20.3 C
Roma
Mar, 7 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A II Domenica di Natale - Anno A - 5 gennaio 2019

II Domenica di Natale – Anno A – 5 gennaio 2019

L’accoglienza è un grembo sempre genesiaco






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In principio era il Verbo,
    e il Verbo era presso Dio
    e il Verbo era Dio.
    Egli era, in principio, presso Dio:
    tutto è stato fatto per mezzo di lui
    e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
    In lui era la vita
    e la vita era la luce degli uomini;
    la luce splende nelle tenebre
    e le tenebre non l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da Dio:
    il suo nome era Giovanni.
    Egli venne come testimone
    per dare testimonianza alla luce,
    perché tutti credessero per mezzo di lui.
    Non era lui la luce,
    ma doveva dare testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera,
    quella che illumina ogni uomo.
    Era nel mondo
    e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
    eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
    Venne fra i suoi,
    e i suoi non lo hanno accolto.
    A quanti però lo hanno accolto
    ha dato potere di diventare figli di Dio:
    a quelli che credono nel suo nome,
    i quali, non da sangue
    né da volere di carne
    né da volere di uomo,
    ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne
    e venne ad abitare in mezzo a noi;
    e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre,
    pieno di grazia e di verità. Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
    «Era di lui che io dissi:
    Colui che viene dopo di me
    è avanti a me,
    perché era prima di me». Dalla sua pienezza
    noi tutti abbiamo ricevuto:
    grazia su grazia.
    Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
    la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
    Dio, nessuno lo ha mai visto:
    il Figlio unigenito, che è Dio
    ed è nel seno del Padre,
    è lui che lo ha rivelato.”




    L’accoglienza è un grembo che genera sempre, dona vita. Il prologo del vangelo di Giovanni afferma: “Venne fra i suoi, e i suoi non l’hanno accolto.
    A quanti però l’hanno accolto
    ha dato potere di diventare figli di Dio”. Il cuore di chi sa accogliere diventa grembo, culla. Ogni volta che siamo capaci di accogliere, di sicuro, generiamo in chi sente accolto, gratitudine, risoluzione dei propri problemi, approdo nella speranza. L’accoglienza è uno dei fratelli minori dell’amore. Attraverso di essa si esprime, fattivamente, che una persona la si ama, le si dà la possibilità di azione, ma, soprattutto non la si lascia orfana, senza patria.

    Quando si è in cerca di qualcuno e non si trova soluzione, quando si è in cerca di lavoro, di relazioni, di sollievo, di condivisione e tutte le porte rimangono chiuse e tutti i cuori sono riluttanti allora si auto genera la disperazione. L’unico modo per risolvere e spezzare la catena che imprigiona in se stessi è ricevere il calore dell’accoglienza.

    Immaginiamo “i viaggi della speranza” intrapresi da tanti fratelli in cerca di un lavoro, di una patria che poi trovano la loro tomba nel mare e tutto s’infrange sugli scogli di un’isola sperduta, o, peggio, immaginiamo che trovino le barriere di cuori indisposti ad accoglierli che delusione per loro ma anche che sterilità per chi non diventa grembo! “Accogliere: parola che sa di porte che si aprono, di mani che accettano doni, di cuori che fanno spazio alla vita, come una donna fa spazio al figlio che accoglie in grembo”.

    Come si rivendica la sacralità ed intangibilità della vita una volta generata, considerando l’aborto un omicidio, così si dovrebbe, parimenti, pensare che chi respinge un fratello pratica una sorta di aborto relazionale, una violenza e una  indifferenza che violano e spengono le speranze di chi è in cerca di un grembo per aggrapparsi e svilupparsi.

    Al contrario: chi vive la sfida dell’accoglienza prova la gioia della maternità e paternità per via di quello che genera negli altri e per la luce che illumina la sua vita.




    Gesù è vero Dio e vero uomo, nato dalla vergine Maria. Rivolgiamo al Padre la nostra preghiera, dicendo insieme:

    R. Aumenta la nostra fede, Signore.

    Perchè la Chiesa, che ha il compito di conservare e di trasmettere il patrimonio della fede, accolga e valorizzi i germi dello Spirito presenti nel mondo. Preghiamo:

    Perchè le leggi della comunità civile siano ispirate al grande amore del Padre, che vuole la gioia e la salvezza di tutti gli uomini. Preghiamo:

    Perchè ogni azione dell’uomo contribuisca a preparare la venuta del Signore, principio e fine di ogni cosa. Preghiamo:

    Perchè le comunità cristiane siano inserite pienamente nella storia come fermento dello Spirito, che porta tutto a compimento. Preghiamo:

    Perchè questa eucaristia ci porti a una conoscenza più vera del Cristo fatto uomo, per testimoniare al mondo la nostra speranza. Preghiamo:

    Per i catechisti che preparano i ragazzi all’incontro con il Cristo.
    Per coloro che agiscono e parlano contro il Cristo.

    Padre santo, che con la venuta del tuo Figlio ci hai dato la gioia di conoscerti, fa’ che la nostra vita sia un annuncio coerente dei misteri della salvezza, perchè tutto il mondo creda. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.




    Questo sacramento agisca in noi, Signore Dio nostro, ci purifichi dal male e compia le nostre aspirazioni di giustizia e di pace. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni.

“In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità. Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me». Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.”



L’accoglienza è un grembo che genera sempre, dona vita. Il prologo del vangelo di Giovanni afferma: “Venne fra i suoi, e i suoi non l’hanno accolto.
A quanti però l’hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio”. Il cuore di chi sa accogliere diventa grembo, culla. Ogni volta che siamo capaci di accogliere, di sicuro, generiamo in chi sente accolto, gratitudine, risoluzione dei propri problemi, approdo nella speranza. L’accoglienza è uno dei fratelli minori dell’amore. Attraverso di essa si esprime, fattivamente, che una persona la si ama, le si dà la possibilità di azione, ma, soprattutto non la si lascia orfana, senza patria.

Quando si è in cerca di qualcuno e non si trova soluzione, quando si è in cerca di lavoro, di relazioni, di sollievo, di condivisione e tutte le porte rimangono chiuse e tutti i cuori sono riluttanti allora si auto genera la disperazione. L’unico modo per risolvere e spezzare la catena che imprigiona in se stessi è ricevere il calore dell’accoglienza.

Immaginiamo “i viaggi della speranza” intrapresi da tanti fratelli in cerca di un lavoro, di una patria che poi trovano la loro tomba nel mare e tutto s’infrange sugli scogli di un’isola sperduta, o, peggio, immaginiamo che trovino le barriere di cuori indisposti ad accoglierli che delusione per loro ma anche che sterilità per chi non diventa grembo! “Accogliere: parola che sa di porte che si aprono, di mani che accettano doni, di cuori che fanno spazio alla vita, come una donna fa spazio al figlio che accoglie in grembo”.

Come si rivendica la sacralità ed intangibilità della vita una volta generata, considerando l’aborto un omicidio, così si dovrebbe, parimenti, pensare che chi respinge un fratello pratica una sorta di aborto relazionale, una violenza e una  indifferenza che violano e spengono le speranze di chi è in cerca di un grembo per aggrapparsi e svilupparsi.

Al contrario: chi vive la sfida dell’accoglienza prova la gioia della maternità e paternità per via di quello che genera negli altri e per la luce che illumina la sua vita.



Gesù è vero Dio e vero uomo, nato dalla vergine Maria. Rivolgiamo al Padre la nostra preghiera, dicendo insieme:

R. Aumenta la nostra fede, Signore.

Perchè la Chiesa, che ha il compito di conservare e di trasmettere il patrimonio della fede, accolga e valorizzi i germi dello Spirito presenti nel mondo. Preghiamo:

Perchè le leggi della comunità civile siano ispirate al grande amore del Padre, che vuole la gioia e la salvezza di tutti gli uomini. Preghiamo:

Perchè ogni azione dell’uomo contribuisca a preparare la venuta del Signore, principio e fine di ogni cosa. Preghiamo:

Perchè le comunità cristiane siano inserite pienamente nella storia come fermento dello Spirito, che porta tutto a compimento. Preghiamo:

Perchè questa eucaristia ci porti a una conoscenza più vera del Cristo fatto uomo, per testimoniare al mondo la nostra speranza. Preghiamo:

Per i catechisti che preparano i ragazzi all’incontro con il Cristo.
Per coloro che agiscono e parlano contro il Cristo.

Padre santo, che con la venuta del tuo Figlio ci hai dato la gioia di conoscerti, fa’ che la nostra vita sia un annuncio coerente dei misteri della salvezza, perchè tutto il mondo creda. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.



Questo sacramento agisca in noi, Signore Dio nostro, ci purifichi dal male e compia le nostre aspirazioni di giustizia e di pace. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

II Domenica di Natale – Anno A – 5 gennaio 2019

L’accoglienza è un grembo sempre genesiaco



Dal Vangelo secondo Giovanni.

“In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta. Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità. Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me». Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.”



L’accoglienza è un grembo che genera sempre, dona vita. Il prologo del vangelo di Giovanni afferma: “Venne fra i suoi, e i suoi non l’hanno accolto.
A quanti però l’hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio”. Il cuore di chi sa accogliere diventa grembo, culla. Ogni volta che siamo capaci di accogliere, di sicuro, generiamo in chi sente accolto, gratitudine, risoluzione dei propri problemi, approdo nella speranza. L’accoglienza è uno dei fratelli minori dell’amore. Attraverso di essa si esprime, fattivamente, che una persona la si ama, le si dà la possibilità di azione, ma, soprattutto non la si lascia orfana, senza patria.

Quando si è in cerca di qualcuno e non si trova soluzione, quando si è in cerca di lavoro, di relazioni, di sollievo, di condivisione e tutte le porte rimangono chiuse e tutti i cuori sono riluttanti allora si auto genera la disperazione. L’unico modo per risolvere e spezzare la catena che imprigiona in se stessi è ricevere il calore dell’accoglienza.

Immaginiamo “i viaggi della speranza” intrapresi da tanti fratelli in cerca di un lavoro, di una patria che poi trovano la loro tomba nel mare e tutto s’infrange sugli scogli di un’isola sperduta, o, peggio, immaginiamo che trovino le barriere di cuori indisposti ad accoglierli che delusione per loro ma anche che sterilità per chi non diventa grembo! “Accogliere: parola che sa di porte che si aprono, di mani che accettano doni, di cuori che fanno spazio alla vita, come una donna fa spazio al figlio che accoglie in grembo”.

Come si rivendica la sacralità ed intangibilità della vita una volta generata, considerando l’aborto un omicidio, così si dovrebbe, parimenti, pensare che chi respinge un fratello pratica una sorta di aborto relazionale, una violenza e una  indifferenza che violano e spengono le speranze di chi è in cerca di un grembo per aggrapparsi e svilupparsi.

Al contrario: chi vive la sfida dell’accoglienza prova la gioia della maternità e paternità per via di quello che genera negli altri e per la luce che illumina la sua vita.



Gesù è vero Dio e vero uomo, nato dalla vergine Maria. Rivolgiamo al Padre la nostra preghiera, dicendo insieme:

R. Aumenta la nostra fede, Signore.

Perchè la Chiesa, che ha il compito di conservare e di trasmettere il patrimonio della fede, accolga e valorizzi i germi dello Spirito presenti nel mondo. Preghiamo:

Perchè le leggi della comunità civile siano ispirate al grande amore del Padre, che vuole la gioia e la salvezza di tutti gli uomini. Preghiamo:

Perchè ogni azione dell’uomo contribuisca a preparare la venuta del Signore, principio e fine di ogni cosa. Preghiamo:

Perchè le comunità cristiane siano inserite pienamente nella storia come fermento dello Spirito, che porta tutto a compimento. Preghiamo:

Perchè questa eucaristia ci porti a una conoscenza più vera del Cristo fatto uomo, per testimoniare al mondo la nostra speranza. Preghiamo:

Per i catechisti che preparano i ragazzi all’incontro con il Cristo.
Per coloro che agiscono e parlano contro il Cristo.

Padre santo, che con la venuta del tuo Figlio ci hai dato la gioia di conoscerti, fa’ che la nostra vita sia un annuncio coerente dei misteri della salvezza, perchè tutto il mondo creda. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.



Questo sacramento agisca in noi, Signore Dio nostro, ci purifichi dal male e compia le nostre aspirazioni di giustizia e di pace. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Attualità del decalogo

Perché le suore indossano il velo?

Le lettere di Paolo

Matino: L’allegria

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO