senso alla precedente professione di fede di Pietro, la purifica così da ogni residuo di messianismo trionfante. Alla confessione di Cesarea, infatti, segue il primo annuncio della Pasqua di Gesù (Cfr. Mt 16, 21). La fede nel Messia, per essere vera, deve necessariamente inscriversi nel contesto pasquale.

Anche la voce che si ode provenire dalla nube chiarisce ogni possibile fraintendimento sulla figura del Messia (Cfr. Mt 17, 5). In tale ottica allora, si comprende come tutto l’Antico Testamento parli già di Cristo ma, allo stesso tempo, come la fede in lui debba affrontare lo scandalo della passione.

Pietro, sul Tabor, “gustando” lo spettacolo della trasfigurazione, reagisce con entusiasmo; per lui è bello contemplare la gloria di Gesù. Egli cerca allora di prolungare tale godimento; tuttavia, ne rimane quasi interrotto dalla voce del cielo che comanda di non «guardarlo», ma di «ascoltarlo».

Al termine dell’esperienza della trasfigurazione, i discepoli e Gesù fanno ritorno a valle, la valle della quotidianità, il luogo dove l’ascolto trova compimento, dove diviene obbedienza e sequela. Ed è «ascoltatelo» il verbo della nostra vita cristiana, con tutte le esigenze che comporta la radicalità di questo imperativo.

La Parola richiede obbedienza, cioè ascolto consapevole e operativo. L’atteggiamento obbediente già praticato da Abramo: lasciare le sicurezze, la stabilità di vita e mettersi in “pellegrinaggio” con coraggio e fiducia. Probabilmente, oggi, proprio la mancanza di fiducia nel futuro diventa la nostra maggior povertà, il deficit che più di tutto ci abbatte. È necessario allora, per il credente, acquisire la consapevolezza che la storia dell’uomo non è affidata dal caso.

Il tempo della Quaresima diventi allora, il momento opportuno per la sciare che la Parola ci scuota dal torpore, ci sfidi a scommettere e ci provochi ad avere fiducia nel futuro.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

II Domenica di quaresima – Anno A – 16 marzo 2014

  

- Advertisement -

the-future1

Il coraggio di credere nel futuro…

Gen 12, 1-4a; 2Tm 1, 8b-10; Mt 17, 1-9

Donaci, Signore, il tuo amore: in te speriamo

- Advertisement -

Il Vangelo di Matteo pone all’inizio del racconto della trasfigurazione un’indicazione cronologica: «Sei giorni dopo» (Mt 17, 1). Sei giorni a partire da che evento? Il vangelo non risponde, rimane piuttosto vago.

Gran parte dei biblisti conviene sull’ipotesi che, l’indicazione temporale offerta dal vangelo, sia un’implicita citazione dell’episodio della salita al monte Sinai di Mosè (Cfr. Es 24, 12-18). Dio convoca Mosè sul monte; Mosè sale; il popolo rimane ai piedi del monte; «La gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni. Al settimo giorno…» (Es 24, 16). Sei giorni più uno, come sul monte della trasfigurazione!

L’episodio del Sinai è una chiara rivelazione di Dio nonché del suo splendore. Gesù, allo stesso modo, sale sul monte Tabor con tre dei suoi discepoli; si trasfigura davanti a loro manifestando così la gloria del suo splendore divino. Sul Tabor i discepoli sono spettatori e testimoni della rivelazione divina di Gesù finora celata dalla sua umanità.

Gesù, rivelando la propria gloria «sei giorni dopo», dà un senso alla precedente professione di fede di Pietro, la purifica così da ogni residuo di messianismo trionfante. Alla confessione di Cesarea, infatti, segue il primo annuncio della Pasqua di Gesù (Cfr. Mt 16, 21). La fede nel Messia, per essere vera, deve necessariamente inscriversi nel contesto pasquale.

Anche la voce che si ode provenire dalla nube chiarisce ogni possibile fraintendimento sulla figura del Messia (Cfr. Mt 17, 5). In tale ottica allora, si comprende come tutto l’Antico Testamento parli già di Cristo ma, allo stesso tempo, come la fede in lui debba affrontare lo scandalo della passione.

Pietro, sul Tabor, “gustando” lo spettacolo della trasfigurazione, reagisce con entusiasmo; per lui è bello contemplare la gloria di Gesù. Egli cerca allora di prolungare tale godimento; tuttavia, ne rimane quasi interrotto dalla voce del cielo che comanda di non «guardarlo», ma di «ascoltarlo».

Al termine dell’esperienza della trasfigurazione, i discepoli e Gesù fanno ritorno a valle, la valle della quotidianità, il luogo dove l’ascolto trova compimento, dove diviene obbedienza e sequela. Ed è «ascoltatelo» il verbo della nostra vita cristiana, con tutte le esigenze che comporta la radicalità di questo imperativo.

La Parola richiede obbedienza, cioè ascolto consapevole e operativo. L’atteggiamento obbediente già praticato da Abramo: lasciare le sicurezze, la stabilità di vita e mettersi in “pellegrinaggio” con coraggio e fiducia. Probabilmente, oggi, proprio la mancanza di fiducia nel futuro diventa la nostra maggior povertà, il deficit che più di tutto ci abbatte. È necessario allora, per il credente, acquisire la consapevolezza che la storia dell’uomo non è affidata dal caso.

Il tempo della Quaresima diventi allora, il momento opportuno per la sciare che la Parola ci scuota dal torpore, ci sfidi a scommettere e ci provochi ad avere fiducia nel futuro.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO