22.4 C
Roma
Gio, 6 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale I preti siano leali, mai ipocriti e con il “senso del bello”

I preti siano leali, mai ipocriti e con il “senso del bello”

- Advertisement -

Arriva il nuovo documento «Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalis»: i sacerdoti non sono «uomini del fare», sappiano ascoltare

Leali, per nulla rigidi, mai ipocriti e con il «senso del bello». È l’identikit del prete doc come viene tratteggiato nel nuovo documento sulla vocazione presbiteriale della Congregazione per il Clero «Ratio fundamentalis institutionis sacerdotalis».

Il documento, uscito in allegato con L’Osservatore Romano aggiorna le regole ferme al 1985 e spiega nei minimi dettagli come deve essere portata avanti la formazione dei seminaristi, i futuri sacerdoti. «È necessario coltivare l’umiltà, il coraggio, il senso pratico, la magnanimità di cuore, la rettitudine nel giudizio e la discrezione, la tolleranza e la trasparenza, l’amore alla verità e l’onestà», sottolinea il documento del dicastero retto dal cardinale Beniamino Stella.

Nel capitolo dedicato alla «formazione umana» si ricorda che il futuro prete deve essere accompagnato nella totalità delle dimensioni, senza dimenticare la cura della «salute, l’alimentazione, l’attività motoria, il riposo».

Di fondamentale importanza che il seminarista raggiunga una «equilibrata autostima, che lo conduca ad avere consapevolezza delle proprie doti, per imparare a metterle al servizio del Popolo di Dio». Il futuro prete deve avere anche un gusto estetico: «nella formazione umana occorre curare l’ambito estetico, offrendo un’istruzione che permetta di conoscere le diverse manifestazioni artistiche, educando al “senso del bello”, e l’ambito sociale, aiutando il soggetto a migliorare nella propria capacità relazionale, così che possa contribuire all’edificazione della comunità in cui vive».

«Ci è sembrato che la formazione dei sacerdoti avesse bisogno di essere rilanciata, rinnovata e rimessa al centro – ha spiegato il cardinale Stella al quotidiano d’Oltretevere – siamo stati incoraggiati e illuminati dal magistero di papa Francesco, con la spiritualità e la profezia che contraddistinguono la sua parola. Il Pontefice si è rivolto spesso ai sacerdoti, ricordando loro che il prete non è un funzionario, ma un pastore unto per il popolo di Dio, che ha il cuore compassionevole e misericordioso di Cristo per le folle affaticate e stanche». Un buon prete deve avere la dote dell’ascolto: «per attuare il discernimento pastorale occorre mettere al centro lo stile evangelico dell’ascolto, che libera il pastore dalla tentazione dell’astrattezza, del protagonismo, dell’eccessiva sicurezza di sé e di quella freddezza,che lo renderebbe “un ragioniere dello spirito” invece che “un buon samaritano”». Il prete, avverte il documento, non deve essere un uomo «del fare»: «il pastore impara a uscire dalle proprie certezze precostituite e non penserà al proprio ministero come una serie di cose da fare o di norme da applicare, ma farà della propria vita il “luogo” di un accogliente ascolto di Dio e dei fratelli».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I preti siano leali, mai ipocriti e con il “senso del bello”

  

- Advertisement -

Arriva il nuovo documento «Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalis»: i sacerdoti non sono «uomini del fare», sappiano ascoltare

Leali, per nulla rigidi, mai ipocriti e con il «senso del bello». È l’identikit del prete doc come viene tratteggiato nel nuovo documento sulla vocazione presbiteriale della Congregazione per il Clero «Ratio fundamentalis institutionis sacerdotalis».

Il documento, uscito in allegato con L’Osservatore Romano aggiorna le regole ferme al 1985 e spiega nei minimi dettagli come deve essere portata avanti la formazione dei seminaristi, i futuri sacerdoti. «È necessario coltivare l’umiltà, il coraggio, il senso pratico, la magnanimità di cuore, la rettitudine nel giudizio e la discrezione, la tolleranza e la trasparenza, l’amore alla verità e l’onestà», sottolinea il documento del dicastero retto dal cardinale Beniamino Stella.

- Advertisement -

Nel capitolo dedicato alla «formazione umana» si ricorda che il futuro prete deve essere accompagnato nella totalità delle dimensioni, senza dimenticare la cura della «salute, l’alimentazione, l’attività motoria, il riposo».

Di fondamentale importanza che il seminarista raggiunga una «equilibrata autostima, che lo conduca ad avere consapevolezza delle proprie doti, per imparare a metterle al servizio del Popolo di Dio». Il futuro prete deve avere anche un gusto estetico: «nella formazione umana occorre curare l’ambito estetico, offrendo un’istruzione che permetta di conoscere le diverse manifestazioni artistiche, educando al “senso del bello”, e l’ambito sociale, aiutando il soggetto a migliorare nella propria capacità relazionale, così che possa contribuire all’edificazione della comunità in cui vive».

«Ci è sembrato che la formazione dei sacerdoti avesse bisogno di essere rilanciata, rinnovata e rimessa al centro – ha spiegato il cardinale Stella al quotidiano d’Oltretevere – siamo stati incoraggiati e illuminati dal magistero di papa Francesco, con la spiritualità e la profezia che contraddistinguono la sua parola. Il Pontefice si è rivolto spesso ai sacerdoti, ricordando loro che il prete non è un funzionario, ma un pastore unto per il popolo di Dio, che ha il cuore compassionevole e misericordioso di Cristo per le folle affaticate e stanche». Un buon prete deve avere la dote dell’ascolto: «per attuare il discernimento pastorale occorre mettere al centro lo stile evangelico dell’ascolto, che libera il pastore dalla tentazione dell’astrattezza, del protagonismo, dell’eccessiva sicurezza di sé e di quella freddezza,che lo renderebbe “un ragioniere dello spirito” invece che “un buon samaritano”». Il prete, avverte il documento, non deve essere un uomo «del fare»: «il pastore impara a uscire dalle proprie certezze precostituite e non penserà al proprio ministero come una serie di cose da fare o di norme da applicare, ma farà della propria vita il “luogo” di un accogliente ascolto di Dio e dei fratelli».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
626FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Eva e il serpente

I settanta volti della Torah

Dianich: Vi racconto Gesù

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO