Cookie Consent by Free Privacy Policy website
18 C
Roma
Ven, 22 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BII Domenica di Natale - Anno B - 3 gennaio 2020

II Domenica di Natale – Anno B – 3 gennaio 2020

Consanguinei di Dio perché suoi figli. Portatori del suo cromosoma 






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era, in principio, presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità. Giovanni gli dà testimonianza e proclama: «Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me è avanti a me, perché era prima di me». Dalla sua pienezza
    noi tutti abbiamo ricevuto:
    grazia su grazia.
    Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
    la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
    Dio, nessuno lo ha mai visto:
    il Figlio unigenito, che è Dio
    ed è nel seno del Padre,
    è lui che lo ha rivelato”.




    Grammaticalmente parlando il verbo da senso e contenuto al periodo. Senza il verbo non c’è azione, c’è paralisi. Così è di Dio, inteso come Verbo = Parola incarnata. Senza di lui tutto tace, tutto è minoritario, deficitario. Manca l’essenziale se manca Dio. La storia degli uomini, essendo stata visitata, abitata da Dio ha ricevuto senso, direzione, sostanza, spiegazioni e, soprattutto, direzioni. L’uomo senza Dio è troppo povero, la sua esistenza è priva di senso, svuotata. “Senza Dio la vita è una tragedia annunciata” (Andrea Boccelli). Da sempre l’uomo è stato cercatore di Dio ma senza mai trovarlo. Solo quando, lui ha deciso, “nella pienezza del tempo”, quando il tempo era maturo secondo il suo disegno salvifico, Dio si è manifestato “nato da donna”, è entrato a far parte della storia umana. Si è identificato con l’umano così tanto da diventare lui stesso figlio della sua creatura.

    “Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati”.

    Tutto è già accaduto. Occorre accogliere, accettare per gioire di quanto a nostro beneficio è stato compiuto da Dio. “A quanti però lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio”. Ecco occorre diventare grembo di Dio. Lui ci dà, accogliendolo, il potere di generarlo essendo noi stessi generati come suoi figli. Dio non è geloso di sé stesso, non si chiude e non si ferma in u a dimensione circolare dove c’è posto solo per lui, sembra strano ma Dio non è bastevole di sé stesso, vuole, perché ama, inserire anche l’uomo nella sua orbita, nel suo circuito. Lo fa non riduttivamente, come se l’uomo fosse un accessorio, un asservito al suo potere, ma rendendoci suoi figli. Una relazione intima. Consanguinea. L’uomo con il “cromosoma divino”.

    Ma Dio lo si accoglie nella propria vita in mille modi diversi: nella sua Parola, nell’eucaristia, nella creazione, nella preghiera ma, soprattutto, nell’uomo, sua immagine e somiglianza. Se poi lo si vuole vedere prima, è nel povero, nell’emarginato, nello scartato, nel solo, nel bisognoso, nel carcerato, nel malato, in chi ha bisogno di aiuto, perché in costoro, più che in altri risplende la luce dell’amore di Dio, da accogliere e custodire. Solo così diventeremo più intimamente suoi figli.




    Fratelli e sorelle, nella gioia del Natale rivolgiamo la nostra preghiera al Padre, perché ci aiuti a ricevere il dono di vita che Gesù ci ha portato con la sua presenza in mezzo a noi.

    Preghiamo insieme e diciamo: Illuminaci con la tua parola, Signore!

    1. Per la Chiesa di Dio: diffonda nel mondo la parola di Gesù che svela agli uomini la dignità di essere figli di Dio, preghiamo.

    2. Per tutti i cristiani: perché comprendano e siano riconoscenti per il grande dono di avere Dio per padre e di avere tutti gli uomini come fratelli, preghiamo.

    3. Per tutti noi, perché la nostra vita sia coerente con la nostra dignità di figli di Dio e la nostra condotta permetta anche a chi non crede di vedere in noi un riflesso della luce divina, preghiamo.

    4. Per la nostra comunità: sappia sempre vedere negli anziani e nei bambini, nei sani e negli ammalati, in ogni uomo anche se straniero, gli appartenenti ad un’unica razza, quella dei figli di Dio, preghiamo.

    O Padre, che ci hai illuminati con la luce di Gesù e ci hai svelato la nostra dignità, aiutaci a vivere sempre come tuoi figli, e a vedere in ogni persona un nostro fratello. Per Cristo nostro Signore.




    Questo sacramento agisca in noi, Signore Dio nostro, ci purifichi dal male e compia le nostre aspirazioni di giustizia e di pace. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni.

“In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era, in principio, presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità. Giovanni gli dà testimonianza e proclama: «Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me è avanti a me, perché era prima di me». Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato”.



Grammaticalmente parlando il verbo da senso e contenuto al periodo. Senza il verbo non c’è azione, c’è paralisi. Così è di Dio, inteso come Verbo = Parola incarnata. Senza di lui tutto tace, tutto è minoritario, deficitario. Manca l’essenziale se manca Dio. La storia degli uomini, essendo stata visitata, abitata da Dio ha ricevuto senso, direzione, sostanza, spiegazioni e, soprattutto, direzioni. L’uomo senza Dio è troppo povero, la sua esistenza è priva di senso, svuotata. “Senza Dio la vita è una tragedia annunciata” (Andrea Boccelli). Da sempre l’uomo è stato cercatore di Dio ma senza mai trovarlo. Solo quando, lui ha deciso, “nella pienezza del tempo”, quando il tempo era maturo secondo il suo disegno salvifico, Dio si è manifestato “nato da donna”, è entrato a far parte della storia umana. Si è identificato con l’umano così tanto da diventare lui stesso figlio della sua creatura.

“Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati”.

Tutto è già accaduto. Occorre accogliere, accettare per gioire di quanto a nostro beneficio è stato compiuto da Dio. “A quanti però lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio”. Ecco occorre diventare grembo di Dio. Lui ci dà, accogliendolo, il potere di generarlo essendo noi stessi generati come suoi figli. Dio non è geloso di sé stesso, non si chiude e non si ferma in u a dimensione circolare dove c’è posto solo per lui, sembra strano ma Dio non è bastevole di sé stesso, vuole, perché ama, inserire anche l’uomo nella sua orbita, nel suo circuito. Lo fa non riduttivamente, come se l’uomo fosse un accessorio, un asservito al suo potere, ma rendendoci suoi figli. Una relazione intima. Consanguinea. L’uomo con il “cromosoma divino”.

Ma Dio lo si accoglie nella propria vita in mille modi diversi: nella sua Parola, nell’eucaristia, nella creazione, nella preghiera ma, soprattutto, nell’uomo, sua immagine e somiglianza. Se poi lo si vuole vedere prima, è nel povero, nell’emarginato, nello scartato, nel solo, nel bisognoso, nel carcerato, nel malato, in chi ha bisogno di aiuto, perché in costoro, più che in altri risplende la luce dell’amore di Dio, da accogliere e custodire. Solo così diventeremo più intimamente suoi figli.



Fratelli e sorelle, nella gioia del Natale rivolgiamo la nostra preghiera al Padre, perché ci aiuti a ricevere il dono di vita che Gesù ci ha portato con la sua presenza in mezzo a noi.

Preghiamo insieme e diciamo: Illuminaci con la tua parola, Signore!

1. Per la Chiesa di Dio: diffonda nel mondo la parola di Gesù che svela agli uomini la dignità di essere figli di Dio, preghiamo.

2. Per tutti i cristiani: perché comprendano e siano riconoscenti per il grande dono di avere Dio per padre e di avere tutti gli uomini come fratelli, preghiamo.

3. Per tutti noi, perché la nostra vita sia coerente con la nostra dignità di figli di Dio e la nostra condotta permetta anche a chi non crede di vedere in noi un riflesso della luce divina, preghiamo.

4. Per la nostra comunità: sappia sempre vedere negli anziani e nei bambini, nei sani e negli ammalati, in ogni uomo anche se straniero, gli appartenenti ad un’unica razza, quella dei figli di Dio, preghiamo.

O Padre, che ci hai illuminati con la luce di Gesù e ci hai svelato la nostra dignità, aiutaci a vivere sempre come tuoi figli, e a vedere in ogni persona un nostro fratello. Per Cristo nostro Signore.



Questo sacramento agisca in noi, Signore Dio nostro, ci purifichi dal male e compia le nostre aspirazioni di giustizia e di pace. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

II Domenica di Natale – Anno B – 3 gennaio 2020

Consanguinei di Dio perché suoi figli. Portatori del suo cromosoma 



Dal Vangelo secondo Giovanni.

“In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era, in principio, presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità. Giovanni gli dà testimonianza e proclama: «Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me è avanti a me, perché era prima di me». Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato”.



Grammaticalmente parlando il verbo da senso e contenuto al periodo. Senza il verbo non c’è azione, c’è paralisi. Così è di Dio, inteso come Verbo = Parola incarnata. Senza di lui tutto tace, tutto è minoritario, deficitario. Manca l’essenziale se manca Dio. La storia degli uomini, essendo stata visitata, abitata da Dio ha ricevuto senso, direzione, sostanza, spiegazioni e, soprattutto, direzioni. L’uomo senza Dio è troppo povero, la sua esistenza è priva di senso, svuotata. “Senza Dio la vita è una tragedia annunciata” (Andrea Boccelli). Da sempre l’uomo è stato cercatore di Dio ma senza mai trovarlo. Solo quando, lui ha deciso, “nella pienezza del tempo”, quando il tempo era maturo secondo il suo disegno salvifico, Dio si è manifestato “nato da donna”, è entrato a far parte della storia umana. Si è identificato con l’umano così tanto da diventare lui stesso figlio della sua creatura.

“Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati”.

Tutto è già accaduto. Occorre accogliere, accettare per gioire di quanto a nostro beneficio è stato compiuto da Dio. “A quanti però lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio”. Ecco occorre diventare grembo di Dio. Lui ci dà, accogliendolo, il potere di generarlo essendo noi stessi generati come suoi figli. Dio non è geloso di sé stesso, non si chiude e non si ferma in u a dimensione circolare dove c’è posto solo per lui, sembra strano ma Dio non è bastevole di sé stesso, vuole, perché ama, inserire anche l’uomo nella sua orbita, nel suo circuito. Lo fa non riduttivamente, come se l’uomo fosse un accessorio, un asservito al suo potere, ma rendendoci suoi figli. Una relazione intima. Consanguinea. L’uomo con il “cromosoma divino”.

Ma Dio lo si accoglie nella propria vita in mille modi diversi: nella sua Parola, nell’eucaristia, nella creazione, nella preghiera ma, soprattutto, nell’uomo, sua immagine e somiglianza. Se poi lo si vuole vedere prima, è nel povero, nell’emarginato, nello scartato, nel solo, nel bisognoso, nel carcerato, nel malato, in chi ha bisogno di aiuto, perché in costoro, più che in altri risplende la luce dell’amore di Dio, da accogliere e custodire. Solo così diventeremo più intimamente suoi figli.



Fratelli e sorelle, nella gioia del Natale rivolgiamo la nostra preghiera al Padre, perché ci aiuti a ricevere il dono di vita che Gesù ci ha portato con la sua presenza in mezzo a noi.

Preghiamo insieme e diciamo: Illuminaci con la tua parola, Signore!

1. Per la Chiesa di Dio: diffonda nel mondo la parola di Gesù che svela agli uomini la dignità di essere figli di Dio, preghiamo.

2. Per tutti i cristiani: perché comprendano e siano riconoscenti per il grande dono di avere Dio per padre e di avere tutti gli uomini come fratelli, preghiamo.

3. Per tutti noi, perché la nostra vita sia coerente con la nostra dignità di figli di Dio e la nostra condotta permetta anche a chi non crede di vedere in noi un riflesso della luce divina, preghiamo.

4. Per la nostra comunità: sappia sempre vedere negli anziani e nei bambini, nei sani e negli ammalati, in ogni uomo anche se straniero, gli appartenenti ad un’unica razza, quella dei figli di Dio, preghiamo.

O Padre, che ci hai illuminati con la luce di Gesù e ci hai svelato la nostra dignità, aiutaci a vivere sempre come tuoi figli, e a vedere in ogni persona un nostro fratello. Per Cristo nostro Signore.



Questo sacramento agisca in noi, Signore Dio nostro, ci purifichi dal male e compia le nostre aspirazioni di giustizia e di pace. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
320IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

La preghiera, la sete, le radici

I “beati” dell’Apocalisse

Dieci parole per vivere

I profeti minori “quadriformi”

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x