11.5 C
Roma
Ven, 16 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiSocietà e PoliticaI vescovi confermano: messe di Natale in orario compatibile con coprifuoco

I vescovi confermano: messe di Natale in orario compatibile con coprifuoco

- Advertisement -

Gesù “nascerà” prima delle 22. La decisione ufficiale dei vescovi al termine del Consiglio Permanente della Cei. Messaggio per i parroci: distribuite i fedeli nelle diverse messe del giorno di Natale

Come era prevedibile i vescovi confermano la linea di celebrare la messa di Natale con orari compatibili con il coprifuoco. Lo ha stabilito il documento diffuso al termine del Consiglio Permanente della Cei.

Il Dcpm di Natale ha stabilito che nella notte del 24 dicembre il coprifuoco è confermato per le ore 22. Quindi le sante messe dovranno terminare prima del solito. E consentire, entro quell’ora, il rientro a casa dei fedeli che vi parteciperanno.

“Non dobbiamo scoraggiarci”

Il Consiglio Permanente, riporta il comunicato ufficiale, si è confrontato circa le prossime celebrazioni natalizie, in modo particolare sull’orario della Messa nella notte di Natale. I Vescovi ricordano quanto scritto nel recente “Messaggio alle comunità cristiane in tempo di pandemia”.

«Le liturgie e gli incontri comunitari – si legge nel messaggio – sono soggetti a una cura particolare e alla prudenza. Questo, però, non deve scoraggiarci: in questi mesi è apparso chiaro come sia possibile celebrare nelle comunità in condizioni di sicurezza, nella piena osservanza delle norme».

Quattro messe per distribuire i fedeli

Da qui la certezza che sarà così anche per le celebrazioni del Natale, come peraltro avvenuto finora. Tenuto conto delle diverse situazioni, è stato detto, sarà cura dei Vescovi suggerire ai parroci di “orientare” i fedeli a una presenza ben distribuita, ricordando la ricchezza della liturgia per il Natale che offre diverse possibilità: Messa vespertina nella vigilia, nella notte, dell’aurora e del giorno.

Per la Messa nella notte – hanno condiviso i Vescovi – sarà necessario prevedere l’inizio e la durata della celebrazione in un orario compatibile con il cosiddetto “coprifuoco”.

La smentita della Commissione Europea sul “no” alla messa

La Commissione europea «non intende proibire alcuna funzione religiosa», né avrebbe «la competenza per farlo». Al contrario, «la libertà di culto è prevista dalla Carta dei diritti fondamentali».

Lo precisa all’Adnkronos (2 dicembre) il portavoce della Commissione europea Stefan de Keersmaecker, a proposito delle indiscrezioni riportate dalla stampa italiana circa le raccomandazioni che l’esecutivo Ue si appresta a diffondere, secondo le quali sconsiglierà le celebrazioni religiose in presenza, inclusa la Messa di Natale.

Rosario nella Solennità dell’Immacolata

Ai membri del Consiglio Permanente della Cei è stata presentata la proposta di promuovere, nella solennità dell’Immacolata Concezione, la preghiera del Santo Rosario, trasmessa in diretta, alle ore 21, da Tv2000 e InBlu Radio, da una chiesa di Roma. Come già avvenuto durante il lockdown, questo sarà un momento di preghiera comunitaria, da vivere insieme in preparazione al Natale.

Affidate alla Madonna le donne e le mamme

In un tempo segnato in modo evidente dagli effetti della pandemia, la comunità italiana chiederà l’intercessione della Vergine Maria, Colei che ha custodito nel suo cuore ogni cosa e ha saputo abbandonarsi con fiducia all’abbraccio del Padre. A Lei – che come ha ricordato Papa Francesco è la “piena di grazia” che può “riflettere fin dentro le tenebre più fitte un raggio della luce di Cristo Risorto” – verranno affidate, in particolare, le donne e le mamme, pilastri nelle famiglie e grembo di futuro.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I vescovi confermano: messe di Natale in orario compatibile con coprifuoco

- Advertisement -

Gesù “nascerà” prima delle 22. La decisione ufficiale dei vescovi al termine del Consiglio Permanente della Cei. Messaggio per i parroci: distribuite i fedeli nelle diverse messe del giorno di Natale

Come era prevedibile i vescovi confermano la linea di celebrare la messa di Natale con orari compatibili con il coprifuoco. Lo ha stabilito il documento diffuso al termine del Consiglio Permanente della Cei.

Il Dcpm di Natale ha stabilito che nella notte del 24 dicembre il coprifuoco è confermato per le ore 22. Quindi le sante messe dovranno terminare prima del solito. E consentire, entro quell’ora, il rientro a casa dei fedeli che vi parteciperanno.

“Non dobbiamo scoraggiarci”

Il Consiglio Permanente, riporta il comunicato ufficiale, si è confrontato circa le prossime celebrazioni natalizie, in modo particolare sull’orario della Messa nella notte di Natale. I Vescovi ricordano quanto scritto nel recente “Messaggio alle comunità cristiane in tempo di pandemia”.

- Advertisement -

«Le liturgie e gli incontri comunitari – si legge nel messaggio – sono soggetti a una cura particolare e alla prudenza. Questo, però, non deve scoraggiarci: in questi mesi è apparso chiaro come sia possibile celebrare nelle comunità in condizioni di sicurezza, nella piena osservanza delle norme».

Quattro messe per distribuire i fedeli

Da qui la certezza che sarà così anche per le celebrazioni del Natale, come peraltro avvenuto finora. Tenuto conto delle diverse situazioni, è stato detto, sarà cura dei Vescovi suggerire ai parroci di “orientare” i fedeli a una presenza ben distribuita, ricordando la ricchezza della liturgia per il Natale che offre diverse possibilità: Messa vespertina nella vigilia, nella notte, dell’aurora e del giorno.

Per la Messa nella notte – hanno condiviso i Vescovi – sarà necessario prevedere l’inizio e la durata della celebrazione in un orario compatibile con il cosiddetto “coprifuoco”.

La smentita della Commissione Europea sul “no” alla messa

La Commissione europea «non intende proibire alcuna funzione religiosa», né avrebbe «la competenza per farlo». Al contrario, «la libertà di culto è prevista dalla Carta dei diritti fondamentali».

Lo precisa all’Adnkronos (2 dicembre) il portavoce della Commissione europea Stefan de Keersmaecker, a proposito delle indiscrezioni riportate dalla stampa italiana circa le raccomandazioni che l’esecutivo Ue si appresta a diffondere, secondo le quali sconsiglierà le celebrazioni religiose in presenza, inclusa la Messa di Natale.

Rosario nella Solennità dell’Immacolata

Ai membri del Consiglio Permanente della Cei è stata presentata la proposta di promuovere, nella solennità dell’Immacolata Concezione, la preghiera del Santo Rosario, trasmessa in diretta, alle ore 21, da Tv2000 e InBlu Radio, da una chiesa di Roma. Come già avvenuto durante il lockdown, questo sarà un momento di preghiera comunitaria, da vivere insieme in preparazione al Natale.

Affidate alla Madonna le donne e le mamme

In un tempo segnato in modo evidente dagli effetti della pandemia, la comunità italiana chiederà l’intercessione della Vergine Maria, Colei che ha custodito nel suo cuore ogni cosa e ha saputo abbandonarsi con fiducia all’abbraccio del Padre. A Lei – che come ha ricordato Papa Francesco è la “piena di grazia” che può “riflettere fin dentro le tenebre più fitte un raggio della luce di Cristo Risorto” – verranno affidate, in particolare, le donne e le mamme, pilastri nelle famiglie e grembo di futuro.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le sette parole di Maria

Il Padre nostro e la tentazione

Attualità del decalogo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x