11 C
Roma
Gio, 22 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani I giovani, la fatica dello studio, l’ansia del futuro: cosa può fare...

I giovani, la fatica dello studio, l’ansia del futuro: cosa può fare la Chiesa?

Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica alla Facoltà teologica dell'Italia Centrale.

- Advertisement -

Cosa può fare la comunità cristiana per i giovani, oltre ad educarli alla fede? Può aiutarli anche ad orientarsi nella vita, chiede una nonna? Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

I miei nipoti sono ormai alle scuole superiori o in età universitaria. Da nonna, sono felice di vederli impegnati nello studio, ma ho anche il timore che vivano questa fase della loro vita senza la necessaria consapevolezza. Hanno chiare le ragioni di quello che stanno facendo, il senso del loro studiare? Vedo in loro preoccupazione per il futuro, per il lavoro che potranno trovare dopo aver finito, pensano che probabilmente dovranno andare lontano da casa. Mi piacerebbe che trovassero, anche nella Chiesa, qualcuno capace di orientarli nelle loro scelte e di aiutarli a vivere bene questo loro tempo così bello. Le parrocchie, il mondo cattolico, cosa possono fare per loro?

Una nonna

La domanda sul significato dello studio tocca una questione più generale: qual è il senso di ciò che i giovani fanno, delle strade che intraprendono, delle relazioni che stringono? In un mondo giovanile spesso segnato dal disorientamento esistenziale, la stessa vita scolastica e universitaria risente di questo contesto più generale. Ora, una vita studentesca vissuta nell’assenza di coordinate e di orientamenti ingenera nel giovane sfiducia e ansia.

Il pensiero cade ansioso su un futuro privo di contorni ben delineati: un futuro che può apparire talvolta persino cupo. Ma quando si vive nella continua preoccupazione per il futuro, il presente diventa il tempo di una fatica che non ha sbocchi. Che senso ha faticare per qualcosa che non si vede e non si crede possibile raggiungere? All’ansia segue dunque la sfiducia e la rassegnazione. Si avverte qui la drammaticità dell’esistenza dei nostri giovani, a cui si chiedono oggi atteggiamenti (quali decisione, forza di volontà, fedeltà, chiarezza…), senza che si sia in grado di offrire loro orizzonti di realizzazione e di pienezza per il futuro.

Appare dunque una missione non piccola della Chiesa quella di saper leggere questi tempi così difficili per il discernimento e la realizzazione del vero bene del giovane. In altri termini, sembra essere una priorità pastorale della Chiesa creare le condizioni perché il giovane studente trovi nella comunità uno spazio capace di ri-orientare ciò che è dis-orientato.

Uno spazio capace di calmare le acque agitate della propria coscienza e capace di rinsaldare i giusti legami. In effetti, il primo compito che la Chiesa dovrebbe svolgere è quello di strappare il giovane studente dal pericolo più grande in cui può incorrere: il rischio della solitudine, nello studio, come nella più generale sua esistenza.

Qui deve apparire altrettanto chiaro che la Chiesa si deve presentare al giovane studente non tanto come istituzione che viene in aiuto alle sue preoccupazioni e alle sue agitazioni; quasi come un’agenzia specializzata nelle situazioni di crisi. Essa deve piuttosto presentarsi mediante persone concrete che si fanno incontro al giovane per consolarlo e incitarlo. Persone riconoscibili per la fedeltà e per la pazienza nell’accompagnamento. Persone degne di fiducia, in un mondo che di persone di tal genere appare sempre più bisognoso. Persone che sappiano incitare il giovane a stare innanzitutto nel presente, perché è nella responsabilità e nell’impegno dello studio di ogni giorno che si costruisce il futuro. Invitarlo a cercare il bene possibile nell’oggi, senza fantasticare circa un bene futuribile e immaginifico e impossibile. Insegnargli a pazientare e combattere le tentazioni della rassegnazione; infondere dunque fiducia e dare consigli.

In altri termini, alla Chiesa – o meglio a donne e uomini concreti della comunità – spetta il compito decisivo di dare unità a ciò che è disgregato nella vita del giovane studente di oggi.

Francesco Vermigli

Originale: ToscanaOggi.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I giovani, la fatica dello studio, l’ansia del futuro: cosa può fare la Chiesa?

Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica alla Facoltà teologica dell'Italia Centrale.

  

- Advertisement -

Cosa può fare la comunità cristiana per i giovani, oltre ad educarli alla fede? Può aiutarli anche ad orientarsi nella vita, chiede una nonna? Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

I miei nipoti sono ormai alle scuole superiori o in età universitaria. Da nonna, sono felice di vederli impegnati nello studio, ma ho anche il timore che vivano questa fase della loro vita senza la necessaria consapevolezza. Hanno chiare le ragioni di quello che stanno facendo, il senso del loro studiare? Vedo in loro preoccupazione per il futuro, per il lavoro che potranno trovare dopo aver finito, pensano che probabilmente dovranno andare lontano da casa. Mi piacerebbe che trovassero, anche nella Chiesa, qualcuno capace di orientarli nelle loro scelte e di aiutarli a vivere bene questo loro tempo così bello. Le parrocchie, il mondo cattolico, cosa possono fare per loro?

Una nonna

La domanda sul significato dello studio tocca una questione più generale: qual è il senso di ciò che i giovani fanno, delle strade che intraprendono, delle relazioni che stringono? In un mondo giovanile spesso segnato dal disorientamento esistenziale, la stessa vita scolastica e universitaria risente di questo contesto più generale. Ora, una vita studentesca vissuta nell’assenza di coordinate e di orientamenti ingenera nel giovane sfiducia e ansia.

Il pensiero cade ansioso su un futuro privo di contorni ben delineati: un futuro che può apparire talvolta persino cupo. Ma quando si vive nella continua preoccupazione per il futuro, il presente diventa il tempo di una fatica che non ha sbocchi. Che senso ha faticare per qualcosa che non si vede e non si crede possibile raggiungere? All’ansia segue dunque la sfiducia e la rassegnazione. Si avverte qui la drammaticità dell’esistenza dei nostri giovani, a cui si chiedono oggi atteggiamenti (quali decisione, forza di volontà, fedeltà, chiarezza…), senza che si sia in grado di offrire loro orizzonti di realizzazione e di pienezza per il futuro.

Appare dunque una missione non piccola della Chiesa quella di saper leggere questi tempi così difficili per il discernimento e la realizzazione del vero bene del giovane. In altri termini, sembra essere una priorità pastorale della Chiesa creare le condizioni perché il giovane studente trovi nella comunità uno spazio capace di ri-orientare ciò che è dis-orientato.

Uno spazio capace di calmare le acque agitate della propria coscienza e capace di rinsaldare i giusti legami. In effetti, il primo compito che la Chiesa dovrebbe svolgere è quello di strappare il giovane studente dal pericolo più grande in cui può incorrere: il rischio della solitudine, nello studio, come nella più generale sua esistenza.

- Advertisement -

Qui deve apparire altrettanto chiaro che la Chiesa si deve presentare al giovane studente non tanto come istituzione che viene in aiuto alle sue preoccupazioni e alle sue agitazioni; quasi come un’agenzia specializzata nelle situazioni di crisi. Essa deve piuttosto presentarsi mediante persone concrete che si fanno incontro al giovane per consolarlo e incitarlo. Persone riconoscibili per la fedeltà e per la pazienza nell’accompagnamento. Persone degne di fiducia, in un mondo che di persone di tal genere appare sempre più bisognoso. Persone che sappiano incitare il giovane a stare innanzitutto nel presente, perché è nella responsabilità e nell’impegno dello studio di ogni giorno che si costruisce il futuro. Invitarlo a cercare il bene possibile nell’oggi, senza fantasticare circa un bene futuribile e immaginifico e impossibile. Insegnargli a pazientare e combattere le tentazioni della rassegnazione; infondere dunque fiducia e dare consigli.

In altri termini, alla Chiesa – o meglio a donne e uomini concreti della comunità – spetta il compito decisivo di dare unità a ciò che è disgregato nella vita del giovane studente di oggi.

Francesco Vermigli

- Advertisement -
Originale: ToscanaOggi.it

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

La speranza di Giobbe

Parrocchia e civiltà urbana

I settanta volti della Torah

Lo Spirito nell’agire umano

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x