14.4 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaI giovani senza lavoro sono «i nuovi esclusi»

I giovani senza lavoro sono «i nuovi esclusi»

- Advertisement -

Papa Francesco nell’Aula Paolo VI ha incontrato il Movimento cristiano lavoratori (Mcl) che compie 40 anni.

Completamente gremita la Sala Nervi, mentre altre migliaia di aderenti all’Mcl assistono all’udienza all’esterno sui maxischermi di Piazza San Pietro. Il Papa prima dell’udienza, con volto sorridente, si è intrattenuto lungamente a salutare, benedire e a stringere le mani ai presenti che lo hanno acclamato a gran voce.

Che cosa ha detto Papa Francesco nell’udienza con il Movimento cristiano lavoratori?
Nel suo discorso Papa Francesco non ha risparmiato critiche contro “lo sfruttamento dei lavoratori”, “il lavoro che non è al servizio della dignità della persona” e “che rende schiavi”. Ed è tornato a rivolgere un appello contro la disoccupazione, soprattutto quella giovanile.

Ecco alcuni dei passaggi salienti del suo discorso, suddiviso da tre parole fondamentali che ha ricordato: educazione, condivisione,testimonianza.
“Il lavoro è una vocazione, perché nasce da una chiamata che Dio rivolse fin dal principio all’uomo, perché coltivasse e custodisse la casa comune. Così, nonostante il male che ha corrotto il mondo e anche l’attività umana,nel lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale l’essere umano esprime e accresce la dignità della propria vita“.

1. Educazione
“Occorre formare a un nuovo umanesimo del lavoro, dove l’uomo, e non il profitto, sia al centro; dove l’economia serva l’uomo e non si serva dell’uomo”.
“Educare aiuta a non cedere agli inganni di chi vuol far credere che il lavoro, l’impegno quotidiano, il dono di sé stessi e lo studio non abbiano valore”.
“Oggi, nel mondo del lavoro, ma in ogni ambiente, è urgente educare a percorrere la strada, luminosa e impegnativa, dell’onestà, fuggendo le scorciatoie dei favoritismi e delle raccomandazioni”.

2. Condivisione
“Qualsiasi forma di lavoro presuppone un’idea sulla relazione che l’essere umano può o deve stabilire con l’altro da sé – prosegue il Papa – Il lavoro dovrebbe unire le persone, non allontanarle, rendendole chiuse e distanti. Occupando tante ore nella giornata, ci offre anche l’occasione per condividere il quotidiano, per interessarci di chi ci sta accanto, per ricevere come un dono e come una responsabilità la presenza degli altri”

3. Testimonianza
“Oggi ci sono persone che vorrebbero lavorare, ma non ci riescono, e faticano persino a mangiare. Voi incontrate tanti giovani che non lavorano: davvero, come avete detto, sono i nuovi esclusi del nostro tempo, e vengono privati della loro dignità. La giustizia umana chiede l’accesso al lavoro per tutti”.
“Di fronte alle persone in difficoltà e a situazioni faticose – penso anche ai giovani per i quali sposarsi o avere figli è un problema, perché non hanno un impiego sufficientemente stabile o la casa – non serve fare prediche; occorre invece trasmettere speranza, confortare con la presenza, sostenere con l’aiuto concreto”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I giovani senza lavoro sono «i nuovi esclusi»

- Advertisement -

Papa Francesco nell’Aula Paolo VI ha incontrato il Movimento cristiano lavoratori (Mcl) che compie 40 anni.

Completamente gremita la Sala Nervi, mentre altre migliaia di aderenti all’Mcl assistono all’udienza all’esterno sui maxischermi di Piazza San Pietro. Il Papa prima dell’udienza, con volto sorridente, si è intrattenuto lungamente a salutare, benedire e a stringere le mani ai presenti che lo hanno acclamato a gran voce.

Che cosa ha detto Papa Francesco nell’udienza con il Movimento cristiano lavoratori?
Nel suo discorso Papa Francesco non ha risparmiato critiche contro “lo sfruttamento dei lavoratori”, “il lavoro che non è al servizio della dignità della persona” e “che rende schiavi”. Ed è tornato a rivolgere un appello contro la disoccupazione, soprattutto quella giovanile.

Ecco alcuni dei passaggi salienti del suo discorso, suddiviso da tre parole fondamentali che ha ricordato: educazione, condivisione,testimonianza.
“Il lavoro è una vocazione, perché nasce da una chiamata che Dio rivolse fin dal principio all’uomo, perché coltivasse e custodisse la casa comune. Così, nonostante il male che ha corrotto il mondo e anche l’attività umana,nel lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale l’essere umano esprime e accresce la dignità della propria vita“.

1. Educazione
“Occorre formare a un nuovo umanesimo del lavoro, dove l’uomo, e non il profitto, sia al centro; dove l’economia serva l’uomo e non si serva dell’uomo”.
“Educare aiuta a non cedere agli inganni di chi vuol far credere che il lavoro, l’impegno quotidiano, il dono di sé stessi e lo studio non abbiano valore”.
“Oggi, nel mondo del lavoro, ma in ogni ambiente, è urgente educare a percorrere la strada, luminosa e impegnativa, dell’onestà, fuggendo le scorciatoie dei favoritismi e delle raccomandazioni”.

- Advertisement -

2. Condivisione
“Qualsiasi forma di lavoro presuppone un’idea sulla relazione che l’essere umano può o deve stabilire con l’altro da sé – prosegue il Papa – Il lavoro dovrebbe unire le persone, non allontanarle, rendendole chiuse e distanti. Occupando tante ore nella giornata, ci offre anche l’occasione per condividere il quotidiano, per interessarci di chi ci sta accanto, per ricevere come un dono e come una responsabilità la presenza degli altri”

3. Testimonianza
“Oggi ci sono persone che vorrebbero lavorare, ma non ci riescono, e faticano persino a mangiare. Voi incontrate tanti giovani che non lavorano: davvero, come avete detto, sono i nuovi esclusi del nostro tempo, e vengono privati della loro dignità. La giustizia umana chiede l’accesso al lavoro per tutti”.
“Di fronte alle persone in difficoltà e a situazioni faticose – penso anche ai giovani per i quali sposarsi o avere figli è un problema, perché non hanno un impiego sufficientemente stabile o la casa – non serve fare prediche; occorre invece trasmettere speranza, confortare con la presenza, sostenere con l’aiuto concreto”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Sposati e sii sottomessa, 2011

Matino: L’allegria

La speranza di Giobbe

Governo pastorale, «nobile lavoro»

Il Libro della Sapienza

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x