15.5 C
Roma
Mar, 31 Marzo 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A II Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 19 gennaio 2020

II Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 19 gennaio 2020






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
    Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio». 




    Se Dio avesse voluto rubare la vita all’uomo, non lo avrebbe neppure creato. Avendolo fatto a “sua immagine e somiglianza”, con cura amorevole e artigianale, come narra il libro delle origini, il libro della Genesi, dimostra tutto il suo amore e la sua cura paterna. L’uomo entra in relazione con Dio in un modo così unico ed intimo che tra loro intercorre un legame inscindibile. Come un padre e una madre, geneticamente parlando, non si potranno mai più scindere, biologicamente, da chi hanno generato e partorito: il figlio; così Dio non potrà mai più separarsi dall’uomo, sua creatura e suo figlio, soprattutto, dopo il battesimo. E’ il diavolo, etimologicamente, il separatore, che vuole dividere, con arte e con intendimento di insubordinazione, l’uomo da Dio. Questi perché padre abbraccia continuamente l’uomo suo figlio. Anche quando è ferito, anche quando lo abbandona, anche quando si abbrutisce col peccato.

    Le parabole evangeliche sulla misericordia sono una cattedra sempre attiva dell’amore che Dio ha per noi. La pecorella smarrita non sanguina ma Cristo sanguina per noi. Il padre vede il figlio da lontano e gli corre incontro. La moneta smarrita e ritrovata è occasione di festa per la donna che spazza la casa. Dio non chiede a noi il sacrificio per lui ma si dona, sacrificandosi, per noi. Chi doveva essere la vittima si salva col suo amore e lui diventa vittima per noi. “Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!” dice Giovanni il battezzatore indicandolo a chi lo cercava. “Non pretende la tua vita, offre la sua; non spezza nessuno, spezza se stesso; non prende niente, dona tutto”.

    Anche noi, perché perdonati, amati, dobbiamo diventare perdonanti e amanti di quell’amore unico e singolare che ci dona Cristo: gratuito, eroico, fino alla fine. Dobbiamo immettere nelle vene della storia il sangue della bontà. Perché beneficati da chi si è immolato per noi, anche noi dobbiamo “immolarci” per il bene dei fratelli. Questa è l’economia del gratuito, dell’amore che si dona, che si riversa nella vita degli altri. Non c’è nessuno che ami di più la vita di chi, per difenderla e preservarla negli altri, la nega a se stesso. In cima a questa graduatoria c’è Cristo agnello immolato. Anche dobbiamo far parte dello stesso gregge. Questi agnelli, inermi, saranno più forti dei peggiori Erode che si possano incontrare. Il male si vince solo col bene, non c’è un mezzo diverso. Questo è l’unico modo per spezzare la catena del male e la spirale della violenza. Pagare di persona. Pagare con la propria vita donata in sacrificio per gli altri. E’ difficile, ma è la sfida e lo scandalo del cristianesimo.




    Fratelli, ogni giorno della nostra vita è una grazia del Signore,
    un’occasione posta nelle nostre mani
    per fare del bene e costruire il regno di Dio.
    Invochiamo il Padre che è nei cieli,
    perché oggi conceda a ciascuno di noi
    di camminare nelle sue vie.

    R. Aiutaci, Signore, a vivere nella tua amicizia.

    Per la santa Chiesa,
    perché, guidata dallo Spirito del Signore,
    sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
    i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

    Per i nostri pastori,
    perché mediante il ministero e la santità personale
    siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

    Per tutti noi rinati nel Battesimo,
    perché il Signore ci preservi dal peccato
    e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

    Per l’uomo che lavora,
    perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
    giovi anche a rendere più giusti e cordiali
    i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

    Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
    perché siano accolti con amore
    e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

    Assisti, o Padre, i tuoi figli
    nel cammino di questo giorno
    e fa’ che portino con gioia
    il peso e la gloria della loro fatica quotidiana.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore, perché nutrito con l’unico pane di vita formiamo un cuor solo e un’anima sola. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio». 



Se Dio avesse voluto rubare la vita all’uomo, non lo avrebbe neppure creato. Avendolo fatto a “sua immagine e somiglianza”, con cura amorevole e artigianale, come narra il libro delle origini, il libro della Genesi, dimostra tutto il suo amore e la sua cura paterna. L’uomo entra in relazione con Dio in un modo così unico ed intimo che tra loro intercorre un legame inscindibile. Come un padre e una madre, geneticamente parlando, non si potranno mai più scindere, biologicamente, da chi hanno generato e partorito: il figlio; così Dio non potrà mai più separarsi dall’uomo, sua creatura e suo figlio, soprattutto, dopo il battesimo. E’ il diavolo, etimologicamente, il separatore, che vuole dividere, con arte e con intendimento di insubordinazione, l’uomo da Dio. Questi perché padre abbraccia continuamente l’uomo suo figlio. Anche quando è ferito, anche quando lo abbandona, anche quando si abbrutisce col peccato.

Le parabole evangeliche sulla misericordia sono una cattedra sempre attiva dell’amore che Dio ha per noi. La pecorella smarrita non sanguina ma Cristo sanguina per noi. Il padre vede il figlio da lontano e gli corre incontro. La moneta smarrita e ritrovata è occasione di festa per la donna che spazza la casa. Dio non chiede a noi il sacrificio per lui ma si dona, sacrificandosi, per noi. Chi doveva essere la vittima si salva col suo amore e lui diventa vittima per noi. “Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!” dice Giovanni il battezzatore indicandolo a chi lo cercava. “Non pretende la tua vita, offre la sua; non spezza nessuno, spezza se stesso; non prende niente, dona tutto”.

Anche noi, perché perdonati, amati, dobbiamo diventare perdonanti e amanti di quell’amore unico e singolare che ci dona Cristo: gratuito, eroico, fino alla fine. Dobbiamo immettere nelle vene della storia il sangue della bontà. Perché beneficati da chi si è immolato per noi, anche noi dobbiamo “immolarci” per il bene dei fratelli. Questa è l’economia del gratuito, dell’amore che si dona, che si riversa nella vita degli altri. Non c’è nessuno che ami di più la vita di chi, per difenderla e preservarla negli altri, la nega a se stesso. In cima a questa graduatoria c’è Cristo agnello immolato. Anche dobbiamo far parte dello stesso gregge. Questi agnelli, inermi, saranno più forti dei peggiori Erode che si possano incontrare. Il male si vince solo col bene, non c’è un mezzo diverso. Questo è l’unico modo per spezzare la catena del male e la spirale della violenza. Pagare di persona. Pagare con la propria vita donata in sacrificio per gli altri. E’ difficile, ma è la sfida e lo scandalo del cristianesimo.



Fratelli, ogni giorno della nostra vita è una grazia del Signore,
un’occasione posta nelle nostre mani
per fare del bene e costruire il regno di Dio.
Invochiamo il Padre che è nei cieli,
perché oggi conceda a ciascuno di noi
di camminare nelle sue vie.

R. Aiutaci, Signore, a vivere nella tua amicizia.

Per la santa Chiesa,
perché, guidata dallo Spirito del Signore,
sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

Per i nostri pastori,
perché mediante il ministero e la santità personale
siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

Per tutti noi rinati nel Battesimo,
perché il Signore ci preservi dal peccato
e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

Per l’uomo che lavora,
perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
giovi anche a rendere più giusti e cordiali
i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
perché siano accolti con amore
e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

Assisti, o Padre, i tuoi figli
nel cammino di questo giorno
e fa’ che portino con gioia
il peso e la gloria della loro fatica quotidiana.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore, perché nutrito con l’unico pane di vita formiamo un cuor solo e un’anima sola. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

II Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 19 gennaio 2020



Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio». 



Se Dio avesse voluto rubare la vita all’uomo, non lo avrebbe neppure creato. Avendolo fatto a “sua immagine e somiglianza”, con cura amorevole e artigianale, come narra il libro delle origini, il libro della Genesi, dimostra tutto il suo amore e la sua cura paterna. L’uomo entra in relazione con Dio in un modo così unico ed intimo che tra loro intercorre un legame inscindibile. Come un padre e una madre, geneticamente parlando, non si potranno mai più scindere, biologicamente, da chi hanno generato e partorito: il figlio; così Dio non potrà mai più separarsi dall’uomo, sua creatura e suo figlio, soprattutto, dopo il battesimo. E’ il diavolo, etimologicamente, il separatore, che vuole dividere, con arte e con intendimento di insubordinazione, l’uomo da Dio. Questi perché padre abbraccia continuamente l’uomo suo figlio. Anche quando è ferito, anche quando lo abbandona, anche quando si abbrutisce col peccato.

Le parabole evangeliche sulla misericordia sono una cattedra sempre attiva dell’amore che Dio ha per noi. La pecorella smarrita non sanguina ma Cristo sanguina per noi. Il padre vede il figlio da lontano e gli corre incontro. La moneta smarrita e ritrovata è occasione di festa per la donna che spazza la casa. Dio non chiede a noi il sacrificio per lui ma si dona, sacrificandosi, per noi. Chi doveva essere la vittima si salva col suo amore e lui diventa vittima per noi. “Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!” dice Giovanni il battezzatore indicandolo a chi lo cercava. “Non pretende la tua vita, offre la sua; non spezza nessuno, spezza se stesso; non prende niente, dona tutto”.

Anche noi, perché perdonati, amati, dobbiamo diventare perdonanti e amanti di quell’amore unico e singolare che ci dona Cristo: gratuito, eroico, fino alla fine. Dobbiamo immettere nelle vene della storia il sangue della bontà. Perché beneficati da chi si è immolato per noi, anche noi dobbiamo “immolarci” per il bene dei fratelli. Questa è l’economia del gratuito, dell’amore che si dona, che si riversa nella vita degli altri. Non c’è nessuno che ami di più la vita di chi, per difenderla e preservarla negli altri, la nega a se stesso. In cima a questa graduatoria c’è Cristo agnello immolato. Anche dobbiamo far parte dello stesso gregge. Questi agnelli, inermi, saranno più forti dei peggiori Erode che si possano incontrare. Il male si vince solo col bene, non c’è un mezzo diverso. Questo è l’unico modo per spezzare la catena del male e la spirale della violenza. Pagare di persona. Pagare con la propria vita donata in sacrificio per gli altri. E’ difficile, ma è la sfida e lo scandalo del cristianesimo.



Fratelli, ogni giorno della nostra vita è una grazia del Signore,
un’occasione posta nelle nostre mani
per fare del bene e costruire il regno di Dio.
Invochiamo il Padre che è nei cieli,
perché oggi conceda a ciascuno di noi
di camminare nelle sue vie.

R. Aiutaci, Signore, a vivere nella tua amicizia.

Per la santa Chiesa,
perché, guidata dallo Spirito del Signore,
sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

Per i nostri pastori,
perché mediante il ministero e la santità personale
siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

Per tutti noi rinati nel Battesimo,
perché il Signore ci preservi dal peccato
e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

Per l’uomo che lavora,
perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
giovi anche a rendere più giusti e cordiali
i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
perché siano accolti con amore
e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

Assisti, o Padre, i tuoi figli
nel cammino di questo giorno
e fa’ che portino con gioia
il peso e la gloria della loro fatica quotidiana.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore, perché nutrito con l’unico pane di vita formiamo un cuor solo e un’anima sola. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
925FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
69IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dell’essere e dell’amore

Libri – Diacone: un dossier di studio

L’ateismo interroga la fede

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO