Cookie Consent by Free Privacy Policy website
19 C
Roma
Gio, 21 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BII Domenica di Avvento - Anno B - 6 dicembre 2020

II Domenica di Avvento – Anno B – 6 dicembre 2020

Cristiani praticanti ma, soprattutto, credenti e credibili






    Dal Vangelo secondo Marco

    “Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
    Come sta scritto nel profeta Isaìa:
    «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
    egli preparerà la tua via.
    Voce di uno che grida nel deserto:
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri»,
    vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
    Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
    Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo»”.




    Vi è nel linguaggio sportivo, in modo particolare nella corsa sulle lunghe percorrenze, la figura delle “lepre”, colui che corre, fin dall’inizio gara, tirando la corsa e sostenendo un ritmo molto alto per sperare in nuovi record, ma lo fa per chi è più forte di lui. Nel ciclismo invece esiste la figura del “gregario”. E’ colui che si pone a disposizione del capitano della squadra per favorirne la vittoria, per soccorrerlo in caso di necessità. Nel calcio il “numero 10” è, di solito, il regista della squadra. Abilitato a distribuire palloni a creare gioco in favore degli attaccanti perché facciano goal.  Nel basket c’è una figura analoga ed è il “playmaker”: è il giocatore che costituisce il punto di riferimento del gioco di tutta la squadra, e al quale è affidato il compito di scegliere gli schemi offensivi e difensivi più adatti alla conduzione della partita.

    Tutte queste figure sono in funzione della squadra. Il loro compito è aiutare, preparare, proporre, stimolare, far nascere il gioco, favorire la vittoria. Il vangelo odierno, in qualche modo ci invita ad essere come queste figure sportive: stare innanzi, prestare attenzione, preparare la via, essere messaggeri, gridare, sollecitare, indurre gli altri all’ascolto. La figura di Giovanni il battista ne è la rappresentazione e l’interpretazione più autentica.

    Egli predica, è seguito da moltissimi che lo avvicinano, lo apprezzano, ne sono ammirati, ma lui li mette in guardia e ricorda il suo ruolo. Non è lui il profeta, non è lui il messia atteso.” Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo”. Ecco, è come se dicesse, mutuando il linguaggio sportivo evocato prima:” non sono il campione, non sono io colui che deve fare goal, non sono io il protagonista, ma indico la strada, preparo la sua venuta”. Questo ruolo di subalternità, dichiarato, quasi rivendicato, non esclude, non mortifica la sua grandezza, il suo ruolo necessario e peculiare. Fa parte del “gioco”, è indispensabile nell’economia del traguardo, nella strategia della vittoria finale e, se questa sarà raggiunta il merito è di tutti a cominciare da chi ha interpretato questo ruolo di subalternità collaborativa.

    Ecco il compito del cristiano di oggi: essere annunciatori, servi, testimoni, preparatori, amplificatori. Siamo coloro che indicano la direzione da intraprendere, la verità da accogliere, il messaggio da incarnare. Ma, non siamo noi questa verità proclamata, non siamo noi la direzione che gli altri debbono intraprendere, non siamo noi la meta da essere raggiunta. Il segnale stradale indica la direzione ma non è la destinazione finale. Ognuno annuncia con le sue doti e le sue caratteristiche specifiche e le modalità che gli sono proprie ma tutti dobbiamo convergere sullo stesso punto: Colui che indichiamo è più grande di noi. E’ il vero sole noi ne siamo un raggio. Dobbiamo essere cristiani praticanti, annuncianti, ma, soprattutto, credenti e credibili, cioè testimoniali.




    Fratelli carissimi,
    invochiamo Dio, datore di ogni bene,
    perché ci aiuti ad accogliere nella fede
    la venuta del Salvatore.

    Venga il tuo regno, Signore.

    Per la Chiesa diffusa nel mondo,
    perché in atteggiamento costante di povertà e di servizio,
    testimoni a tutti che Gesù è il Signore, preghiamo. R.

    Per i popoli che non conoscono il Vangelo,
    perché la solidarietà delle comunità cristiane
    li prepari ad accogliere il Salvatore, preghiamo. R.

    Per la giustizia e la pace nel mondo,
    perché gli egoismi, le chiusure e gli interessi di parte
    cedano il posto alla vera fraternità, preghiamo. R.

    Per i poveri, gli oppressi, gli sfruttati,
    perché la loro causa trovi un giusto riconoscimento
    in una società più aperta e sensibile, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    Perché nell’attesa del Signore ci convertiamo a una scelta di vita
    in cui l’uomo valga soprattutto per quello che è
    e non per quanto possiede, preghiamo. R.

    Venga in nostro aiuto il tuo Santo Spirito,
    o Dio fonte della vita,
    e il nostro impegno evangelico
    diventi germe dei nuovi cieli e della nuova terra
    che il Cristo verrà a instaurare nell’ultimo giorno.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

    Amen.




    O Dio, che in questo sacramento ci hai nutriti con il pane della vita, insegnaci a valutare con i sapienza i beni della terra, nella continua ricerca dei beni del cielo. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
egli preparerà la tua via.
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri»,
vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo»”.



Vi è nel linguaggio sportivo, in modo particolare nella corsa sulle lunghe percorrenze, la figura delle “lepre”, colui che corre, fin dall’inizio gara, tirando la corsa e sostenendo un ritmo molto alto per sperare in nuovi record, ma lo fa per chi è più forte di lui. Nel ciclismo invece esiste la figura del “gregario”. E’ colui che si pone a disposizione del capitano della squadra per favorirne la vittoria, per soccorrerlo in caso di necessità. Nel calcio il “numero 10” è, di solito, il regista della squadra. Abilitato a distribuire palloni a creare gioco in favore degli attaccanti perché facciano goal.  Nel basket c’è una figura analoga ed è il “playmaker”: è il giocatore che costituisce il punto di riferimento del gioco di tutta la squadra, e al quale è affidato il compito di scegliere gli schemi offensivi e difensivi più adatti alla conduzione della partita.

Tutte queste figure sono in funzione della squadra. Il loro compito è aiutare, preparare, proporre, stimolare, far nascere il gioco, favorire la vittoria. Il vangelo odierno, in qualche modo ci invita ad essere come queste figure sportive: stare innanzi, prestare attenzione, preparare la via, essere messaggeri, gridare, sollecitare, indurre gli altri all’ascolto. La figura di Giovanni il battista ne è la rappresentazione e l’interpretazione più autentica.

Egli predica, è seguito da moltissimi che lo avvicinano, lo apprezzano, ne sono ammirati, ma lui li mette in guardia e ricorda il suo ruolo. Non è lui il profeta, non è lui il messia atteso.” Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo”. Ecco, è come se dicesse, mutuando il linguaggio sportivo evocato prima:” non sono il campione, non sono io colui che deve fare goal, non sono io il protagonista, ma indico la strada, preparo la sua venuta”. Questo ruolo di subalternità, dichiarato, quasi rivendicato, non esclude, non mortifica la sua grandezza, il suo ruolo necessario e peculiare. Fa parte del “gioco”, è indispensabile nell’economia del traguardo, nella strategia della vittoria finale e, se questa sarà raggiunta il merito è di tutti a cominciare da chi ha interpretato questo ruolo di subalternità collaborativa.

Ecco il compito del cristiano di oggi: essere annunciatori, servi, testimoni, preparatori, amplificatori. Siamo coloro che indicano la direzione da intraprendere, la verità da accogliere, il messaggio da incarnare. Ma, non siamo noi questa verità proclamata, non siamo noi la direzione che gli altri debbono intraprendere, non siamo noi la meta da essere raggiunta. Il segnale stradale indica la direzione ma non è la destinazione finale. Ognuno annuncia con le sue doti e le sue caratteristiche specifiche e le modalità che gli sono proprie ma tutti dobbiamo convergere sullo stesso punto: Colui che indichiamo è più grande di noi. E’ il vero sole noi ne siamo un raggio. Dobbiamo essere cristiani praticanti, annuncianti, ma, soprattutto, credenti e credibili, cioè testimoniali.



Fratelli carissimi,
invochiamo Dio, datore di ogni bene,
perché ci aiuti ad accogliere nella fede
la venuta del Salvatore.

Venga il tuo regno, Signore.

Per la Chiesa diffusa nel mondo,
perché in atteggiamento costante di povertà e di servizio,
testimoni a tutti che Gesù è il Signore, preghiamo. R.

Per i popoli che non conoscono il Vangelo,
perché la solidarietà delle comunità cristiane
li prepari ad accogliere il Salvatore, preghiamo. R.

Per la giustizia e la pace nel mondo,
perché gli egoismi, le chiusure e gli interessi di parte
cedano il posto alla vera fraternità, preghiamo. R.

Per i poveri, gli oppressi, gli sfruttati,
perché la loro causa trovi un giusto riconoscimento
in una società più aperta e sensibile, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
Perché nell’attesa del Signore ci convertiamo a una scelta di vita
in cui l’uomo valga soprattutto per quello che è
e non per quanto possiede, preghiamo. R.

Venga in nostro aiuto il tuo Santo Spirito,
o Dio fonte della vita,
e il nostro impegno evangelico
diventi germe dei nuovi cieli e della nuova terra
che il Cristo verrà a instaurare nell’ultimo giorno.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Amen.



O Dio, che in questo sacramento ci hai nutriti con il pane della vita, insegnaci a valutare con i sapienza i beni della terra, nella continua ricerca dei beni del cielo. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

II Domenica di Avvento – Anno B – 6 dicembre 2020

Cristiani praticanti ma, soprattutto, credenti e credibili



Dal Vangelo secondo Marco

“Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
egli preparerà la tua via.
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri»,
vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo»”.



Vi è nel linguaggio sportivo, in modo particolare nella corsa sulle lunghe percorrenze, la figura delle “lepre”, colui che corre, fin dall’inizio gara, tirando la corsa e sostenendo un ritmo molto alto per sperare in nuovi record, ma lo fa per chi è più forte di lui. Nel ciclismo invece esiste la figura del “gregario”. E’ colui che si pone a disposizione del capitano della squadra per favorirne la vittoria, per soccorrerlo in caso di necessità. Nel calcio il “numero 10” è, di solito, il regista della squadra. Abilitato a distribuire palloni a creare gioco in favore degli attaccanti perché facciano goal.  Nel basket c’è una figura analoga ed è il “playmaker”: è il giocatore che costituisce il punto di riferimento del gioco di tutta la squadra, e al quale è affidato il compito di scegliere gli schemi offensivi e difensivi più adatti alla conduzione della partita.

Tutte queste figure sono in funzione della squadra. Il loro compito è aiutare, preparare, proporre, stimolare, far nascere il gioco, favorire la vittoria. Il vangelo odierno, in qualche modo ci invita ad essere come queste figure sportive: stare innanzi, prestare attenzione, preparare la via, essere messaggeri, gridare, sollecitare, indurre gli altri all’ascolto. La figura di Giovanni il battista ne è la rappresentazione e l’interpretazione più autentica.

Egli predica, è seguito da moltissimi che lo avvicinano, lo apprezzano, ne sono ammirati, ma lui li mette in guardia e ricorda il suo ruolo. Non è lui il profeta, non è lui il messia atteso.” Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo”. Ecco, è come se dicesse, mutuando il linguaggio sportivo evocato prima:” non sono il campione, non sono io colui che deve fare goal, non sono io il protagonista, ma indico la strada, preparo la sua venuta”. Questo ruolo di subalternità, dichiarato, quasi rivendicato, non esclude, non mortifica la sua grandezza, il suo ruolo necessario e peculiare. Fa parte del “gioco”, è indispensabile nell’economia del traguardo, nella strategia della vittoria finale e, se questa sarà raggiunta il merito è di tutti a cominciare da chi ha interpretato questo ruolo di subalternità collaborativa.

Ecco il compito del cristiano di oggi: essere annunciatori, servi, testimoni, preparatori, amplificatori. Siamo coloro che indicano la direzione da intraprendere, la verità da accogliere, il messaggio da incarnare. Ma, non siamo noi questa verità proclamata, non siamo noi la direzione che gli altri debbono intraprendere, non siamo noi la meta da essere raggiunta. Il segnale stradale indica la direzione ma non è la destinazione finale. Ognuno annuncia con le sue doti e le sue caratteristiche specifiche e le modalità che gli sono proprie ma tutti dobbiamo convergere sullo stesso punto: Colui che indichiamo è più grande di noi. E’ il vero sole noi ne siamo un raggio. Dobbiamo essere cristiani praticanti, annuncianti, ma, soprattutto, credenti e credibili, cioè testimoniali.



Fratelli carissimi,
invochiamo Dio, datore di ogni bene,
perché ci aiuti ad accogliere nella fede
la venuta del Salvatore.

Venga il tuo regno, Signore.

Per la Chiesa diffusa nel mondo,
perché in atteggiamento costante di povertà e di servizio,
testimoni a tutti che Gesù è il Signore, preghiamo. R.

Per i popoli che non conoscono il Vangelo,
perché la solidarietà delle comunità cristiane
li prepari ad accogliere il Salvatore, preghiamo. R.

Per la giustizia e la pace nel mondo,
perché gli egoismi, le chiusure e gli interessi di parte
cedano il posto alla vera fraternità, preghiamo. R.

Per i poveri, gli oppressi, gli sfruttati,
perché la loro causa trovi un giusto riconoscimento
in una società più aperta e sensibile, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
Perché nell’attesa del Signore ci convertiamo a una scelta di vita
in cui l’uomo valga soprattutto per quello che è
e non per quanto possiede, preghiamo. R.

Venga in nostro aiuto il tuo Santo Spirito,
o Dio fonte della vita,
e il nostro impegno evangelico
diventi germe dei nuovi cieli e della nuova terra
che il Cristo verrà a instaurare nell’ultimo giorno.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Amen.



O Dio, che in questo sacramento ci hai nutriti con il pane della vita, insegnaci a valutare con i sapienza i beni della terra, nella continua ricerca dei beni del cielo. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
320IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x